Il dottor Stranamore... ovvero come imparai a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Dr. Strangelove, or: how I learned to stop worrying and love the bomb
Anno: 1964
Genere: commedia (bianco e nero)
Note: (aka "Dr. Stranamore")
Numero commenti presenti: 43
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 19/02/07 12:19 - 2693 commenti

I gusti di Caesars

Uno dei film più celebrati di Stanley Kubrick che non mi ha mai convinto pienamente. Negli anni ho provato varie volte a rivederlo, ma non sono riuscito a cogliere la genialità che gli è sempre stata attribuita. Nello stesso anno è uscito un film, altamente drammatico e non virato in commedia come questo, girato da Sidney Lumet A prova d'errore che trattava gli stessi scottanti temi ma con risultati, a mio parere, decisamente superiori. Sicuramente è un mio limite, ma non mi pare un capolavoro.

Xamini 6/03/07 15:37 - 1012 commenti

I gusti di Xamini

Opera rotonda, racchiusa in una cornice di immagini musicali in stile Kubrick. La guerra nucleare che rischia di scatenarsi a causa di un cervello lavato e stirato in piena Guerra Fredda (il film esce due anni dopo la crisi dei missili di Cuba); assurdi impedimenti burocratici e non che impediscono di fermare il macello. Un'ottima satira costruita attorno a un bel set di personaggi sopra le righe (escluso l'ottimo George C. Scott, tre sono di Sellers, che doveva fare anche la parte del capitano del B-52), pur con qualche calo di ritmo.

B. Legnani 17/05/07 01:36 - 4722 commenti

I gusti di B. Legnani

Non un capolavoro alla 2001 o all'Arancia, ma un gran film sì. Grandi Sellers, Scott e Hayden. Ho trovato appassionante l'avanzare dell'aereo nel territorio d'oltrecortina, con la marcetta da film western che accompagna il suo vertiginoso sorvolare. Da non perdere, anche in quanto esempio della follìa e della stupidità umana. Clamorosamente plagiato dal coevo A prova di errore di Lumet, a sua volta film da non perdere assolutamente.

Il Gobbo 18/05/07 23:58 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Mirabile, scatenato apologo, ossimorica agghiacciante vetta della comicità, non solo grazie all'infaticabile Sellers (impagabile il suo Stranamore nazisteggiante fisicamente modellato su Kissinger), cui anzi il ciclonico Scott (Turgidson!) ruba la ribalta nelle scene al Pentagono. Ma tutto (dalla paranoica tesi sull'avvelenamento idrico di Ripper all'ineffabile telefonata fra presidenti USA-URSS) è superlativo. Occhio, nei ruoli secondari, alle vecchie glorie western Slim Pickens - che cavalca la bomba con lo Stetson sul capo - e Keenan Wynn.

Giapo 25/05/07 11:56 - 232 commenti

I gusti di Giapo

Feroce e divertentissima satira sulla guerra e sulle strutture politiche e militari. Dialoghi surreali e personaggi grotteschi si inseriscono in un contesto di incredibile autenticità (splendide le riprese dell’attacco militare in stile documentaristico con la camera a mano): l’ effetto è disarmante. Peter Sellers, qui alle prese con 3 ruoli, è grandioso, in compenso George C. Scott è assolutamente pazzesco.
MEMORABILE: Mein Furher... I can walk!

Flazich 2/01/08 14:33 - 658 commenti

I gusti di Flazich

Kubrick affronta il problema dell'olocausto nucleare con irriverente umorismo e cinismo. Lo affronta attraverso la crudeltà, la cecità e la follia delle persone che anche davanti al fatto compiuto continuano a perseverare. Messaggio pessimistico quello del regista, che non crede che l'uomo possa imparare dai propri errori, anzi. Non viene fatta distinzione tra est e occidente: tutti appena possono cercano di "fregare" il nemico perché "ci si crede i più furbi". Il finale mostrerà, con disarmante semplicità, quanto è stolto l'uomo.

