Lo trovi su

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 23/04/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 23/04/07 12:00 - 3013 commenti

I gusti di Il Gobbo

Il presidente degli Stati Uniti viene assassinato a Dallas e la gang che ha ordito il complotto ha naturalmente pronto il capro espiatorio... Se non vi suona nuovo non state sbagliando, è proprio l'omicidio Kennedy dislocato nel 1881! Valerii gioca la carta del "messaggio", che lascia il tempo che trova (sempre meglio di Stone comunque...), ma le cose migliori sono quelle prettamente western, nelle quali il buon Gemma come al solito fornisce un'egregia performance, di particolare spessore atletico.

Matalo! 22/07/08 10:04 - 1371 commenti

I gusti di Matalo!

Visto al cinema Di Giulio a Brindisi da ragazzo, all'epoca mi parve dignitoso. Rivisto, ha i problemi di molti film di Valerii, è troppo corretto. Anche se portare nel west l'assassinio di Kennedy poteva essere carina (ma puerile) nulla va oltre un solido, corretto film. Metti pure che tra i tanti Gemma non è nemmeno un cowboy che io prediligo... Van Johnson è uno dei tanti che a fine carriera emigrò in Italia a far marchette per la pensione. Dopo si dice che son matto a preferire Matalo! a questi film...

Homesick 11/07/10 18:40 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Il personale cammino di Valerii lungo il western all’italiana – incominciato nel ‘66 alla volta del capovolgimento dei paradigmi di Leone – prosegue con una rilettura dell’assassinio di Kennedy e della sua politica di eguaglianza sociale osteggiata dal capitalismo del Sud razzista, abbinata ad un oculato ricorso all’azione e alle sparatorie che hanno fatto la fortuna del genere. Gemma, sempre più esperto, condivide la scena con gli ambigui Vanders e Stefanelli, l’implacabile Casas e il sofferente Saunders. Puntuali camei di Rey e Johnson; musiche morriconiane di Bacalov.

Skinner 12/07/10 12:53 - 592 commenti

I gusti di Skinner

Ambizioso negli intenti e notevole nella realizzazione, questo film come altri di Valerii ha sofferto di una ingiusta sottovalutazione se non amnesia) critica. Qui ci si trova di fronte a uno dei migliori spaghetti di quegli anni, assai atipico e distante dalla "linea principale" di Leone, dove al di là delle metafore politiche lo spettacolo è condotto con mano sicura, con una bella mistura di western classico e "moderno" e con una sceneggiatura di ferro, lontana da manicheistiche guerre tra buoni e cattivi a cui tante volte si riduceva lo spaghetti.

Pigro 3/04/13 09:48 - 8756 commenti

I gusti di Pigro

Il delitto Kennedy viene fagocitato dal western e assurge a grande saga epica e popolare (morale e sentimentalmente politica), come lo erano i fatti del giorno rimasticati dagli antichi cantastorie. Valerii compone un film avvincente e brillante, mantenendosi fedele all’omicidio di Dallas (dove, in una diversa dislocazione temporale, ambienta l’agguato a un altro presidente Usa) ma anche alle regole del western, e infondendo il calore di temi particolarmente sentiti: il rapporto padre-figlio e quello amicale, la giustizia e il tradimento.

Giùan 30/06/13 06:58 - 3667 commenti

I gusti di Giùan

Western la cui visione lascia l’amaro in bocca per la distanza tra le altezze dello spunto di partenza e la sostanziale anodinità degli esiti finali. ”Fatturato” in maniera accurata, grazie alla nitida fotografia di Stelvio Massi e alle suggestive note di Bacalov, il film si annoda infatti progressivamente su se stesso, non riuscendo lo script di Patrizi a “nutrire” la geniale trasposizione dell’affaire Kennedy ai tempi della guerra civile e mostrandosi inane la regia di Valerii a imprimere un tono epico alla vicenda. Ci credon poco pure gli attori.
MEMORABILE: La buona prova di Van Johnson.

Galbo 14/07/13 08:30 - 11853 commenti

I gusti di Galbo

Ambientato negli anni successivi alla guerra di secessione americana, è una fantasiosa ricostruzione in chiave western di accadimenti politici "chiave" della storia statunitense. Il film possiede una certa precisione storica dovuta alla buona qualità della sceneggiatura. Le riprese regalano momenti spettacolari e il cast è formato da attori molto aderenti ai propri personaggi. In definitiva un buon film.

Rambo90 30/09/13 20:16 - 7064 commenti

I gusti di Rambo90

Praticamente una rilettura dell'omicidio Kennedy in salsa western. L'ambientazione post guerra civile rende e la regia di Valerii sa districarsi bene in una storia sicuramente diversa dagli altri spaghetti del periodo. Gemma dà una buona interpretazione e per una volta non è l'assoluto protagonista; ci sono infatti anche un ottimo Stefanelli, il credibile presidente di Van Johnson e un Fernando Rey versione uomo di potere. Buona la colonna sonora di Bacalov.

Vitgar 27/10/14 13:32 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Western un po' anomalo ma di buona fattura per una storia realmente accaduta nel 1881. La storia vera del presidente Garfield viene miscelata con l'assassinio del presidente Kennedy, il tutto riveduto e corretto. Interpretazione di Gemma un po' lamentosa, Rey si presta invece bene al suo ruolo di trafficone politicante. Colonna sonora di Bacalov. Si può vedere.

Nicola81 20/05/16 10:33 - 2394 commenti

I gusti di Nicola81

Efficace rilettura in salsa western del caso Kennedy. Un'idea non solo originale ma anche ben sviluppata, perché la sceneggiatura costruisce con efficacia la fitta rete di intrighi e tradimenti e Valerii, oltre a girare le sequenze d'azione con la consueta bravura, imprime anche un bel ritmo. Gemma bravo ma un po' lamentoso, convincenti i personaggi di contorno: l'ambiguo Vanders, lo sceriffo corrotto di Stefanelli, il banchiere lobbista di Rey, il presidente liberale di Johnson. Bella colonna sonora di Luis Bacalov.

Tonino Valerii HA DIRETTO ANCHE...

B. Legnani 24/08/19 00:14 - 5173 commenti

I gusti di B. Legnani

La sua caratteristica (portare sullo scena l’assassinio di John Kennedy, persino con il mezzo che porta lui, la moglie – una Cuadra che assomiglia non casualmente a Jacqueline - , il governatore e la moglie di questi…) è ciò che lo fa ricordare. Ma che dà anche un poco di sgradevolezza. Poi il film prende quota, ma si perde anche in troppi finali, che diluiscono la vicenda, fanno calare l’interesse e addirittura ripetono situazioni viste poco prima (il duello col sigaro). Un buon cast (Gemma, Van Johnson, Rey), decisamente superiore al livello del film.
MEMORABILE: Il carro trainato da cavalli che cita l’automezo sul quale Oswald (o chi per lui) sparò.

Pessoa 30/06/20 11:18 - 2107 commenti

I gusti di Pessoa

Western molto poco spaghetti di Valerii che come in altre occasioni cerca ispirazioni nell'America a stelle e strisce, questa volta addirittura imbastendo una trama che richiama l'omicidio del presidente Garfield (ma anche quello di Kennedy). Purtroppo l'aspirazione all'internazionalità si scontra con la dura legge del budget, che rende alcune soluzioni narrative inverosimili, togliendo credibilità all'intera vicenda. Bel cast in cui i protagonisti si muovono con mestiere, discreta la confezione, regia non sempre impeccabile. Un discreto prodotto di genere, ma nulla più.
MEMORABILE: Dallas che sembra un villaggio; Il treno del Presidente senza scorta; la stampella che spara.

Trivex 25/05/21 10:56 - 1624 commenti

I gusti di Trivex

Il soggetto originale c’è, un cast importante pure, mentre lo svolgimento e di conseguenza il risultato finale lascia a desiderare. Una sceneggiatura che sbaglia spesso, a partire da un presidente che affronta un viaggio pericoloso senza scorta, fino a quando il protagonista viene inspiegabilmente “risparmiato” e torna ad essere pericoloso per i suoi aguzzini. Molte corse a cavallo e sparatorie, ma poco incisive e con pochi di quegli elementi tosti presenti nel western nostrano di quel tempo. Anche il mitico Gemma a volte appare un po’ disorientato e meno efficace del consueto.
MEMORABILE: Il "gioco" politico: Texas vs Stati Uniti.

Caesars 21/04/22 09:32 - 3338 commenti

I gusti di Caesars

Non male l'idea di riproporre l'uccisione di un presidente USA a Dallas ricollocandola nel far west. La realizzazione non fa certo gridare al miracolo, ma neanche delude troppo; ci troviamo infatti davanti a un prodotto "medio" per quanto riguarda lo spaghetti western, con un cast (capeggiato da Gemma e con un efficace "cattivo" interpretato da Stefanelli) funzionale a quanto narrato. Alcune lungaggini si potevano evitare, ma Valerii dirige con dinamismo un film che può risultare gradito agli estimatori del genere.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Il Gobbo • 17/06/09 08:33
    Contratto a progetto - 770 interventi
    Pubblicato agli albori della dvd-mania da Shendene e in Giappone dall'Imagica al costo di un organo interno, ha poi per fortuna conosciuto una ristampa sensibilmente migliore per la Fabbri in edicola (numero 15) e poi da Medusa nei negozi "normali".
    Ultima modifica: 17/06/09 16:37 da Il Gobbo
  • Curiosità Zender • 12/05/16 20:27
    Pianificazione e progetti - 45710 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film: