Il mostro di sangue

Media utenti
Titolo originale: Blood beast terror
Anno: 1968
Genere: horror
Note: Editato in vhs dalla Antoniana col titolo "Una bestia vestita di sangue", mancante di alcuni minuti. La versione integrale è uscita in dvd pulp video. Il becchino è doppiato da corrado gaipa
Numero commenti presenti: 16

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/04/07 DAL BENEMERITO CIAVAZZARO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Ciavazzaro 15/04/07 18:36 - 4751 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Ottimo horror. Uno degli ultimi film del regista, morto quasi centenario nel 2001, con un bravissimo Cushing e Flemyng/Hitckock, alla massima forma. Ottima atmosfera e storia convincente. Molto buone anche le musiche.

Lovejoy 19/12/07 21:33 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

La storia in sè non sarebbe male, ma quello che pregiudica il risultato è una regia a dir poco disastrosa ed effetti speciali che, seppure fossero gli anni 60 e quelli fossero i trucchi a disposizione, a vederli oggi si prova una certa tenerezza da una parte e pena dall'altra. A tenere in piedi la baracca, comunque, ci pensa il solito Peter Cushing che, nella parte dell'ispettore Quennell, fornisce l'ennesima eccellente prova.

Cotola 26/04/08 20:21 - 7330 commenti

I gusti di Cotola

Horror vecchio stampo che presenta un’inconfondibile ambientazione inglese e che si regge più che sulla storia (non certo originalissima ma in ogni caso abbastanza gradevole, tanto da farsi seguire piacevolmente), sulla buona interpretazione, come al solito, di un attore abitudinario di questi film: Peter Cushing. È lui a tenere in piedi una baracca più o meno traballante. Un tipico prodotto dell’epoca che non dispiacerà a chi ama questo genere di film. Gli altri potrebbero non gradire.

Undying 28/04/08 18:25 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Londra: XIX secolo. Attorno al laboratorio del professor Mallinger, noto entomologo da poco trasferito in città dopo lunghi periodi di assenza (causa oscuri studi) tra Africa ed Europa, l'ispettore Quennell (Peter Cushing) sospetta essere riposta la soluzione di una lunga catena di delitti. Le vittime, affioranti presso l'abitazione dello scienziato, vengono rinvenute prive di sangue: il movente è frutto d'un aberrante esperimento di alterazione genetica, che ha dato alla luce una brutale donna/farfalla. Classico esempio di buon horror d'annata.

Il Gobbo 28/04/10 08:39 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Terribile shocker da due pennies (tutti impiegati per il cast a scapito degli effetti speciali) col solito mad doctor stavolta piuttosto bischero, dato che la sua sperimentazione sembra fine a se stessa e oltretutto gli costa considerevolmente in alimentazione (poco ortodossa). Il sommo Cushing sbriga la pratica con la consueta professionalità, dalla noia generale si sollevano solo i siparietti del becchino Roy Hudd ("Come va?" "È un periodo morto")

Homesick 16/02/11 10:37 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Produzione Tigon sulla falsariga di quelle Hammer ed Amicus, rivista alcuni luoghi preferenziali del genere – le (auto)distruttive mire demiurgiche della scienza, il vampirismo – inceppando però nella scarsa tenuta del ritmo, in effetti speciali poverissimi e in una regia approssimativa: Sewell saprà fare di meglio con il visionario Black horror. Cushing e Flemying se la cavano più che dignitosamente anche negli stereotipi del rigoroso ispettore e dell’ambiguo scienziato e il comico Roy Hudd si prodiga nella colorita macchietta del becchino.
MEMORABILE: La recita di “Frankenstein”.

