LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fabbiu 16/04/07 14:03 - 1950 commenti

I gusti di Fabbiu

Strano l'effetto che fa il vedere Milan interpretare un personaggio quasi identico a Giraldi (caratterialmente) che però non è un poliziotto, bensì un combina guai, furfante ed ex calciatore pentito. Commedia simpatica in cui poco si respira lo stile di Corbucci. Il film è particolarmente genuino, molto semplice con poche location e pochi attori. Tutta la struttura del film si basa sui vari tentativi di "far soldi" in modo furbo, ricordando le varie zingarate o mandrakate, ma rispetto a queste risultando molto più ingenue e ridicole. Piacevole.

Homesick 16/05/08 17:18 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Il diavolo è Milian in una versione truffaldina e calcistica del Monnezza; l’acquasanta il ginobramieresco Mazzarella, prete tifoso con passato di alpino e ardentemente concupito dalla sua perpetua Margherita Fumero. Una commedia piuttosto disarticolata e risaputa, tenuta in piedi solo grazie alla bravura dei tre protagonisti.

Renato 3/07/08 02:46 - 1580 commenti

I gusti di Renato

Un film molto divertente, con un Tomas Milian che spara le ultime cartucce del suo Monnezza (ma qui si chiama Bruno Marangoni) e soprattutto un Piero Mazzarella irresistibile come prete di provincia. Come sempre ci sono tutti i comprimari di quella che potremmo chiamare factory corbucciana, da Aldo Ralli ad Aureli, da Donatone a Gavero... Scene calcistiche piuttosto mal realizzate ma il divertimento non manca, anzi. Notevoli le truffe messe in opera da Milian nel paese.
MEMORABILE: Tomas Milian alla Schiavone: "Con le pillole del dottor Darvisci, quello che magni te lo dimagrisci!"

Puppigallo 7/09/08 00:52 - 4515 commenti

I gusti di Puppigallo

Un buon Milian (ex calciatore, diventato truffatore) e un simpatico parroco, che lo ospiterà, suo malgrado, sono le due armi vincenti di questa commediola dalla sceneggiatura piuttosto stiracchiata, ma che strappa dei sorrisi e si lascia vedere senza problemi (le varie truffe messe in atto da Milian, i duetti col parroco). E lo si vedrà pure in versione calciatore dei miracoli. Non manca, naturalmente, il linguaggio colorito, anche se qui Milian si trattiene di più, pur non lesinando troppo i vaffa e qualche frase a effetto. Non male.
MEMORABILE: "Che stai a legge?", domanda Milian alla sua donna. "Il vangelo secondo Matteo. Hanno arrestato il protagonista e voio vedè come va a finire".

Rickblaine 15/03/09 09:38 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

Forse uno dei meno interessanti della serie di Milian nelle vesti del solito romanaccio (che qui espone il lato brutto e quello buono del personaggio). Un cast non perfetto si lancia in un genere ripetitivo che finirà a lungo andare col caratterizzare il cinema italiano.

Enzus79 15/03/09 09:51 - 1826 commenti

I gusti di Enzus79

Oramai la coppia Milian-Corbucci (Bruno) sembra non funzionare più. La commedia troppo "casereccia" non fa per loro e si vede. Certo Milian è sempre bravissimo nell'interpretare un romano cafone e volgare (doppiato sempre bene da Amendola) ma il film sembra non avere un suo filo logico. Mediocre.

Ianrufus 23/05/09 01:43 - 139 commenti

I gusti di Ianrufus

Quando esce nell'autunno del 1983, la stella di Milian è già in crisi e la distribuzione latita (non è facile trovarlo in un cinema di provincia, almeno al nord) mentre il trailer fa sperare qualcosa. Milian è ancora in forma ma la storia non c'è: manca l'effetto coppia per il botteghino perché Mazzarella è bravo ma un Pozzetto avrebbe fatto la differenza. Le trovate sono poche, la regia è sciatta, manca incredibilmente Bombolo! Clamorosa è la controfigura nelle scene di calcio: un tizio col nasone ripreso spudoratamente. Imbarazzante! Tomas Milian è ancora una bella maschera nell'83, non dimostra i cinquant'anni che già ha... Bastava metterci pure un film...

Daidae 11/08/09 18:48 - 2747 commenti

I gusti di Daidae

Dei film del grande Corbucci forse è uno dei meno interessanti. Non è brutto, Milian nonostante gli anni tiene benissimo la scena, Mazzarella e la Fumero se la cavano alla grande... Bellissima anche se non proprio brava la bionda "trucidona" (?) Savina Gersak. Direi che non è male, ma da Corbucci mi aspettavo di più.
MEMORABILE: Le truffe di Milian.

Cangaceiro 16/12/09 14:18 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Film ruspante, caciarone e divertente con un Milian ancora carico e sul pezzo nella parte del sòla ex-calciatore. La regia di Corbucci, ancora più frettolosa e casereccia del solito, imprime ugualmente verve alle scorribande del protagonista, molte davvero esilaranti. Simpatico Mazzarella che, libero di improvvisare, fa sfoggio del suo mestiere. Inaspettato ma graditissimo il nudo integrale della bella Gersak. Bravi e puntuali anche i tanti caratteristi: Bracardi, Andronico e la Schiavone. Bello il gran finale sportivo, simile a quello di Bomber o Bulldozer.
MEMORABILE: Co le pillole del dottor Darvisci tutto quel lardo te lo pisci; Milian e la Gersak camuffati rispettivamente da Gesù Cristo e Vergine Maria.

Herrkinski 4/01/10 23:17 - 5199 commenti

I gusti di Herrkinski

Mica male questa commedia "trucida" della coppia Corbucci/Milian, che smessi temporaneamente i panni del commissario Nico Giraldi ne improvvisa una variazione sul tema, impersonando l'ex calciatore Marangoni, diventato truffatore dopo il suo forzato ritiro dallo sport. Le facce, le espressioni dialettali e tutto il resto sono pressochè uguali a Giraldi, quindi fanno ridere, ma anche i duetti con il bravo Mazzarella, con la Fumero e con alcuni buoni caratteristi risollevano una trama abbastanza risibile. Popolare e leggero, si lascia vedere.
MEMORABILE: Il finto miracolo; i flashback di Milian calciatore.

Markus 11/03/11 14:02 - 3306 commenti

I gusti di Markus

Colpo di coda (o quasi) di Thomas Milian-Monnezza qui in coppia con un Piero Mazzarella assolutamente in parte e nel suo periodo cinematografico più appariscente (nello stesso anno partecipa al pozzettiano Un povero ricco). Vicenda molto divertente e godibile, anche se non aggiunge nulla di nuovo. Gag a raffica e una buona dose di scenette danno valore aggiunto. Ricordo con piacere le truffe di Milian nei negozi che fanno pensare a Squadra antitruffa.

Matalo! 14/03/11 18:57 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Più ne vedo e più mi rendo conto di quanto fastidioso fosse Milian all'epoca. Trama esilissima e risaputa. Lui recitazione forzata, clichè a manetta, differenze con Monnezza invisibili. I caratteristi, come spesso capita in questi film, sono eccellenti e tengono in piedi la baracca. Mazzarella, prete ex alpino, convincente come ai tempi del Bertoldo televisivo. Rizzo (sacrestano "miracolato"), Fumero & co. fan sempre loro stessi ma son credibili. La bona di turno (bona davvero) è la sconosciutissima Savina Gersak. Tra Borgorosso e Il trucido e lo sbirro.

Geppo 22/04/11 13:26 - 288 commenti

I gusti di Geppo

È sicuramente il film più comico e divertente di Tomas Milian. Questa volta Tomas esce dai suoi personaggi più noti (Giraldi e Monnezza) ed interpreta l'ex calciatore e truffatore Bruno Marangoni. La coppia Milian e Mazzarella è davvero splendida e funziona alla grande, anche se sono due mondi diversi. Sulla trama posso confermare che scorre molto piacevole... Milian passa da una truffa all'altra con però alcuni flashback che aiutano a ricostruire la sua sfortunata carriera calcistica. Divertente la colonna sonora e buona la regia di Corbucci.
MEMORABILE: La truffa al gioielliere.

