Il commissario Corso (12 episodi)

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 21/06/08 DAL BENEMERITO HOMESICK
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 21/06/08 17:28 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Lo spontaneo Abatantuono nei panni di un commissario dal volto umano, che combatte varie forme di criminalità (furti, traffici internazionali, latte radioattivo, contrabbando, omicidi…) utilizzando buon senso, humour, simpatia, comprensione e giammai la pistola. Un poliziesco old-style con alcune presenze ricorrenti (l’affettuosa e anziana madre Maggio, la giovane e coraggiosa agente Caselli) e numerose guest-stars (Castel, Gravina, Arana, Anna Melato, Orano, Diberti, Quattrini, Pellegrino…) per la gioia di ogni cinefilo.

Markus 31/10/18 08:19 - 3438 commenti

I gusti di Markus

Milano. Il commissario Corso (il "nuovo" Diego Abatantuono ormai promosso ad attore serio) è l'ennesimo poliziotto anti-eroe della tv: non ha pistola (odia le armi come il ben più celebre Colombo), non fuma e non ha la faccia da duro. E' divorziato, vive con il figlio e la madre napoletana. Tutto qui? In effetti non c'è molto di cui disquisire per una serie-tv mal sfruttata dalla stessa Rai (che la passò in seconda serata); con soggetti, sceneggiatura e regia francamente deboli. Resta l'indubbio talento di alcuni degli attori.

Mco 16/12/18 23:08 - 2215 commenti

I gusti di Mco

Uno dei commissari televisivi di cui si parla meno. Eppure il sottobosco cupo di una Milano "poco da bere" si presta molto bene alla bisogna e Abatantuono come protagonista è garanzia di professionalità. Si viaggia tra delinquenti abituali e criminali d'alto calibro, si affrontano temi delicati quali l'immigrazione (clandestina) e lo sfruttamento umano. Il cast è ricco di personaggi di rilievo, mentre le poche concessioni sexy sono affidate a qualche maglietta indossata senza reggiseno e alle gambe della Caselli. Da rivalutare senza ambagi.
MEMORABILE: Il dialogo serrato tra Lino Troisi e Abatantuono (Nel cuore della notte); La sfrontatezza tracotante di Francesco Benigno (Spareggio con l'assassino).

Alberto Sironi HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Zender • 6/12/18 17:43
    Consigliere - 44888 interventi
    Grazie Mco, aggiunte. Forza e coraggio che ti aggiungi a me e a Markus per la collezione completa :)
  • Discussione Mco • 9/12/18 14:07
    Scrivano - 9865 interventi
    06. Dieci giorni tutto compreso
    **! Il suicidio di una ragazza tedesca non convince, nelle sue dinamiche, le autorità del suo Paese, tanto da spingerle a mandare un loro rappresentante in Italia. L'inchiesta deve essere riaperta ad ogni costo. L'episodio vede comparire un insolito Claudio Bisio nelle vesti di sostituto procuratore e si contraddistingue per un tipo di vacanza esotica alquanto singolare, le cui sequenze riportano alla mente afrori di "mondo movie". Sensualissima la Caselli, spigliato Abatantuono.
    (Mco)

    07. Senza prove
    ***! Incipit drammaticamente spettacolare, con un corpo nero sfracellato al suolo. Siamo nel campo dell'immigrazione, dello sfruttamento incondizionato e delle promesse di bella vita mai mantenute. In altre parole, l'attualità. La Milano descritta è quella che cela il marciume ben lontano dalle vie delle grandi firme, che offre alloggi popolari a chi si presta a servizi pericolosi. Nel cast Belei Cerchiai e Margareth Mazzantini. Abatantuono emerge in un contesto di ottimo livello.
    (Mco)
  • Discussione Zender • 9/12/18 18:08
    Consigliere - 44888 interventi
    Grazie Mco, aggiunte.
  • Discussione Mco • 16/12/18 12:42
    Scrivano - 9865 interventi
    08. L'ostaggio
    ** Storia di rapimenti e di riscatti per il prode commissario Corso. Il temibile procuratore Cludio Bisio blocca i beni alla famiglia e il commercialista Antonello Fassari si ribella. Sorta di pamphlet sull'ipocrisia, sulle apparenze ingannevoli e sull'amore non corrisposto. Abatantuono non partecipa in maniera convinta alla vicenda, la quale si rivela fin troppo prevedibile anche agli occhi dei meno esperti di giallo.
    (Mco)

