Il mostro di St. Pauli

Media utenti
Titolo originale: Der goldene Handschuh
Anno: 2019
Genere: horror (colore)
Regia: Fatih Akin
Note: Soggetto dal romanzo "Der goldene Handschuh" dello scrittore tedesco Heinz Strunk, a sua volta ispirato ai delitti commessi ad Amburgo negli anni 1970-75 da Fritz Honka.
Numero commenti presenti: 14

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 30/08/19 DAL BENEMERITO DIGITAL
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Hiphop 3/09/19 15:12 - 34 commenti

I gusti di Hiphop

Tratto da una storia vera, fa del realismo la sua cifra distintiva. Le azioni sordide e criminali di un serial killer nella Germania degli anni Settanta. Il personaggio del film è laido, sporco, disturbante. Il suo universo è infetto e malsano. I personaggi di contorno ripugnanti. Il tutto decritto con bravura e realismo. Alcolizzati, prostitute, freaks, storpi, deformi. Il film colpisce duro. Bellissimo, ma consigliato a stomaci forti.
MEMORABILE: La bottiglia di vodka.

Digital 30/08/19 11:04 - 1121 commenti

I gusti di Digital

Film centrato sul famigerato serial killer Fritz Honka, responsabile, negli anni Settanta, dell’omicidio di quattro donne. Meravigliosa, eccessiva, laida, intrigante pellicola diretta con maestria da un Fatih Akin in stato di grazia. Corroborato da una forte componente ironica, riesce tuttavia a generare una considerevole tensione, con omicidi brutali dall'impatto fortemente disturbante. Dassler si supera nel ruolo dello psicopatico, sfornando una maiuscola performance attoriale. Tecnicamente inappuntabile; a un passo dal capolavoro!

Herrkinski 5/09/19 03:15 - 5218 commenti

I gusti di Herrkinski

La prova maiuscola di Dassler nei panni del serial-killer tedesco Fritz Honka guida questa ricostruzione degli eventi che - pur con qualche licenza - resta piuttosto fedele ai fatti; a colpire è anche la riproduzione accurata dell'Amburgo periferica 70s e della casa del mostro, vero antro degli orrori che insieme alle sue malefatte e ai personaggi di contorno miserabili creano un clima di disagio, sporcizia e malessere ripugnante. La vicenda non ha grandi colpi di scena e il minutaggio è forse un po' eccessivo ma il film sortisce il suo effetto

Gestarsh99 20/01/20 16:32 - 1331 commenti

I gusti di Gestarsh99

Fa un brutto effetto l'alcool sul minus Fritz: una volta sbronzo gli vien voglia di legnar a morte e segacchiare ogni poveraccia che si trascina in casa. È come se tutti i disadattati cinematografici più deformi, lendinosi, butterati e disgustevoli - da Leatherface a Zito, da Lucker al Macellaio - collassassero all'unisono in questo scalcagnato Quasìmodo da putridèro domestico, immondo simbionte accasatosi nel corpo da adone di un Dassler (lui sì) straordinario. Pornodramedy in nero che non lievita, non evolve e ricade nel pleonasmo, dando di stomaco sempre nello stesso traboccante maceratoio.
MEMORABILE: Il "dildo-wurstel" prima adoperato e poi mangiato (!); La bimba del piano inferiore che becca Fritz a portar giù per le scale un cadavere imbustato...

Capannelle 22/01/20 23:34 - 3732 commenti

I gusti di Capannelle

E' laidume allo stato puro. 100% sporco e reale, riesce a definire una intera galleria di sordidi personaggi, ambienti e comportamenti sullo sfondo del quartiere a luci rosse di Amburgo. Bravi gli interpreti e se la trama nel complesso offre poche varianti (e Akin tira per le lunghe diverse scene) va detto che tutta la cornice scenografica si intona perfettamente con i caratteri dei protagonisti, che si prendono tutta la scena restituendo un quadro sociale di becera disperazione.

Jandileida 26/01/20 14:34 - 1261 commenti

I gusti di Jandileida

Akin cambia totalmente registro gettandosi e gettandoci nella maleodorante spelonca dell'orrore di Fritz Honka, omicida seriale nella sporchissima Amburgo di inizio anni '70. Un carillon infernale di personaggi non solo sconfitti dalla vita ma da essa completamente devastati: dal protagonista giù fino all'ultimo avventore dell'infame kneipe che l'oro ce l'ha solo nel nome, tutti vagano in un grande vuoto oleoso e senza tempo. Il regista ci va giù pesante non risparmiando nulla allo spettatore, anche se qua e là emerge un po' di compiacimento artistico.

Kinodrop 26/01/20 19:01 - 1552 commenti

I gusti di Kinodrop

Akin ricostruisce l'ambiente che vide gli orrori perpetrati da un folle maniaco omicida nell'Amburgo degli anni '70. Ne emerge una trattazione realistica fino al disagio (per non dire altro) nella quale regnano abberrazione fisica e morale con un rimando pittorico di stampo espressionista. Anche se la scansione narrativa ha qualche ripetizione, l'efficacia di quest'horror d'autore non ci dà tregua nel coinvolgerci anche fisicamente (perfino a livello olfattivo) contrastato dalle musichette dell'epoca. Dassler crudele maschera dall'incedere instabile.
MEMORABILE: La carrellata di personaggi uno più ributtante dell'altro; La mansarda di Fritz; Il sordido bar; "Piovono" larve; L'incendio.

Taxius 29/01/20 12:10 - 1645 commenti

I gusti di Taxius

Storia vera di un serial killer che nella Germania degli anni 70 fece a pezzi quattro donne nascondendo poi i pezzi in casa. Film ambientato in un mondo fatto di miseria in cui vittime e carnefice condividono la stessa situazione di degrado e alcolismo. La trama, pur essendo molto lineare, funziona e riesce a essere molto disturbante per via degli efferati omicidi e del clima di disagio che si respira. Horror grottesco che si rivela essere una gran bella sorpresa. Ottima la regia e bravo il protagonista. Notevole!
MEMORABILE: Descrizione del protagonista: è talmente tirchio che potrebbe defecare su una palla di neve e spacciarla per un profiterole.

Paulaster 21/02/20 10:31 - 2831 commenti

I gusti di Paulaster

Le gesta poco edificanti di un serial killer nella Amburgo degli anni 70. Togliendo i delitti, proposti con un certo realismo, manca la costruzione della storia. Non c'è antefatto né scavo psicologico del lombrosiano protagonista e la parabola termina come fosse una casualità (magari è la verità). Akin si preoccupa di più di ricreare le fetide ambientazioni e di accompagnarle con brani degni di una festa popolare. Le uniche sottotrame (il fratello, il ragazzo al bar, al lavoro) restano accennate.
MEMORABILE: La testa sbattuta sul tavolo; La festina al lavoro; La ragazza immaginata in macelleria.

Rufus68 14/03/20 00:07 - 3125 commenti

I gusti di Rufus68

Un film che gira a vuoto, stancamente. In realtà nulla ha da dire, a qualsiasi livello: biografico, umano, politico, psicologico. Mostrare lo squallore nel suo dato nudo e oggettivo, privo di un retroterra stilistico e ideologico preciso, non fa che produrre squallore. Assistiamo, quindi, a una ricognizione ripugnante di scene che nulla significa se non sé stessa: una collezione di laidezze. Dassler è bravo? Certo, siccome è carino e qui fa una parte da schifoso racchione dobbiamo dirgli: bravo!

Cotola 17/03/20 20:41 - 7564 commenti

I gusti di Cotola

Arriva dopo diverse pellicole simili e il clima, infatti, è a dir poco lustighiano. Ma il film è perfetto, grazie soprattutto al fondamentale contributo di scenografie e fotografia, nel descrivere ambienti e personaggi di raro laidume e povertà morale in alcuni casi o disperazione umana in altri. Equilibrato nel mostrare e non mostrare, sa però impressionare ed è comunque una pellicola marcia, violenta e che mette a disagio: obiettivi raggiunti se questi erano gli intenti di Akin. Grande prova di Dassler.

Corinne 3/04/20 13:10 - 405 commenti

I gusti di Corinne

Pare di sentire la puzza di alcol, del sudiciume e della carne in decomposizione, in questa efficace rappresentazione della gesta di un serial killer fortemente ispirato al tedesco Fritz Honka. Sconvolge e disgusta senza mostrare poi tanto, intristisce per il degrado del protagonista e di chi lo circonda. Un film lontanissimo dagli stilemi di tante pellicole dal tema analogo interpretate da bellocci poco credibili.
MEMORABILE: L'appartamento del killer; Le larve.

Zampanò 17/06/20 12:46 - 168 commenti

I gusti di Zampanò

La putrescenza di Fritz Honka senza reticenze. Sulla miseria c'è una cappa di puzza, principale ménage estetico del film. Il patto di Akin con lo spettatore è di non tentennare. Se il mostro squarta esiste un momento in cui la bestialità accade, è forma non solo voluttà. E il regista indugia su siffatta crudele empatia. Fa bene: senza non si capirebbe. Ma non si riduce ai coltelli: i giorni di Honka (Dassler superlativo) sono un antinferno etilico collegiale in posti dalle tinte incresciosamente brillanti. Akin non si rintana nel genere, racconta una storia, e la racconta tutta. 
MEMORABILE: Fritz sogna la giovane bionda citando American Beauty ma in macelleria.

Thedude94 30/09/20 01:51 - 591 commenti

I gusti di Thedude94

Film crudo, ben diretto da Akin, che non si tira indietro e mostra le crudeltà di un uomo solitario alle prese con diversi problemi sociali e psicologici. Qualcosa come ad esempio il make-up, forse un po' troppo eccessivo, può lasciare perplessi, ma nel complesso il risultato della sceneggiatura e delle prove attoriali rende più che soddisfatti; infatti Dassler si cala benissimo nel ruolo del protagonista, sia fisicamente che mentalmente, e stupisce per la sua bravura inaspettata. Molto belle le scenografie "schifose" dei luoghi cardine del film, cioè il bar e l'appartamento.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Digital • 30/08/19 11:05
    Segretario - 3038 interventi
    Buio, fiondati al cinema! Questo è il TUO film.
  • Discussione Buiomega71 • 30/08/19 11:19
    Pianificazione e progetti - 22033 interventi
    Digital ebbe a dire:
    Buio, fiondati al cinema! Questo è il TUO film.

    La multisala della mia zona ( che non è vicinissima) proietta per lo più blockbuster, difficilmente questo tipo di cinema più di " nicchia "

    Mi rifaro', sicuramente, con l home video.
  • Discussione Digital • 30/08/19 11:24
    Segretario - 3038 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Digital ebbe a dire:
    Buio, fiondati al cinema! Questo è il TUO film.

    La multisala della mia zona ( che non è vicinissima) proietta per lo più blockbuster, difficilmente questo tipo di cinema più di " nicchia "

    Mi rifaro', sicuramente, con l home video.

    Peccato, fortunatamente a Pisa, certe chicche si trovano!
    Non vedo l'ora di leggere il tuo commento!
  • Curiosità Daniela • 30/08/19 13:16
    Consigliere massimo - 5233 interventi
    Soggetto dal romanzo "Der goldene Handschuh" dello scrittore tedesco Heinz Strunk, a sua volta ispirato ai delitti commessi ad Amburgo negli anni 1970-75 da Fritz Honka.

    Sulla figura di questo serial killer si può leggere qui (lingua inglese).
  • Discussione Didda23 • 30/08/19 16:13
    Comunicazione esterna - 5722 interventi
    Akin è regista molto interessante. Pellicola, per certi versi, imperdibile.
  • Discussione Gestarsh99 • 27/01/20 19:50
    Scrivano - 14810 interventi
    Al tempo un cui il film uscì, spizzicando un po' il contenuto della trama e guardando in rete il trailer mi erano istintivamente balzate all'occhio curiose analogie con un giallo iberico del passato distantissimo per qualità e finalità:
    Sette cadaveri per Scotland Yard (1972).
    Roba assurda, lo so.
    Poche ma buone le similitudini tecnico-contenutistiche fra le due opere:

    - anno di produzione (1972) sovrapponibile al periodo di attività omicida del vero assassino Fritz Honka;
    - un protagonista tozzo, storpio, alcolizzato, spesso vestito con una giacca di pelle marrone, frequentatore di locali in cui si beve molto;
    - parallelamente, per le strade, un serial killer di prostitute che si dà alla pazza gioia (Jack el destripador de Londres è infatti il titolo originale spagnolo).

    Vabbè, pensai, sono elementi abbastanza comuni, coincidenze rintracciabili in una miriade di pellicole differenti. E la cosa finì lì.

    Lo stupore maggiore è sorto poi quando ho effettivamente visionato il film di Akin; con mia grande incredulità infatti, una delle primissime scene girate all'interno del palazzo in cui vive il maniaco mostrava quanto segue: INIZIO SPOILER la bimba che abita al piano inferiore rispetto a quello del mostro è ferma sull'uscio di casa, forse ha sentito degli strani rumori provenire dal piano di sopra, e attende incuriosita cercando di capire cosa stia realmente accadendo e chi mai stia venendo giù per le scale (i rumori sono da addebitare al maniaco Fritz, fresco di uccisione...) FINE SPOILER.

    Ebbene, una scena simile (SPOILER con la bimba ferma sull'uscio al piano inferiore SPOILER) è presente anche nel predetto
    Sette cadaveri per Scotland Yard:

    INIZIO SPOILER

    - Sette cadaveri per Scotland Yard

    - Il mostro di St. Pauli

    FINE SPOILER


    Lo so, sono analogie probabilmente capziose ma mi andava di segnalare ugualmente questa particolarità rilevata.
    Ultima modifica: 27/01/20 20:25 da Gestarsh99