Dusso 27/04/11 17:31 - 1535 commenti

I gusti di Dusso

Sottovalutata commedia corbucciana. Quasi tutto funziona piuttosto bene (a parte le terribili scene dei multipli tamponamenti ripetuti). Milian è in formissima e lo stuolo di caratteristi è davvero gradevole (bravo Mazzarella). Una commedia popolare da riscoprire. Mi aspettavo peggio, visto che il titolo non è dei più conosciuti...

Motorship 11/07/12 22:33 - 567 commenti

I gusti di Motorship

Riuscito. Tomas Milian, pur conservando la sua romanità, si stacca per un momento dal "Monnezza" e diviene comico, interpretando un ex calciatore in rovina che vivacchia di espedientcci. Il film scorre abbastanza bene, con un ritmo spigliato. Mazzarella e la Fumero in forma contribuiscono a rendere simpatico lil tutto, così come uno stuolo di caratteristi del calibro di Luca Sportelli, Giacomo Rizzo, Enzo Andronico, arricchisce lo spettacolo. Da rivalutare.

Nando 13/07/12 20:44 - 3485 commenti

I gusti di Nando

Un Monnezza in versione truffaldino calcistica in una commediola che offre qualche vivace sorriso ma campa grazie alle virtù dell'attore cubano. Trama che alterna momenti sportivi ad altri quotidiani con Milian che si ricalca un passato da ex calciatore della Magica. Modesto, ma vedere il protagonista con la maglia della Roma sommergere di reti l'odiata Juventus è sempre piacevole.

Delpiero89 15/12/13 00:43 - 263 commenti

I gusti di Delpiero89

Godibile, con alcune gag anche interessanti, si avvale della partecipazione, oltre che dell'ottimo Milian, anche del bravo Piero Mazzarella. La storia è semplice, il film ancora di più. Tuttavia si lascia guardare con scarso impegno. In definitiva leggero ma piuttosto divertente.

Gabrius79 5/10/14 23:54 - 1197 commenti

I gusti di Gabrius79

L'accoppiata Milian-Mazzarella si prodiga per far divertire lo spettatore ma con esiti fiochi. Alcune gag (come ad esempio le truffe) sono tutto sommato simpatiche, ma il resto del film non regala che una serie di sbadigli da cui risollevarsi è difficile. Linguaggio a volte colorito (come in tutta la serie del Monnezza) ma meno del solito.

Galbo 27/11/14 19:41 - 11417 commenti

I gusti di Galbo

Tomas Milian che propone una variazione del suo personaggio più famoso in un film non memorabile di Bruno Corbucci; tolta infatti l'idea iniziale che viene oltremodo "stiracchiata", il film funziona soprattutto per le interazioni tra i due protagonisti; la sorpresa è il calibratissimo parroco interpretato da Piero Mazzarella che mostra grande feeling con il clone del Monnezza. Per il resto comicità da "bocca buona" senza risparmio per la trivialità.

Saintgifts 7/09/16 08:27 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Tomas Milian non è una novità con il suo personaggio sboccato, che passa sopra tutto e tutti come un rullo compressore; Mazzarella è invece più sorprendente come prete, ex ufficiale degli alpini, che con la sua comprensione (ma c'è uno scopo) fa da contrappeso allo strabordare dell'ex calciatore interpretato da Milian. Commedia girata in economia (su vedano i falsi tamponamenti), ma abbastanza ricca di situazioni e battute che riescono a far sorridere. Forse la parte più debole è proprio quella del gioco del calcio, con un finale senza fantasia.

124c 21/05/18 03:00 - 2775 commenti

I gusti di 124c

Tomas Milian rispolvera il personaggio del Monnezza facendolo diventare un ex-calciatore che si è dato alle truffe, perché un rivale gli ha spezzato il perone durante un incontro. Il sacerdote Piero Mazzarella prova ad aiutarlo a cambiare vita, chiedendogli di allenare la squadra di serie C di cui è tifoso. Fra truffe e allenamenti si consuma il solito copione alla Milian/Corbucci, dove Mazzarella prova a mescolare come può il Don Camillo calcistico di Fernandel col parroco di Daniele Vergas tifoso del sordiano Borgorosso football club.

Alex75 24/05/18 15:21 - 680 commenti

I gusti di Alex75

Tardo “Monnezza-movie” girato con scarso impegno, sia finanziario che creativo, in cui gli attori riescono comunque a supplire a una realizzazione palesemente carente: Milian è abbastanza in forma e regge il film anche grazie all’affidabile Mazzarella (che come spalla non delude mai) e a tratti sembra ancora divertirsi. La Fumero rinverdisce i fasti di “Maria Sole”.

Pessoa 7/12/18 12:31 - 1176 commenti

I gusti di Pessoa

Commediaccia di Bruno Corbucci che tenta di sfruttare gli ultimi sprazzi di popolarità di Milian. Tutto sa di già visto e molte gag sono palesemente copiate da film di ben altro spessore (Il coraggio, Tototruffa '62 e via dicendo). Un cast tecnico di rodati professionisti evita lo sfacelo, ma la mancanza di un copione vero si fa sentire e le volgarità iterate non aiutano il risultato finale. Protagonisti e comprimari (Mazzarella e la Fumero su tutti) vanno di mestiere, ma la sufficienza è decisamente lontana. Ai limiti del guardabile!
MEMORABILE: I finti tamponamenti girati davvero male; I tifosi che festeggiano alla fine dello scontro decisivo con bandiere di colore diverso...

Il Dandi 7/07/19 12:35 - 1817 commenti

I gusti di Il Dandi

Ultimo di un filone (Manolesta, Il lupo e l'agnello, Uno contro l'altro...) che nei primi 80's tentava, parallelamente alla serie dei "Delitti", di sdoganare Er Monnezza come maschera della commedia all'italiana tout-court, ormai avulsa da pretesti poliziotteschi. Lo spunto è assai derivativo, dalle truffe di Totò (l'aspirante suicida che si piazza a casa del suo salvatore come in Il coraggio) allo spenceriano Bulldozer (ex-campione che diventa allenatore di una squadra di brocchi). Nessuna sorpresa, nessuna lode, ma nemmeno alcuna infamia.
MEMORABILE: Le famose pillole del dottor Darvisci (con tutte le rime del caso); La truffa in gioielleria.

B. Legnani 17/08/20 12:28 - 4746 commenti

I gusti di B. Legnani

Terribile commediaccia con Tomas Milian, chiaramente girata in fretta e furia, nella quale la maggior parte delle cose è copiata da opere del passato, alle quali sono affiancate le solite volgarità tipiche di “Monnezza” et similia. Personaggi idioti, spesso insopportabili, necessari per essere abbindolati dalle trovate di minima rilevanza, persino recitati male da attori solitamente bravi. La peggiore è la sconosciuta biondissima Gersak, davvero terribile. Cosa salvare? Pochissimo: qualche momento di Mazzarella e qualche trovatina della Fumero evitano l’ignominia della monopalla.
MEMORABILE: Gli incredibili errori di montaggio e di situazioni nella partita di calcio finale.

