LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/04/08 DAL BENEMERITO GALBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 16/04/08 05:41 - 11310 commenti

I gusti di Galbo

In un paese del Canada, una tragedia automobilistica porta alla morte di molti bambini di una scuola. Un avvocato cerca di convincere i genitori a fare causa ai responsabili per richiedere un risarcimento. Bel film del regista Egoyan, Il dolce domani non insiste sull'aspetto giudiziario o sul lato investigativo (pure presente) della vicenda. Il film lavora piuttosto sull'accettazione di un evento luttuoso da parte dei protagonisti,compiendo un sottile lavoro di introspezione psicologica grazie alla bella sceneggiatura e all'ottimo cast.

Daniela 3/01/10 10:48 - 9089 commenti

I gusti di Daniela

"Non esistono incidenti", sostiene l'avvocato cercando di convincere i genitori di un gruppo di bambini morti quando l'autobus scolastico sul quale viaggiavano è finito fuori strada sprofondando nel lago gelato. E' un modo per elaborare il lutto, trovando una ragione per quanto successo e attribuendo ad altri la "colpa", come egli stesso fa nei confronti della figlia tossica. Ma non è possibile incanalare tutto nella ragione, alleviare il dolore con il risentimento, sciogliere il coacervo di bugie e meschinità che imputridisce sotto la neve.
MEMORABILE: La fiaba del pifferario di Hamelin: alla porta della montagna che si chiude corrisponde il lago ghiacciato che inghiotte l'autobus

Inseminoid 4/01/10 13:43 - 32 commenti

I gusti di Inseminoid

Come tutti i film di Egoyan che ho visto, pochi ma sufficienti, il senso del cinema sta nella freddezza umana e l'idea che la vita sia un viaggio doloroso per sfuggire alla morte. Di questo film ho un ricordo abbastanza vivo dell'inizio terribile e dello sguardo "grave" di Ian Holm, grande attore, qui impegnato ad essere di maniera il più possibile. Più contorto de Il viaggio di Felicia il film lascia poco, se non il ricordo di anni in cui c'erano tanti film così che andavano a riempire rassegne d'autore. Pellicole fredde e spesso brutte.
MEMORABILE: lo sguardo spento e doloroso di Ian Holm... prima di diventare Tolkeniano...

Cotola 24/02/10 23:43 - 7402 commenti

I gusti di Cotola

Intrigante, raffinato e complesso film di Egoyan che usa uno stile freddo e gelido, corroborato da una fotografia glaciale (di Paul Sarossy) molto funzionale sotto questo punto di vista, per cercare di scavare a fondo nei sentimenti di una comunità colpita da una terribile tragedia. Ne viene fuori un’opera interessante e lontana dalle mode, non per tutti i gusti poiché a tratti ardua da portare avanti ma alla fine abbastanza appagante.

Capannelle 11/04/11 10:32 - 3689 commenti

I gusti di Capannelle

Film di stampo indie sull'elaborazione del dolore e sulle divisioni che esso può creare all'interno di una piccola comunità. Ha il suo ritmo, compassato ma sempre sostenibile, e punta più sugli atteggiamenti dei singoli che sulle scene corali. Bello il colpo di scena finale che scombina le carte in tavola.

Pigro 29/06/12 08:35 - 7701 commenti

I gusti di Pigro

Hamelin, Canada: il bus scolastico come il pifferaio trascina i bambini del paese alla morte, e un avvocato vuol convincere i genitori a fare causa. Meglio la rabbia oppure la fede nel dolce domani/aldilà della riunificazione familiare? Un film sull’angoscia (trasversale) della perdita, che ha luogo nello spazio già di per sé metafisico e fiabesco del nord innevato, e che Egoyan racconta sovrapponendo le storie, i piani temporali e i sensi. Risucchiando lentamente lo spettatore nel dolciastro sapore del dolore e dell’inconcepibile pacificazione.

Luchi78 28/08/12 09:50 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Film non facile, trattando un tema così doloroso in un ambito così ristretto come lo è la perdita per un'intera comunità di quasi tutta una generazione di bambini in un tragico incidente. Ian Holm ne è l'ottimo interprete, ma soprattutto è la figura centrale del film, alle prese con un dramma nel dramma causa una figlia sieropositiva. Molto dolore, molta introspezione, fotografia algida e colonna sonora adeguata. Certo però che a fine visione sembra di essersi svegliati da un incubo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Pigro • 29/06/12 08:40
    Consigliere avanzato - 1477 interventi
    Galbo, secondo me ti sei sbagliato: il film è ambientato in Canada, quindi non può essere il New Hampshire. Ne approfitto per dire che è stato uno dei rari film che "crescono" con il passare dei giorni. Ho aspettato qualche giorno a inserirlo e nel frattempo il mio pallinaggio è lievitato. E' un film, secondo me, che "semina" domande aperte, e se si lascia che queste domande rimbalzino a lungo l'effetto è - appunto - di uno di quei film che vive parecchio (e insidiosamente) anche dopo la parola "fine".
  • Discussione Galbo • 29/06/12 14:46
    Gran Burattinaio - 3744 interventi
    Ho guardato tre siti per controllare l'ambientazione: uno riporta il NH, l'altro il Canada, il terzo la Columbia Britannica che credo faccia parte del canada....
  • Discussione Pigro • 29/06/12 18:23
    Consigliere avanzato - 1477 interventi
    Galbo ebbe a dire: Ho guardato tre siti per controllare l'ambientazione: uno riporta il NH, l'altro il Canada, il terzo la Columbia Britannica che credo faccia parte del canada.... Esatto. Credo che sicuramente il New Hampshire sia un errore, perché diverse volte viene inquadrata la bandiera canadese (qualche volta si vede sullo sfondo, qualche altra sta sui vestiti di alcuni personaggi), quindi sicuramente siamo in Canada.
  • Discussione Galbo • 29/06/12 18:50
    Gran Burattinaio - 3744 interventi
    Pigro ebbe a dire: Galbo ebbe a dire: Ho guardato tre siti per controllare l'ambientazione: uno riporta il NH, l'altro il Canada, il terzo la Columbia Britannica che credo faccia parte del canada.... Esatto. Credo che sicuramente il New Hampshire sia un errore, perché diverse volte viene inquadrata la bandiera canadese (qualche volta si vede sullo sfondo, qualche altra sta sui vestiti di alcuni personaggi), quindi sicuramente siamo in Canada. hai sicuramente ragione, io il film l'ho visto da parecchio e non ricordo la bandiera canadese....
  • Discussione Neapolis • 29/06/12 18:55
    Fotocopista - 2009 interventi
    Si film di atmosfera anch'io ricordo ambientato in Canadà. Pero lo credevo più recente .. addirittura del '97..