LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 14/04/08 DAL BENEMERITO PSTARVAGGI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pstarvaggi 14/04/08 09:07 - 80 commenti

I gusti di Pstarvaggi

Marco Vicario dirige con una certa eleganza questo buon film tratto dal romanzo di Piero Chiara, interessante nella trama ma forse un po’ scialbo nei dialoghi (adattamento di Parenzo e dello stesso regista). Tra gli interpreti spiccano un Dorelli simpatico ma per nulla macchiettistico, un’intensa Ferreol e una Bouquet dolce e sensuale. Caratteristi in gran forma, da Svampa a Parmeggiani, da Robutti a Bonacelli. Di gran classe gli interni di Crisanti e la fotografia di Guanieri.

Markus 15/04/08 11:48 - 3378 commenti

I gusti di Markus

Soave Dorelli-movie in cui l’attore confidenziale contiene (anche se non del tutto) i panni dell’uomo brillante e sofisticato. La storia è tratta da un romanzo e se ne ha testimonianza nei dialoghi, forse non sempre credibili e a mio avviso eccessivamente teatrali. La scenografia parigina è raffinata e adeguata al racconto. Sublime l’interpretazione di Andrea Ferreol, ma citerei anche Marcel Bozzuffi che considero straordinario nel difficile ruolo di “spina nel fianco”.

Il Gobbo 7/02/09 22:36 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Ottimo Dorelli tardo vitellone in trasferta parigina, che sembra avviarsi kafkianamente e invece si svolge secondo i registri consueti del grande scrittore luinese, la sensualità e il grottesco, sulle note di Salvador e Charles Trenet. Non tutto funziona al meglio, c'è qualche concessione alla macchietta (tutta la sequenza della visita al manicomio) ma il risultato finale è apprezzabile.

Renato 21/09/09 15:01 - 1648 commenti

I gusti di Renato

Disavventure a Parigi per Johnny Dorelli, in questa commedia diretta da Vicario con il solito stile. Purtroppo qualcosa nella complessità del tema centrale della pellicola rimane irrisolto, ed alcuni snodi della sceneggiatura non mi sono parsi molto fluidi. Però Dorelli è molto bravo, e la Bouquet -scheletrica- si spoglia senza troppi problemi. Finisce invece col risultare odioso il gatto Domiziano, al quale hanno appiccicato un fastidioso e cacofonico miagolio in ognuna delle circa 200 scene in cui appare sullo schermo.

Daniela 23/09/09 14:20 - 9977 commenti

I gusti di Daniela

Trasposizione corretta ma piuttosto piatta e poco grintosa di un romanzo di Chiara, ennesima variazione sul tema del doppio, con il provinciale Piero che, in trasferta parigina, ne passa di tutti i colori per colpa/merito della sua forte somiglianza fisica con un tizio poco di buono ma fascinoso. I pregi maggiori risiedono nel cast, da Dorelli che ha il dono della leggerezza, alle due donne di così diversa sensualità (la straripante Ferreol e l'algida Bouquet) fino ai bravi caratteristi di contorno.
MEMORABILE: Il gatto, che riesce a risultare odioso pure ai gattofili appassionati

Galbo 27/09/09 09:39 - 11546 commenti

I gusti di Galbo

Ambientato a Parigi negli anni '50, Il cappotto di astrakan è tratto da un romanzo di Piero Chiara ed è la storia di un uomo amato da due donne. Il film è permeato da un'atmosfera malinconica, accentuata dall'interpretazione leggera e disincantata di Dorelli ma rimane come irrisolto nella sceneggiatura che sembra fine a sè stessa e non adeguatamente sviluppata. Buone la fotografia e la caratterizzazione ambientale.

Caesars 27/09/10 11:34 - 2869 commenti

I gusti di Caesars

Buona commedia tratta da un romanzo di Piero Chiara, che ha la particolarità (visto l'autore) di svolgersi quasi interamente a Parigi invece che sulle rive del lago Maggiore. Dorelli è molto bravo e anche i comprimari reggono bene il gioco; l'unico a suscitare antipatie è il gatto Domiziano (troppo presente). La sceneggiatura, pur buona, si perde un po' in qualche snodo narrativo e, a mio parere, risulta del tutto inutile la parte al manicomio. Con un po' di generosità però 3 pallini ci stanno.

Dusso 20/08/11 18:26 - 1545 commenti

I gusti di Dusso

Insomma. Un misurato Dorelli (anche troppo) in una storia non proprio ben architettata. Non resta molto, a parte una certa professionalità di fondo e la bellissima Carole Bouquet. Il tutto è gradevole per carità, ma è un po' pochino. Vicario ha fatto di meglio.

Albstef90 2/09/13 17:02 - 78 commenti

I gusti di Albstef90

Elegante commedia stile Campanile, ma diretta dal meno conosciuto Vicario. Dorelli in parte per il ruolo. Buone sceneggiatura e ambientazioni, entrambe molto curate e la scelta degli attori. Girato quasi interamente in Francia e tratto da un romanzo di Piero Chiara, il film è composto da buone situazioni e trovate. Il regista cerca sempre di mantenere lo stile raffinato ed elegante senza mai cadere nel banale. Dorelli si dimostra davvero un bravo attore. Nicolai ne firma la fine e armoniosa colonna sonora. Non male.
MEMORABILE: L'arrivo in Francia; Il gatto; Il Cappotto di Astrakan indossato dal doppio di Dorelli!

