Identikit di un delitto

Media utenti
Titolo originale: The Flock
Anno: 2007
Genere: thriller (colore)
Regia: Andrew Lau
Note: Primo film americano del regista della trilogia cult "Infernal Affair".
Numero commenti presenti: 15

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 17/08/08 DAL BENEMERITO G.GODARDI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

G.Godardi 17/08/08 18:00 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Arriva in Italia sotto il solleone il primo film americano di Lau dopo diverse traversie produttive (ne esistono due versioni con diverso montaggio e minutaggio). È un thrillerone sul modello di Manhunter e Seven, che, passando anche per Saw e Hostel, tenta di coniugare tematiche Usa col ritmo tipicamente orientale. Il risultato è affascinante per quel che riguarda l'atmosfera (fotografia eccezionale e parecchi momenti di tensione) ma narrativamente è un colabrodo. Gere in un bel ruolo estremo. Crudo, straniante e malato. Irrisolto ma da vedere.

Manulele81 20/08/08 18:35 - 83 commenti

I gusti di Manulele81

Discutibile e poco interessante thriller psicologico, che dal rapporto tra l'assistente e la sua "allieva", passa molto presto al lato efferato, intransigente e insensato del genere: un film che dovrebbe rifletter (sui risvolti della devianza sessuale e sul significato di una professione importante e affascinante) e che invece si limita a giudicare, ricattando lo spettatore con improbabilità narrative messe a bella posta per completare un puzzle reazionario e sessuofobo. Che ovviamente, quando giunge il momento, fallisce anche la tensione.

Mascherato 7/09/08 15:37 - 583 commenti

I gusti di Mascherato

Da Internal Affairs (il film di Mike Figgis in cui Gere esplorò il suo lato oscuro per il primo ruolo da villain) ad Infernal Affairs (il titolo che ha apert a Lau le porte di Hollywood), una consonante di differenza. Identikit di un delitto (che vede lavorare insieme Gere e Lau) è, però, "dissonante" rispetto al modello Se7en (apertamente citato nell'epilogo) perché la discesa agli inferi di Erroll ricalca più quella di Tom Welles in 8 mm (che Andrew Kevin Walker, sceneggiatore di Se7en, scrisse dopo) e l'interessante indagine del lato oscuro, questa volta dell'America, rimane in superficie.

Daniela 9/12/08 14:57 - 9222 commenti

I gusti di Daniela

Un film imperfetto e non molto originale (nel finale il richiamo a Seven è troppo palese ed induce a confronti ingenerosi), molto pessimista ed anche reazionario nel suo messaggio quando nega ogni possibilità di redenzione, ma da vedere comunque sia per certi ambienti degradati, ben resi dalla fotografia che per il personaggio interpretato da Gere (in un ruolo assolutamente anti-glamour, un poliziotto ossessionato ed ossessivo quanto i criminali che perseguita). Il punto debole è la sceneggiatura, zoppicante ed effettistica.

Galbo 5/01/09 08:15 - 11344 commenti

I gusti di Galbo

Poco convincente l'esordio americano del nipponico Lau, peraltro parecchio rimaneggiato (pare senza la collaborazione del suo autore) prima dell'uscita in sala. Il film senz'altro affascinante dal punto di vista visivo per le torbide amosfere che riesce e creare e segnato dalla buona prova del cast (specie Gere, molto convincente nel suo ruolo) è però parecchio carente dal punto di vista narrativo con troppi rimandi ad opere precedenti (Seven su tutte) e poca originalità.

Trivex 10/01/09 14:50 - 1480 commenti

I gusti di Trivex

Il Gere in versione estrema o presunta tale è solitamente uno spettacolo ed anche in questo caso buon sangue non mente. Il personaggio del funzionario alienato dal doloroso lavoro al quale è chiamato è perfettamente interpretato, peccato non si possa dire la stessa cosa della sua compagna d'avventura, troppo neutrale alle forti pulsioni sprigionate dal dolore sopportato e dalla passione praticata dal protagonista. La storia purtroppo è davvero poca cosa, per niente originale anche se il finale può sorprendere. Non capisco davvero il divieto ai 18.

Cangaceiro 24/12/09 17:50 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Questo profondo viaggio nella depravazione sessuale di un America che sembra dimenticata dal mondo, scivola via come l'acqua sul vetro: pochi sussulti, molte ciance e parecchie situazioni straviste (c'è il solito agente mal sopportato dai colleghi e con shock pregresso a carico). La regia è da "montagne russe" con equilibrismi e stacchi vertiginosi uniti ad un montaggio convulso. Di buon livello la forte scena da torture-porno nella roulotte. Gere regge bene il confronto con un personaggio molto sfaccettato ed approfondito, mediocre invece la Danes.

Nando 8/06/11 08:55 - 3458 commenti

I gusti di Nando

Thriller pervaso da atmosfere torbide ed inquiete in cui Gere interpreta una parte tormentata e convincente, tuttavia la narrazione è sfilacciata e presenta buchi clamorosi. Troppi rimandi a pellicole del recente passato e vittoria totale del pessimismo anti-redentivo.

Herrkinski 9/06/11 09:17 - 5036 commenti

I gusti di Herrkinski

Esordio statunitense per il bravo Lau, che confeziona un thriller in perfetto stile USA, con ovvi richiami alle atmosfere di Seven e derivati. Tuttavia il regista aggiunge il proprio tocco e realizza un prodotto superiore alla vagonata di film sui serial-killer usciti negli ultimi 15 anni, grazie anche ad una fotografia affascinante e ad un pessimismo di fondo non comune. Sull'orlo di un mondo allo sfascio, si staglia un Gere tormentato, diviso tra giustizialismo e remore morali, simulacro di un'America che fatica a distinguere tra bene e male.

Saintgifts 12/12/13 01:27 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Se guardi troppo l'abisso, l'abisso poi guarda te. Come rimanere immuni e misuratamente distaccati facendo certi lavori, per riuscirli a fare nel miglior modo. È il dramma di Errol (un buon Richard Gere, affiancato bene da Claire Danes) che nell'abisso rischia di precipitare. La fotografia e i luoghi rendono bene la scabrosità dell'argomento; forse si eccede in virtuosismi ed effetti non necessari, mentre per certi versi si percorrono strade poco originali, vanificando in parte un lavoro con un buon potenziale.

Homesick 17/06/15 17:38 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Si parla di maniaci sessuali irredimibili mostrandone le orribili nefandezze e si contrappone loro un detective-giustiziere ai limiti della patologia, ma quando arriva la resa dei conti con il vero colpevole ci si tira indietro in ossequio al politically-correct in abito rosa... D'altronde sono proprio le sceneggiature carenti a rovinare gran parte dei film contemporanei, anche laddove si disponga di attori decisi e credibili e si adottino soluzioni ad effetto tra visionarietà e realismo.
MEMORABILE: L'incubo con il cane.

Namib 26/07/16 23:24 - 7 commenti

I gusti di Namib

Credo sia un film da rivalutare; per l'importanza del paesaggio mi ricorda stranamente Le paludi della morte, di Ami Canaan Mann: anche qui i personaggi sembrano quasi sfarinarsi, nella loro tipicità "di genere", sovrastati da una geografia schiacciante e fatale. Ma qui la ghignante follia dell'assassino/a principale rimanda, più che al cliché del SK, all'ipotesi dell'esistenza di una "specie" diversa, famelica, gelida e irredimibile, come nei "gialli soprannaturali" di John Connolly.
MEMORABILE: "Scava! Scava! Ce ne sono altre!"

Ira72 3/01/18 21:51 - 920 commenti

I gusti di Ira72

A metà tra Seven e Il silenzio degli innocenti, ma con una visione più cinica perché per Babbage chi soffre di certe turbe non guarisce mai. E allora tanto vale farsi giustizia da soli. Le atmosfere torbide ci sono, come anche i colpi di scena, i cadaveri e le terre desolate con le baracche inquietanti sparse qua e là. Non male nemmeno la Danes (Gere, si sa, è una garanzia). Forse un titolo meno inflazionato avrebbe dato più risalto al film (sarebbe bastato tradurre l’originale per incuriosire maggiormente). Non eclatante, ma neanche una ciofeca.

Ultimo 12/04/18 10:31 - 1348 commenti

I gusti di Ultimo

Thriller piuttosto mediocre, nonostante la prova convincente di Richard Gere, poliziotto integerrimo pronto a tutto per il suo lavoro. Convince poco la regia, troppo confusa e poco adatta a un lungometraggio; così come la sceneggiatura, dalla quale ci si aspetta qualcosa in più. Ne esce un film poco originale, che arriva a malapena alla sufficienza.

Minitina80 30/04/20 21:22 - 2304 commenti

I gusti di Minitina80

Debole thriller che dice tutto e niente allo stesso tempo. Vuole osare con un linguaggio visivo eloquente, parlando di depravazioni e pervertiti e della situazione che avvilisce l’America per stupri e rapimenti a scopo sessuale. Purtroppo non riesce a mettere ordine nella scrittura e la butta in caciara, non permettendo di focalizzarsi sul filo logico delle indagini. Lo stesso Gere, per quanto bravo, si trova affibbiato un ruolo sopra le righe e stereotipato. Troppo sfacciatamente simile a Seven l’epilogo, sia nell’ambientazione che nel girato.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Cangaceiro • 24/12/09 18:00
    Call center Davinotti - 743 interventi
    Sono assolutamente d'accordo con quanti hanno usato nel loro commento la parola REAZIONARIO relativamente a questo film.
    Quello di Gere è un personaggio approfondito e per certi versi complesso ma i modi da lui usati verso i maniaci sessuali (ex o non che siano) ricordano da vicino quelli dei ruoli di Maurizio Merli nei poliziotteschi...