Il brigante di Tacca del Lupo

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 25/04/09 DAL BENEMERITO RENATO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Renato 25/04/09 13:20 - 1534 commenti

I gusti di Renato

Robusto film sul brigantaggio, ma soltanto in parte, dato che protagonista è un Capitano del Regio Esercito ed i briganti si vedono poco. Fino all'apparizione di Cosetta Greco il film va come un treno, poi purtroppo quella pausa sentimentale tira inopinatamente il freno a mano. La svolta decisiva nella vicenda arriva comunque proprio dalla questione d'onore, come quasi sempre nel meridione visto da Germi. Meglio la prima parte insomma, ma la visione è piacevole fino al termine.

Remen51 29/03/10 15:26 - 39 commenti

I gusti di Remen51

Nazzari, carismatico brigante cinematografico, qui comanda i bersaglieri nella lotta al brigantaggio, che tale non è ma è reazione contro i “piemontesi” invasori, in una guerra tra soldati/contadini del nord contro contadini del sud. È una storia che si ripeterà sempre nelle guerre italiane: Albania, Grecia e soprattutto in Russia. I bersaglieri sono reali e si muovono in un ambiente privo di strade, abbandonato alla miseria e alla sopravvivenza. “Zitamaria” è bellissima e imbambolata, Nazzari è cinico e soltanto il tenente capisce che"qui non ci amano".
MEMORABILE: La battaglia tra le rocce rieccheggia le sparatorie del Far West.

Saintgifts 6/11/12 23:30 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Esteticamente spettacolare, con un bianco nero che esalta la natura selvaggia dei luoghi e i suoi abitanti. Le piume dei bersaglieri, le nere sottane delle donne, i loro sguardi, le case di pietra... tutto sfruttato a dovere scenograficamente. Nella guerra tra briganti che approfittano del malcontento della popolazione verso i nuovi regnanti piemontesi e i bersaglieri del re si inserisce la scheggia impazzita dell'onore, onore meridionale. Raffa Raffa, nell'ubriacatura del potere, sembra aver scordato che certe cose non si fanno. Notevole.

Galbo 3/07/13 15:30 - 11346 commenti

I gusti di Galbo

Non molti i film italiani dedicati al brigantaggio meritevoli di visione. Il brigante di Tacca del Lupo è uno di questi, non a caso diretto dl grande Germi che riesce a coniugare le esigenze spettacolari con un certo grado di approfondimento sociologico sull'argomento. Ottima la ricostruzione ambientale, con "sfruttamento" ottimale dei suggestivi scenari montani del Sud Italia. Attori ben scelti.

Daniela 20/04/16 00:39 - 9226 commenti

I gusti di Daniela

Poco dopo l'unificazione, nel Sud bande armate fanno leva sul malcontento popolare per tasse e leva obbligatoria per compiere saccheggi e violenze di ogni tipo... Dopo aver militato fra i briganti, Amedeo Nazzari indossa la divisa di capitano dei bersaglieri per questo western nostrano in cui finiscono per darsi una mano ideali patriottici nordici e senso dell'onore meridionale. A parte l'epilogo troppo conciliante. il film è solido, spettacolare, soprattutto per come sa sfruttare magnificamente l'ambientazione fra monti e case di pietra, esaltata dal bel bn contrastato.
MEMORABILE: "Preferivo se tornavi morta!" E lei lo abbraccia (ma una padellata forte in testa era meglio)

Rufus68 7/11/18 21:58 - 3050 commenti

I gusti di Rufus68

Buon film avventuroso: parte alla grande con la dicotomia fra Urzì e l'inflessibile volontà del dovere di Nazzari. Prosegue su buoni livelli anche se lo snodo centrale (la vendetta per lo stupro) sembra riassumere un facile folclorismo e certi caratteri sono più abbozzati che resi memorabili nella loro tipizzazione. Eccellente, invece, l'uso del paesaggio, che fonda con originalità un tentativo di western all'italiana.

Rambo90 13/04/20 22:55 - 6318 commenti

I gusti di Rambo90

Molti echi del cinema western americano in questo bel film di Germi. La costruzione della storia ricorda alcune di Ford, mentre Nazzari sia per ruolo che per fisicità è un po' un Errol Flynn nostrano. L'abilità sta nel saper miscelare azione, dramma e anche una certa critica politica a un'unità d'Italia non da tutti voluta, senza annoiare ma anzi anche commuovendo genuinamente, in alcuni casi. Ottima la scelta delle location.

Nicola81 19/04/20 17:29 - 1925 commenti

I gusti di Nicola81

Uno dei primi film a occuparsi dell'altra faccia del Risorgimento, quella della ribellione delle popolazioni meridionali nei confronti degli "usurpatori" piemontesi. Ottimo nella ricostruzione ambientale, riuscito sul piano spettacolare, nella prima parte offre anche una discreta aderenza storica; poi irrompono la solita questione d'onore e un finale ingenuamente populista, preceduto però da una spettacolare battaglia. Nazzari, tipico ufficiale coraggioso ma incapace di comprendere il contesto, perde il confronto con l'astuzia sudista di Urzì.

Alex75 12/05/20 16:22 - 667 commenti

I gusti di Alex75

Germi concilia ricostruzione storica e analisi sociologica della nascente “questione meridionale” con le esigenze dello spettacolo, strizzando l’occhio a suggestioni d’oltreoceano, valorizzando un Meridione arido e remoto che potrebbe essere il nostro West. Il brigante del titolo è una comparsa, continuamente evocata, in una guerra tra italiani in un’Italia non ancora fatta. Notevoli il comparto tecnico e il cast (nel quale il migliore è Urzì). Di valore, nonostante il finale deludente.
MEMORABILE: Il tricolore calpestato dal cavallo di Raffa Raffa; Il primo confronto tra Giordani e Siceli; Il genovese Tonin e il suo “mal de pansa”.

Giùan 11/07/20 10:14 - 2934 commenti

I gusti di Giùan

Tre anni dopo In nome della legge, altro "western rurale" (stavolta di ambientazione lucana) per Germi. Le ambizioni storiografiche di autore e soggettisti (Fellini e Pinelli) si elevano cercando di inquadrare nella prospettiva del genere americano d'elezione (i richiami a Ford ma soprattutto a Curtiz e Walsh) il controverso fenomeno del brigantaggio, "tumore" borbonico della neonata Italia. Il film ha un bel crescendo confermando le ruvide ma epiche doti del regista, al netto di necessari schematismi e parziali ravvedimenti (l'atteggiamento di Nazzari verso il commissario di Urzì).
MEMORABILE: Il ritorno a casa di ZitaMaria (Cosetta Greco), "predata" dal brigante Raffa Raffa.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Alex75 • 14/05/20 16:26
    Call center Davinotti - 604 interventi
    Secondo Wikipedia, la figura di Raffa Raffa sarebbe vagamente ispirata a quella del brigante Carmine Crocco, che però ebbe una fine ben diversa rispetto a quella riservata a Raffa Raffa. Verrebbe più immediato pensare, invece, anche per assonanza, a Ninco Nanco (anche se quest'ultimo fu solo luogotenente di Crocco e non capo brigante).