I sonnambuli

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Sleepwalkers
Anno: 1992
Genere: horror (colore)
Note: E non "I sonnanbuli". Sceneggiato da Stephen King
Numero commenti presenti: 16
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Sceneggiato da Stephen King, SLEEPWALKERS si avvale del "genio" del nuovo horror nonché della sua effimera presenza nel cast nella parte di un impresario di pompe funebri. Tutto ciò tuttavia non è sufficiente a far apparire il film come un'opera degna. La trama, scontata, racconta le vicissitudini di madre e figlio cannibali, i quali non solo condividono questa insana abitudine, ma si concedono a rapporti incestuosi reiterati, si dedicano all'invisibilità e squartano chi dissente dopo ridicole trasformazioni facciali ottenute con uno sconsiderato abuso del morphing (la tecnica resa celebre da TERMINATOR 2 e che fa ottenere passaggi da un soggetto a un altro con...Leggi tutto sovrapposizioni progressive apparentemente invisibili). L'unica qualità di SLEEPWALKERS è un inatteso ritorno al gore (tra le comparse non a caso c'è anche il padre moderno del genere, Tobe Hooper), con discrete sequenze di sbranamenti, dilaniazioni, uomini perforati da sbarre di cancelli e gatti sbattuti in terra. Già, gatti, gli unici animali in grado di annientare l'invulnerabilità della triste famigliola. Ed è davvero strano rivedere maltrattati non solo gli uomini ma anche gli animali. In un'epoca in cui il WWF non lascerebbe passar impunito nulla, un affronto simile è quasi un atto di coraggio. L'unico; perché sceneggiatura, fotografia ed ogni altra componente sono di una banalità e insulsaggine irritante. La presenza nel film di comparsate da parte dei più noti registi horror è una presentuosa strizzatina d'occhio ai cinefili.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 5/06/07 17:09 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Il regista prediletto da Stephen King, artefice delle due recenti serie americane (I Masters of Horror) non ha la capacità di spingersi sino al dovuto e di affondare lo sguardo (leggasi la macchina da presa) nelle ferite e negli squarci (o mutilazioni) che vengono prepotentemente invocati dal racconto: imbastito attorno agli avvicendamenti di un gruppo familiare di succhiasangue parzialmente felini. Patinato ed indolore, pur se - a tratti - magnetico grazie al buon utilizzo della colonna sonora...

Lovejoy 22/10/08 18:46 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Sceneggiato da Stephen King, che compare in un rapido cameo, un divertente horror ben diretto da Garris. Bel ritmo, diverse sequenze memorabili e un cast convincente sono i pregi maggiori di questo horror che vale almeno una visione. Buoni gli effetti speciali (anche se sembrano provenire dagli anni '50...).

Daidae 9/02/09 15:48 - 2748 commenti

I gusti di Daidae

Bruttarello. Creature demoniache che si nutrono di "fluido di vergini" si stabiliscono in una tranquilla provincia americana; dovranno vedersela con una "vergine" ribelle e con dei gatti. Effetti speciali malfatti, storia bamba, attori così così, qualche scena da salvare (gli inseguimenti del poliziotto con tanto di felino al seguito...).
MEMORABILE: La pannocchia di mais usata come coltello; La faccia leonina del sonnambulo durante l'inseguimento.

Herrkinski 23/09/09 14:04 - 5205 commenti

I gusti di Herrkinski

Tipico esempio di horror dei primi '90, scritto da Stephen King (che fa anche una comparsata). La storia è così così, tuttavia il film risulta gradevole per una serata senza impegno, grazie a una discreta dose di scene gore, un ritmo scorrevole, una colonna sonora abbastanza interessante, qualche gradito sprazzo ironico e dei buoni interpreti, tra cui la bella Amick (che due anni dopo vedremo in un ruolo "infame" nel thriller Incubo d'amore). Cameo di King, Clive Barker, John Landis, Tobe Hooper e Mark Hamill.

