Lo trovi su

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 6/05/08 10:02 - 4930 commenti

I gusti di Puppigallo

Farsa messa su alla meno peggio, con un Milian che però se la cava, con le sue espressioni colorite e le sue facce stupite ogni qualvolta (e capiterà spesso) tenteranno di farlo fuori. Il copione è parecchio stiracchiato e la cosa migliore è vedere Milian vestito da arabo, con le scarpe in mano perchè secondo lui je stringono le dita in punta. Per il resto, qua e là c'è qualche buona battuta: la madre "M'ha chiamata Altezza, ma io so 1 e 58". E non mancano un paio di inseguimenti (i motoscafi), ma il nostro eroe ha fatto di meglio.
MEMORABILE: Dicono del cattivo: "Si chiama Hamilton Burger, ma tutti lo chiamano Hamburger".

Homesick 8/05/08 18:10 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Milian in trasferta mediorientale per proporre una variazione del Monnezza. Ritroviamo così le solite perle di saggezza trasteverina, buone scene d’azione in stile Giraldi e inclinazione al turpiloquio (attraverso la voce di Ferruccio Amendola), anche se meno eccessivo rispetto ad altri film “trucidi”. Milian conquista con le sue inarrivabili mimiche e Svensson – doppiato dai toni ruvidi di Glauco Onorato – come sicario duro e pasticcione. Vengono nominati La banda del Gobbo e Rossano Brazzi.

Renato 1/07/08 01:50 - 1648 commenti

I gusti di Renato

Mediocre film del Monnezza, ovviamente più a suo agio tra le strade di Roma che non nel deserto ("ammazza quant'è lunga 'sta spiaggia!"). Si sente molto la mancanza di un budget decente: tutta la parte araba sembra davvero improvvisata e i modellini usati nell'inseguimento tra motoscafi sono pietosi... Ciò non toglie che le battute divertenti non manchino; in particolare la mamma del Monnezza regala momenti memorabili. Fuori parte, invece, Bo Svenson, pur ottimamente doppiato.

Rickblaine 14/03/09 09:45 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

Non troppo divertente e non è il solito monnezza. Bravo comunque Milian con una fredda ma simpatica madre che coatta come lui riempe gli spazi. Milian Esce fuori tuttavia dal suo stile (per quanto non si possa distaccare assolutamente dal suo mondo romanesco) fingendosi addirittura figlio di un emiro. Comunque da vedere per farsi quattro risate.

Enzus79 14/03/09 17:42 - 2388 commenti

I gusti di Enzus79

Tomas Milian non è lo stesso del Nico Giraldi o del Monnezza, ma le sue battute ed il suo linguaggio è sempre volgare e suscita sempre le risate; certo è che il film, forse, non è all'altezza degli altri, ma non è completamente da buttare. Bruno Corbucci comunque ha fatto di meglio...

Matalo! 12/05/09 11:34 - 1371 commenti

I gusti di Matalo!

Pensate che l'ho visto al cinema (Rossini di Venezia, questo è per Zender) e già quella volta mi sembrava una schifezza. Rivisto è anche peggio e piccolo o grande schermo che sia il film si mantiene a livelli di comicità grossolana, becera e volgare. Comicità... facesse ridere almeno!!! Da considerare un sub-monnezza (in tutti i sensi).

Barbapapà 13/05/09 17:15 - 33 commenti

I gusti di Barbapapà

Ingiustamente messo nel dimenticatoio, questo film di Milian non risulta affatto opera disprezzabile; per verve, comicità e scioltezza di scrittura è anzi un episodio notevole nella lunga carriera dell'attore cubano. Pur mantenedo intatta la verve parolacciara di Er Monnezza, ciò che potrebbe sembrare la riproposta di obsoleti stilemi viene tonificata da una baldanzosa e costante illuminazione. Senza vene polemiche, ma è difficile non notare sottotraccia il clima di austerity di quegli anni.

Ianrufus 22/05/09 19:03 - 139 commenti

I gusti di Ianrufus

Nell'anno di grazia di Squadra Antitruffa e de La Banda del Gobbo, salta fuori questo film, dimenticato, quasi nascosto. Milian in realtà è in forma, totalmente in sintonia col suo Monnezza mentre l'attore americano Bo Svensson è di una comicità patetica, irritante. L'ambientazione esotica non ha mai aggiunto nulla ai film di Corbucci, anzi... le "Squadre" hanno perso molto a Miami, tanto che si tornò sul Tevere con l' "Assassinio". Basta vedere la scene iniziali a Roma per capire quale altro film sarebbe potuto essere questo. Please, DVD!
MEMORABILE: "Alì Babà, mo so cazzi da cagà!"; I modellini degli inseguimenti, patetici sino al sublime!; Monnezza col cammello.

