Il massacro di Fort Apache

Media utenti
Titolo originale: Fort Apache
Anno: 1948
Genere: western (bianco e nero)
Regia: John Ford
Numero commenti presenti: 11

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 4/05/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 4/05/07 09:29 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Il colonnello Thursday (ma è chiaramente Custer) persegue una guerra personale contro un capo indiano e trascina il suo battaglione alla rovina. Capolavoro fordiano, fra i cinque massimi. Nessuno come "Coach" (così lo chiamava Wayne) ha saputo al tempo stesso celebrare e mettere in discussione, nello stesso film, i valori militari. Qui il Duca è un po' in disparte, il film è dominato dal paranoico Fonda (notevole), cui però alla fine Ford non nega l'onore delle armi. Un personaggio è doppiato da Alberto Sordi in stile Ollio!

Lovejoy 10/12/07 22:00 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Uno dei capolavori della coppia Ford/Wayne, anche se qui il secondo fa da spalla ad un brillante Henry Fonda. Ritratto di un generale ambizioso che andrà incontro alla rovina, anche se la sua fine sarà romanzata per non macchiarne la memoria. Ford dirige splendidamente una storia meravigliosa e un cast (tolti una Temple insopportabile e un Agar fuori parte) perfetto. Menzione particolare per i veterani McLaglen e Bond. Molte le scene memorabili.
MEMORABILE: Bond a McLaglen "Come sta andando?" chiede parlando del figlio. "Beh... è un ottimo soldato e un gran gentiluomo. Solo che il gentiluomo è di troppo."

Homesick 1/06/08 08:57 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Alquanto datato nella sua insistente retorica e ritualità militaresca e nell’inutile parentesi mielosa aperta dalla coppia Temple-Agar, questo classico di Ford diventa sorprendentemente moderno quando rappresenta i pellerossa come un popolo fiero sì, ma anche disposto alla diplomazia e non certo guerrafondaio. Fonda, autoritario e astioso, è un militare che cerca il proprio riscatto morale nel massacro degli indiani, mentre Wayne gli si contrappone come figura più umana, coerente con l’etica sana del vecchio West.

Flazich 4/08/08 23:31 - 658 commenti

I gusti di Flazich

Magnifico ritratto di una terra insanguinata dalla guerra. Il film nella prima parte si abbandona a tratteggiare in modo molto definito la caratterizzazione dei personaggi: gli indiani sono una sorta di presenza impalpabile, quasi eterea: sono lo strumento per il riscatto personale. La seconda parte del film è dedicata completamente allo scontro e al relativo massacro. Film veramente epico con Ford che osa mettere in discussione l'operato dell'esercito. Seppur didascalico, il finale dove vengono raffigurate le diverse generazioni è toccante.

Galbo 7/08/08 07:34 - 11350 commenti

I gusti di Galbo

Grande e classico film fordiano, girato come altri suoi capolavori nella Monument Valley, vero e proprio archetipo geografico dei grandi western. La storia si rifà a quella del generale Custer e presenta una particolare attenzione alla caratterizzazione psicologica dei personaggi, specie il protagonista, militare paranoico splendidamente interpretato da Henry Fonda. Quasi secondario il ruolo di Wayne, impeccabile la presenza di grandi caratteristi del cinema western come Ward Bond.

Saintgifts 28/06/09 02:01 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Ho visto la versione colorata del film. Devo dire non male, anche se il b/n è insuperabile. Se si accetta il modo, scelto dal regista, di mandare il reggimento al massacro (una incomprensibile carica contro nessuno) il film è molto buono con una eccezionale descrizione della vita militare e non, nel forte e la caratterizzazione di diversi personaggi umani e ambizioni. Del resto il cast è ad altissimo livello. La Monument Valley è l'imponente sfondo e tante sono le scene dove gli stuntmen fanno spettacolari cadute. Un po' di retorica Fordiana.
MEMORABILE: All'inizio del film il dialogo tra i conduttori della diligenza e il colonnello (Henry Fonda). La "distruzione" del whisky da parte dei sottufficiali.

Faggi 16/04/16 18:53 - 1487 commenti

I gusti di Faggi

Nervoso e coinvolgente, tra scenari unici e reali (Monument Valley), con un che di epico ed esiti fatali. Fonda ruba la scena a tutti, Wayne compreso. Colpisce il realismo dell'insieme, condotto come libera lettura di eventi storici. Ford era da poco tornato dalla guerra (la Seconda) dove vi aveva preso parte con la macchina da presa; si può dire che ciò si nota, anche senza doverlo motivare.

Josephtura 9/08/16 10:53 - 148 commenti

I gusti di Josephtura

Per me il film perfetto sarebbe un'unione tra Il massacro di Fort Apache e I cavalieri del nord-ovest. Tanti aspetti delle trame confluiscono così come le gag della truppa. Film corale con la "famiglia Ford" allargata e dove le comparse brillano di luce propria. Fonda perfetto in una parte che sembra fatta per lui e forse Ford in questo aveva guardato perfettamente al suo carattere (almeno da come lo tratta Jane Fonda). Film epico con simpatia per i perdenti, indiani o sudisti.
MEMORABILE: I sergenti sono un film nel film.

Daniela 16/02/18 11:03 - 9237 commenti

I gusti di Daniela

Luci ed ombre in questo film annoverato fra i grandi classici fordiani, ispirato al generale Custer nel tratteggio del personaggio impersonato da Fonda: un guerrafondaio ottuso fino alla stupidità, vero responsabile del massacro per non aver voluto trattare con gli indiani nonostante la loro offerta di pace. Figura tragica a cui si contrappone quella di Wayne, ligio ad un senso del dovere mitizzato dal regista ma in effetti anch'esso miope e dannoso. Nuocciono al film i troppi intermezzi di vita cameratesca e le parentesi sentimentali con la stucchevole Temple che flirta con Agar.
MEMORABILE: L'interprete presente all'incontro con i capi indiani è doppiato dall'inconfondibile voce di Alberto Sordi, con un effetto vagamente straniante

Pesten 10/02/18 20:25 - 632 commenti

I gusti di Pesten

Altro binomio Ford/Wayne, dove però il Duke questa volta ricopre un ruolo quasi secondario, essendo la figura principale quella di Fonda. Lo sfondo è quello entusiasmante della Monument Valley, la storia è fatta di ego spropositato, nonnismo e spregiudicatezza, ma anche di lealtà e giustizia, tutti elementi che Ford cerca di unire grazie a un buon numero di personaggi diversi e ben caratterizzati. Ho trovato eccessivo l'uso delle musiche, presenti fin troppo durante il film e a volte in maniera quasi esagerata da farlo sembrare un musical.

Puppigallo 31/10/18 19:43 - 4499 commenti

I gusti di Puppigallo

Si tratta di puro, vecchio west su pellicola, con tanto di certificato di autenticità, dato dalla presenza di due capisaldi come Wayne e Fonda. Le scene in esterni, con gli apache e senza, sono tutte da gustare, come gli scambi verbali tra Fonda e Wayne, o quelli che coinvolgono i vari soldati, graduati e non. Purtroppo, però, bisogna anche sorbirsi la storia d'amore tra il figlio del graduato e la figlia di Fonda (ostacolata da quest'ultimo); più altri sipari ammazzaritmo e interesse, come la cena, con tanto di orchestrina esterna e cantante e il ballo. Resta comunque notevole e da vedere.
MEMORABILE: I punti di vista opposti di Fonda e Wayne sugli apache; L'Attenti! Detto a sorpresa, di schiena; La lezione a cavallo; Come provocare un massacro.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.