Lovejoy 16/07/08 14:02 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

È gia da antologia il titolo, ma poi la messa in scena e il ricco cast sono altrettanto sublimi. Peter Sellers nella sua prova più entusiasmante. Si divide in tre ruoli, tutti altrettanto azzeccati anche se quelli che restano davvero nella memoria sono quelli del Presidente Usa e quello del Dottor Stranamore. Magnifiche anche le prove di George C. Scott e Sterling Hayden. Tante le scene memorabili del film. Su tutte: il grande Slim Pickens a cavallo della bomba. Regia inarrivabile di un Kubrick sublime.

Pigro 17/07/08 14:18 - 7789 commenti

I gusti di Pigro

Le armi atomiche in mano a pazzi e guerrafondai? Così Kubrick descrive la guerra fredda vista dalla parte americana in un film che è una delle più beffarde e incisive satire antimilitariste. Istrionico Peter Sellers uno (attore) e trino (personaggi interpretati): memorabile la gag del tic del braccio che scatta sempre nel saluto nazista. Eccellente George C. Scott. Kubrick è scatenato, ma forse gli è sfuggito di mano il controllo sull’equilibrio generale del film, che risulta parecchio ondivago. Film esplosivo, ma non come ci si aspetterebbe.

Ciavazzaro 25/12/08 11:33 - 4763 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Ottimo. Nella sua ironia è quasi angosciante (l'inquadratura finale negli Anni Sessanta in piena guerra fredda avrà fatto provare qualche brivido allo spettatore senza dubbio). Ottimi Sellers (nei suoi vari ruoli), Scott e Wynn. Scenografie scarne, ma essenziali. Da vedere.
MEMORABILE: La bomba.

Onion1973 2/01/09 21:50 - 154 commenti

I gusti di Onion1973

Film irripetibile che affascina dall'inizio alla fine. Scenografie straordinarie e bianco e nero perfetto. Un bombardiere USA armato con atomiche viene inviato per rappresaglia a sganciare il suo carico sull'Unione Sovietica. Ma è un errore indotto dal folle generale Ripper. Cast irresistibile, Sellers multiruolo superlativo (il nazi su tutti). Satira impietosa dello spettro che aleggia sull'umanità dagli Anni Cinquanta. Surreale, ma spaventosamente efficace nella denuncia della follia atomica e del sistema MAD (Mutual Assured Destruction). Memorabile.

Belfagor 25/02/09 21:09 - 2623 commenti

I gusti di Belfagor

Esempio raro e mirabile di lucida satira sulla Guerra Fredda e sulla strategia del terrore, girato in ambienti geometrici e claustrofobici (ad eccezione delle riprese aeree) e ricco di personaggi incredibili, fra cui svetta il sadico dottore di Sellers (un'inquietante amalgama fra Josef Mengele e Henry Kissinger). Tante scene da antologia. Il mio preferito tra i film di Kubrick.
MEMORABILE: "Mein Fuehrer! Io cammino!" e il finale sulle note di "We'll meet again".

Sabryna 19/03/09 17:18 - 225 commenti

I gusti di Sabryna

Esilarante satira sulla guerra fredda diretta con gusto come solo Kubrick sa fare. Coraggioso per l'epoca. Ottimo Peter Sellers nei tre ruoli determinanti dell'improbabile presidente, del pazzoide Dr. Stranamore e del buffo Mandrake. Buona anche la prova di Sterling Hayden nel ruolo del generale guerrafondaio Jack Ripper, il cui nome rimanda a Jack the Ripper (Jack lo Squartatore). Un film che dà diversi spunti riflessivi.
MEMORABILE: Le telefonate del presidente a Dimitri!

Capannelle 26/03/09 09:09 - 3721 commenti

I gusti di Capannelle

I punti forti del film sono i dialoghi improntati ad una beffarda ironia, gli attori tra cui primeggiano Sellers e Scott e la magnifica cornice scenografica allestita per il Pentagono. Perde quota, come il B52, nel finale. Il momento migliore nei dialoghi della prima parte: la pazzia di Ripper, gli aviatori increduli, le spiegazioni imbarazzate dei generali al presidente, le segretarie invadenti, le telefonate con "Dimitri".
MEMORABILE: Le pin-up nella cassaforte dell'aereo, la telefonata della segretaria, l'ufficiale inglese nella cabina telefonica.

Saintgifts 29/10/09 23:14 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

A tutto c'è rimedio, anche agli effetti di una guerra nucleare. Il miracolato dottor Stranamore ha la ricetta per salvare la specie umana: nelle miniere più profonde la vita sarà assicurata per robusti giovanotti che dovranno "lavorare" a ritmo sostenuto con 10 sane ragazzotte a testa per ripopolare il mondo di una nuova generazione post atomica. Pur ben interpretato da sicuri professionisti e da un Peter Seller in gran forma, il film, a parte alcune divertenti trovate, è noioso e non riesce mai a coinvolgere come Kubrick sapeva già fare.

Aal 4/10/10 10:52 - 322 commenti

I gusti di Aal

Una satira pungente e cattiva che mette alla berlina e ridicolizza il potere militare e politico e allo stesso tempo mette in guardia dai terribili rischi della guerra atomica. Uscito in clima di guerra fredda e affidato all'estro di un istrionico Peter Sellers che si cimenta in ben tre ruoli diversi, questo film veicola un messaggio di forte pessimismo nei confronti dell'uomo: quando si ha il potere siamo come dei bambini capricciosi (e stupidi) e le armi sono soltanto dei giocattoli di cui vantarsi. Molte le scene memorabili.
MEMORABILE: Sicuramente lo sgancio della bomba cavalcata dal pilota del B-52 che indossa, programmaticamente, un cappello da cowboy.

Burattino 5/10/10 20:06 - 101 commenti

I gusti di Burattino

Probabilmente il film di Kubrick che amo di più, secondo solo a Orizzonti di gloria. È nel confronto con i temi della pace e della guerra che il regista dà il meglio di sè, non a caso si riaffaccia spesso nella sua filmografia (Spartacus, Full Metal Jacket), forse perché è un grande scenario in cui vedere dimenarsi la fragilità umana, quella stessa fragilità che negli ultimi anni prenderà sempre più piede nella mente del regista, fino all'epitaffio di Eyes Wide Shut.

Andykap 6/10/10 10:33 - 37 commenti

I gusti di Andykap

Ero un bambino negli anni ’70 e vedere in tv un film così (o il più diretto e drammatico A prova di errore) provocava più di una sottile inquietudine. Oggi probabilmente funziona meno da questo punto di vista: abbiamo ormai paura delle “bombe”, molto meno della “Bomba”. Resta però la grande galleria di personaggi di Sellers (su tutti il presidente) ed uno straordinario Scott. Bellissima la sala operativa che mantiene intatto tutto il suo fascino, molto meno gli scenari della base poco realistici.
MEMORABILE: Inevitabilmente Slim Pickens che cavalca la bomba come in un rodeo.

Cotola 18/11/10 23:42 - 7525 commenti

I gusti di Cotola

Splendida pellicola, a tratti geniale, sulla follia bellica e più in generale su quella umana, incarnate perfettamente da alcuni personaggi e da certe situazioni: il finale “atomico” vale più di mille parole. Diverte e fa riflettere grazie alla solida regia di Kubrick, ad una bella sceneggiatura (notevoli le telefonate tra il presidente americano e quello russo) ed alle memorabili interpretazioni di Peter Sellers (ex nazista col vizietto del saluto romano) e George C. Scott (anticomunista di ferro).
MEMORABILE: Le telefonate. “Gli si è girato il boccino”. Il saluto romano. Il finale.

Fauno 28/12/10 09:37 - 1919 commenti

I gusti di Fauno

Fortuna che la didascalia iniziale rassicura lo spettatore!!! Il film è divertentissimo e per me non è Sellers il piatto forte dell'opera, ma i due generali, sia il Capo di Stato Maggiore (Scott), che quel pazzo guerrafondaio fissato coi fluidi vitali. Eccellente pure la scena dello sgancio dell'atomica e quella finale, ma l'opera è più di intrattenimento che di arricchimento...

Topspin 4/03/11 15:37 - 12 commenti

I gusti di Topspin

Film a prova di bomba! Ironico, divertente, appare come "parodia" della guerra fredda; in realtà si limita ad interpretare, non troppo liberamente, un'ipotetica situazione mondiale autodistruttiva. Memorabile Peter Sellers in vesti di triplice personaggio! Filmone di Kubrick, da annoverare tra i migliori del suo genere. Vedere per credere.

Tarabas 19/09/11 13:51 - 1702 commenti

I gusti di Tarabas

L'errore nucleare era un classico tema della Guerra Fredda: il bottone rosso premuto per sbaglio. Kubrick ci costruisce una folle commedia nera, cambiando continuamente ritmo e toni per rappresentare il fallimento del sistema di sicurezza perfetto. Perfetto, dice il regista, finché non si considera il fattore umano. Cast clamoroso, con Hayden e Scott perfetti militari folli e Sellers incontenibile (e tassativamente da godersi in lingua originale), autore tra l'altro di molte gag del tutto improvvisate. Se non fosse un Kubrick, varrebbe mezzo punto in più.

124c 23/09/11 17:20 - 2771 commenti

I gusti di 124c

Terrificante commedia grottosca firmata Stanley Kubrick, passata alla storia per i tre ruoli interpretati da Peter Sellers. "Grazie" al doppiaggio italiano si perde un po' del trasformismo di Sellers (perché noi abbiamo usato tre attori diversi per adattare lo stesso interpretete in più guise), ma questo non toglie nulla al graffiante humour nero del film. Oltre all'attore inglese ricordo con piacere anche George C. Scott e Slim Pickens in ruoli perfettamente azzeccati per i due. Un film che è ancora oggi un vero pugno nello stomaco.

Didda23 27/09/11 16:18 - 2287 commenti

I gusti di Didda23

In piena guerra fredda Kubrick con ironia ed intelligenza mostra come poteva essere fallace l'istituto della deterrenza e come un'azione sbagliata dell'uomo poteva generare un olocausto nucleare. Impossibile non rimanere stupefatti dalla prova di Sellers, che regala due ore di estasi e nirvana allo spettatore. Tutto è calibrato magnificamente, e dopo l'ennesima visione mi è impossibile trovare un difetto. Capolavoro assoluto e super-cult personale. Divino.
MEMORABILE: Peter Sellers.

T.garufi 17/02/12 23:40 - 17 commenti

I gusti di T.garufi

Correva l'anno domini 1963: Kubrick alla regia, magnifica come al solito, Sellers un attore che vale per tre. Dimensione reale ed erotica sin dalla prima scena. Un lungometraggio bianco e nero pregiato che per comprenderlo a fondo bisognerebbe studiare i dinamismi politici fra URSS e USA. Satira sempre presente, americani e comunisti, vodka e sesso.
MEMORABILE: "Goldy, io mi sono fatto per lo meno quattro campagne elettorali, ma questa è la fesseria più grossa che abbia mai sentito".

Gaussiana 29/04/12 23:08 - 121 commenti

I gusti di Gaussiana

Kubrick fa satira sulle forze politiche e militari in piena guerra fredda grazie ad interpreti azzeccatissimi. Il film vive infatti dei dialoghi, delle deliranti teorie e decisioni del generale Ripper, delle telefonate tra presidenti, dell'anticomunista generale Turgidson, del fanatico e folle Dottor Stranamore. Spettacolare critica alla guerra fredda dove ogni personaggio è perfetto nel rappresentare il proprio iperbolico delirio d'onnipotenza: generali, ambasciatori, presidenti, scienziati... Kubrick non risparmia nessuno!

Rullo 10/07/12 09:56 - 388 commenti

I gusti di Rullo

Geniale commedia satirica puramente kubrickiana rappresentata sullo sfondo di un'ipotetico svolgimento della Guerra Fredda, che scherza sulla sorte di Russia e Stati Uniti. Sellers è un grande attore e le sue diverse interpretazioni non possono che confermarlo, da presidente a dottore. Stranamore. Fascistoide infiltrato nella Stanza della Guerra. Il bianco e nero è, come da standard per un fotografo come Kubrick, assolutamente amabile e caratterizzante. Ottime musiche.
MEMORABILE: Cavalcando la bomba.

Mickes2 30/12/12 23:46 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Strabiliante, acutissima satira che Kubrick adopera per un film coraggiosissimo prendendo in causa i rapporti non proprio idilliaci tra USA e Unione sovietica. Ovviamente spiccata l’anima antimilitarista dell’assunto apologante, sempre costellato da punte di ironia al vetriolo di irriverente efficacia attaccando a spada tratta ambo le fazioni e i terzi incomodi (mitico il Dt. Stranamore nazistoide). Di commovente, superlativa presenza scenica il generale Turgidson e il presidente Muffley e le sue timide telefonate al compare Dimitri. Superbo.
MEMORABILE: Le prime spiegazioni del generale Turgidson al presidente Muffley, a dir poco impietrito.

Buiomega71 6/01/13 16:08 - 2263 commenti

I gusti di Buiomega71

Al di là dei meriti prettamente tecnici (bellissimo il bianco e nero di Gilbert Taylor) e del talento registico di Kubrick, il tanto acclamato pamphlet antimilitarista kubrickiano annoia a morte e il suo humor raffinato propende più alla narcolessia che al sogghigno. Pure Seller è odioso, quasi da Bagaglino ante-litteram, con il suo colonello Mandrake che è una pessima copia del Lionel Atwill del Figlio di Frankenstein. Dialoghi da sbadiglio perenne, personaggi detestabili e coinvolgimento prossimo allo zero. Sopravvalutatissimo e leggero come il marmo.
MEMORABILE: Slim Pickens che cavalca la bomba nel finale.

Paulaster 29/01/13 10:17 - 2783 commenti

I gusti di Paulaster

Kubrick dice la sua riguardo alla guerra fredda: contrapporre fanatici esaltati da una parte e inaffidabili beoni di Vodka dall'altra porta al disastro nucleare. Il tutto alleggerito da dialoghi divertenti e situazioni surreali. Sellers domina la scena, ma anche Scott se la cava egregiamente. Ottimo film ma non mi ha mai conquistato del tutto, forse per la presenza di qualche momento di empasse che lo rende poco lineare. Ineccepibile la fotografia: ogni inquadratura può essere un quadro a se stante.
MEMORABILE: Il comandante a cavalcioni sulla bomba; Le telefonate tra i due presidenti.

Yamagong 29/01/13 00:01 - 274 commenti

I gusti di Yamagong

Grottesca tragicommedia dell'assurdo in cui, tra ufficiali inetti e generali guerrafondai, prende lentamente forma l'incubo postbellico. Rimane impressa grazie all'uno e trino Sellers (che gigioneggia con intelligenza) e alla surreale e disarmante ironia di cui è corroborata tutta la sceneggiatura (da antologia le telefonate col presidente russo). Certo è che si tratta pur sempre di un film di Kubrick e non manca quindi qualche lungaggine di troppo. Si ride a denti stretti e si riflette molto. Meritevole!
MEMORABILE: Le telefonate col presidente Dimitri; Il comandante che cavalca la bomba.

Almicione 13/07/13 01:16 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Mezzo secolo fa, in piena guerra fredda, Kubrick presentava questo capolavoro satirico non solo trattando grottescamente e con disinvoltura la più grande paura di quel periodo, ma persino mostrando come essa potesse divenire realtà e quanto fragile fosse l'equilibrio responsabile del destino dell'umanità. Ancora oggi a pensarci mi vengono i brividi per il terrore. Tutto ciò è accompagnato da una innovativa e impeccabile regia, una mirabile sceneggiatura che rende la pellicola molto coinvolgente e un formidabile e "trino" Sellers.
MEMORABILE: "Gentlemen, you can't fight in here! This is the War Room!"

