LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Dopo il fallimento di NEL CONTINENTE NERO (in realtà non un brutto film, anzi) Marco Risi torna al cinema di denuncia sociale tutto brutti ceffi e dialetti stretti (qui il romanesco) che l'aveva portato alla celebrità con MERY PER SEMPRE. Gli è andata male: al Festival di Venezia IL BRANCO è stato fischiatissimo, la critica l’ha bollato di compiacimento controproducente nei confronti di chi avrebbe voluto condannare. Il grande pubblico ha snobbato il film e Risi si è ritrovato di nuovo a terra, pronto a inabissarsi anni dopo con il folle L’ULTIMO CAPODANNO...Leggi tutto. Eppure IL BRANCO è girato bene, con un gusto non comune nella scelta delle inquadrature e un senso del ritmo notevole (anche se nel montaggio ci si poteva risparmiare qualche dissolvenza a nero di troppo). Gli attori funzionano, anche perché devono interpretare sicuramente quello che riesce loro meglio (il gruppo di coatti romani disadattati); il finale all’alba è intenso e di grande drammaticità, non c'è mai esagerazione nel mostrare la violenza e forse quello che non funziona è il rapporto tra il protagonista (Giampiero Lisarelli) e la turista tedesca più arrendevole (Tamara Simunovic), farcito di frasi fatte e sguardi improbabili. Ma prendiamo il film per quello che è: un accusatorio ritratto di una gioventù depressa e senza ideali, povera di spirito. Senza voler trarre troppi insegnamenti morali (coi quali in effetti Risi ha pasticciato un po') e godendoci un film confezionato bene, che sa tenere alta la nostra attenzione senza mai annoiare. Per un prodotto simile non è poco.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pol 14/11/07 14:23 - 589 commenti

I gusti di Pol

Ha un suo perché questo film. Quelli che mette sul tavolo sono temi senza età: la violenza come unico metodo per ottenere rispetto (ed in questo il personaggio di Memphis è esemplare in quanto soggetto prima attivo e poi passivo di questa violenza), la considerazione della donna come oggetto (e non soggetto) sessuale, il gruppo come luogo dove accantonare la responsabilità personale, ed altri ancora. Il tutto, pur con qualche limite, all'interno di un film ben diretto ed interpretato.

Undying 15/11/07 17:49 - 3819 commenti

I gusti di Undying

Marco Risi batte la strada del "realismo", purtroppo crudo e verosimile. La ricerca del piacere, nelle nuove generazioni prive di valori, sembra essere correlata al potere, all'abuso, alla violenza. Cinismo, insomma, uguale a supremazia. Tutto ciò a discapito della donna, brutalizzata da un branco (titolo del film più che pertinente) di bestie simil-umane. Forse provocherà disgusto, ma di certo la sceneggiatura focalizza la sua attenzione sulla carenza di una vera emancipazione (non quella femminile, ma quella dei sentimenti)...

Stubby 2/12/07 17:53 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Secondo me si tratta di un buon film girato con mestiere ed interpretato piuttosto bene (soprattutto da Memphis e Zingaretti). Già i titoli di testa sottolineati da Radio Radicale fanno subito entrare nell'atmosfera malsana che poi avvolgerà tutto il film. Infatti, dopo un breve preambolo, si parte subito a mille con un buon ritmo, incalzante. Gustoso.

Galbo 18/04/08 07:21 - 11728 commenti

I gusti di Galbo

Ispirato ad un fatto di cronaca, Il branco presenta una connotazione neorealista ma non è un film particolarmente riuscito. La sceneggiatura appare lacunosa in alcuni punti, specie riguardo alla caratterizzazione di alcuni personaggi e specie nel finale si rischia parecchio l'effetto retorico. Di contro piuttosto riuscite appaiono l'ambientazione e la prova del cast, specie Memphis e Tirabassi. Discontinuo.

Cangaceiro 2/05/08 18:57 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Amo questo film che considero il degno coronamento del filone neo-neorealista italiano. La sua forza sta nello sbattere davanti agli occhi dello spettatore questo fatto di cronaca nudo e crudo, senza fronzoli e in un cast decisamente a suo agio nell'interpretare i ragazzacci di provincia che danno sfogo alla loro violenza, con un Ricky Memphis formato gigante su tutti. Ingiuste le critiche dell'epoca a Marco Risi che in futuro firmerà soltanto lavori peggiori di questo.
MEMORABILE: I titoli di testa con in sottofondo radio radicale ed "il branco" al biliardo...

Redeyes 5/01/09 14:10 - 2273 commenti

I gusti di Redeyes

Un ottimo film che, contrariamente all'opinione della critica, io, trovo tutt'altro che compiacente verso la violenza, anzi. Apprezzabilissime la location calata in una gretta realtà provinciale fatta di balli col parroco alla luce delle insegne e di violenza alla luce di fari e dance music. Piace tutto il cast; su tutti comunque Zingaretti. Unico neo nelle ripetute dissolvenze in nero di cui non si capisce l'utilità. Bel film di denuncia crudo quanto basta. Consiglio.
MEMORABILE: "Gli altri sono animali tu SEI UN VERME!"

Nando 25/04/10 10:07 - 3591 commenti

I gusti di Nando

Ispirato ad un reale evento verificatosi in quel di Marcellina, comune alle porte di Roma, il film evidenzia una notevole patina di disgusto presentando scene violente ma alquanto veritiere. Risi condanna gli aggressori ma sembra quasi mostrare una forma di compiacimento nel narrare le loro personalità deviate, frutto di un'esistenza disagiata e priva di valori. Nonostante tutto, comunque, la narrazione è serrata.

Pinhead80 5/08/10 15:46 - 4172 commenti

I gusti di Pinhead80

Indifendibile pellicola diretta da Marco Risi che per 80 minuti abbondanti riesce a non raccontare nulla. Di carne al fuoco ce ne sarebbe (basti pensare alla tematica del film), ma i personaggi non vengono minimamente approfonditi, così come gli stati d'animo. Il tutto sembra rivelarsi un semplice esercizio di stile fine a se stesso. Senza ritmo e povero di idee.

Mco 20/06/11 15:45 - 2222 commenti

I gusti di Mco

Rientra tra i miei "indimenticabili", capace di creare quell'insano voyeurismo misto a impotenza, simile a quello che provano Lisarelli e Spada dietro gli alberi quando ritornano alla baracca di Tulli. La luna che accompagna la notte brava del branco e ne scandisce le malefatte, il viaggio disperato verso la ferrovia dell'incerto Raniero, le espressioni di puro delirio e ferocia di Zingaretti. Sono alcuni dei momenti che straziano le budella ad ogni visione. Chi schiaccia play sul lettore è avvisato.

Daidae 11/01/13 15:31 - 2875 commenti

I gusti di Daidae

Bello. Ispirato a un fatto realmente accaduto nell'80 alle porte di Roma, è un ritratto crudo e spietato. Non scende mai nello squallore e le scene violente sono poche (in compenso le scene forti sono tante). Nota negativa per il cast, veramente pessimo: salvo solo il sempre ottimo Zinagretti. Nel complesso tre pallini meritati.
MEMORABILE: La festa.

Giorgio Tirabassi HA RECITATO ANCHE IN...

Gianleo67 8/05/13 11:00 - 30 commenti

I gusti di Gianleo67

L'intento sociologico è chiaro, ma Risi non sa resistere alla tentazione di assecondare una drammaturgia da fiction televisiva che oscilla tra patetismo e moralismo, insistendo sulla contrapposizione pacchiana tra il luogo comune di una provincia apparentemente domestica e religiosa e il vuoto di valori e la sottocultura bestiale che genera i mostri di una violenza sadica. Una drammaturgia delle ambivalenze che resta tuttavia sul piano di un esercizio registico schematico e superficiale che a volte disgusta, a volte fa sorridere, mai convince.
MEMORABILE: La giovane turista tedesca (Simunovic) che si fa volontariamente sodomizzare per ritorsione con il suo vile e sodale carceriere (Lisarelli).

Faggi 19/03/18 13:11 - 1521 commenti

I gusti di Faggi

Un branco di ottuse e spregevoli bestie o di inconsapevoli, ingenui e volgari esteti delle efferatezze? Ottuse e spregevoli bestie, decisamente. Nuovo neorealismo o exploitation all'italiana rivisitata? Non lo so. L'oggetto prende la via di certa audacia, non manca di espressività e cavalca la cronaca nera con discreta disinvoltura. Se sfiora il compiacimento e non resiste alla (televisiva?) tentazione moralista non è, comunque, un prodotto su cui infierire; e anzi lo si guarda con curiosità e non è disarticolato in ogni suo anfratto.

Alex1988 1/05/18 17:28 - 728 commenti

I gusti di Alex1988

Tentativo riuscito (anche se non appieno) di Marco Risi che porta sullo schermo una storia di violenza da parte di un branco (appunto) di balordi, nei confronti di due ragazze, cercando di farne un ibrido tra il film di denuncia e il film di genere. Comunque sia, Risi è un regista che sa come non annoiare lo spettatore e il film sa rimanere impresso. Al festival di Venezia fu male accolto.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Cangaceiro • 30/08/08 12:46
    Call center Davinotti - 742 interventi
    Luca Zingaretti è ormai nell'immaginario collettivo il commissario Montalbano,Memphis e Tirabassi sono stati per anni colonne di Distretto di polizia e addirittura Giampiero Lisarelli finì nel cast di Carabinieri qualche anno fa...eppure erano credibilissimi nei panni dei delinquenti violentatori!!Paradossi del mondo del cinema...
  • Discussione Zender • 30/08/08 15:51
    Consigliere - 45088 interventi
    Cangaceiro ebbe a dire:
    Luca Zingaretti è ormai nell'immaginario collettivo il commissario Montalbano,Memphis e Tirabassi sono stati per anni colonne di Distretto di polizia e addirittura Giampiero Lisarelli finì nel cast di Carabinieri qualche anno fa...eppure erano credibilissimi nei panni dei delinquenti violentatori!!Paradossi del mondo del cinema...
    Proprio vero! Zingaretti anche in VITE STROZZATE era di una cattiveria memorabile! Un peccato costringerlo a recitare il buono. E pure Memphis... era sempre stato il classico ritratto del delinquentello romano, altro che poliziotto!
  • Homevideo Cangaceiro • 25/09/08 12:04
    Call center Davinotti - 742 interventi
    Ho appena confrontato la versione televisiva con quella del dvd e ho appurato che sono identiche e a detta di Undying non presentano delle scene tagliate invece presenti nella vhs.Faccio un appello a qualche benemerito di accertare quali sono queste scene purtroppo cadute nel dimenticatoio che non ho avuto modo di vedere.
  • Homevideo Zender • 25/09/08 12:31
    Consigliere - 45088 interventi
    Secondo me è più plausibile che, essendo passato probailmente in seconda serata, abbiano reintegrato le scene tagliate per un primo passaggio più soft. Dubito che nel dvd non siano presenti scene presenti invece su vhs... Non ne ho mai sentito parlare, sinceramente.
  • Homevideo Cangaceiro • 25/09/08 12:37
    Call center Davinotti - 742 interventi
    A quindi magari Undying si riferiva ad un passaggio tv di anni fa,forse avvenuto in "fascia protetta",io ho registrato quello di ieri avvenuto dopo l'una di notte,me lo sono riguardato stamattina e ho constatato che non ci sono tagli rispetto alla versione dvx.
  • Discussione Ruber • 1/01/14 16:12
    Contratto a progetto - 9086 interventi
    Dubito che quelle poche volte che fin qui è stato mandato in onda (sempre a tarda ora) il film non sia stato cut.
  • Discussione Buiomega71 • 1/01/14 16:27
    Pianificazione e progetti - 23330 interventi
    Ruber ebbe a dire:
    Dubito che quelle poche volte che fin qui è stato mandato in onda (sempre a tarda ora) il film non sia stato cut.

    Posso confermare che la versione che è andata in onda in seconda serata (sulle reti mediaset, in specifico Rete 4) è la stessa versione della vhs Cecchi Gori in mio possesso

    Almeno chè anche la vhs sia cut (ma non credo proprio)

    Al cinema, come in vhs, il divieto si ferma ai minori di anni 14
  • Discussione Ruber • 1/01/14 16:38
    Contratto a progetto - 9086 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Ruber ebbe a dire:
    Dubito che quelle poche volte che fin qui è stato mandato in onda (sempre a tarda ora) il film non sia stato cut.

    Posso confermare che la versione che è andata in onda in seconda serata (sulle reti mediaset, in specifico Rete 4) è la stessa versione della vhs Cecchi Gori in mio possesso

    Almeno chè anche la vhs sia cut (ma non credo proprio)

    Al cinema, come in vhs, il divieto si ferma ai minori di anni 14


    Ricordo ci furono aspre polemiche sia alla prensentazione a Venezia (fu distrutto dalla critica) e la Thurman in giuria quasi vomitò e gridò di non voler più proseguire la visione, (dal racconto di Verdone negli extra del dvd
    Ultima modifica: 1/01/14 19:29 da Zender
  • Discussione Raremirko • 23/05/18 23:48
    Addetto riparazione hardware - 3772 interventi
    Cangaceiro ebbe a dire:
    Luca Zingaretti è ormai nell'immaginario collettivo il commissario Montalbano,Memphis e Tirabassi sono stati per anni colonne di Distretto di polizia e addirittura Giampiero Lisarelli finì nel cast di Carabinieri qualche anno fa...eppure erano credibilissimi nei panni dei delinquenti violentatori!!Paradossi del mondo del cinema...


    Quotone