I tabù

Media utenti
Anno: 1963
Genere: documentario (colore)
Note: Aka "Taboos of the world". Stefano Sibaldi è il narratore per l'edizione italiana, Vincent Price per quella in inglese.
Numero commenti presenti: 6

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 2/08/15 DAL BENEMERITO FAUNO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fauno 2/08/15 15:52 - 1986 commenti

I gusti di Fauno

A differenza di altri mondos, anzichè spaziare tende ad approfondire tre o quattro nazioni che fungono da caposaldo. In tal modo si capisce il motivo per cui la vacca sia sacra in India e come esser fuori casta sia un incubo; come il Giappone si sia tolto l'onta della Seconda Guerra con l'ossessione per il piacere e l'indifferenza per chi soffre; come nei paesi nordici la programmazione delle nascite sia connessa alla tendenza al suicidio; infine, per l'Indocina, la vera funzione delle lustrascarpe e delle fumerie a Hong Kong nonché l'esistenza di un muro a Macao.
MEMORABILE: Le gabbie di Bombay; La messa nel lebbrosario; Il divorzio pakistano; La torre di Stoccolma; I tatuaggi; I bambini svizzeri; Il legame follia-tabù-verità.

Markus 5/01/17 17:52 - 3400 commenti

I gusti di Markus

Campionario non molto efferato di stranezze dal mondo rese appetibili dal sagace e talvolta irriverente commento fuori campo. Molto Giappone e oriente in generale: dai tatuaggi (allora "vezzo" di prostitute) alle varie stregonerie a base di spremuta di serpente per accrescere il vigore nell'amore e altre amenità. Al nord Europa la consueta carrellata di sesso libero come l'autoctona spensierata giovinezza cresciuta in un mondo civile che, al capolinea (la morte), "non commuove". Di fronte a queste sentenze ci resta solo da ghignare. Non male.

Cotola 21/08/17 10:25 - 7833 commenti

I gusti di Cotola

Rispetto ad altri mondo si "viaggia" di meno e ci si concentra su pochi paesi, in particolare dell'Estremo Oriente. Ovviamente non mancano riempitivi inutili (si pensi al pezzo del tutto posticcio in cui si parla del fatto che la scaramanzia e la superstizione non sono certo solo ad appannaggio dei napoletani: bella scoperta!) e bizzarrie di dubbia veridicità, ma rispetto alla media del genere qui c'è più serietà e sobrietà il che favorisce un risultato finale comunque dignitoso. Non manca nemmeno qualche spunto davvero interessante. Recuperatelo, soprattutto se amate il genere.

Pinhead80 15/08/17 19:41 - 4070 commenti

I gusti di Pinhead80

Classico mondo movie anni '60 che ci presenta tutta una serie di stranezze che riguardano soprattutto l'estremo oriente. Non sono presenti grandi efferatezze e questo per quanto mi riguarda rappresenta un punto a suo favore; e tutto sommato ci vengono risparmiati molti dei luoghi comuni che caratterizzeranno opere di questo genere negli anni a venire. Anche da un punto di vista antropologico qualcosa di interessante c'è.

Ronax 24/04/20 16:34 - 958 commenti

I gusti di Ronax

Un film che pare piuttosto morigerato e privo di punte disturbanti (fu comunque pesantemente tagliato dalla censura e dalla magistratura), a parte le oggi inaccettabili violenze sugli animali. Qua e là di qualche interesse nella pur datatissima parte orientale, cade penosamente quando dice la sua sulla realtà scandinava, squadernando immagini spudoratamente artefatte e declamando con ridicola voce stentorea le più viete banalità sull'argomento dell'Italietta del tempo.
MEMORABILE: I violenti raid dei raggare svedesi, scene viste e straviste in vari altri mondo del periodo.

Panza 13/05/20 13:09 - 1542 commenti

I gusti di Panza

Documentarista di lungo corso, Marcellini si inserisce nel filone dei mondo contando sulla varietà di spezzoni, brevi e provenienti da varie parti del mondo, soprattutto nord Europa e Asia. Preso atto della competenza registica e dell'ottima fotografia, bisogna però constatare che molte delle scene presentate sono in realtà poco plausibili ricostruzioni, come nel caso del ripudio filmato di nascosto o del taglio del dito. Il cinismo del commento e le ironie razziali spesso e volentieri generano crasse risate. Multiformi le musiche di Lavagnino.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Raremirko • 1/05/20 22:29
    Addetto riparazione hardware - 3645 interventi
    Ogni tanto passa su reti private, credo...
  • Discussione Caesars • 4/05/20 09:16
    Scrivano - 12630 interventi
    Gestarsh99 ebbe a dire:


    La versione andata in onda su Cine34 è di 86:03 minuti, mentre Italiataglia.it riporta un metraggio di 2683 m., che corrisponderebbe a una durata cinematografica di 98 minuti.