Ryo 29/08/13 12:44 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Gustosissima commedia bellica che denuncia l'assurdità della guerra e soprattutto dimostra (in maniera esagerata sì, ma neanche tanto lontana dalla realtà) come per la pazzia di una sola persona può essere messa in gioco l'umanità intera. Eccezionali le performances di Sellers (alle prese con ben tre personaggi riuscitissimi) e di Scott. Dialoghi geniali, spesso improvvisati. Uno dei migliori film di Kubrick in assoluto.
MEMORABILE: L'ordine di sparare al distributore di coca-cola; I tic nervosi del Dr. Stranamore; La cavalcata della bomba; George Scott in tutte le sue mimiche.

Quietcrash 30/12/13 23:24 - 83 commenti

I gusti di Quietcrash

Stupendo: Kubrick, come in tutti i suoi film, non si ferma alla storia ma è capace di far rielaborare pensieri e sentimenti in parallelo con la pellicola come un secondo film e come ogni suo film non lascia indifferente qualunque tipo di spettatore. Un Peter Sellers grandioso nella sua tripla figura. Da vedere e amare.

Metuant 22/04/14 20:39 - 454 commenti

I gusti di Metuant

Strepitosa pellicola sulla minaccia della guerra nucleare ma anche (e soprattutto) sull'assoluta stupidità dei potenti, qui raffigurati alternativamente come folli privi di ragione e completi incompetenti con idee fuori dal mondo. Kubrick sceglie la strada della satira sottile e centra in pieno il bersaglio, quasi come fosse la bomba atomica del film. Memorabile la prova d'attore di Peter Sellers, impegnato in tre parti completamente diverse da loro. D'annata, ma ancora attualissimo.
MEMORABILE: Le conversazioni telefoniche tra il presidente americano e quello russo; Il braccio indipendente di Stranamore.

Ultimo 28/11/15 16:57 - 1359 commenti

I gusti di Ultimo

In ogni videoteca che si rispetti non può mancare il Dottor Stranamore, gioiello "leggero" del primo Kubrick, chiaramente ispirato alle vicende della guerra fredda. Peter Sellers è un protagonista perfetto e si immedesima alla perfezione nei tre diversi ruoli (il migliore, a mio parere, resta quello del Dottore del titolo), consegnandoci un prodotto non perfetto ma recitato ottimamente e diretto in modo impeccabile da Kubrick, abile a non far calare il ritmo. Memorabili i discorsi al Pentagono per un grande esempio di cinema.

Myvincent 4/12/16 22:23 - 2553 commenti

I gusti di Myvincent

Noioso fino alla morte, il film di Kubrick racconta con intellettuale ironia una ipotesi di guerra nucleare Usa - Urss facendo muovere sullo scacchiere supremo i personaggi chiave di un conflitto mondiale improvvisato: presidenti, generali, premier, colonnelli. Beffardo e sarcastico, fa riflettere come pochi, regalandoci un cocktail raffinato ma troppo poco amabile.

Redeyes 12/03/17 11:05 - 2144 commenti

I gusti di Redeyes

Un Kubrick di oltre mezzo secolo fa che affronta la guerra fredda con ironico cinismo. Da un lato non si può non restare ammaliati dalla sagacia delle singole battute, dall'altro si subiscono momenti estremamenti lenti, che in altre sue opere sono avvalorati e superati da trovate mirabolanti, mentre qui si fatica. Stranamore ruba la scena a tutto il resto dei personaggi ma a sua volta è un'efficace pezzo della scacchiera e nulla più. Kubrick umilia le grandi potenze ma esce senza tripudi dalla tenzone.

Magi94 20/07/17 22:04 - 679 commenti

I gusti di Magi94

Il mio Kubrick preferito. Certo non ha la regia visionaria di 2001, Arancia meccanica o Full metal jacket, ma riesce a far ridere come la migliore delle commedie e allo stesso tempo a fare una critica politica spietata come un film di Costa-Gavras. Memorabili le scene dell'aereo che vola sotto al motivetto di "When Johnny comes marching home", con il pilota che scatena la fine del mondo entusiasta come se stesse partecipando a un rodeo. Il finale è a sé stante, una danza macabra di una poesia infinita, tragicomica e squisitamente apocalittica.
MEMORABILE: King Kong che scende con la bomba; Le telefonate; Il dottor Stranamore negli istanti finali.

Rufus68 4/09/17 00:40 - 3087 commenti

I gusti di Rufus68

Kubrick mette in scena una farsa memorabile, i cui attori sono psicopatici o prigionieri di paranoie, false credenze e ottusità da burocrazia militare. La Guerra Fredda è un riferimento temporale solo occasionale: gli uomini sono strutturalmente dominati solo da egoismo e pulsioni animalesche tanto da progettare un nuovo sterminio futuro mentre assistono (inerti) a quello presente. Va da sé che ogni nazionalismo è una finzione buona per sublimare tale realtà. Grande Scott, grandioso Sellers.

Alex75 28/03/18 13:35 - 677 commenti

I gusti di Alex75

Kubrick esprime il suo pessimismo sull’umanità e il suo scetticismo sulla deterrenza armata, sistema tutt’altro che a prova d’idiota, attraverso una satira esilarante (fin dai nomi dei personaggi) e spesso geniale ma nerissima, con dialoghi e situazioni surreali che, oltre a far ridere, suscitano riflessioni pesanti. Grande prova per Peter Sellers, protagonista assoluto impegnato in ben tre ruoli e per i solidi Scott, Hayden e Wynn.
MEMORABILE: Il tic al braccio del Dottor Stranamore; Il distributore di Coca Cola; “King Kong” a cavallo della bomba; “Mein Fuehrer, io cammino!”

Smoker85 7/09/18 00:06 - 390 commenti

I gusti di Smoker85

Stranamore dimostra come il Maestro fosse in grado di realizzare film che, pur restando su temi, tutto sommato, seri e gravi, riuscissero a divertire; merito anche della strepitosa prova di Peter Sellers, nei panni del folle scienziato (ex) nazista, del compassato Presidente USA e del razionale colonnello inglese. Ma non vanno dimenticate nemmeno le performance di Scott e Hayden. Nonostante il trascorrere degli anni, la pellicola mantiene la sua carica di ironia e, purtroppo, di attualità. Imperdibile.
MEMORABILE: I dialoghi surreali tra il Presidente USA e quello dell'URSS; Il delirio sui fluidi di Ripper; L'illustrazione del folle piano di Stranamore.

Rocchiola 24/09/19 14:02 - 864 commenti

I gusti di Rocchiola

Una commedia nera sul tema della paura nucleare girata in piena guerra fredda. Quasi una parodia di film come A prova di errore e Sette giorni a maggio (usciti tutti e tre lo stesso anno). Kubrick è uno di quei registi poco affini alla comicità e il film affonda in un grottesco humour di stampo british, il che significa troppi dialoghi e poche risate. L’ambientazione claustrofobica penalizza le visionarietà del regista. Le doti mimetiche di Sellers sono fuori discussione ma la sua triplice interpretazione non va oltre la macchietta e non vale certo quella di Quilty in Lolita.
MEMORABILE: La triplice interpretazione di Sellers; Pickens a cavallo della bomba.

Thedude94 24/04/20 23:15 - 564 commenti

I gusti di Thedude94

Satira politica eccezionale, commedia pungente in cui Kubrick appare più slanciato del solito regalandoci una perla del genere. In più un cast davvero perfetto, nel quale spicca un meraviglioso Sellers che, al massimo delle sue potenzialità, interpreta tre personaggi differenti cruciali nell'opera. Iconiche le scene nel Pentagono e quella del dottore tedesco con i suoi strascichi nazisti. Notevoli le scene in aereo, che regalano al film anche qualche buon momento di tensione. Perla del cinema che tratta del conflitto USA-Russia.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Didda23 • 29/09/11 12:42
    Comunicazione esterna - 5716 interventi
    Ah ok... Spero che definirlo "genere Wilder" sia un complimento! Billy non si tocca!
  • Discussione Tarabas • 29/09/11 13:30
    Formatore stagisti - 2051 interventi
    A mì te me'l diset? :)
  • Curiosità Tarabas • 31/10/11 18:57
    Formatore stagisti - 2051 interventi
    Il nome della base sovietica obiettivo del bombardiere americano è "Laputa", lo stesso nome che Jonathan Swift usa per designare l'isola della sapienza ne I viaggi di Gulliver (Invito al cinema di Kubrick, R. Eugeni).
  • Homevideo Gestarsh99 • 11/12/11 00:53
    Scrivano - 14491 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc per Sony Pictures:

