Il delitto Dupré

Media utenti
Titolo originale: Les bonnes causes
Anno: 1963
Genere: thriller (bianco e nero)
Note: Soggetto dal romanzo "Les bonnes causes" (1960) del giornalista e romanziere francese Jean Laborde.
Numero commenti presenti: 5

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/03/18 DAL BENEMERITO LUCIUS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lucius 5/03/18 12:20 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Un legal thriller degno di nota, impreziosito da un bianco e nero ardesia e dalla presenza nel cast dell'istrionica Virna Lisi, accusata suo malgrado di un delitto, in coppia con la Vlady (entrambe al massimo splendore). Un film giudiziario con momenti in aula di grande impatto (come sarà per Doppio taglio). La narrazione è, una volta tanto, lontana dai topoi del cinema di genere francese. Tra depistanti versioni contraddittorie la verità cerca di emergere. Ce la farà?

Nicola81 28/04/19 18:59 - 2004 commenti

I gusti di Nicola81

Parte con un delitto da manuale e arriva alla manipolazione della verità e al fallimento della giustizia di fronte alla bravura o meno degli avvocati, questo giallo giudiziario nel complesso soddisfacente ma penalizzato da un finale che delude e irrita anche un po'; peccato, perché fino a quel momento l'ingegnosità della sceneggiatura e la brillantezza dei dialoghi erano state rimarchevoli. Bravo ma un po' gigione Brasseur, perfidamente fascinosa la Vlady, splendida la Lisi, ottimo il giudice onesto e scrupoloso di Bourvil, marginale Orsini.
MEMORABILE: Brasseur e la Vlady che preparano l'interrogatorio; La ricostruzione del delitto con il ruolo del testimone chiave.

Daniela 15/01/20 22:10 - 9634 commenti

I gusti di Daniela

Un ricco cardiopatico muore a seguito dell'iniezione del farmaco sbagliato. La moglie accusa l'infermiera, amante del morto, contro la quale si accumulano gli indizi ma... Ottimo thriller giudiziario dalla morale molto pessimista circa la giustizia umana, anche se l'epilogo cerca di mettere una toppa che ne sfumi l'amarezza. Lisi e Vlady in parte, entrambe splendide, ma la scena se la prendono l'istrione Brasseur, avvocato con la stomaco foderato di pelliccia, e il pacato Bourvil, umanissimo giudice istruttore che cerca un barlume di verità nel buio fitto di apparenze e menzogne.
MEMORABILE: La notte di preparazione e ripasso della testimonianza da rendere al giudice istruttore; L'intimidazione del testimone oculare

Faggi 18/07/20 14:08 - 1508 commenti

I gusti di Faggi

Organismo tra il giallo e il dramma giudiziario (prevarrà il colore giudiziario). Un delitto ingegnoso a sfondo ereditario, l'imputata innocente (Virna Lisi, splendida), l'assassina demoniaca (Marina Vlady, da capogiro). I labirinti della giustizia, il cinismo e l'ombra lunga di Eros, tanto sottile quanto insinuante e determinante. Si registra un retrogusto amaro (si consideri il finale, che resta aperto); individuabili i punti di fuga (nella prospettiva complottista ad uso strategico). Figurazione d'esattezza e fascino, con idee di stile classicista rinforzate da tocchi estrosi.

Myvincent 19/08/20 15:13 - 2603 commenti

I gusti di Myvincent

Più drammatico che thriller giudiziario, la storia s'incentra sul delitto di un ricco milionario, cardiopatico, a cui viene sostituita una fiala terapeutica con altro, scaricando tutte le colpe alla sua giovane infermiera-amante. Ma attenzione a scaricare anche le persone, potrebbero ribaltarsi completamente i piani. Bianco e nero come una volta, ma con lungaggini e verbosità che tolgono profondità e mistero al racconto, dirigendosi a volte, come con il pilota automatico, verso un finale tanto frettoloso quanto intuibile (almeno per gli "enigmisti" più incalliti).
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.