Il furore della Cina colpisce ancora

Media utenti
Titolo originale: Tang shan da xiong
Anno: 1971
Genere: arti marziali (colore)
Regia: Lo Wei
Note: Aka "The big boss".
Numero commenti presenti: 21

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/03/07 DAL BENEMERITO STUBBY
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Stubby 8/03/07 19:45 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Primo film di Bruce Lee per la regia di Lo Wei, nonostante il titolo (in Italia uscì dopo Fist of Fury). Girato in Thailandia, troviamo Chen alle prese con un traffico di droga, nascosto dietro la copertura di una fabbrica di ghiaccio. Come sempre grandissimo carisma e soprattutto grandi mosse marziali da parte del protagonista. Film povero di mezzi, con alcuni intervalli fastidiosi (vedi le sagome degli uomini sul muro dopo esser stati sfondati). La leggenda narra che Lee fece un duello all'ultimo sangue sul set.

Puppigallo 1/12/07 19:20 - 4515 commenti

I gusti di Puppigallo

Il buono e semplice ragazzotto (Bruce) contro i cattivi, anzi, cattivissimi, che oltre a sfruttare i lavoratori di una fabbrica di ghiaccio (in realtà la fabbrica è una copertura per…), li eliminano pure. Il povero Lee passerà anche per un venduto, prima di scatenarsi, deliziando noi spettatori con un bel po’ di pure e pesanti legnate (di notte, alla fabbrica, o la stessa resa dei conti). Certo, il contenuto è quel che è e alcune ingenuità (la sagoma dell'uomo calciato oltre il muro) non aiutano, ma si fa comunque seguire senza problemi fino alla fine, grazie al mai troppo rimpianto fenomeno.
MEMORABILE: In una scena a Bruce lanciano letteralmente i cani (pastori tedeschi). Forse pensavano che non si notasse. Chissà chi li tirava; Le bare di ghiaccio.

Pol 29/04/08 15:34 - 589 commenti

I gusti di Pol

Un Bruce Lee più controllato del solito è al centro di questo film dove lo svolgimento della storia viene privilegiato rispetto alle scene di lotta, concentrate soprattutto nella parte finale. Da una parte questo può essere un limite ma è anche vero che rispetto alle altre pellicole del nostro questa riesce ad appassionare anche nei momenti in cui non volano colpi a destra e a manca e non è merito da poco. Però il rabbioso Bruce Lee di Dalla Cina con furore è un'altra cosa...

Magnetti 5/08/10 14:11 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

La presenza scenica di Bruce Lee è sempre una garanzia e non si fa altro che aspettare il momento in cui si esibisce con la sua tecnica e fisicità per suonarle e tutti: un vero felino. E allora il film diventa una cornice e la trama una scusa per scatenarlo. Il film è del 1971 e si vede, tanto da sembrare un pezzo di antiquariato, ingenuo all'inverosimile. Da segnalare la notevole dose di violenza (muoiono quasi tutti). I personaggi di contorno sono improponibili ma la scelta è giusta: chiunque sarebbe oscurato dal grande Bruce.
MEMORABILE: I versi animaleschi/felini nel combatimento finale con il padrone della fabbrica del ghiaccio.

Piero68 12/07/11 12:26 - 2768 commenti

I gusti di Piero68

Alcuni film di Bruce Lee sono un po' come i porno: non hanno bisogno di soggetto o sceneggiatura per funzionare. Nei primi il succo sono le scene di sesso, negli altri i combattimenti. Questo film (purtroppo) non si sottrae a questa triste logica che ne fa, secondo me, uno dei peggiori del genere. Anche perché, diversamente dalle altre volte, qui ne muoiono a decine in maniera del tutto gratuita. Montaggio poi da dimenticare visto che, messo su alla men peggio, crea non pochi errori di continuità nelle sequenze. Evitabilissimo.

Pinhead80 27/07/11 02:07 - 3970 commenti

I gusti di Pinhead80

Il film che ha fatto innamorare molte persone delle arti marziali. Chen cerca di rifarsi una vita e trova lavora presso una fabbrica di ghiaccio, ma troverà solo inganni e morte sulla sua strada... Rispetto ad altri film del grande Bruce Lee si cerca di privilegiare la storia ai combattimenti. Il risultato è buono, anche se si vedono le pecche di una produzione molto risicata. Forse la sua forza "furore" deriva proprio da questa semplicità.
MEMORABILE: Chen che si presenta per la resa dei conti dal proprietario della fabbrica di ghiaccio.

Markvale 18/08/11 16:24 - 143 commenti

I gusti di Markvale

La prima pellicola del genere gong fu interpretata dal futuro divo Bruce Lee. Non si discosta dalla rozzezza realizzativa tipica dei prodotti hongkonghesi dell'epoca, tuttavia, a differenza dei più noti e successivi film dell'attore prematuramente scomparso, non difetta una certa cura per uno sviluppo narrativo che vira verso il poliziesco. La sceneggiatura prevede un'evoluzione del protagonista che si troverà suo malgrado a ricorrere alla violenza per ottenere giustizia. Ancora lontano dal narcisismo, Lee si mette al servizio della storia...

124c 23/08/11 17:03 - 2775 commenti

I gusti di 124c

Il primo film di Bruce Lee, girato ad Hong Kong, vede il "piccolo drago" alle prese con una banda di trafficanti di droga, che nascondono la roba dentro a delle lastre di ghiaccio. Bruce Lee si scatena solo nella seconda parte, mentre nella prima sembra un lavoratore ignaro, come altri. Non grida ancora, come farà in seguito, ma è già abbastanza bravo e coreagrafico negli scontri. Questo film, per Bruce Lee, suona come una grossa ed importante rivincita, dopo molti smacchi in America e ci sta tutta. Gli italiani ne rimasero estasiati, e anch'io.
MEMORABILE: La lastra di ghiaccio che si spezza e che rivela i sacchetti di droga nascosti. Bruce Lee se ne accorge e pesta il guardiano.

Galbo 7/09/11 07:13 - 11424 commenti

I gusti di Galbo

Tra le pellicole migliori realizzate da Lee, è il prototipo della cinematografia del mitico artista cino-americano. Una trama (fin troppo) semplice e tantissime sequenze di combattimenti coreografati in modo impeccabile. Se non si tiene conto del dilettantismo recitativo di gran parte del cast, ci si può divertire.

Ryo 18/11/11 01:54 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Primo film da protagonista del mitico Bruce. Anche se qui non fa molto, ha carisma da vendere e riesce a conquistare con i suoi movimenti aggraziati durante le spettacolari lotte (spettacolari quando lui ne fa parte, le restanti rimangono nella media di centinaia di altri film di genere). La trama passa dal drammatico all'ironico senza nessuna pretesa. Coesistono scene buffe (uno scagnozzo lascia la propria sagoma a braccia aperte nel muro che sfonda) e molto forti (un bambino ucciso a sangue freddo). Cruento.
MEMORABILE: Il combattimento nel cantiere, di notte e quello finale.

Deepred89 24/12/11 00:20 - 3294 commenti

I gusti di Deepred89

Filmettino piccolo piccolo, che si distingue dalla bolgia di kung-fu movies analoghi unicamente per la presenza di Bruce Lee, qui all'esordio cinematografico e già spettacolare nelle scene d'azione. Regia e montaggio elementari e pieni di errori, scenari di una povertà quasi neorealista, una tramina di un'ingenuità che mette tenerezza e un cast che sfiora l'amatorialità (Lee, non eccelso, di fronte ad altri pare Lawrence Olivier). Insolita dose di exploitation, con nudi e omicidi sanguinosi. Guardabile, ma cinematograficamente primitivo.

Rigoletto 8/01/12 20:14 - 1607 commenti

I gusti di Rigoletto

La prima pellicola per Bruce Lee è un film strano: storia povera e banale, scenografie semplici, una caterva di ingenuità, attori quasi dilettanteschi, regia anonima. Ma allora come fa tutto questo a rimanere in piedi e ad essere quasi credibile? Facile, la risposta è: Bruce Lee! **!

Fauno 14/04/12 13:23 - 1929 commenti

I gusti di Fauno

Un film che esprime molto bene certi usi e costumi della Cina quali l'importanza della parentela, i giuramenti con simboli vincolanti, l'abitudine al gioco con conseguente perdita di un salario già basso e guadagnato sotto condizioni di lavoro durissime. Il caporalato viene poi addolcito con termini di sorveglianza... Bruce è ingenuo a fidarsi della giustizia, ma è al meglio sia come tecniche di combattimento sia perché sfodera tutto il suo carisma nel gestire a modo suo una rissa che stava degenerando in massacro. Veramente un gran boss!
MEMORABILE: "Non mi piacciono le zuffe da strada... chi vuole davvero combattere lo faccia con me..."