    Gest,
    potresti dirmi come si passa dal metraggio al minutaggio?
    E' una questione che m'interessa assai.
    Grazie mille
  • Discussione Deepred89 • 4/05/20 11:55
    Comunicazione esterna - 1438 interventi
    Ci sono metodi più precisi, ma per sapere i minuti (quindi non i secondi) a 24fps io divido il metraggio per 27,36. Occhio però che vhs, dvd usciti in Europa e film trasmessi in tv vanno a 25fps, e che su Italia taglia metraggio dichiarato e accertato sono invertiti, come puoi notare confrontando una scheda a caso col rispettivo verbale in pdf.
  • Discussione Caesars • 4/05/20 12:06
    Scrivano - 12630 interventi
    Deepred89 ebbe a dire:
    Ci sono metodi più precisi, ma per sapere i minuti (quindi non i secondi) a 24fps io divido il metraggio per 27,36. Occhio però che vhs, dvd usciti in Europa e film trasmessi in tv vanno a 25fps, e che su Italia taglia metraggio dichiarato e accertato sono invertiti, come puoi notare confrontando una scheda a caso col rispettivo verbale in pdf.

    Grazie mille Deep.
    Hai idea di come esca il numero 27.36?
    Può variare a seconda del formato di pellicola usato?
    Grazie ancora comunque per la risposta
  • Discussione Gestarsh99 • 4/05/20 13:13
    Scrivano - 16500 interventi
    Caesars ebbe a dire:
    Gestarsh99 ebbe a dire:


    La versione andata in onda su Cine34 è di 86:03 minuti, mentre Italiataglia.it riporta un metraggio di 2683 m., che corrisponderebbe a una durata cinematografica di 98 minuti.


    Gest,
    potresti dirmi come si passa dal metraggio al minutaggio?
    E' una questione che m'interessa assai.
    Grazie mille



    Io seguo quanto riportato su Wikipedia.

    27,36 è il numero dei metri di pellicola 35 mm che il proiettore cinematografico riesce a "svolgere" in un minuto.

    Per farla semplice, una pellicola cinematografica scorre a una velocità di 1,641 km/h (poco più di un miglio orario).
  • Discussione Caesars • 4/05/20 14:02
    Scrivano - 12630 interventi
    Grazie mille Gest per la risposta.
  • Discussione Deepred89 • 4/05/20 17:59
    Comunicazione esterna - 1438 interventi
    Caesars ebbe a dire:
    Deepred89 ebbe a dire:
    Ci sono metodi più precisi, ma per sapere i minuti (quindi non i secondi) a 24fps io divido il metraggio per 27,36. Occhio però che vhs, dvd usciti in Europa e film trasmessi in tv vanno a 25fps, e che su Italia taglia metraggio dichiarato e accertato sono invertiti, come puoi notare confrontando una scheda a caso col rispettivo verbale in pdf.

    Grazie mille Deep.
    Hai idea di come esca il numero 27.36?
    Può variare a seconda del formato di pellicola usato?
    Grazie ancora comunque per la risposta


    Rispondo alla tua seconda domanda. 27,36 vale per i film in 35mm. Per quelli a 16mm devi dividere per 10,97 (su Italia taglia se ne trovano spesso per le seconde edizioni col divieto derubricato richieste da Mediaset negli anni 80 e 90).
  • Discussione Caesars • 4/05/20 23:33
    Scrivano - 12630 interventi
    Deep, ri-grazie
  • Discussione Caesars • 13/05/20 10:56
    Scrivano - 12630 interventi
    Panza ebbe a dire:
    Note:



    Aka "Taboos of the world". Stefano Sibaldi è il narratore per l'edizione italiana, Vincent Price per quella in inglese.


    Interessante sapere che il grande Price sia il narratore nella versione anglofona.
  • Curiosità Panza • 18/05/20 20:33
    Contratto a progetto - 5014 interventi
    In una scena ambientata in Giappone appare la locandina del film La voglia matta (1962):