Daidae 25/05/10 14:22 - 2964 commenti

I gusti di Daidae

Scadente commedia che tenta di coniugare il Monnezza con un'ambientazione mediorientale poco attinente al personaggio. Patetica e irritante la scena col cammello, fanno appena sorridere le altre gag, si chiude con una deprimente canzoncina in romanesco. Veramente deludente, contando che ho sempre apprezzato le opere della coppia Milian-Corbucci.

Herrkinski 2/12/10 17:44 - 6932 commenti

I gusti di Herrkinski

Tra i meno noti film di Milian del periodo, questa variazione sul suo classico personaggio (come sempre doppiato benissimo dall'alter ego Ferruccio Amendola) nulla toglie e nulla aggiunge alla comicità sboccata e burina che l'ha reso famoso; anzi, se possibile in questo film si punta ancor di più sull'improvvisazione e sulla battutaccia di facile presa, mentre l'unico elemento di novità è dato dalla seconda parte del film, ambientata in Arabia. Ci si diverte comunque, a patto di apprezzare la comicità pecoreccia e la povertà di sceneggiatura.

Bruno Corbucci HA DIRETTO ANCHE...

Nando 6/01/11 01:15 - 3669 commenti

I gusti di Nando

Trasferta araba per il Monnezza capitolino che viene considerato l'erede di un ricco emiro. Battute a iosa con Milian, doppiato dal grande Ferruccio, che le dispensa senza freno, tuttavia la narrazione è approssimativa e presenta un flebile copione. Finale da filastrocca canterina.

John trent 17/03/11 12:12 - 326 commenti

I gusti di John trent

Il produttore Juso cerca di sfruttare il grande Tomas anche al di fuori del filone delle "squadre" poliziesche ed ecco che viene fuori questa simpatica commedia degli equivoci con un Milian sempre sboccatissimo che scopre di essere figlio illegittimo di uno sceicco arabo che aveva sedotto la madre, cameriera in un hotel, durante un suo soggiorno in Italia. Rimasto per anni invisibile ha goduto di una meritata riscoperta: i tentativi di omicidio da parte di Bo Svensson e l'inseguimento con i motoscafi (modellini alla Big Jim) meritano. Carino.
MEMORABILE: "Scusi, ma lei chi è?" "Io sò Pannacchioni, quello che s'è già rotto lì cojoni!"

Gugly 20/08/11 22:47 - 1060 commenti

I gusti di Gugly

Allegra sciocchezzuola a metà strada tra Walt Disney e Fantozzi: il cattivone (davvero grosso e fumettistico) non riesce mai a far fuori per loschi intrighi il nostro Monnezza calato letteralmente in mezzo alle dune, con tutti gli equivoci che ne conseguono. Il Milian degli anni d'oro e il suo alter ego Ferruccio Amendola in una storia solo a tratti divertente, ma che per una serata ci può stare. Contorno con caratteristi del filone (e l'aggiunta della burinissima madre). Indimenticabile la filastrocca finale.
MEMORABILE: Monnezza emiro: copricapo arabo e tuta di colore bianco! L'inseguimento tra i modellini dei motoscafi....

Markus 5/06/12 11:37 - 3538 commenti

I gusti di Markus

Opera di sfruttamento (in salsa mediorientale) del personaggio-chiave del “monnezza”, inserito in un ambiente diverso dalla “solita” Roma; ma in fin dei conti la tiritera è sempre quella e volgarità, battute facili e tormentoni linguistici romaneschi sono i medesimi di sempre. Sceneggiatura stiracchiata e incastri poco riusciti fanno di quest'operazione un progetto fine a se stesso nell’intento commerciale, ma non particolarmente riuscita nell’intrattenimento, che spesso sfocia in noia.

Galbo 31/07/13 06:45 - 11930 commenti

I gusti di Galbo

Tomas Milian cambia personaggio (stavolta è il sedicente figlio naturale di uno sceicco) ma non cambia (dal mitico Monnezza) la sostanza dei suoi film. Lasciato alle spalle il poliziesco, l'attore è impegnato in una commedia degli equivoci a cui nuoce un'ambientazione (quella orientale) poco adatta al tipo di film e di comicità dell'attore. Senza il meccanismo poliziesco inoltre l'attore "gigioneggia" troppo, risultando stucchevole e stancando presto. Scadente.

Motorship 5/03/14 17:41 - 585 commenti

I gusti di Motorship

Non sarà eccelsa, ma a me ha divertito parecchio questa commedia di Corbucci che sfrutta l'onda del personaggio del "Monnezza" per una storiella che non ha nulla a che vedere ne con polizie ne con furti. Alla fine il film è solo un pretesto per far esibire un incontenibile Milian (sempre sotto il doppiaggio di Amendola) nella sua maschera più celebre e con la sua comicità parolacciara ma assai efficace. Meno efficace invece l'americano Bo Svensson e piccola parte per il regista Corbucci in un divertente sketch. Da riscoprire.
MEMORABILE: "Io sò Pannacchioni, quello che s'è già rotto lì cojoni"; "Sto cazzabbubbolo...".

Gabrius79 30/07/14 00:06 - 1336 commenti

I gusti di Gabrius79

A parte qualche battutaccia scollacciata che strappa risate grasse, il film non riesce a decollare più di tanto anche a causa di una sceneggiatura annacquata e poco coinvolgente. Tomas Milian fa quello che può, ma riesce a soccombere solo in parte alle carenze della pellicola.

Saintgifts 26/01/16 09:39 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

A lui sarebbe bastato il permesso per aprire un distributore di benzina, ma si ritrova addirittura figlio di un emiro ricchissimo. Trasferta araba per Milian-Monnezza, che però non toglie nulla al suo modo di essere: continua a urlare le sue battutacce di fronte a emiri e a bellezze più o meno interessate. La storia è molto semplice e si basa sulla ripetitività delle situazioni. Se piace la parlata romanesca (Ferruccio Amendola) e la volgarità delle battute (che però non scandalizzano proprio in virtù del dialetto) può divertire.

Alex75 28/01/16 09:31 - 794 commenti

I gusti di Alex75

Nella massa delle commedie monnezzare, questa si distingue per l’ambientazione e per l’ultima apparizione italiana (in verità quasi inutile) di Kirsten Gille. Come in molti film del genere ci si affida quasi esclusivamente all’estro sboccato di Milian, prodigo di buone battute ma alla lunga pesante. Pertinenti le musiche arabeggianti dei fratelli De Angelis.
MEMORABILE: La Prinz giallorossa e il costume da arabo di Milian; “Alì Babà, mo’ so’ cazzi da cagà!”

Deepred89 19/09/16 15:05 - 3533 commenti

I gusti di Deepred89

Momentaneamente libero dalle briglie del poliziesco, il personaggio del Monnezza si ritrova alle prese con l’esotico, ritrovandosi cucita addosso una tramina assolutamente pretestuosa. Però le battute hanno ancora la volgarità esilarante e corrosiva dei capitoli migliori della serie e il personaggio, al di là di certi eccessi attoriali del protagonista (quella bocca perennemente aperta...), funziona ancora bene. Ritmo non particolarmente sostenuto, ma la capacità di far spiccare il volo alle gag non manca.

Andrea Aureli HA RECITATO ANCHE IN...

Pesten 3/07/17 13:32 - 720 commenti

I gusti di Pesten

Personaggio vincente che, per essere sfruttato fino al midollo, viene inserito in storie e contesti non sempre adatti. Come in questo caso, calato in un mondo mediorientale che sembra fin troppo forzato. Per carità, Tomas è sempre lui e lo amiamo per il suo personaggio, però a volte la sua volgarità e le sue battute colorite sembrano qui fuori luogo. Sicuramente c'è di meglio.
MEMORABILE: La macchina giallorossa guidata dal personaggio di Milian.

124c 23/04/18 03:05 - 2838 commenti

I gusti di 124c

Cosa succede quando il consueto personaggio romano interpretato da Tomas Milian non fa né il poliziotto, né il ladro di buon cuore, ma si scopre un benzinaio figlio di uno sceicco grassoccio e di una madre "buzzicona"? Succede che ne esce questa commedia di poche pretese, sempre curata alla regia da Bruno Corbucci e da Ferruccio Amandola ai dialoghi, anche se Tomas Milian stavolta non ha come spalle comiche Bombolo, o Enzo Cannavale, ma si ritrova praticamente da solo. Si ridacchia, specie quando il nostro scampa ai continui attentati alla sua vita.
MEMORABILE: La bella bionda che convince Tomas Milian a seguirla in Arabia; Il sogno di Milian di aprire una pompa di benzina a Roma; Il cameo di Corbucci.

Taxius 21/08/18 11:19 - 1654 commenti

I gusti di Taxius

Il sogno di Luigi (Milian) è avere una concessione per una pompa di benzina, da qui la successione degli eventi lo porterà nel golfo persico come erede di uno sceicco. Tra tutti i film di Milian sul genere, il figlio dello sceicco è sicuramente tra i meno riusciti dell'attore cubano, stesso discorso vale per la regia di Corbucci. La trama è semplice e il film è tutto un susseguirsi di smorfie e gag raramente divertenti, ma a non convincere pienamente è l'ambientazione esotica, che poco ha a che vedere coi personaggi di Milian. Brutto forte...

Reeves 26/08/20 16:48 - 1111 commenti

I gusti di Reeves

Galliano Juso produce un altro film di Milian diretto da Bruno Corbucci cercando di differenziare il personaggio ma mantenendo ovviamente il doppiaggio acchiappa pubblico di Ferruccio Amendola. Per gli estimatori di Milian (che per fortuna sono tanti), un film divertente, con il cubbano de Roma scatenato aspirante benzinaio. Si vede anche il Piccolo Trastevere, sala ormai scomparsa, e questo non può che commuovere, così come Andrea Aureli arabo per l'ennesima volta.
MEMORABILE: La scena della concessione dei distributori di benzina, con Milian che accusa il raccomandato.

Siska80 6/09/20 16:44 - 2478 commenti

I gusti di Siska80

Da salvare la  bravura del cast misto, il ritmo e le scene d'azione. L'idea di partenza, seppur originale, ha qualcosa che non torna e l'ibrido che ne viene fuori ha un effetto straniante: uno sceicco "Monnezza version" può far sorridere all'inizio, poi le solite battute cui il personaggio del bravo Milian ci ha abituati finiscono per risultare addirittura prevedibili, mentre il finale (che sembrerebbe banale) ha invece un suo ironico perché.
MEMORABILE: Il nome del fratello di Abdul, Scioltan!

Trivex 12/03/21 09:50 - 1645 commenti

I gusti di Trivex

Sta in piedi grazie al solito grandissimo Milian e al sorprendente Svenson, il primo desideroso di una pompa di benzina ma catapultato invece in un emirato guidato dal suo potenziale “papà”. Buona la prima parte metropolitana, dotata di ritmo, qualche bella scenda d’azione, oltre alle solite "battutacce" del protagonista che fanno sempre sorridere. Molto meno riuscita la seconda sezione in terra d’oriente, ove si perde dinamicità e la vicenda non riesce a decollare come si dovrebbe. Ci sono alcune citazioni "importanti": si parla infatti di “Monnezza” e di “Banda del Gobbo”.
MEMORABILE: Nella prima parte, i tentativi di Svenson di uccidere Milian; L'anziano che chiede a Svenson di sistemargli l'antenna TV per vedere i film "zozzi".

Myvincent 27/01/22 08:47 - 3301 commenti

I gusti di Myvincent

Er Monnezza questa volta vive l'illusione di diventare miliardario negli Emirati Arabi, ma non sembra volersi distaccare dalle proprie umili origini da "disgraziato". Al solito non mancano siparietti comici e battutacce da caserma, classico repertorio dei suoi film . Le boccacce di Tomas Milian colgono nel segno e la storia vera e propria coagula giusto negli ultimi 20'. Il resto è attesa. Piuttosto anonimo il cast che lo accompagna.

Pessoa 28/01/22 19:27 - 2354 commenti

I gusti di Pessoa

Variazione sul tema del Monnezza realizzata presumibilmente con un occhio (se non tutti e due) al botteghino. I modi narrativi sono sempre gli stessi ma senza l'ambientazione poliziesca il film finisce per diventare un po' ripetitivo. La storia è solo un pretesto per dar modo a Milian (e ad Amendola che come sempre gli presta la voce) di enumerare la solita teoria di parolacce e volgarità in romanesco che qui riescono ad essere più grevi del counsueto. Buona la prova del versatile Svenson nei panni dell'antagonista. Un prodotto mediocre, ad uso e consiumo dei fan del personaggio.

Il ferrini 20/05/22 08:16 - 1986 commenti

I gusti di Il ferrini

Commedia dalla sceneggiatura stiracchiata che, pur avendo un discreto potenziale, lo spreca reiterando ad libitum lo stesso meccanismo: i tentativi - ovviamente fallimentari - di assassinare il protagonista. Per il resto la coppia Milian/Amendola se la cava bene, viaggiando ormai col pilota automatico (viene citato esplicitamente La banda del gobbo).  Ad affiancarlo c'è Vanda Tuzi (già vista in Squadra Antitruffa e Assassinio sul Tevere) qui nel ruolo di sua madre. Alcune battute vanno a segno, ma Corbucci ha fatto di meglio.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Zender • 4/05/10 07:54
    Pianificazione e progetti - 46203 interventi
    Perfetto, Geppo, grazie. Lo temevo... Credo che tutti i vecchi 01 siano in 4:3...
  • Discussione R.f.e. • 4/08/10 19:15
    Fotocopista - 850 interventi
    Homesick ebbe a dire:
    Renato ebbe a dire:
    Sul doppiatore di Bo Svensson ci dividiamo: a me era parso fosse Glauco Onorato, Homesick invece cita Luciano De Ambrosis...

    Onestamente non saprei, sono due voci -relativamente- simili...


    Dovrei risentirle, sebbene abbia immediatamente collegato la voce di Svensson a quella del col. Murdock di "Rambo 2" (De Ambrosis). Mi pare anche che il timbro di Onorato sia più ruvido e un po' più profondo rispetto a quello di De Ambrosis.


    E' Glauco Onorato!
  • Discussione Homesick • 5/08/10 08:47
    Scrivano - 1370 interventi
    R.f.e. ebbe a dire:
    Homesick ebbe a dire:
    Renato ebbe a dire:
    Sul doppiatore di Bo Svensson ci dividiamo: a me era parso fosse Glauco Onorato, Homesick invece cita Luciano De Ambrosis...

    Onestamente non saprei, sono due voci -relativamente- simili...


    Dovrei risentirle, sebbene abbia immediatamente collegato la voce di Svensson a quella del col. Murdock di "Rambo 2" (De Ambrosis). Mi pare anche che il timbro di Onorato sia più ruvido e un po' più profondo rispetto a quello di De Ambrosis.


    E' Glauco Onorato!


    Vero, ricordavo male. Questo non lascia alcun dubbio: http://www.youtube.com/watch?v=7Xar3xKSZVo&feature=related
    Ultima modifica: 5/08/10 08:50 da Homesick
  • Discussione Cangaceiro • 5/08/10 12:40
    Call center Davinotti - 742 interventi
    In questo film così come in pochi altri (tipo Gunny e Speed 2) il nome di Bo nella scheda è scritto Svensson con la doppia "esse", mentre in tutti gli altri è Svenson. In questo modo si crea un problema per la ricerca.
  • Curiosità Gugly • 20/08/11 22:52
    Portaborse - 4666 interventi
    -Nella scena in cui la "sellerona" parla con Pannacchioni e sua madre, in sottofondo si sente la mitica " E nun ce vojo sta", già colonna sonora di Squadra Antifurto.

    - Nel "dialogo" con il cammello Milian cita La banda del Gobbo, ovvero il film coevo che lo vedeva protagonista.
  • Discussione Gugly • 22/08/11 21:05
    Portaborse - 4666 interventi
    Ma vogliamo parlare dell'abbigliamento del nostro eroe? Meraviglioso: la tuta arabica del Monnezza mi mancava...
  • Discussione Zender • 23/08/11 07:51
    Pianificazione e progetti - 46203 interventi
    Concordo. E poi è uno dei miei Milian preferiti, a dire il vero.
  • Discussione Alex75 • 18/07/16 17:38
    Call center Davinotti - 685 interventi
    Gugly ebbe a dire:
    Ma vogliamo parlare dell'abbigliamento del nostro eroe? Meraviglioso: la tuta arabica del Monnezza mi mancava...

    Per me è un cult anche la sua automobile: una rara NSU Prinz 1000 giallorossa.

    http://www.imcdb.org/vehicle_330678-NSU-Prinz-1000-Typ-67A-1964.html
  • Discussione Alex75 • 18/07/16 17:39
    Call center Davinotti - 685 interventi
    Matalo! ebbe a dire:
    http://www.youtube.com/watch?v=-uUru-uWExs

    stornellata aerea del figlio dello sceicco...Molto raffinato


    Milian/Monnezza non si smentisce, ma la mamma gli tiene testa!
  • Discussione Kaciaro • 20/07/16 14:46
    Galoppino - 494 interventi
    Gugly ebbe a dire:
    Ma vogliamo parlare dell'abbigliamento del nostro eroe? Meraviglioso: la tuta arabica del Monnezza mi mancava...
    e' vero tuta emacchina sono fantastici, ma comunque sia secondo me il film risente della stanca di tutta la serie ormai alla frutta.....vedasi la battuta..salam salam..nun c'e sta' il salame...