Puppigallo 10/06/12 11:16 - 4467 commenti

I gusti di Puppigallo

Una buona ambientazione fa da cornice a un essere che, più che spaventare, fa sorridere, soprattutto quando si trasforma magicamente. Giustificata in parte dalla datazione, la pellicola può se non altro contare su dialoghi sopportabili e attori che fanno il compitino con diligenza. Certo, il fulcro di tutto è piuttosto deludente, mentre ciò che sta creando lo scienziato almeno ha un certo impatto visivo, seppur statico e appeso. Un'occhiata gliela si può dare, ma non darà molta soddisfazione, se non ai nostalgici dell'horror discretamente confezionato, con immancabile mostro, seppur risibile.
MEMORABILE: Il becchino offre cibo, ma gli viene rifiutato: "Perchè capita sempre?"; La farfalla testa di morto, che ritornerà ne Il silenzio degli innocenti.

Myvincent 9/09/12 07:24 - 2474 commenti

I gusti di Myvincent

Uno scienzato pazzo alimenta col sangue umano falene giganti e assassine, inseguendo un sogno senza via d'uscita. Il racconto è bislacco e a tratti incongruente, ma l'ambientazione inglese sinistra e la carismatica presenza di Peter Cushing ne fanno un film rispettabile (a parte il fantoccio-crisalide artigianale e più ridicolo che spaventoso).

Trivex 22/10/12 15:42 - 1465 commenti

I gusti di Trivex

Horror fantasy quasi di routine, ma con la presenza d'eccellenza di Peter Cushing che garantisce l'ombra di tenebra grigia indispensabile per maggiorare convenientemente la resa del film. La storia percorre un trend classicissimo, ma in versione entomologa (se così si può dire), con buoni risultati in location e fotografia. Il fascino "sessantottino" inglese è notevole, mentre quando il mostro si mostra non è proprio un gran vedere.

Didda23 24/12/13 14:24 - 2268 commenti

I gusti di Didda23

Nonostante il film non annoi per tutta la durata, la banalità della sceneggiatura che attinge da ben più note "mad doctor stories" non fa decollare il film oltre la mediocrità. Interpretazioni sopra la media (soprattutto di Cushing e di Hudd) sono la faccia positiva della medaglia, che vede sull'altro lato effetti speciali ingenui e terrificanti (il mostro poprio non si può vedere). Insomma, un horror old school che potrebbe dare qualche minima soddisfazioni agli appassionati; gli altri possono tranquillamente bypassare.

Von Leppe 13/04/15 12:43 - 1010 commenti

I gusti di Von Leppe

Riprende la tematica della donna mostro di film Hammer come Lo sguardo che uccide e La morte arriva strisciando senza però raggiungere lo stesso livello in fatto di atmosfere e scenografie. Anche la trama perde colpi, proprio sul versante dell'esperimento e i suoi risvolti. Il finale è risolto in modo blando. Non male il mostro e naturalmente i due interpreti principali, Cushing e Flemyng.
MEMORABILE: La recita Grand Guignol; Il bozzolo umano.

John trent 23/03/15 17:59 - 326 commenti

I gusti di John trent

Ennesimo horror basato sulla figura di un mad doctor (Flemyng è ormai un habitué del ruolo) che conduce folli esperimenti. Stavolta si tratta di un entomologo che tenta un assurdo incrocio tra esseri umani e lepidotteri creando un mostro assetato di sangue umano. Misurato, come al solito, il grandissimo Cushing nei panni di un ispettore che indaga sugli omicidi commessi dalla "creatura" e un po' disonesti i doppiatori italiani che cambiano il cognome dell'ispettore da Quennell in Holmes, probabilmente visto il successo della coeva serie tv.
MEMORABILE: La recita casalinga di "Frankenstein"; La scoperta della farfalla "testa di morto".

Maik271 2/01/16 19:25 - 436 commenti

I gusti di Maik271

Pellicola non troppo convincente nonostante la presenza di un Peter Cushing sempre bravo. Il film propone il solito plot con dottore pazzo che alleva bozzoli di farfalla che si nutrono di... sangue (!). Poca azione e niente suspence sono le caratteristiche principali e considerando l'epoca in cui è stato girato (fine anni sessanta), lo considero fuori tempo massimo, per il genere.

Rufus68 31/07/18 22:55 - 2983 commenti

I gusti di Rufus68

La nobiltà della presenza di Cushing (peraltro in ombra) e l'insopprimibile fascinosità dell'ambientazione anglosassone non possono far passare in secondo piano l'impalpabilità di soggetto e trama. Non funziona praticamente nulla, dal versante poliziesco a quello horror-fantascientifico, lambiccato e ai limiti del ridicolo. Un briciolo d'interesse lo suscita la sequenza del teatro Guignol. Per cultori incalliti del genere.

Il Dandi 28/03/19 07:17 - 1722 commenti

I gusti di Il Dandi

Più che un horror (fin troppo pudico per il 1968) è un giallo di ambientazione ottocentesca senza spaventi né misteri, tutto tenuto sulle spalle di Cushing, cui peraltro i distributori nostrani hanno deciso di cambiare il nome del personaggio in "ispettore Holmes" per millantare un inesistente legame con il personaggio. Pseudo-Hammerata noiosetta, dispensabile.
MEMORABILE: A un becchino spiritoso: "Come va?" "È un periodo morto...".

Rambo90 24/04/19 03:04 - 6246 commenti

I gusti di Rambo90

Non uno dei migliori della carriera di Cushing (comunque professionale nel ruolo), nonostante una partenza promettente e misteriosa. Appare troppo immediata l'identità del responsabile dei delitti e le scene che coinvolgono l'entomologo sono piuttosto noiose. Riuscite invece quelle di humor nero con il becchino. La regia è anonima, ma si salvano le scenografie di fine Ottocento.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ciavazzaro • 29/03/09 12:07
    Vice capo scrivano - 5592 interventi
    Peter Cushing ha definito questo come il suo peggior film.
  • Homevideo Ciavazzaro • 15/05/09 15:02
    Vice capo scrivano - 5592 interventi
    Il dvd Pulp Video recupera le scene tagliate sottotitolandole in italiano.
  • Curiosità Ciavazzaro • 5/06/09 16:37
    Vice capo scrivano - 5592 interventi
    Robert Flemyng sostitui' Basil Rathbone inizialmente considerato per interpretare il protagonista.
  • Curiosità Undying • 29/08/09 23:48
    Scrivano - 7640 interventi
    Ciavazzaro ebbe a dire: Robert Flemyng sostitui' Basil Rathbone inizialmente considerato per interpretare il protagonista. Purtroppo le motivazioni sono da ricercare nella dipartita di Basil Rathbone, deceduto il 21 luglio del 1967, ovvero pochi giorni prima dell'inizio delle riprese.
  • Curiosità Ciavazzaro • 29/10/09 12:18
    Vice capo scrivano - 5592 interventi
    Il "coroner" è doppiato da Nino Scardina
  • Homevideo John trent • 6/04/15 09:45
    Galoppino - 509 interventi
    Edizioni dvd a confronto: Pulp Video: Formato video dichiarato 1,85:1 anamorfico (in realtà è 1,66:1) Durata 1h 17' 12'' Sinister Film: Formato video 1,66:1 anamorfico (corretto) Durata 1h 24' 04'' PULP (minuto 5:02): SINISTER (minuto 5:15): Da notare la migliore qualità video dell'edizione Sinister e la presenza, in quest'ultima, di maggiori porzioni di immagine ai lati. L'edizione Pulp risulta croppata e sgranata mentre la Sinister è più pulita e definita. Anche i sottotitoli delle 2 edizioni sono differenti. L'edizione Sinister presenta alcune scene in più rispetto alla Pulp (anch'esse comunque non doppiate in italiano e con i sottotitoli automatici). PULP (minuto 11:33) SINISTER (minuto 11:45)
    Ultima modifica: 6/04/15 09:59 da Zender