LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Dal suo romanzo omonimo Pasquale Festa Campanile ha tratto uno dei suoi film meno leggeri, che sfrutta un'idea originale per una storia non troppo brillante: la trovata è quella di raccontare le vicissitudini di Caleb (Enrico Montesano), ladro da quattro soldi che nella Palestina di Gesù gira il paese vivendo di espedienti e incontrando ogni tanto il Messia (Claudio Cassinelli) in corrispondenza dei suoi miracoli: lo vedrà camminare sull'acqua, moltiplicare pani e pesci, resuscitare Lazzaro, curare gli storpi e trasformare l'acqua in vino alle nozze di Cana... Da buon imbroglione è convinto si tratti di trucchi molto ben riusciti e il successo di Gesù comincerà a ossessionarlo. Non più di tanto, comunque, visto che ha altro a cui pensare....Leggi tutto Incontrerà sulla sua strada la bella prostituta Deborah (Edwige Fenech), che lo accompagnerà fino alla fine, quando sulla croce si troverà a far compagnia a Cristo (il titolo già chiariva dove si volesse arrivare..). Al di là delle buone intenzioni e di un Montesano bravo nel sapersi controllare scendendo bene nel personaggio, il film resta tuttavia modesto, incerto sulla strada da scegliere (molte le gag volgari, specie quando entra in scena il centurione Enzo Robutti) e troppo lento. Fortunatamente la discreta colonna sonora di Morricone e i set spogli ma sufficientemente credibili donano sostanza (assieme al seno della Fenech) al lavoro di Festa Campanile. Di tanto in tanto si sorride, si può arrivare a compatire l'esistenza disgraziata del povero Caleb, ma certamente l'idea poteva essere sfruttata molto meglio. E la figura di Gesù è troppo marginale.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 26/12/07 21:55 - 11453 commenti

I gusti di Galbo

Opera singolare di un compianto e sottovalutato regista come Festa Campanile, tratta peraltro da un suo romanzo. La ricerca dei trucchi dietro i miracoli di Gesù spinge un ladro a seguire il Cristo per smascherarlo fino a condividerne la sorte. Montesano trova ne Il Ladrone uno dei suoi ruoli migliori che affronta con piglio e sottigliezza: la regia asseconda il personaggio non senza tocchi personali e il film pur senza fare (è il caso di dirlo) gridare al miracolo riesce ad essere parecchio godibile.

Undying 10/05/08 17:31 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Esempio di commedia fortemente tinta di dramma (reso particolarmente incisivo per la presenza di Cassinelli nei panni del Cristo) sviluppata dietro la "vis comica" di un Montesano decisamente adatto alla parte. Ispirato dal romanzo scritto dallo stesso Campanile si accentra sulla malinconica (più che comica) destinazione di un ladruncolo emulatore e convinto che Gesù altro non sia che un impostore. Interessante per serietà di fondo e per la compatta composizione garantita da presenze di contorno di certo interesse (Barra e Robutti).

Homesick 21/03/10 17:37 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

I presupposti seri e spirituali dell’argomento trattato sono affossati dalla prevalenza di un tono farsesco e grossolano – peraltro con facili concessioni alla volgarità – e la storia (inventata) di tale ladrone Caleb è condotta con estenuante lentezza e ripetitività. Per Montesano è ritagliata la solita veste del poveraccio iellatissimo ma puro di cuore, mentre Cassinelli è un Messia elusivo e di pochissime parole, con un portamento più da nobiluomo che da umile predicatore. La Fenech mostra le poppe, Robutti l’orrendo deretano.

John trent 5/04/10 20:54 - 326 commenti

I gusti di John trent

Montesano, ben diretto come al solito da Festa Campanile, interpreta con notevole intensità il ruolo di uno dei ladroni che finiranno crocifissi insieme a Gesù (un poco credibile Cassinelli, in verità). Storia carina e ben articolata con qualche piccola volgarità di troppo ma decisamente godibile. E la Fenech è sempre qualcosa di imperdibile...
MEMORABILE: La vendetta nei confronti del centurione romano Robutti.

