Il GGG - Il grande gigante gentile

Media utenti
Titolo originale: The BFG
Anno: 2016
Genere: fantastico (colore)
Note: Soggetto dal romanzo per l'infanzia Il GGG (The BFG) dello scrittore inglese Roald Dahl, pubblicato nel 1982.
Numero commenti presenti: 8

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/01/17 DAL BENEMERITO PIGRO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pigro 9/01/17 09:29 - 8093 commenti

I gusti di Pigro

L’amicizia tra l’orfanella e il gigante nano collezionista di sogni è oggetto di un film che mescola avventura e fiaba, concedendosi il lusso di arretrare sul terreno del plot (minimo) e allargarsi su quello della fascinazione e della sospensione poetica. Spielberg frulla un po’ tutto a cominciare da E.T., calandolo in un sapore un po’ retrò e puntando tutto sulla meraviglia. Gran fumo (sia pure di classe) e poco arrosto, con finale pomposo. Non fosse per gli effetti, sembrerebbe degli anni 50. Graziosa la parlata bislacca del GGG.

Belfagor 12/01/17 19:50 - 2628 commenti

I gusti di Belfagor

Da Spielberg temevo una baracconata con sentimentalismo posticcio, invece questo adattamento dell'omonimo romanzo di Dahl riesce a ricreare la magia della storia senza rinunciare all'umorismo. Sebbene il ritmo non sia costante e alcune sequenze siano tirate troppo per le lunghe, le avventure del Gigante e della piccola Sophia (che risulta simpatica, a differenza di molti pargoli spielberghiani) coinvolgono fino alla fine. Da vedere su grande schermo per apprezzare al meglio le ambientazioni e gli effetti speciali di livello sorprendente.
MEMORABILE: Il gigante si muove per Londra senza farsi notare; La forgiatura degli incubi; L'effetto dello sciroppio sulla regina e sui Corgi.

Skinner 15/04/17 19:43 - 592 commenti

I gusti di Skinner

Noiosissimo esempio di CGI senz'anima. La storia non ingrana mai, edulcora alcuni passaggi, si affida alle scorregge per far ridere e sopratutto scorre lentamente, quasi alla moviola, con i due protagonisti che parlano tanto e fanno poco. Anche il rapporto tra la bambina e il gigante che dovrebbe essere il cuore del film viene narrato in modo poco approfondito, superficiale, si evolve in amicizia quasi inspiegabilmente. Idem il finale, tirato via in quattreqquattrotto dopo una sfibrante parentesi a Buckingam Palace.

Daniela 17/04/17 22:15 - 9837 commenti

I gusti di Daniela

Una orfanella insonne viene rapita da un dolce gigante nano vegetariano e acchiappasogni che vive in un paese dove invece gli altri giganti normodotati sono carnivori mangiabambini. Fiaba adatta soprattutto ad un pubblico under 12, che molto punta sugli effetti speciali e la dolce stramberia di linguaggio e modi di questo nonno in formato maxi e con orecchie paraboliche. Spettacolo gradevolmente glicemico, ma dall'incontro fra Spielberg ed un autore geniale e sottilmente sadico come Dahl era lecito aspettarsi qualcosa di più memorabile, mentre qui si resta nell'ambito del "grazioso".

Galbo 4/06/17 07:53 - 11520 commenti

I gusti di Galbo

Se in altre occasioni, Steven Spielberg ha annullato i divari generazionali rendendo fruibili le sue pellicole a tutte le fasce d'età, questa sua opera è rivolta al pubblico dei più piccoli. Il target di riferimento sarà senza dubbio conquistato da una storia che è troppo semplice per gli adulti che invece apprezzeranno maggiormente un comparto tecnico di buon livello e più in particolare ambientazione ed effetti speciali. Si tratta in ogni caso di un opera minore del regista americano.

Enzus79 28/01/18 10:59 - 1887 commenti

I gusti di Enzus79

Non male dopotutto, anche se da un regista come Steven Spielberg ci si aspetterebbe sempre qualcosa di più. Fiaba non troppo ambiziosa, che dopo una prima parte discreta cade nella seconda in banalità già viste o che servono ad aumentare la già non contenuta durata del film. Ottimo Mark Rylance, l'interprete del gigante. Buone le musiche. Consigliabile almeno per una visione.

Minitina80 12/05/18 16:41 - 2460 commenti

I gusti di Minitina80

Un’opera destinata suo malgrado a finire nel dimenticatoio. Purtroppo non bisogna attendere troppo tempo per capire che qualcosa non funziona. Difficile dire quale sia la causa principale, forse la storia in sé si presta poco a essere trasposta su pellicola oppure manca quell’alone di magia di cui ogni fiaba dovrebbe essere ammantata. Lo sforzo dietro gli effetti speciali è notevole eppure i colori sgargianti e gli scenari non riescono a trasmettere che freddezza e artificiosità. Anche tra le righe non si riesce a leggere nulla di importante.
MEMORABILE: Le conseguenze dello “sciroppio sfribollino”.

Ryo 5/05/20 16:36 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Un film molto divertente. La giovane Ruby Barnhill nei panni di Sophie ha uno stile di recitazione così naturale da risultare totalmente credibile nel mondo immaginario. La maggior parte della storia è in realtà raccontata attraverso la computer grafica e si nota un lavoro impressionante, con effetti speciali davvero eccezionali. Le abilità registiche di Spielberg brillano con incredibili riprese lunghe, coinvolgenti movimenti della macchina da presa e una narrazione ordinata dando vita a una storia fantastica.

Steven Spielberg HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Daniela • 17/04/17 22:26
    Gran Burattinaio - 5357 interventi
    Soggetto dal romanzo per l'infanzia Il GGG (The BFG) dello scrittore inglese Roald Dahl, pubblicato nel 1982.

    Il romanzo aveva già avuto una trasposizione cinematografica con Il mio amico gigante (The BFG - The Big Friendly Giant), film d'animazione inglese del 1989 diretto da Brian Cosgrove e Mark Hall.
  • Discussione Raremirko • 11/01/20 22:45
    Addetto riparazione hardware - 3543 interventi
    Uno Spielberg di certo non memorabile e non particolarmente ispirato; salvo le buone intenzioni e la discreta CGI.

    Il regista ha fatto e farà di meglio, questa è un'opera minore, solo valida.