I sopravvissuti della città morta

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Il modello esplicito è l’Indiana Jones di Spielberg, al quale il nostro Antonio Margheriti (sotto l'abituale pseudonimo di Anthony M. Dawson) si rifà chiaramente per questa sua avventura tra templi maledetti e sette turche indispettite. Il protagonista David Warbeck, in verità, sembra assomigliare di più a uno dei tanti James Bond, piuttosto che all’eroe di Harrison Ford (non è un caso che a un certo punto si lasci andare a un “per questo lavoro andava bene Roger Moore” di chiara interpretazione), anche per il tipo di ironia del personaggio. Muovendosi tra le strade di Istanbul prima e tra le rocce della Cappadocia poi, l'avventura si sviluppa in modo canonico senza vergognarsi di proporre dei cattivi da barzelletta che trasformano...Leggi tutto il tutto in un fumettone zeppo di stereotipi da pura serie B. E in effetti, considerata la povertà dei mezzi a disposizione, non c'è rischio di sbagliarsi. Fortunatamente Margheriti in questo ambito sa muoversi con dimestichezza fornendo una regia solida che, nonostante tutto, rende il film adeguato alle aspettative di chi ama il genere, con un finale (quasi) spettacolare, inseguimenti e - va rimarcato - un'ironia capace di farci soprassedere sulla scarsa plausibilità dei dialoghi. John Steiner, per una volta, lotta dalla parte giusta (anche se il suo personaggio non è comunque del tutto trasparente), la biondina di turno si rivela una sorta di ninfomane (ad ogni incontro con Warbeck propone l'amplesso), il protagonista se la cava senza troppo eccellere. Sceneggiatura molto modesta, fotografia e musica e pure. Certo non un gran film.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/08/06 DAL DAVINOTTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Tomastich 29/10/08 21:21 - 1216 commenti

I gusti di Tomastich

Simpatico Indiana Jones-clone firmato Antonio Margheriti. Buona parte dal discreto risultato è merito del sempre bravo David Warbeck e delle belle ambientazioni. La storia vede i protagonisti impegnati nella classica ricerca di un tesoro (la città morta). Molto divertente.

Mco 16/05/09 02:47 - 2156 commenti

I gusti di Mco

Un tesoro fa sempre gola a molti e ad accorgersene saranno Warbeck e compagnia bella, partiti per la Cappadocia alla ricerca di uno scettro magico. Per alcuni un fantahorror, per altri un adventure, per altri ancora un thriller postatomico... Unica certezza che è un pessimo film che la critica cerca di rivalutare solo perchè partorito dal grande Margheriti, capace sempre di grandi opere di serie minore ma che stavolta fa una sonora cilecca!

Daidae 22/06/09 10:40 - 2749 commenti

I gusti di Daidae

Uno dei film più deboli nella carriera di un grande regista. Non basta l'ottimo cast, la storia è risibile e davvero poco originale. Oltretutto, data la leggerezza di alcune scene, sembra di assistere a un film da destinare a un pubblico di ragazzini.

Herrkinski 5/11/10 02:32 - 5218 commenti

I gusti di Herrkinski

Margheriti è sempre riuscito a trasformare produzioni a bassissimo budget in film più che dignitosi. Lo stesso accade con questo avventuroso, che oltre a un discreto cast, tra cui il mitico Warbeck (un attore che avrebbe meritato più fortuna, secondo me), offre qualche buon momento di entertainment senza pretese. La parte più interessante è l'ultima mezz'ora nel tempio, molto alla Indiana Jones; se la prima parte del film fosse stata un po' più brillante il voto sarebbe stato anche migliore. Comunque un prodotto onesto. Belle le location turche.

Homesick 12/12/10 18:42 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Assistere ad un film di Margheriti è sempre un piacere, anche quando imita un kolossal come I predatori dell’arca perduta: c’è genuina passione per il cinema e grande competenza nell’utilizzo di un budget limitato per realizzare trucchi, effetti speciali ed emozionanti scene d’azione, in questo caso riguardanti esplosioni, crolli di caverne e immensi incendi; il racconto procede speditamente, con gustose spruzzate d’ironia da parte di Palacios e Collins. Warbeck si conferma attore tuttofare del nostro cinema di genere e Steiner è un finto paraplegico come ne Il ritorno di Zanna bianca.

Minitina80 22/06/17 15:02 - 2368 commenti

I gusti di Minitina80

Divertente film d’avventura il cui personaggio di un versatile Warbeck oscilla a metà tra Indiana Jones e James Bond. Lo stile rimanda chiaramente ad altri tempi in cui a prevalere è l’abilità registica che cerca di continuo di oltrepassare tutti i limiti di una produzione non sfavillante. Nonostante le imperfezioni e la scarsa credibilità di alcune situazioni ci si diverte a sufficienza perché non si prende mai troppo sul serio e l’azione non manca. Titolo emblematico che rispecchia i contenuti.

Rufus68 5/10/17 23:40 - 3125 commenti

I gusti di Rufus68

Simpatico avventuroso che fa il verso (smaccato) a Indiana Jones (che lo faceva a Carl Barks, ma non si dice). Alla fine la differenza è nei soldoni della produzione. Warbeck è guascone il giusto e la combriccola con Palacios e Pigozzi (e il contraltare Steiner) funziona niente male. Le ingenuità (e le indigenze) si fanno sentire inevitabili, ma i novanta minuti filano via con impreveduto piacere. Graziosa la Sudlow, star del fotoromanzo.

Maik271 3/03/18 13:28 - 436 commenti

I gusti di Maik271

Indiana Jones ispira questo avventuroso film italiano. Nel cast il solito Warbeck, onnipresente del cinema bis, coadiuvato dalla starlette di turno e dal mitico Pigozzi. La trama è un tantino ingenua e rispecchia piacevolmente lo stile Margheriti. Un film ben girato, leggero nei contenuti ma divertente. Location turche immagine di un budget modesto e grande utilizzo di modelli in scala per le sequenze d'azione, tutto come copione.
MEMORABILE: L'inseguimento creato con modellini di auto.

Noodles 13/11/19 22:31 - 883 commenti

I gusti di Noodles

I film d'avventura dovrebbero essere avvincenti. Questo di avvincente non ha proprio nulla. Sceneggiatura confusissima e recitazione pessima i peggiori difetti (si salva a tratti John Steiner, simpatico Ricardo Palacios). Si scimmiotta a tutto spiano Indiana Jones, compresi alcuni inserti comici che però qui sono francamente stucchevoli (qualsiasi sia la situazione i protagonisti hanno sempre la battuta pronta). Anche gli effetti lasciano a desiderare. Da dimenticare.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo M.shannon • 3/09/13 21:42
    Disoccupato - 312 interventi
    Dvd Pulp (fotogramma minuto 2:40)

    Ultima modifica: 4/09/13 09:20 da Zender