Rambo90 11/07/11 14:44 - 6442 commenti

I gusti di Rambo90

Delicata storia diretta dal bravo Campanile con un Montesano lontano dalla macchietta e bravissimo a dare spessore al protagonista. Qualche concessione alla volgarità ogni tanto, ma resta un film notevole; buona la colonna sonora, bellissima e anche brava la Fenech. Sicuramente da vedere.
MEMORABILE: La risata di Montesano prima della crocifissione.

Motorship 20/07/12 17:20 - 567 commenti

I gusti di Motorship

Interessante opera di un regista sottovalutato. Il regista lucano affida a un bravissimo Enrico Montesano (in una parte più dolente e drammatica del solito) il ruolo da protagonista di questa curiosa e amara commedia dal sapore storico-religioso tratta da un suo stesso romanzo. Montesano ottimo, la Fenech (strepitosa come di norma) funziona benissimo, meno credibile il povero Cassinelli nel ruolo di Gesù. Belle le musiche, suggestive le location.

Manfrin 19/05/13 11:04 - 329 commenti

I gusti di Manfrin

Montesano interpreta da par suo il truffaldino Caleb, che finirà in croce accanto a Cristo. La storia permette a Festa Campanile di addentrarsi con perizia e un certo stile in un contesto religioso, ben miscelandovi le peripezie figlie della furbizia del protagonista. Molto belle anche le location.

Gugly 14/06/13 19:51 - 1016 commenti

I gusti di Gugly

Campanile era bravo a concepire storie inaspettate e qui utilizza Montesano come una sorta di Rugantino di 2000 anni fa; ottiene pertanto una maschera quasi drammatica (qualche momento di sorriso non manca) e un racconto che si lascia seguire nonostante qualche lungaggine di troppo, complici anche le location esotiche. Bellissima come sempre la Fenech, quasi evanescente (ma sempre bello) il povero Cassinelli nei panni di Gesù Cristo.
MEMORABILE: Il sorriso di Caleb/Montesano.

Lythops 25/02/15 20:55 - 975 commenti

I gusti di Lythops

Gradevole commedia di un regista che si è sempre distinto per l'originalità delle storie raccontate. Il Ladrone è riconducibile a quello buono dei Vangeli col quale in realtà, non solo per la frase finale, ha ben poco da spartire; tuttavia è interessante l'idea di questo personaggio che ammira Gesù come il più grande prestigiatore del mondo e lo segue ovunque. Splendide le musiche di Morricone per due flauti dolci, interessante l'interpretazione di Cassinelli che offre un Gesù senza enfasi e misticismo ma interessante. Buono, particolare.
MEMORABILE: La Fenech, nonostante abbia conosciuto anni migliori.

Saintgifts 4/07/15 09:59 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Caleb (un Montesano che finalmente mi è piaciuto, che si porta dietro ben poco delle sue solite macchiette) rappresenta quella parte di gente che non crede ai miracoli, che crede di essere furba e forse lo è e che è pronta a sospettare di tutto. Aver inserito il personaggio nella parte di uno dei due ladroni crocifissi accanto a Gesù è stata la grande idea di Festa Campanile. Girato dal punto di vista di Caleb, quindi lontano da ogni misticismo, lo stesso esalta la divinità del Cristo. Ottima anche la duttile Fenech. Peccato la frase finale.

Giacomovie 4/07/15 19:31 - 1355 commenti

I gusti di Giacomovie

Campanile ha tratto il film da un suo romanzo, segno che ha creduto nell'idea di narrare la vita di Cristo da un'altra prospettiva. Il risultato gli ha dato ragione per la bontà di un progetto che ha saputo mescolare sacro e profano, umorismo e malinconia. A tal riguardo Montesano si trova a suo perfetto agio nel ruolo dell'umorista malinconico e la bella e sempre sexy Edwige Fenech trova spazio per mostrare non solo il corpo ma anche buone doti recitative. Adatto il contesto scenografico e ambientale, buone le musiche di Morricone.

Pessoa 16/12/16 23:56 - 1239 commenti

I gusti di Pessoa

Festa Campanile scrive e dirige con bravura una commedia storica piuttosto sui generis affidandola alla verve comica di Montesano. Devo confessare che in precedenza Montesano alle prese con un personaggio storico del periodo (Remo e Petronio Arbitro) non mi era affatto piaciuto, ma qui la solida sceneggiatura ne limita gli eccessi e ne valorizza la vis interpretativa. Fondamentali i contributi della divina Edwige (forse in uno dei suoi ruoli più intensi) e di Cassinelli, che rappresenta un Gesù da pala d'altare. Molto interessante.
MEMORABILE: La morte del cane di Montesano, tristissima.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Undying • 24/07/09 22:17
    Scrivano - 7629 interventi
    Enzo Robutti dixit

    "Il ladrone è un bellissimo film di Pasquale Festa Campanile, dove si parla del ladrone che è morto a fianco di Gesù Cristo.
    Un tema biblico. L'abbiamo girato in Tunisia.

    (Pasquale Festa Campanile) era l'individuo più disponibile, più cordiale, più mite che abbia mai conosciuto.
    Uno che non perdeva mai la calma.
    Uno scrittore, un vero personaggio di scrittore.
    Un gentiluomo scrittore, impegnato a fare il regista".

    Fonte: Stracult Light / 20 luglio 2009
  • Homevideo Xtron • 23/05/12 20:07
    Servizio caffè - 1835 interventi
    Il dvd 01/IIF ha una durata di 1h46m17s

    Ultima modifica: 23/05/12 20:17 da Zender
  • Curiosità Zender • 1/06/13 09:53
    Consigliere - 43742 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

  • Homevideo Dusso • 14/03/15 10:48
    Segretario - 1621 interventi
    Esiste anche una long version della durata di 2 ore e 33 minuti(forum gdr)
    Ultima modifica: 14/03/15 10:48 da Dusso
  • Homevideo Ruber • 10/02/16 18:37
    Compilatore d’emergenza - 9009 interventi
    Enrico Montesano tramite la sua pagina facebook fa spaere questo:

    Cari amici visto che molti di voi privatamente e sotto il post stanno chiedendo quale versione verrà trasmessa de Il Ladrone, ecco un nuovo post a riguardo:
    la versione cinematografica de Il Ladrone dura 115 minuti ed è quella che negli ultimi anni viene esclusivamente trasmessa,
    esiste però una versione più lunga di 150 minuti pensata per essere trasmessa in tre puntate dalla Rai nel 1981, come avvenne.
    La versione lunga prevede altri episodi, uno dei quali spiega il riferimento che Caleb sulla croce fa alle previsione di Deborah sulla sua morte "Me lo avevi letto nella mano", altrimenti incomprensibile nella versione cinematografica


    No la versione dvd di entrambi i film (compreso Il conte Tacchia) prevede quella breve per il cinema. Il conte Tacchia in versione lunga viene spesso trasmesso da Rai Premium...per quanto riguarda il ladrone provvederemo a caricarla sulla pagina youtube di Enrico

    Qualcuno all'istante ha gia provveduto a postare su yt la versione lunga della durata di 2h34m del "Il ladrone" e uan versione registrata su vhs diversi anni fa che ha provveduto a riversare in dvix, pagandone in qualità (e appena in 240p ma da una vhs difficile spremere qualcosa in più). Comunque come dice Enrico a presto sul suo canale yt verrà messa la versione lunga in una versione spero migliore in qualità.

    Intanto:

    https://www.youtube.com/watch?v=V4Hv6w_Q8MU&feature=youtu.be
    Ultima modifica: 11/02/16 01:10 da Ruber
  • Homevideo Markus • 10/02/16 20:06
    Scrivano - 4801 interventi
    Ottima segnalazione, Ruber!
    Grazie