Reeves 24/09/20 22:26 - 151 commenti

I gusti di Reeves

Siamo agli sgoccioli per questo tipo di commedia e per la presenza italiana di Tomas Milian; però il film è divertente, ha un buon ritmo e tiene negli anni forse meglio di quando uscì. Tanti caratteristi promossi in ruoli più importanti, come la Fumero ma soprattutto Mazzarella, mentre Andrea Aureli come gioielliere disonesto è al solito impagabile. Divertenti anche le truffe organizzate da Milian.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Zender • 3/07/08 14:40
    Consigliere - 43600 interventi
    Renato ebbe a dire, nelle curiosità del film:
    Segnalo che nel film è presente anche l'anonimo (almeno per ora)caratterista somigliante a Tony Sperandeo che appare anche in Eccezzziunale... veramente ed in Delitto sull'autostrada. E' quello che si riprende la macchina che Tomas Milian non è in grado di pagare...ha un'unica scena, ovviamente non accreditato (almeno credo, non conoscendone il nome).
    Ho il film ma non riesco a vederlo. Mi dici circa il minuto in cui appare descrivendo un po' di più la scena?
  • Discussione Zender • 3/07/08 18:35
    Consigliere - 43600 interventi
    Eccocelo qui infatti, in formato gigante nella magia del marcissimo vhs della Creazioni Homevideo, il nostro uomo misterioso, incazzato come una bestia ed è sempre lui...

    Ultima modifica: 4/07/08 02:36 da Zender
  • Curiosità Manzetto • 24/09/09 22:27
    Disoccupato - 142 interventi
    Nel film è presente lo stesso tema musicale di Occhio malocchio prezzemolo e finocchio.
  • Discussione Cangaceiro • 22/03/10 20:17
    Call center Davinotti - 742 interventi
    Non è una vera e propria curiosità quindi utilizzo la generale. Il tema musicale qui presente nei flashback calcistici di Marangoni/Milian è quasi identico alla musica del film Bomber, che a sua volta era una rimasticatura del main theme di Rocky.
    Una sorta di autoplagio dei De Angelis insomma, forse in leggero calo d'ispirazione dopo le tantissime OST composte negli anni precedenti.
  • Discussione Zender • 23/03/10 08:44
    Consigliere - 43600 interventi
    Beh, un po' di riciclaggio mascherato è inevitabile, nella marea di OST prodotte in Italia negli anni... Ci son cascati un po' tutti, i grandi autori di casa nostra.
  • Discussione Il Dandi • 23/03/10 12:20
    Contratto a progetto - 1443 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Beh, un po' di riciclaggio mascherato è inevitabile, nella marea di OST prodotte in Italia negli anni... Ci son cascati un po' tutti, i grandi autori di casa nostra.

    perfino lui...
    https://www.davinotti.com/forum/musiche/revolver/70001171
  • Discussione Cangaceiro • 23/03/10 14:31
    Call center Davinotti - 742 interventi
    Il_dandi ebbe a dire:
    Zender ebbe a dire:
    Beh, un po' di riciclaggio mascherato è inevitabile, nella marea di OST prodotte in Italia negli anni... Ci son cascati un po' tutti, i grandi autori di casa nostra.

    perfino lui...
    https://www.davinotti.com/index.php?forum=70001171

    Vero, la notai fin da subito la somiglianza tra il tema di Milano odia e quello de Gli intoccabili.
  • Homevideo Geppo • 3/05/10 15:16
    Addetto riparazione hardware - 4020 interventi
    Ecco il DVD appena sfornato dalla 01 di "Il diavolo e l'acquasanta".



    Master: Discreto con qualche graffio
    Audio: Molto buono, Dolby 2.0 Stereo
    Durata: 91 minuti (integrale)
    Video: 1.85:1, 4/3
    Extra: Zero assoluto, manco il trailer.

    Ultima modifica: 4/05/10 01:10 da Geppo
  • Homevideo Geppo • 2/11/10 08:40
    Addetto riparazione hardware - 4020 interventi
    Ecco la rara fascetta VHS CHV di "Il diavolo e l'acquasanta" direttamente dalla Geppo Collection.

    Ultima modifica: 2/11/10 08:50 da Zender
  • Curiosità Fedemelis • 30/09/13 21:34
    Fotocopista - 1763 interventi
    Le immagini di repertorio che ci vengono mostrate per i ricordi della carriera calcistica di Bruno Marangoni (Toman Milian) sono due "autoriciclaggi" del regista Bruno Corbucci.

    Le prime sono quelle della partita Inter-Roma già viste nel film Delitto a Porta Romana (1980):




    Le altre sono quelle della partita Roma-Lazio già viste nel film Squadra antiscippo (1976):