Liv 11/02/15 14:57 - 237 commenti

I gusti di Liv

Adattamento dal romanzo di Piero Chiara. Si tratta di cinema, perciò vi è l'esigenza di abbreviare e di rendere più spettacolare. La trama da una parte è alleggerita, dall'altra è arricchita da situazioni ancora più piccanti e avventurose e persino più romanzesche, come il fatto che la protagonista sia pittrice di copie, così come il protagonista è la copia dell'antagonista e come il fatto che il nostro eroe sia tenuto d'occhio dalla polizia. Com'eravamo provinciali, dice il film e come lo siamo ancora, dico io... Regia un po' sciapa.
MEMORABILE: La scena iniziale del treno, che in parte ricorda quella di Amici miei alla stazione.

Marco Vicario HA DIRETTO ANCHE...

Saintgifts 30/07/15 10:08 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Dissertazione in materia di originale e copia dell'originale, dove forse si vuole dimostrare che la copia è anch'essa un originale. Tesi a maggior ragione credibile se si tratta di esseri umani, come in questo caso, dove non una, ma ben due donne finiscono per innamorarsi della copia. Non ho letto il romanzo, ma anche senza accostamenti all'opera letteraria risulta una commedia piuttosto gradevole che, fra l'altro, mette in contatto, attraverso il protagonista, due provincialismi: quello della cittadina sul lago Maggiore e quello di Parigi.

Victorvega 13/01/16 00:17 - 351 commenti

I gusti di Victorvega

Il mio giudizio può risultare condizionato dal fatto di aver prima letto il libro. La conseguenza è che così vengono evidenziate la sintesi cinematografica e le sottrazioni alla storia. In ogni caso il film è elegante e sufficiente, di maniera. Gli attori sono bravi. Buona prova di mestiere. Trovo un po' "tirate via" due scene (che tra l'altro sono inventate rispetto al libro): quella in manicomio e quella del treno di ritorno. Sufficiente.

Puppigallo 15/11/18 12:39 - 4564 commenti

I gusti di Puppigallo

Un Dorelli decisamente ispirato e calato nella parte (preso in mezzo) e una Bouquet dall'algida bellezza, che centellina le parole, riuscendo a colpire con lo sguardo, col non detto, sono gli ingredienti vincenti di questa commedia. A fare poi da non invasivo contorno alla vicenda, ci sono gli amici del protagonista, scanzonati e pronti a sfottere, ma anche sinceri quando si tratta di dare consigli, o semplicemente dire la loro. Senza particolari pretese, ha però il dono di lasciarsi seguire, tra un inconveniente e l'altro; cosa non da poco, vista la sceneggiatura, non proprio eccelsa.
MEMORABILE: "Alla fine non mi hai detto proprio un cazzo!". "Una cosa te la dico. Vedi sto pezzo di legno, dovevo metterci la colla dove hai appoggiato il culo".

Paulaster 14/10/20 09:38 - 2996 commenti

I gusti di Paulaster

Italiano in vacanza a Parigi somiglia a un delinquente. Gli sviluppi iniziali più leggeri sono da film di costume con gli italiani vacanzieri in Francia; poi il film si fa più interessante affrontando il tema del doppio. Il clima poteva anche diventare più cupo, ma alla fine le vicende sorridono sempre a un Dorelli bonario. Conclusione poco incisiva che serve solo a spiegare alcuni accadimenti precedenti. Buona scelta del comparto femminile, con la Ferréol più misteriosa e la Bouquet sensuale ma sfuggente.
MEMORABILE: I soldi nei calzini; La prova del cappotto; Il bambino gettato fuori dal treno.

Noodles 24/02/21 19:00 - 1037 commenti

I gusti di Noodles

Tratto da uno dei romanzi più famosi di Piero Chiara, il film non riesce a riprodurre appieno l'atmosfera dei romanzi dello scrittore lombardo come altri riusciranno a fare meglio. Regia e messa in scena sono abbastanza mediocri. Per fortuna il protagonista è Johnny Dorelli che col suo tocco comico dà spessore a un film altrimenti piatto. La storia di Piero Chiara poi è buona, piacevole e allo stesso tempo profonda. Il problema è dunque nella trasposizione, che però viene salvata, oltre che dal protagonista, anche dal resto dell'ottimo cast. Buona la colonna sonora. Si può vedere.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Markus • 21/12/09 22:47
    Scrivano - 4807 interventi
    Comprato il dvd by CRISTALDI FILM. Nessun extra, ma il film, pur non essendo stato restaurato giova di una buona qualita video.
    Ecco un'immagine tratta dal dvd:

  • Homevideo Zender • 22/12/09 08:50
    Consigliere - 44119 interventi
    Beh, la Cristaldi notoriamente lavora molto bene. Ottimo.
  • Homevideo Geppo • 22/12/09 17:46
    Capo call center Davinotti - 4068 interventi
    Grazie Markus per la segnalazione. Il prodotto sembra davvero interessante!
  • Discussione B. Legnani • 10/11/14 22:56
    Consigliere - 14134 interventi
    Come mai alcuni siti riportano Astrakan con iniziale maiuscola? Credo che molti ignorino cosa sia l'astrakan e credano che sia il nome del proprietario del cappotto...
    Ultima modifica: 7/06/18 19:09 da Zender
  • Curiosità Markus • 7/06/18 18:41
    Scrivano - 4807 interventi
    Il film Il cappotto di Astrakan venne ufficialmente presentato al pubblico il 6 aprile 1980 in una puntata di "Domenica In..." allora condotta da Pippo Baudo. In studio l'affascinante Johnny Dorelli (che spiega, con la sua allora usuale brillantezza, la storia del film e qualche retroscena) e la seducente Carole Bouquet, che con la sua bellezza ha ammaliato - come dargli torto - il nostro Pippo!




    Un'ultima immagine del momento: