Il mare d'erba

Media utenti
Titolo originale: The sea of grass
Anno: 1947
Genere: drammatico (colore)
Regia: Elia Kazan
Note: Soggetto dal romanzo omonimo dello scrittore statunitense Conrad Richter pubblicato nel 1937, il primo di una produzione quasi tutta incentrata su storie di frontiera.
Numero commenti presenti: 3

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/03/11 DAL BENEMERITO COTOLA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Cotola 5/03/11 17:20 - 7618 commenti

I gusti di Cotola

Solido drammone d'epoca, diretto da un Kazan giovane (era appena al suo secondo film) ma già abbastanza capace nell' avvincere lo spettatore e nel dirigere attori di gran classe e bravura come Tracy e la Hepburn (ma non solo loro). Pur essendo la storia vecchio stile, si lascia seguire con piacere, con alcuni momenti più riusciti ed altri un pò meno. Alla luce della carriera successiva, un'opera minore del regista, ma alla fine più che soddisfacente.

Saintgifts 9/12/11 11:42 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Drammatico o western? Poco importa, alla fine lo si può definire un film duro. Vissuto in una natura dura, ma prodiga, se solo la si rispetta, da gente dura, di fisico e di sentimenti. Sentimenti presenti in larga misura, ma che vengono controllati con grande forza e dignità. Presenti molti luoghi comuni del genere come l'uso delle armi per risolvere le questioni, ma anche il rispetto della legge, gli scontri tra agricoltori e allevatori, il saloon e il gioco e chi spara per primo. Ma il tutto visto sotto una luce di civiltà e di rettitudine morale.

Daniela 23/10/20 02:34 - 9637 commenti

I gusti di Daniela

Allevatore latifondista impedisce ai coloni si installarsi nei terreni vicini alle sue terre: un atteggiamento proto-ambientalista condotto con una spietatezza che lo mette in urto con la moglie... Anche se il tema è tra i più comuni nel genere western, si tratta di un melodramma piuttosto convenzionale salvato dalla classe collaudata  della coppia protagonista. La regia di Kazan è già di buon mestiere ma il fatto che i pochi esterni siano girati palesemente in studio, salvo alcune panoramiche, accentua il carattere teatrale della messa in scena mortificandone la spettacolarità. 
MEMORABILE: In negativo per l'implicito moralismo riparatore: la morte "opportuna" dell'incomodo. 
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Daniela • 23/10/20 02:56
    Consigliere massimo - 5294 interventi
    Il regista scontento del film
    Nelle sue memorie Kazan, che aveva accettato con entusiasmo la regia pensando di poter girare direttamente sui luoghi dove era ambientata la vicenda, sostenne di essere rimasto deluso da questa esperienza, soprattutto per la decisione da parte della Produzione di utilizzare filmati di repertorio per mostrare la prateria e di ricorrere a riprese in studio per quasi tutte le sequenze ambientate in esterni. Per ulteriore smacco, le terre di cui si parla diffusamente nel film dovrebbero essere quelle del New Mexico ma le riprese utilizzate per gli sfondi nei trasparenti furono girate nel Nevraska.
    Inoltre Kazan non approvò la decisione di far vestire ad Hepburn abiti molto raffinati ed eleganti, incongrui rispetto all'ambiente in cui si trova a vivere.
    Kazan era così poco contento del risultato da sconsigliare i suoi conoscenti dall'andare a vederlo, ciò nonostante il film si rivelò un successo commerciale raccogliendo il miglior incasso tra quelli girati dalla coppia Tracy-Hepburn.

    Fonti qui (lingua inglese).