Il confessionale

Media utenti
Anno: 2013
Genere: corto/mediometraggio (colore)
Note: Premiato come miglior film straniero all'International Short Film Festival of India.
Numero commenti presenti: 2

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/04/16 DAL BENEMERITO B. LEGNANI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 1/04/16 13:34 - 4724 commenti

I gusti di B. Legnani

Cortometraggio di circa dieci minuti, che ha circolato con successo anche all'estero, ambientato nel 1944. Parte in maniera da far temere la consuetudine del già visto, ma poi ha una virata tutt'altro che banale, fino ad una conclusione che si presta a più letture, sulle quali dominano i meccanismi inesorabili della guerra (come accade, più in grande, in Rappresaglia). Interessante.
MEMORABILE: "Comunque il vino era buono".

Pigro 11/08/20 23:53 - 7794 commenti

I gusti di Pigro

L’ufficiale tedesco si confessa in chiesa, ma nel confessionale c’è un partigiano. Storia curiosa, intrigante, ben scritta e ben pensata, al netto di qualche ingenuità. Lo stesso finale, che per un attimo sembra scivolare sulla comicità involontaria si rivela essere ben più graffiante e complesso, e chiama in causa il ruolo della religione nella copertura dei crimini di guerra, suggerendo potenziali riflessioni dal conflitto mondiale fino al presente. Chiedendo allo spettatore di non vedere il verismo laddove è fortissima la carica emblematica.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.