Edecubo 9/05/12 06:13 - 49 commenti

I gusti di Edecubo

Il capostipite degli action, con tutti gli ingredienti del genere: arti marziali, il cattivone di turno, una bella ragazza che ama il nostro eroe, sangue e soprattutto Bruce Lee. Interessante la trama, che aiuta il film a diventare a sprazzi un thriller onde evitare la solita vendetta cruenta. Lo consiglio assolutamente anche a chi non è amante del genere.
MEMORABILE: Il combattimento nel dojo.

Belfagor 18/07/13 12:22 - 2625 commenti

I gusti di Belfagor

Il primo film con Bruce Lee protagonista è quasi una pellicola di exploitation, con una trama abbastanza cruda incentrata sulla vendetta e delle sequenze dedicate alle arti marziali contraddistinte da una certa dose di violenza. La realizzazione è poco curata, come si può vedere dalla qualità mediocre delle riprese e dalla recitazione dilettantesca di buona parte del cast, ma l'azione è di ottima qualità e il carisma del protagonista rende la storia coinvolgente. Per trovare il "vero" Chen, però, bisognerà aspettare i film successivi.

Jdelarge 7/06/16 20:04 - 881 commenti

I gusti di Jdelarge

Crudo e spietato come pochi film riescono a essere; un'esagerazione continua volta a far toccare con mano l'odio e la rabbia che spingono il grande Bruce Lee nei panni di Cheng a scatenare la sua furia contro i rivali. Non una vendetta ma una legittima difesa che sembra potersi attuare solo per mezzo della violenza. Le movenze di Bruce Lee (e non solo quelle di kung fu) sono magnetiche. La sceneggiatura presenta palesi ingenuità, ma si chiude volentieri un occhio. Belle le musiche.

Parsifal68 31/10/16 19:57 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

Un uomo solo contro tutti, ma quell'uomo è il mitico Bruce Lee, che sbaraglia a uno a uno tutti i suoi avversari, rappresentati da una pericolosa banda di trafficanti di droga. Appare fin troppo evidente che il film si basa esclusivamente sulle arti marziali dell'attore di origine cinese, che da qui spiccò il volo verso una carriera purtroppo breve. Regia e resto del cast sono di un imbarazzante dilettantismo ma poco importa, la leggenda era già iniziata.

Faggi 21/04/18 20:30 - 1507 commenti

I gusti di Faggi

"La natura umana è come un abisso che neanche i saggi conoscono": così sentenzia il cattivo che sarà smantellato in ogni suo lacerto di malvagità da un Bruce Lee in splendida forma, in un contesto marziale che vede l'uso dell'arma bianca come fondamentale; scorre infatti molto sangue da coltello in questo prodotto che ha tutta l'aura settantiana di un genere che quando - come qui - è ben girato ha forza sia spettacolare (di pura azione) sia lirica (atmosfera psichica, emotiva).
MEMORABILE: L'epilogo.

Vito 5/06/18 16:36 - 662 commenti

I gusti di Vito

Primo film di Bruce Lee che lo lanciò nello star system internazionale, prodotto dalla storica Golden Harvest di Hong Kong. Pugni e calci volanti dall'inizio alla fine, coreografie dei combattimenti perfette e parecchia crudeltà (sangue e cadaveri a iosa). Grezza ma funzionale la regia di Lo Wei. E poi c'è lui, Bruce, nella sua forma fisica più smagliante! Indimenticabile.

Il Dandi 10/01/19 23:35 - 1821 commenti

I gusti di Il Dandi

Primo film da protagonista di Bruce Lee: più che un capolavoro del genere ne è un archetipo, con un'essenziale trama di vendetta condotta su un registro fumettistico ma (per l'epoca) decisamente violento. Colpisce la capacità di far sembrare verosimili coreografie di lotta esasperate (Lee che combatte da solo contro venti persone) ma anche la capacità del protagonista (mentre le recitazioni del cast di contorno sfiorano il dilettantesco) di guadagnarsi subito una sua specifica maschera cinematografica (inimitabile il suo ghigno di disprezzo).
MEMORABILE: Bruce Lee sfida sei persone continuando a mangiare un cracker.

Leandrino 7/08/20 11:33 - 45 commenti

I gusti di Leandrino

Debutto per l'artista marziale qui in trasferta a Bangkok. Trama molto semplice e svolgimento spesso ingenuo, condita però da sequenze di lotta che lasciano ancora oggi col fiato sospeso. Il protagonista rimane in disparte per tutta la prima parte, scelta particolare che rende il finale un vero e proprio crescendo di violenza ai danni di tutti. Sangue, sudore, buoni(ssimi) e cattivi(ssimi): ingredienti per un buon film d'azione, divertente e poco credibile dall'inizio alla fine.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.