    DATI TECNICI

    * Formato video 1,66:1 Anamorfico 1080p
    * Formato audio Dolby TrueHD 5.1: Italiano Inglese Tedesco
    * Sottotitoli Italiano Inglese Tedesco Turco
    * Extra Documentari
    Interviste
    Peter Sellers e il Dottor Stranamore
    La guerra fredda - Modalità interattiva Picture in Picture con fatti e curiosità
    Ultima modifica: 24/09/19 16:59 da Zender
  • Musiche Alex75 • 26/04/18 15:43
    Call center Davinotti - 622 interventi
    Titoli di apertura col tema di Laurie Johnson:
    https://www.youtube.com/watch?v=uSf1bJoYX50

    "We'll meet again", incisa nel 1939 da Vera Lynn:
    https://www.youtube.com/watch?v=HsM_VmN6ytk
  • Discussione Alex75 • 27/04/18 17:25
    Call center Davinotti - 622 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Pigro ebbe a dire:
    Caesars ebbe a dire:
    "A prova di errore" di Sidney Lumet (stesso anno e stesso argomento trattato, film che io, forse unico al mondo, preferisco nettamente a questo di Kubrick)

    Sbagliato! Ci sono anch'io: 3 pallini e mezzo al Dottor Stranamore e 4 pallini a A prova di errore. Qui Kubrick è notevolmente estroso, ma là Lumet è davvero grandioso!

    Pure io preferisco A prova di errore (ottimo pure il remake, per quanto mi riguarda) eh (pur stimando molto pure Stranamore). Sei in buona compagnia, Caesars :)


    Considero questo film uno dei capolavori assoluti di Kubrick, che qui dimostra la rara dote di saper trattare argomenti tragici (o potenzialmente tali) attraverso registri comici senza far scadere il tutto in farsa. Il film di Lumet non lo conoscevo prima di aver letto i commenti su questa pagina; lo metto senza indugi nella mia lista di prossime visioni, sia per l'argomento che per il nome del regista, che stimo molto.
  • Discussione Capannelle • 28/04/18 00:06
    Scrivano - 2505 interventi
    Alex75 ebbe a dire:
    Il film di Lumet non lo conoscevo prima di aver letto i commenti su questa pagina; lo metto senza indugi nella mia lista di prossime visioni, sia per l'argomento che per il nome del regista, che stimo molto.
    Non te ne pentirai, forse meno virtuosistico rispetto a Stranamore ma con più ritmo.
    Ultima modifica: 28/04/18 00:08 da Capannelle
  • Discussione Schramm • 28/04/18 12:54
    Risorse umane - 6710 interventi
    Capannelle ebbe a dire:
    Alex75 ebbe a dire:
    Il film di Lumet non lo conoscevo prima di aver letto i commenti su questa pagina; lo metto senza indugi nella mia lista di prossime visioni, sia per l'argomento che per il nome del regista, che stimo molto.
    Non te ne pentirai, forse meno virtuosistico rispetto a Stranamore ma con più ritmo.


    e anche più angosciante...
  • Discussione Raremirko • 30/04/18 21:56
    Addetto riparazione hardware - 3475 interventi
    Si, A prova di errore di Frears è davvero un ottimo film remake, pure di matrice televisiva, udite udite.
  • Homevideo Rocchiola • 24/09/19 12:28
    Call center Davinotti - 1134 interventi
    Ottimo prodotto adeguatamente rimesso a nuovo sotto il profilo dell'immagine proposta in un esaltante bianco-nero d'annata. Audio italiano discreto chiaro ma un po' bassino.