Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/04/10 DAL BENEMERITO COTOLA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Cotola 5/04/10 23:53 - 8313 commenti

I gusti di Cotola

All'inizio sembra di trovarsi dinanzi ad una pellicola a base di castelli, misteri, eredità e cose del genere. Poi il film si trasforma in qualcosa di più simile ad una storia di spionaggio con tanto di complotto (per conquistare il mondo). In tutti i casi la veridicità è vicina allo zero ed anche l'interesse dello spettatore non può essere granchè per un film di scarso valore che, probabilmente, verrà ricordato solo per la partecipazione gigionesca di Orson Welles.

Rufus68 10/12/16 23:33 - 3542 commenti

I gusti di Rufus68

Parte discretamente, con Peppard simpatico loser; poi il film prende una piega inverosimile, fra spionaggio e nostalgie coloniali francesi; quindi annoia; infine, con l'ambientazione a Roma, si perde in bellurie da cartolina (i due protagonisti a mollo nella fontana di Trevi a cercare monetine; il duello finale al Colosseo...). Welles occhieggia da par suo, ma stavolta può far poco.

Daniela 13/04/17 00:31 - 11449 commenti

I gusti di Daniela

Ex pugile americano a Parigi, aspirante scrittore senza un soldo, viene assunto da una ricca famiglia come tutore dell'ultimo rampollo della dinastia e si trova implicato in un complotto di un gruppo revanchista... Trama intrigata non sempre equivale a trama intrigante: qui c'è molto fumo e poca sostanza, tanto è vero che, dopo un inizio promettente (il cadavere nella Senna), la vicenda perde rapidamente di interesse per naufragare nella parte di ambientazione romana, né valgono a tener desta l'attenzione le prestazioni del cast, tutte di routine, compresa quella del sornione Welles.

Rambo90 9/02/21 15:25 - 7064 commenti

I gusti di Rambo90

Parte bene questo thriller di spionaggio, con un inizio intrigante e misterioso. Purtroppo si sfalda strada facendo, sfociando in un poco plausibile intreccio fatto di complotti neonazisti e simili, che manca anche dell'ironia di uno 007 per renderlo accettabile agli occhi dello spettatore. La confezione è comunque corretta, tra la regia esperta di Guillermin, la riuscita colonna sonora e le belle location, ma il plot manca della necessaria forza. Bene Peppard e Welles, la Stevens invece sembra poco a suo agio.

Myvincent 31/01/22 08:22 - 3189 commenti

I gusti di Myvincent

Mix di stili, dalla fantapolitica al thriller. Il film narra le vicende di un simpatico bambinaio assoldato da una ricca e potente famiglia, dove vive una sfortunata lady che vogliono far passare per pazza. George Peppard, più scalmanato che mai, si dimenerà a suon di schiaffoni librandosi fra palazzi parigini, Digione e paesaggi lacustri in quel di Castel Gandolfo. A Roma la storia diventa commedia e pazienza per le assurdità della trama; conta lo stile avventuroso e cavalleresco del protagonista. Fanno capolino Renzo Palmer e Ave Ninchi.

Orson Welles HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Mco • 14/03/13 00:00
    Scrivano - 9918 interventi
    In DVD dal 19 Marzo 2013 per Sinister Film.
  • Curiosità Rufus68 • 11/12/16 00:03
    Contatti col mondo - 206 interventi
    Ancora una pubblicazione sulla scia dell'uscita del film. Libro mai più ristampato, nonostante Stanley Ellin sia ben conosciuto fra gli appassionati del fantastico e del giallo (è suo il celeberrimo racconto La specialità della casa, che ha avuto una riduzione televisiva per la RAI).
    House of cards fu scritto nel 1967 e pubblicato l'anno dopo per i tipi della Mondadori (collana I Rapidi, traduzione di Ugo Carrega).