Il bounty

Media utenti
Titolo originale: The bounty
Anno: 1984
Genere: avventura (colore)
Numero commenti presenti: 9

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/07/08 DAL BENEMERITO FLAZICH
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Flazich 20/07/08 12:56 - 659 commenti

I gusti di Flazich

Terzo adattamento cinematografico dell'ammutinamento del Bounty questa volta ad opera di Roger Donaldson. Lo sceneggiatore Robert Bolt prende spunto dal romanzo di Richard Hough e non da Nordhoff e Hall (ispiratrici delle altre due versioni). Energica l'interpretazione di Anthony Hopkins che da solo riuscirebbe a sostenere il film anche se, fortunatamente, il resto del cast non è da meno. La pellicola è molto patinata e ha il pregio di mostrare degli ottimi paesaggi.

Galbo 22/07/08 05:52 - 11698 commenti

I gusti di Galbo

Terzo film dedicato alle vicende della celeberrima nave inglese, realizzato dal regista Donaldson con un occhio più attento alle vicende storiche e spostando (rispetto ai film precedenti, specie quello con Brando) l'attenzione più sulla figura del comandante (interpretato con una certa ricchezza di sfumature da Anthony Hopkins) che su quella dell'ufficiale ribelle (un ancora giovane Mel Gibson). Ne deriva uno spettacolo ben strutturato e godibile con una certa cura per la caratterizzazione dei personaggi. Buona la fotografia.

Lovejoy 23/07/08 13:45 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Nuova versione del più celebre ammutinamento della storia del mare. I suoi punti di forza: i magnifici paesaggi in cui si dipana la drammatica vicenda, la splendida prova di un Anthony Hopkins inappuntabile Capitano Bligh, il cameo eccellente di Laurence Olivier, le belle prove di Gibson, Bernard Hill e Neeson. Punti deboli: l'eccessiva durata e la regia prolissa di Donaldson. Comunque accettabile.

Ciavazzaro 1/11/08 11:40 - 4771 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Sicuramente non il migliore adattamento dell'"avventura" del Bounty. Bravi Anthony Hopkins e, ovviamente, sir Laurence Olivier, così così Mel Gibson. Belle scenografie, regia abbastanza sicura, ma tendo a prefergli sia la versione degli Anni Sessanta sia quella successiva. Leggermente inferiore.

B. Legnani 20/05/11 01:32 - 4994 commenti

I gusti di B. Legnani

Una gioia per chi ama paesaggi e recitazioni. Hopkins è straordinario (il film è dominato dai discorsi che tiene sulla scialuppa: Blight, va ricordato, fu un grande navigatore), mentre Gibson (merito del regista?) gli si affianca, ma stando proficuamente un passetto indietro. Grandi le facce di Hill e di Lee-Wilson. Gli sceneggiatori sono più fedeli, rispetto al passato, alla realtà storica, mettendo l'accento sul devastante effetto delle tahitiane e suggerendo soltanto altre motivazioni ipotizzate dagli studiosi. Un bel film: ***
MEMORABILE: Blight che rinuncia alla sua porzione di cibo.

Disorder 28/05/11 14:40 - 1414 commenti

I gusti di Disorder

Buon film d'avventura, incentrato più sui personaggi che sull'azione. Ottima l'interpretazione di Hopkins, comandante tutto d'un pezzo nel bene e nel male; nota di merito anche a Gibson, che morde il freno per quasi tutta la pellicola ma quando serve sa essere incisivo. Peccato solo che il film tralasci del tutto gli eventi tragici seguiti allo sbarco dei ribelli a Pitcairn, incentrandosi quasi del tutto (e forse troppo) sulle fasi pre-ammutinamento. Comunque più che buono.

Saintgifts 25/06/16 10:08 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Se nei due film precedenti il capitano Bligh e il tenente Christian erano connotati decisamente come il cattivo e il buono della situazione (dove il cattivo Charles Laughton della prima versione è inarrivabile), qui si rende più giustizia alla famosa vicenda, disegnando caratteri con più sfumature e spostando l'occhio sul peso avuto dalle bellezze locali (solo al capitano tocca la più in carne) nel far prendere decisioni, tragicamente definitive. La sceneggiatura non riesce (o non vuole) trovare motivi più validi per arrivare all'ammutinamento.
MEMORABILE: Il pianto del re della popolazione locale.

Gordon 24/12/16 14:01 - 223 commenti

I gusti di Gordon

Terzo film dedicato all'ormai celebre vicenda del Bounty e dei suoi ammutinati che si concentra prevalentemente sulla parte storica di quanto accaduto e non sulle vicende amorose. Hopkins, interpretando il capitano Blight (uomo scorbutico e collerico ma non certo un despota) riesce a caratterizzarlo perfettamente dalla prima all'ultima scena. La regia di Donaldson è convincente come d'altro canto è buona l'interpretazione da parte di (un giovane) Mel Gibson e degli altri attori. Suggestivi i paesaggi.
MEMORABILE: Blight che si presenta nervosissimo alla corte marziale; Il dialogo tra Hopkins e Gibson la sera prima dell'ammutinamento.

Rambo90 21/02/17 17:35 - 6868 commenti

I gusti di Rambo90

Bell'adattamento della tragedia del Bounty, con un occhio particolarmente attento al contesto storico e alle contraddizioni caratteriali dei personaggi. Nessuno dei due protagonisti è nettamente buono o cattivo, ma entrambi sono pieni di interessanti sfumature che rendono realistico e umano il loro modo di agire. Bravo Hopkins, più acerbo (e a tratti finto) Gibson. Ritmo un po' lento nella prima parte, ma si risolleva nella seconda. Belle le location.

Roger Donaldson HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ciavazzaro • 18/07/09 11:51
    Scrivano - 5628 interventi
    La regia venne offerta a Michael Cimino che pero' rifiuto'.
  • Curiosità Buiomega71 • 28/06/18 19:23
    Pianificazione e progetti - 23188 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (domenica 29 novembre 1987) di Il bounty:

  • Discussione Raremirko • 23/02/21 22:21
    Addetto riparazione hardware - 3750 interventi
    Buonissima versione di Donaldson, nobilitata dalle musiche elettroniche del mito Vangelis, con ambienti suggestivi e megcast (presenti pure Day Lewis, Olivier e Neeson).

    Tanti mezzi, buon script, tanta suggestione per 125 minuti che non stancano.

    Più o meno sullo stesso piano delle altre versioni.