Il prato macchiato di rosso

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Un film incredibilmente scemo e fuori di testa, nel quale la presenza di Lucio Dalla in una parte meno secondaria di quanto non ci si potrebbe attendere (canta anche la bella canzone che apre e chiude il film) è solo una delle tante componenti pazze che fanno del PRATO MACCHIATO DI ROSSO una sorta di trash-cult. La storia racconta di due hippies che, come precedentemente accaduto a un ubriacone (Dalla!) e ad una mezza prostituta (Dominique Boschero) vengono caricati in auto da un uomo misterioso. Accompagnati in una villa lussuosissima con giardino della campagna piacentina, vi incontrano una coppia di strani personaggi (Marina Malfatti, spesso col seno semiscoperto ed Enzo Tarascio, che sfoggia invece cravatte attorcigliate sul collo a mo'...Leggi tutto di enormi papillon!). I due nascondono in cantina un apparecchio metallico degno dei primi film di fantascienza di serie B, col quale succhiano sangue alle loro vittime per rivenderlo ai ricchi che ne abbisognano. Sulle loro tracce un poco convinto ispettore di polizia (Nino Castelnuovo, recitazione "ridicolmente impegnata"). Il film sembra quasi improvvisato (ma la regia di Ghione non è del tutto peregrina), con il ragazzo hippie a recitare con un esilarante accento anglo-tedesco e lunghe sequenze pseudo-psichedeliche (vedi il lungo ballo nudi nella sala con gli specchi deformanti). Sceneggiatura appena abbozzata, con enormi falle (cosa significano gli sforzi tardo-nazisti di Tarascio e la sua idea di creare una nuova razza ariana?) e una totale noncuranza per i particolari. Cosa diavolo voleva dire Ghione con questo film? Qual era l'idea-base sulla quale intendeva lavorare? Sembra dapprima un inno alla linbertà dei figli dei fiori, poi un richiamo ai vecchi horror della Hammer... Se non altro singolare!
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Cotola 10/03/08 00:53 - 7392 commenti

I gusti di Cotola

Incredibile e dilettantesco film pseudo-thriller la cui sceneggiatura è delirante, farraginosa ed inconcludente (oltre che banale come poche). Per il resto è davvero difficile riuscire a trovare le parole per definire un film così strano e impalpabile. Quel che è certo è che la noia regna sovrana. Piccola particina per Dalla.

Homesick 19/12/08 18:17 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Il vampirismo “politico” praticato da una malavita altolocata con manie superomiste a danno di emarginati si sostanzia in un’orgia gotico-kitsch di hippies e robots succhiasangue, catturati in un’insolita ambientazione piacentina con tanto di sponsor (i vini Testa) sulle saporose musiche di Teo Usuelli. Le bizzarrie pervadono anche il variopinto cast, includente una Malfatti serissima e aristocratica, Tarascio mad doctor con papillons giganteschi, Castelnuovo in missione per l’Unesco, Dalla barbone avvinazzato. Nudi di lusso per la Boschero e una Marzano tzigana. Ematofilo, casereccio.
MEMORABILE: La sfrenata danza nella sala degli specchi; il robot di Tarascio in azione.

Undying 3/04/09 03:35 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Due giovani, ospitati da Alfiero (Claudio Biava) e suo sorella Nina (Marina Malfatti), vengono trattati con tutti i riguardi. Ma nella villa i proprietari - compreso il marito di Nina (Enzo Tarascio) - hanno ben altre finalità e presto le ragioni dei loro buoni modi si manifestano in maniera quantomeno singolare. Il sangue è l'obiettivo e vagabondi, poveracci e viandanti occasionali sono invece i fornitori. Vigila su di loro, per fortuna, un agente dell'Unesco (Castelnuovo). Delirante ed eccentrico (Lucio Dalla canta una canzone omonima del titolo) si ricorda tuttavia per la dose d'erotismo.
MEMORABILE: la macchina per l'estrazione del sangue.

Caesars 17/07/09 08:59 - 2652 commenti

I gusti di Caesars

Prodotto, di difficile reperibilità, che presenta un certo fascino per i cultori dei "brutti-film". Il perché è facilmente intuibile, vista la realizzazione dilettantesca della pellicola, con una trama assurda e recitazioni non degne degli attori chiamati a raccolta. A parte la curiosità che può suscitare un prodotto così strampalato non ci sono buoni motivi per concedergli un'occhiata, visto che la noia regna sovrana per un'ora e mezza.

Fauno 24/02/10 10:21 - 1895 commenti

I gusti di Fauno

Politicamente reazionario-nazistoide e Ghione meglio di una funambola come la mitica Malfatti e di un perfido Catenacci col parrucchino non poteva proprio trovare. L'ignoranza del regista è però abissale in anatomia umana e comparata, altrimenti dovremmo sospettare che una delle attrici, peraltro abbastanza celebre in quegli anni, avesse le forme estetiche perfette, ma il cuore dislocato tra i muscoli cervicali...
MEMORABILE: I corpi dissanguati e congelati in frigo.

Daidae 14/08/10 23:25 - 2716 commenti

I gusti di Daidae

Originale, simpatico e ingenuo. Davvero stramba l'idea di malavitosi che rubano il sangue ai poveri per darlo ai ricchi (mi ricordano certi politici...). Non male anche il cast, film che se si sorvola su certe fesserie grossolane è più che guardabile.
MEMORABILE: La Boschero seminuda, sempre uno splendore.

Ciavazzaro 6/02/11 20:44 - 4754 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Terribile. Non fosse per la presenza di bravi attori sarebbe uno sfascio totale. Delirante (basta vedere la macchina per pompare il sangue!): la Boschero zoccoleggia, la Marzano legata come un salume tutta nuda fa quasi ridere, ma per fortuna la Malfatti recita e anche bene. E che dire del papillon di Tarascio durante l'orgia nella stanza degli specchi?! Non un trashone completo, ma poco ci manca. Va comunque visto almeno una volta.
MEMORABILE: Sei una capra!

Gestarsh99 9/03/11 18:10 - 1308 commenti

I gusti di Gestarsh99

Il film di Ghione è in sostanza un grottesco calderone naif, che raccoglie in tutta sregolatezza mini-ingredienti thriller, sotto-pochade paradossale, satira anti-capitalistica, orrore sociale e fantascienza povera anni '50. La recitazione appena abbozzata, le musiche giocose e stranianti e l'assurdità dei personaggi (stracult il Dalla clochard), messi al servizio della candida e datata critica filo-proletaria, concorrono a comporre un quadretto piacevole e originalmente persuasivo, espressione genuina, bizzarra e velleitaria di una decade in rotta definitiva col passato.
MEMORABILE: Il coloratissimo e letale macchinario robotico per l'estrazione del sangue, molto simile ai vari Tobor e Robby the robot del fanta-cinema americano.

Lucius 26/03/11 22:16 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Non basta la difficile reperibilità a fare di un film un cult; se un film è brutto è brutto, se è insensato è insensato, se è recitato male è recitato male. Si salva solo la Malfatti, quasi sprecata in una produzione del genere. E Lucio Dalla? Avrebbe fatto bene a cercar di far sparire questa pellicola dalla circolazione... Fosse stato un porno avrebbe avuto almeno un senso. Illogicamente assurdo. Incredibile, ma è stato girato.
MEMORABILE: Tra le tante cose stupide la meno stupida è il papillon a cravatta, immaginatevi il resto.

Chimera70 29/05/12 21:38 - 34 commenti

I gusti di Chimera70

Tremenda poltiglia di frammenti horror, kitsch, sexy e perfino di impegno sociale. Etichettarlo è arduo, così come vederlo fino alla fine. Peccato per gli attori, tutti abbastanza noti ma sprecati. Tra mignotte, robottoni succhiasangue, agenti dell'Unesco e cravatte-farfalloni non so chi sia meglio...

Markus 20/11/12 12:49 - 3220 commenti

I gusti di Markus

Vero e proprio tuffo psichedelico in cui vi è la summa di molte componenti tipiche di un certo cinema di genere settantiano ma non solo: troviamo gli hippie, i borghesi annoiati, personaggi folli e sopra le righe, la provincia anonima e apparentemente calma e per non farsi mancare nulla un tocco - allora come oggi vintage - di fantascienza anni '50 (una specie di robot succhiasangue). Il genere? Dovrebbe essere un giallo, ma l'impressione è di un'accozzaglia cinematografica in cui si può trovare di tutto e al limite farselo anche piacere.

Trivex 27/11/12 09:51 - 1471 commenti

I gusti di Trivex

Questa volta l'appuntamento al buio non ha sortito lo sperato colpo di fulmine. Senza troppo fascino, con troppa noia e con poche scene da menzionare per fare il cult. Nudi integrali e robot primordiali sono circondati da dialoghi strutturati malissimo, anche per il trash. Si, perchè per fare il trash "seriamente" occorre credere di essere seri fino ad un certo punto, mentre per fare le cose seriamente occorre esserne capaci. Qui emerge poca scaltrezza e molta approssimazione che portano indecisione sulla via, finendo per imbucare un anonimo vicolo cieco.
MEMORABILE: I farfalloni "trasgressivi" dello scienziato pazzo!

Ronax 25/11/12 11:52 - 892 commenti

I gusti di Ronax

Premesso che una tale summa di assurdità fa rimpiangere i tempi in cui sugli schermi ogni delirio era possibile, è difficile capire come si sia potuto concepire una così folle baracconata che mischia psichedelia, contestazione, droga, spy-story, vampirismo, erotismo e fantascienza, ambientando il tutto in una villetta nel piacentino arredata con gusto da formaggiai arricchiti. Nonostante la presenza di nomi di una certa notorietà, la recitazione è all'altezza del resto. La bella Dominique Boschero mostra generosamente le sue pregevoli curve.
MEMORABILE: Lucio Dalla perennemente attaccato alla bottiglia; I papillon giganti di Tarascio; La macchina succhiasangue.

Pumpkh75 7/01/13 13:45 - 1282 commenti

I gusti di Pumpkh75

Strambo, sconclusionato, una pellicola che sembra realizzata in stato di ubriachezza (altro che Lucio Dalla, i beoni sono altri). Tutto ha poco senso e logica, dal prelievo casuale e consenziente delle vittime alle apparizioni dello sgangherato robot, e viene cucito assieme senza arte né parte. Tante e tali sono però le pecche mostrate che riesce a guadagnare un suo fascino, sicuramente surreale e alterato ma pur sempre innegabile. Regia inesistente e cast svogliato e fuori parte, ma, alla fine, a chi importa?

Deepred89 15/03/13 20:33 - 3253 commenti

I gusti di Deepred89

Vittima di anni di scarsa visibilità (come scarsamente visibile - in senso letterale - era la copia televisiva) e di fraintendimenti "di genere", uno strambo calderone spensierato e coloratissimo, forte di inquadrature dal gusto squisitamente pulp, di un'avvolgente fotografia (fin troppo luminosa a tratti, ma non è un film che punta al realismo) e di un cast curiosissimo. La storia a ben vedere viaggia piuttosto a vuoto, ma le simpatiche invenzioni non fanno pesare troppo la cosa. Filmetto piacevole e rilassante, da riscoprire.

Dusso 24/01/13 17:48 - 1533 commenti

I gusti di Dusso

Gustosa pellicola paesana del buon Ghione dotata di una discreta ost. Per quanto mi riguarda, se non ci fosse un'ultima mezz'ora molto in calo, parlerei di una pellicola che mi soddisfa in pieno. Bellissimo il cast femminile con due delle mie starlette favorite come la Boschero e la Marzano (qui in una scena legata nuda), spaesato Castelnuovo, fantastico Tarascio. Cinema di genere italiano anni 70 puro!

Giùan 28/09/13 07:19 - 2857 commenti

I gusti di Giùan

Stralunato e bislacco se ce n’è uno, il film di Ghione se da una parte si riallaccia al filone dell’horror satirico anticapitalista inaugurato da ...Hanno cambiato faccia, dall’altro se ne distanzia muovendosi lungo una tangente talmente weird da ricordare piuttosto le operazioni del duo Morissey/Warhol. Certo però il nostro non brilla per consapevolezza teorica e molte delle trovate son quantomeno lambiccate. Si alternano inevitabilmente lungaggini goliardiche e (in) sano divertimento. Tarascio ha l’occhio folle di Norma Desmond.
MEMORABILE: L’indimenticabile aggeggio succhiasangue.

Digital 13/10/13 10:45 - 1113 commenti

I gusti di Digital

Questo film di Ghione, colpevolmente sottovalutato dai più, contiene invece messaggi nient'affatto frivoli (la presunta razza superiore di hitleriana memoria). Ovviamente, trattandosi di una pellicola grottesca e fuori dagli schemi, per apprezzarla a pieno si deve restare al gioco (il robot succhia sangue), senza dunque essere particolarmente razionali. Così facendo, gli ottanta minuti trascorreranno piacevolmente. Nel prato macchiato di rosso ci si può alquanto divertire: **!

Blutarsky 23/10/13 17:16 - 353 commenti

I gusti di Blutarsky

Film difficile da catalogare: è una satira sulla borghesia? un horror malriuscito? o semplicemente un pasticcio di film? Forse tutte e tre le cose, probabilmente solo il regista ha una risposta... Lasciano allibiti i papillon del padrone di casa, Dalla ubriacone, il robot gigante e la spiegazione finale! le psicologie dei personaggi variano dal comico al drammatico senza soluzione di continuità, la storia zoppica pesantemente e tranne un paio di scene interessanti (la festa “psichedelica) il film annoia anche per colpa del ritmo catatonico.
MEMORABILE: Il "prelievo" di sangue; La festa psichedelica.

Manfrin 16/08/15 11:51 - 322 commenti

I gusti di Manfrin

Strano e per certi versi infantile nella sua malignità. Fuori dagli schemi, non ordinario. Niente di trascendentale per carità, ma nonostante qualche inutile lungaggine che lo appesantisce non poco risulta essere una malsana favoletta sexy/horror con tanto di scienziato pazzo. La solita tenebrosa Malfatti. Da riscoprire.

Il Dandi 19/11/16 00:39 - 1724 commenti

I gusti di Il Dandi

Delirante finto-giallo senza spaventi e con qualche nudo, che ha assunto un'immeritata fama leggendaria a causa della sua precedente invisibilità. Ridicole anche le pretese allegoriche (il vampirismo degli "ariani") e le citazioni colte (il "prato" richiama il "Campo di papaveri di Monet). Curiose analogie con La polizia brancola nel buio, con cui condivide i puerili gadget fantascientifici, i dialoghi assurdi, le traversie produttive, ma purtroppo non la godibilità del comico involontario.
MEMORABILE: Lucio Dalla nei panni del barbone ubriaco; Gli enormi foulard annodati a farfalla di Tarascio.

Rufus68 18/03/18 12:10 - 2994 commenti

I gusti di Rufus68

Uno dei pochi prodotti della controcultura italiana (non della commedia classica) che critica il capitalismo mondiale ricorrendo a metafore grottesche e stranianti sulla scorta di certo pop-cinema europeo. Il risultato è altalenante e il sospetto che si tratti di goffa ingenuità invece che di dissacrazione rimane ben saldo. Non si riesce, tuttavia, ad affondare il coltello della critica: si intuisce buona fede e, soprattutto, a distanza di anni, sopravvive una divertente scorrevolezza. Dalla si disimpegna niente male (e la canzone è gradevole).

Bubobubo 26/10/18 21:15 - 1135 commenti

I gusti di Bubobubo

Da dove si può partire? Dalla stereotipizzazione galoppante di personaggi che più monodimensionali non si potrebbe, a esempio. Anzi no: da un Dalla ubriacone bonario che ciancica bazzecole per tutto il tempo. Ma che dico: spazio alla meravigliosa sanguisuga robotica che prosciuga la linfa dei poveri disperati per innervare le membra di un Frankenstein piacentino. Un momento, forse è meglio ricominciare da capo, magari dall'Unesco (!)... Forse. Se la ragione dice * e la ghiandola pineale *****, chi conviene ascoltare?

Daniela 19/02/19 12:19 - 9064 commenti

I gusti di Daniela

Secondo un detto popolare, bere vino rosso fa buon sangue. E se il sangue facesse buon vino? Allo scopo di mettere in pratica l'ipotesi, alcuni tizi con rotelle mancanti attirano nella loro ricca villa alcolizzati, prostitute, hippies... Lo spunto è originale ed il cast incuriosisce a cominciare dal Dalla barbonizzato, peccato che il film sia diabolicamente noioso data l'insensatezza della trama e la banalità dei dialoghi. Solo la bizzarria di alcuni momenti (i macchinari costruiti da Tarascio, Castelnuovo agente dell'UNESCO) salva dal totale anonimato questo horror brutto e fatto male.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Fauno • 28/01/13 09:35
    Compilatore d’emergenza - 2527 interventi
    Forse ci assomigliava tantissimo e ho avuto un flash. D'altronde nel 2010 mi lasciavo trasportare molto dalla foga e già un'altra volta ho confuso la Blanc con la Stewart.Se è Biavia il marito della Malfatti intendevo lui, sì, grazie Dusso. FAUNO.
  • Discussione Dusso • 28/01/13 11:36
    Segretario - 1628 interventi
    Fauno ebbe a dire: Forse ci assomigliava tantissimo e ho avuto un flash. D'altronde nel 2010 mi lasciavo trasportare molto dalla foga e già un'altra volta ho confuso la Blanc con la Stewart.Se è Biavia il marito della Malfatti intendevo lui, sì, grazie Dusso. FAUNO. No io intendevo (l'amante), il marito è Enzo Tarascio
    Ultima modifica: 28/01/13 11:36 da Dusso
  • Discussione Fauno • 28/01/13 12:29
    Compilatore d’emergenza - 2527 interventi
    Per evitare malintesi lo rivedo. Per il momento lascio in sospeso. D'altronde è passato molto tempo dall'utima mia visione. FAUNO.
  • Discussione Dusso • 28/01/13 13:16
    Segretario - 1628 interventi
    Fauno ebbe a dire: Per evitare malintesi lo rivedo. Per il momento lascio in sospeso. D'altronde è passato molto tempo dall'utima mia visione. FAUNO. Fai bene visto anche il nuovo master Cinekult che dura anche di piu' immagino della copia che hai precedentemente visto, ciao
  • Discussione Herrkinski • 1/11/13 15:15
    Scrivano - 2287 interventi
    Mco ebbe a dire: A supporto specificativo di quel che ho scritto qualche post fa, posso riferire - sempre evincendo ex documentario curato da Nocturno a complemento della pellicola - che è l'aiuto operatore fotografico Lindo Zappieri (il cui padre fece anche una breve parte come attore) a parlare di prima nazionale a Fiorenzuola D'Arda (location di gran parte delle riprese) nel 1973. Ho da visionare la versione di Retemia da anni, ma sconfortato dalla qualità ignobile non l'ho ancora fatto. Ora che scopro l'esistenza di un master finalmente decente lo farò, anche perchè questa cosa che è girato a Fiorenzuola e che gli extra del DVD parlano di Piacenza e dintorni mi incuriosisce non poco, essendo di questa zona. Tra l'altro in rete ho trovato questo flano, che immagino essere fake, ma che comunque mi ha fatto ridere:
  • Discussione Buiomega71 • 1/11/13 15:18
    Pianificazione e progetti - 21637 interventi
    Trashissima farloccata! Oserei dire divina, che manco le mie farloccandine! Preso paro paro dal manifesto di Astro Zombies! (ci hanno solo ficcato in mezzo-in alto a dire il vero- il titolo del filmazzo di Ghione) http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/2/23/Astrozombies.jpg/220px-Astrozombies.jpg
    Ultima modifica: 1/11/13 15:24 da Buiomega71
  • Discussione Herrkinski • 1/11/13 15:29
    Scrivano - 2287 interventi
    Hahah vero, a meno che gli autori all'epoca non avessero fatto un fotomontaggio al volo pur di avere un flano, anche se mi pare improbabile dato che una locandina ufficiale esiste.. Però da un film girato a Fiorenzuola mi aspetto questo e altro! :-P
  • Musiche Lucius • 22/01/14 21:59
    Scrivano - 8425 interventi
    Potrebbe essere uscito un 45 giri promozionale di quelli semi-invisibili (coi 45 giri ci sono scoperte ogni settimana) o ancora, parlo del brano principale, potrebbe essere stato incluso in qualche cd o lp di Lucio Dalla o di Teo Usuelli.
  • Discussione Amarcord • 7/01/16 18:13
    Disoccupato - 56 interventi
    L'accesso alla sala con gli specchi è un chiaro riferimento alla celebre scultura "Hon" di Niki de Saint Phalle, Jean Tinguely e Per Olof Ultvedt del 1966. Il tema di una porta d'ingresso costituita da una vagina gigante venne anche ripreso da Piero Schivazappa in "Femina Ridens" del 1969.
  • Discussione Caesars • 19/05/20 16:50
    Scrivano - 10191 interventi
    Ultimo film per il cinema interpretato dal grande Enzo Tarascio. Poi solo prodotti televisivi...