LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Dei tre film girati quasi contemporaneamente sul celebre "assassino delle coppiette" questo è il più ambizioso, che sarebbe dovuto uscire per primo ma fu superato dal più povero e malriuscito L'ASSASSINO E' ANCORA TRA NOI per colpa di una serie di rinvii dovuti a problemi con la censura. Liberamente tratto dal romanzo omonimo di Mario Spezi, si basa sulle ricostruzioni di alcune ipotesi formulate da un giovane scrittore (interpretato da Leonard Mann) da sempre interessato al caso. Tenendo quindi conto degli ovvi traumi sessuali subiti dal maniaco, il regista Cesare Ferrario (anche autore della sceneggiatura assieme a Fulvio Ricciardi) mette in scena alcuni possibili...Leggi tutto momenti nella vita dell'omicida che avrebbero potuto scatenare la sua furia inconsulta. Utilizzando attori diversi per ogni episodio (che si conclude sempre con uno dei delitti a colpi di rivoltella), Ferrario dà al folle più volti, di fatto evitando così di identificarlo con precisione; all'epoca infatti nessuno ne conosceva l'identità, ovviamente, e Pietro Pacciani era ancora - per tutti - un semplice contadino di Mercatale. Era quindi difficile costruire un thriller senza poter dare una fisionomia al colpevole. Ne è uscita un'opera insolita, curiosa. Con qualche momento intrigante dovuto all'ottimo connubio tra musiche (Paolo Rustichelli), fotografia e regia, con immagini che sembrano quasi sospese in un tempo senza tempo (vedi il racconto della possibile infanzia) ma anche molta noia: Leonard Mann non offre certo una gran performance e i lunghi intervalli con la sua ragazza (Bettina Giovannini) a far nulla in una villa toscana mentre le ipotesi gli affollano la mente tormentandolo sono tremende. Si tenta la prova d'autore riuscendovi solo a tratti.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 8/10/07 10:19 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Instant movie ispirato dal libro di Mario Spezi sulla più (tristemente) nota vicenda dai risvolti tutt'ora insoluti. Pur se la pellicola di Ferrario rifugge il semplice sensazionalismo e, già questo, la pone un gradino sopra al poco riuscito Firenze: l'Assassino è Ancora tra Noi va da sè che nuoce all'operazione l'insolubilità (1986: siamo nella fase conclusiva dei delitti, ma non del caso) dell'intera vicenda. Le traversie di produzione (il film venne osteggiato duramente in fase di realizzazione) forse si fanno sentire sul prodotto finale.

Dusso 9/10/07 18:48 - 1533 commenti

I gusti di Dusso

Mah, sinceramente non so che dire. E' stato un film girato subito dopo il delitto del settembre 1985 (che fu anche l'ultimo). Il film è tratto da un libro dell' epoca: si segue la pista di uno scrittore che crede che il mostro sia una persona che da piccolo ha subito uno shock, così se la prima parte del film è interessante (tra l'altro c'è una ricostruzione del primo delitto del 1968), la seconda parte è molto noiosa e assolutamente messa lì per far aumentare la durata di un film che altrimenti sarebbe finito gia nel primo tempo.

G.Godardi 21/03/09 17:11 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Inconvenienti degli istant movie: si cerca di battere il ferro finché caldo ma si rischia spesso di realizzare film obsoleti. Come questo, che non potendo contare su una chiusura narrativa si inventa una storia a metà tra il film inchiesta e il docufiction. Purtroppo, per dar vita alle varie teorie, finisce col risolversi in una successione episodica piuttosto noiosa. Un montaggio più serrato avrebbe giovato. Comunque è film interessante, più curioso che riuscito. Perlomeno non cede al sensazionalismo più greve. Lizzani però con Mamma Ebe fece di meglio.
MEMORABILE: L'incipit alla Venerdì 13.

Lovejoy 16/12/09 14:00 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Operazione assolutamente deprecabile. Realizzato a tempo di record subito dopo l'ultimo omicidio messo a segno dal "Mostro", è una pellicola senza capo né coda. E non conta granche il fatto che sia stato massacrato in produzione. Se il copione di partenza era già cosi mediocre, l'averlo ridotto da 110 minuti a 80 (e sono sempre troppi...) è solo un bene. Ritmo esasperante e interpreti (ma si possono definire tali?) inguardabili. Da dimenticare.

Lucius 1/05/10 00:36 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Sicuramente, a parte la ricostruzione dei delitti, c'è poco di veritiero alla luce del processo a Pacciani e ai compagni di merende, ma il film ha un suo stile sobrio ed è caratterizzato da dialoghi intelligenti e mirati pertanto, nonostante certi aspetti romanzati, affascina perché interroga lo spettatore sul come e sul perché. Di particolare fascino il paragone fra la sequenza del bimbo che osserva l'albero di Natale ed il mostro che scruta da dietro le fronde di un albero le sue prossime vittime.

Gestarsh99 23/10/10 19:47 - 1310 commenti

I gusti di Gestarsh99

Ardua la classificazione di questo strano ibrido tra mockumentary e giallo argentiano. La trama difatti parte dai noti eventi di cronaca nera per poi digradare verso ipotesi romanzate e fantasiose ricostruzioni. Ferrario dirige con molta cura, utilizzando calibratissime carrellate, creando riprese notturne al cardiopalma e coadiuvato dalle infallibili musiche del maestro Rustichelli. Un film che alla fin fine si attesta come un qualcosa di enigmatico e sfuggente, affogato in un magma ribollente di realtà, immaginazione, premonizioni, inattesi voli pindarici, lasciando dentro nient'altro che uno sconfortante senso di instabilità.
MEMORABILE: La sfacciata ridicolaggine di alcuni passaggi, specie quando viene rappresentata la suggerita incestuosità tra il maniaco e la propria madre.

Homesick 28/10/10 08:51 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Nel 1986 non si parlava ancora di Pacciani e dei suoi “compagni di merende”, dunque Ferrario poteva solo formulare ipotesi sull’identità del famigerato assassino di coppiette e sui traumi infantili all’origine della sua follia. Il risultato, di certo compromesso dalle vicissitudini produttive, è un docu-thriller amorfo e fiacco, nonostante la precisa ricostruzione del delitto di Signa, qualche richiamo ad Argento e alcune suggestioni analoghe al coevo Manhunter, quando il cogitabondo Leonard Mann si reca sui luoghi del massacro per immedesimarsi nella psiche malata del mostro.

Digital 17/07/11 15:25 - 1113 commenti

I gusti di Digital

Nel 1986 il caso non era ancora archiviato e quindi si poteva soltanto azzardare delle supposizioni, formulare teorie. Il film si divide di netto in due: la prima parte (la meno infelice) è quella relativa all'indagine di uno scrittore e alla puntigliosa ricostruzione di alcuni dei delitti commessi in precedenza, mentre la seconda (quella più modesta) si concentra sulla vita dell'ipotetico assassino e sulle cause che lo hanno portato a diventare tale. Decisamente meglio la serie tv.

Giordani 4/07/13 14:54 - 39 commenti

I gusti di Giordani

Discreto film di Ferrario, piuttosto lento ma contornato da un'atmosfera ben studiata, spesso in bilico tra tensione e dramma. Molto ottantiano (e quasi "televisivo") dal punto di vista visivo, ha dalla sua un'ottima colonna sonora; trama piuttosto inedita e interessante per lo stato delle indagini dell'epoca.

Manfrin 4/05/14 10:36 - 322 commenti

I gusti di Manfrin

Dopo un promettente inizio, con precisi riferimenti e ricostruzioni di cronaca, piano piano si scivola nella noia. Si cerca di trovare un colpevole e giustificarne le azioni con rievocazioni di traumi infantili, teoria plausibile ma riportata ossessivamente sino ad appesantire un argomento già di per sé di difficile trattazione.

Il Gobbo 30/05/14 11:42 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Per essere stato realizzato a tambur battente un prodotto tutto sommato dignitoso, certamente meglio - ma ci voleva poco - dell'inguardabile coevo di Teti, che in fondo si sforza di rifuggire dal sensazionalismo più immediato. Certo è lentuccio e qua e là proprio fiacco. Mario Spezi negli anni a venire continuerà (giustamente) a non credere alla demenziale e farraginosa versione ufficiale dei fatti, e per questo passerà pure dei guai.

Buiomega71 7/06/14 11:55 - 2211 commenti

I gusti di Buiomega71

La dinamica depalmiana delle "visioni" (Manhunter ci arriverà di li a poco), la morbosità e l'atmosfera torbida (la madre mignotta, il padre impotente e consenziente, l'odore acre dell'incesto), la ferocia belluina dei delitti (l'incipt che sfocia nell'horror più selvaggio) e soluzioni visive non banali (il processo virato seppia) fanno del true crime movie ferrariano uno dei "thriller" più secchi, viscerali e sanguigni degli anni 80. Valore aggiunto i flashback del killer che ne aumentano la scatenante misoginia. Ristagna la malsanità e gronda la perversione.
MEMORABILE: Il feroce incipt; Il killer al poligono di tiro; I ricordi sulla madre debosciata che lo fà davanti al marito; L'inibizione sessuale alla festa.

Bullseye2 8/04/15 13:27 - 89 commenti

I gusti di Bullseye2

Firenze sogna? No, vive il peggiore degli incubi... Dal caso di cronaca nera più agghiacciante della storia italiana Ferrario tira fuori a sorpresa questo morbosissimo e inquietante instant-movie thriller che deve molto a Lizzani, Visconti (Prandino) e Friedkin. Film irrisolto, fondato sul dubbio, sullo shock, sul sospetto... Chi è il mostro se non un prodotto di altre mostruosità, perversioni, violenze? Attori decenti, la OST di Rustichelli fa l'80% del film. Poco splatter ma terrore e disagio si respirano a pieni polmoni. Cult da riscoprire.
MEMORABILE: L'incipit; I flashback del piccolo "mostro" e la sua bambola; La OST di Rustichelli, terrificante.

Daidae 26/08/15 01:18 - 2720 commenti

I gusti di Daidae

Niente di che, ma rispetto all'orripilante L'assassino è ancora tra noi (sullo stesso tema) è un capolavoro. Si tratta di un film appena passabile con un buon cast e una regia solida, da parte di Ferrario. Consigliato a collezionisti e cinefili per riempire la collezione, ma senza infamia né gloria.

Fauno 27/11/16 16:35 - 1899 commenti

I gusti di Fauno

Se lo consideriamo come introspezione psicologica di un serial killer reale (ma di cui a quel tempo non si andava oltre le ipotesi) lo possiamo considerare riuscito, nel suo intento; chiaro che se valutiamo ciò che in seguito si sarebbe scoperto (e ci sono tuttora molti punti oscuri), ecco che tutte le cilecche divengono evidenti e perde nettamente il confronto col film di Teti, pur meno bello. Peccato perché a parti invertite sarebbe stato un qualcosa di molto più romantico; invece a quanto pare il romanticismo, se mai c'era, stava tutto nei mandanti.
MEMORABILE: La presunta madre del mostro, presentata come donna invalida nell'anzianità e terribilmente possessiva e viziosa in età più giovane.

Deepred89 5/01/17 21:13 - 3257 commenti

I gusti di Deepred89

Nella prima parte il film non si discosta dai veri fattacci di cronaca e tutto sommato funziona, con un discreto cast, azzeccate partentesi slasher (ma con arma da fuoco) e una regia in grado di valorizzare i suggestivi ambienti boschivi. Poi nel secondo tempo i limiti del materiale di partenza si fanno sentire e, non potendo più fare ricorso al reale, ci si arrampica sugli specchi con tristi faccende edipico-incestuose di un ipotetico (e imbarazzante) omicida. Musiche sulla scia di quelle del primo Nightmare.

Giùan 18/04/17 15:18 - 2877 commenti

I gusti di Giùan

Fin quando segue la via "cronachistica", il film riesce a collegarsi non senza scaltrezza cinematografica e sicurezza registica al clima di morbosa tensione che avvolge da sempre le vicende del Mostro, procedendo in un mood il cui catatonismo par quasi propedeutico a un climax di latente ma pervasiva inquietudine. Dal momento in cui prende invece il sopravvento il versante delle supposizioni "allucinatorie", viene meno qualsiasi fattore "perturbante" e il racconto si fa sfilacciato e approssimativo. Discreto Mann, modesti gli altri, ottima fotografia.

Metuant 31/03/18 22:25 - 454 commenti

I gusti di Metuant

Strano, a tratti forse confuso, cupo e atipico anche come giallo italiano di tarda levatura, eppure convincente. Sebbene sia tratto molto liberamente da una vera vicenda di cronaca, ha addirittura echi alla Lynch che rendono interessante una trama comunque inusuale anche per un film di questo genere. Persino il cast passa in secondo piano davanti a una storia basata quasi esclusivamente su atmosfere e immagini spesso disturbanti. Ottime le musiche.
MEMORABILE: Il brutale duplice omicidio iniziale; Lo straniante finale.

Rufus68 4/05/18 23:15 - 3013 commenti

I gusti di Rufus68

Discreti i primi venti minuti: non tanto per la cura posta nella ricostruzione dei crimini quanto per l'apprezzabile tono crepuscolare dato alla vicenda. Purtroppo in seguito il film, anche a causa di un budget risicato, indulge nelle secche di una motivazione psicoanalitica troppo déjà vu incagliandosi, perciò, nella mancanza di un vero sviluppo narrativo. Il Mann ottantiano, al confronto col livello medio dei nuovi attori, sembra Marlon Brando.

Ronax 11/11/18 01:07 - 894 commenti

I gusti di Ronax

Le ipotesi di Ferrario sulla personalità del mostro e sul contesto socio-familiare in cui è maturata la sua follia sono lontanissime da quanto le indagini hanno faticosamente - e con molti punti ancora oscuri - appurato. Tuttavia, se in tal senso il film oggi ha poco da dire, preso come un giallo sganciato dai fatti reali è un prodotto tecnicamente decoroso anche se troppo lento e tentennante nella seconda parte, dove fanno capolino spunti tipici dei thriller argentiani. Mann imbambolato, ma notevole Di Stasio nei panni del presunto assassino.
MEMORABILE: Il "mostro" adulto che spia la coppia alla festa come aveva fatto da bambino con la madre.

Siska80 22/02/20 16:10 - 426 commenti

I gusti di Siska80

Purtroppo, all'epoca in cui il film uscì, non era stata ancora scoperta l'identità del serial killer, quindi è naturale che il finale rimanga aperto (anche se forse troppo ambiguo). Artificioso il personaggio dello scrittore dalla fantasia visionaria che cerca di capire le origini del male, ma interessante e nel contempo  inquietante la ricostruzione dell'infanzia del Mostro, già di per sé immersa in uno squallido clima di perversione. Mann se la cava, le musiche ricordano quelle di Nightmare.

Alex1988 29/05/20 18:05 - 630 commenti

I gusti di Alex1988

Tratta dal libro di Mario Spezi, un'interessante e ambiziosa ricostruzione dei delitti del celebre "mostro di Firenze" che, per diversi anni, ha insanguinato le campagne fiorentine. Per quanto interessante, però, non riesce a tenere troppo viva l'attenzione dello spettatore; troppi tempi morti e una certa tendenza a voler per forza far immedesimare il pubblico nei panni dello scrittore (Mann) che, con la tecnica dei flashback, vuol ricostruire il profilo psicologico del serial-killer, non giovano alla riuscita finale. Comunque guardabile.
MEMORABILE: Il primo (ultimo) omicidio del "mostro", girato in soggettiva.

Markus 1/06/20 12:50 - 3230 commenti

I gusti di Markus

Instant movie romanzato sul caso che per vent'anni ha insanguinato la campagna fiorentina. Ferrario fa quel che può: l'argomento non è facile, di fatto non si sapeva nulla (e si continua a non sapere, con l'assoluzione di Pacciani), tanto valeva allora cucirci attorno una storia giornalistica. I limiti maggiori, al di là del low budget (che si nota), è il comparto attoriale: in primis Mann, che si limita a due espressioni corrucciate. Nell'insieme una commistione tra parziale documentario (saltato a piè pari l'omicidio dei tedeschi) e film televisivo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Deepred89 • 11/03/15 12:19
    Comunicazione esterna - 1427 interventi
    Dovrebbe essere la versione integrale, con tutte le scene di omicidio al loro posto con le date in sovrimpressione. Non ho mai visto il film, ma la vhs dovrebbe rispecchiare la copia tagliata in seguito alle proteste dei familiari delle vittime. In censura il film dovrebbe essere stato presentato e approvato uncut, in una copia di 2814 metri, ovvero 102m in NTSC e 98/99m in PAL.
  • Homevideo Didda23 • 11/03/15 14:27
    Comunicazione esterna - 5713 interventi
    Su thrauma lo vendono a 34,99 € sottolineando che sia la versione integrale. Esce in 1000 copie. http://www.thrauma.it/dettaglio.php?dettaglio=dvd&id=61451
  • Discussione Mauro • 9/09/16 12:41
    Disoccupato - 9508 interventi
    E' morto il giornalista Mario Spezi, autore del libro al quali si ispirarono gli sceneggiatori di questo film.
  • Discussione Dusso • 9/09/16 13:49
    Segretario - 1631 interventi
    Mi dispiace molto, grande giornalista e grande scrittore (il suo libro sul mostro di Firenze Dolci colline di sangue è un capolavoro!)
  • Discussione Mauro • 9/09/16 15:54
    Disoccupato - 9508 interventi
    Dusso ebbe a dire: Mi dispiace molto, grande giornalista e grande scrittore (il suo libro sul mostro di Firenze Dolci colline di sangue è un capolavoro!) Concordo, anche se questo non è il libro che ispirò il film, essendo un'opera del 2006, scritta a quattro mani con lo scrittore statunitense Douglas Preston. Tra l'altro la versione inglese del libro è totalmente divera da quella idea, nella seconda parte. https://it.wikipedia.org/wiki/Dolci_colline_di_sangue
    Ultima modifica: 9/09/16 15:57 da Mauro
  • Homevideo Buiomega71 • 18/11/18 21:07
    Pianificazione e progetti - 21656 interventi
    Il blu ray tedesco della Media Target Distribution ha l'audio italiano senza sub forzati. Sul menù audio cliccare la traccia (italiano) e il film parte con il nostro idioma senza nessun sottotitolo.
    Ultima modifica: 18/11/18 21:13 da Buiomega71
  • Discussione Siska80 • 22/02/20 16:14
    Servizio caffè - 261 interventi
    NEWS! Il Mostro di Firenze diventerà un film. A annunciarlo è lo scrittore e ex investigatore Michele Giuttari, che è stato a capo della squadra mobile negli anni Ottanta in cui la caccia al Mostro è stata molto serrata. Se si parla di film Mostro di Firenze non è una novità, perché già è stato affrontato al cinema e in tv, ma adesso arriverà un prodotto nuovo. Giuttari ha parlato di un lungometraggio già in lavorazione e il cui regista sarà Brando De Sica, figlio di Cristian e nipote di Vittorio. Lo ha fatto in occasione del premio Letteratura Noir-Premio internazionale giuridico scientifico Falcone e Borsellino ricevuto nelle ore scorse. Fu proprio Giuttari a portare a processo i famosi compagni di merende, tra cui Pietro Pacciani, accusati degli otto duplici omicidi tra il 1968 e il 1985. Lo scrittore ha annunciato che il film di De Sica sarà una "storia definitiva" sul Mostro di Firenze e conterrà anche "più di quanto uscito dai tribunali". Ancora non si sanno gli interpreti del film e nemmeno la data di uscita. Quel che è certo è che sarà un noir e sarà prodotto da Indiana Production per il cinema: tra gli sceneggiatori proprio Giuttari, infatti sarà tratto da uno dei libri di Giuttari dedicati alla vicenda. La storia del Mostro di Firenze è ormai nota. Otto coppiette uccise in un arco di sedici anni e ancora un grande punto interrogativo su esecutori e/o mandanti. Fonte: https://www.gonews.it/2020/02/22/film-mostro-di-firenze-giuttari/
  • Discussione Kanon • 22/02/20 18:03
    Fotocopista - 812 interventi
    Chissà se verrà dato spazio per citare la vicenda che coinvolse anche Alberto Bevilacqua
  • Discussione Dusso • 9/03/20 21:00
    Segretario - 1631 interventi
    Esaustiva intervista di qualche giorno fa al regista Cesare Ferrario che parla delle vicende produttive del film e non solo: https://www.youtube.com/watch?v=-E52fcRxLtU
    Ultima modifica: 9/03/20 21:45 da Dusso
  • Discussione Markus • 9/03/20 21:33
    Scrivano - 4788 interventi
    Dusso ebbe a dire: Intervista di qualche giorno fa al regista Cesare Ferrario: https://www.youtube.com/watch?v=-E52fcRxLtU Interessante, bella segnalazione.