    09. Spareggio con l'assassino
    ***! Uno dei titoli più evitabili per uno degli episodi più belli sella serie. Già l'abbrivio, con il ritrovamento di un cadavere tra le fosse dell'hinterland milanese, preannuncia un buon tracciato. Si aggiunga un cast eccellente, con Francesco Benigno in testa e Alessandro Gassman a ruota, il tema della violenza degli ultrà e una tensione sempre altissima. Abatantuono, pur bravo, stenta quasi a reggere il confronto con gli altri attori impiegati. Camei per Claudia Koll e Sergio Graziani.
    (Mco)
  • Discussione Zender • 16/12/18 16:54
    Consigliere - 44888 interventi
    Grazie Mco, aggiunte.
  • Discussione Mco • 17/12/18 22:21
    Scrivano - 9865 interventi
    10. La sfida
    ** Ad un pericoloso criminale sfugge la situazione di mano quando "l'avvertimento" che aveva ordinato si trasforma in tragedia. E dall'officina della vittima parte l'indagine del Nostro Corso, poco convincente sin dal suo inizio. Anna Melato è molto brava ma non basta la sua carica drammatica a rendere avvincente questo episodio, dagli esiti largamente prevedibili e con una marcia a bassi regimi. Il tema del potere mafioso sempre attivo, malgrado la misura della sorveglianza speciale, avrebbe meritato miglior fortuna. Nel cast, tra gli altri, anche Alessio Orano e Luigi Di Fiore.
    (Mco)
    Ultima modifica: 17/12/18 22:22 da Mco
  • Discussione Zender • 18/12/18 08:15
    Consigliere - 44888 interventi
    Grazie Mco, aggiunto.
  • Discussione Mco • 18/12/18 18:04
    Scrivano - 9865 interventi
    11. La via lattea
    *** Mentre sta aprendo la cassaforte, uno scassinatore "quasi pensionato" viene arrestato anche con l'accusa di omicidio. Infatti, nella stanza dell'appartamento accanto a quella dove operava è stato ritrovato un cadavere. L'indagine di Corso è vivace, ritorna la mamma Rosalia Maggio con la sua simpatia e ospitalità e ci si addentra nel sentiero minato delle truffe alimentari ad ampio raggio. La bella Gravina fa coppia con Lou Castel nella parte dei cattivi di turno, riuscendovi più che bene. Ma il punto di forza è l'interpretazione di Mauri, ladro gentiluomo.
    (Mco)
    12. Patto con la morte
    **! Diviso in due tranche, questo film scompagina l'idea di un lieto fine da assegnare alla serie. Difatti, tra gli altri, anche Ugo Conti perde la vita per mano di un killer spietato e Corso, inizialmente, quasi si allontana dall'indagine. La trama è complessa, forse sin troppo e lo spettatore rischia di perdere l'orientamento, tra società rilevate, Paesi stranieri e personaggi che vengono via via eliminati. La Poggi, frizzante more solito, offre anche uno stacco di gambe da urlo mentre Capponi mostra le espressioni giuste disegnate sul volto. Discreto epilogo.
    (Mco)
  • Discussione Zender • 18/12/18 18:17
    Consigliere - 44888 interventi
    Ottimo, serie chiusa, aggiunti anche questi ultimi. Grazie Mco.
  • Discussione B. Legnani • 10/11/20 20:19
    Consigliere - 14322 interventi
    Noto con sorpresa (e con piacere) che uno dei personaggi citati nei commenti (il commissario Vaccalepre) è interpretato da un anziano Luciano Foti, uno dei generici iper-attivi nel cinema italiano, presente in oltre 100 film.
    Eccolo nell'episodio Patto con la morte.
    Fotogramma preso dal thrillingforum

    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images54/Commissario-Corso-12-Luciano-Foti1.jpg[/img]
    Ultima modifica: 11/11/20 08:03 da Zender