Cotola 21/10/09 23:49 - 7560 commenti

I gusti di Cotola

Scritto da Stephen King, è un pessimo horror in cui si racconta la storia di due “fratelli” vampiri che odiano i gatti. La storia scorre via lentamente senza alcun fremito e scossone e senza provocare la benché minima emozione. Per questo e per tanti altri motivi si tratta di una pellicola decisamente evitabile.

Puppigallo 15/05/10 23:41 - 4515 commenti

I gusti di Puppigallo

Che boiata pazzesca! Non salvo neppure l'idea, striminzita e di scarso fascino. La narrazione è parecchio lenta e i personaggi sono privi di spessore, a parte una minima caratterizzazione della madre "particolare" (non che il figlio sia normale); E quando scoppia la violenza (la parte finale, risibile ballo compreso), si scivola nel ridicolo, con auto fatte saltare in aria da una semplice pistolettata, poliziotti macellati senza quasi reagire e che, quando lo fanno, sbagliano mira da 5 metri. Anche il make up delle creature lascia molto a desiderare. I più in parte sono i gatti. Fiasco totale.
MEMORABILE: Il poliziotto viene pugnalato con una pannocchia!

Tomastich 28/07/10 09:33 - 1216 commenti

I gusti di Tomastich

Manca un prologo a questo horror sceneggiato da Stephen King: infatti ci ritroviamo in mezzo ad una storia quanto mai banale ma efficace e tuttavia la mancanza di un "c'era una volta" rende tutto molto piatto e poco professionale. Il make up dei "demoni" è molto citazionistico.

Buiomega71 20/05/12 20:06 - 2282 commenti

I gusti di Buiomega71

Gustosissimo horror ferino che ha il sapore di una fiaba onirica e sanguinosissima. Resta uno dei migliori film del bistrattato Mick Garris. Simpatici camei (come sempre in Garris), alcune sequenze macabro visionarie piuttosto feroci (i gatti impiccati) e un finale bello teso. Interessante, poi, il sottotesto incestuoso per nulla banale, che apparenta il film a reminiscenze da Il bacio della pantera. Ottimi sfx e make up (di sua maestà Tony Gardner) e notevoli schegge splatter che lasciano il segno. Affascinante e piuttosto morbosetto. Mio piccolo cult.
MEMORABILE: L'inizio con i gatti appesi; La Krige che si corica sensualmente con il figlio; La trasformazione di Hayne in felino antropomorfo; Il visionario finale.

Myvincent 30/10/12 22:09 - 2575 commenti

I gusti di Myvincent

Uno Stephen King minore e una storia che non ha nulla di speciale e che potrebbe essere scritta "a braccio" da chiunque. Inutile quanto alla fine fastidioso, ha nei simpatici e salvifici gatti (più verosimili degli attori umani) l'unico punto di forza. Chiudono il cerchio i trucchi cheap. Da evitare con cura.

Rebis 26/03/13 12:01 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Garris cerca di imprimere un taglio originale al soggetto di Stephen King - che aveva promesso cose innominabili ed esaurisce invece nelle premesse incestuose le sue ragioni d'interesse: il grottesco langue tra una pannocchia usata come arma bianca, due automobili che esplodono con un colpo di pistola e cammei vari dei compagni di bevute. Il truculento splatter degli '80 è sedotto dalle lusinghe del morphing dei '90: l'esito è goffo e raffazzonato. Il clima sonnacchioso della provincia americana, la conturbante Alice Krige e il bellissimo score di Enya compensano l'occasione mancata.

Lucius 14/12/13 16:21 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Una produzione dignitosa, tra l'arcano (addirittura con radici egizie) e l'horror, che in tv fa la sua bella figura grazie anche alla presenza nel cast di una delle protagoniste di Twin Peaks e a una storia ricca di azione, splatter e colpi di scena. La sceneggiatura brulica di trovate, ma la fotografia risulta del tutto insoddisfacente e alcuni trucchi dozzinali, relegano inevitabilmente tale produzione al piccolo schermo. Gli animalisti sono pregati di evitarne la visione.

Werebadger 8/04/14 15:48 - 270 commenti

I gusti di Werebadger

Da un soggetto di Stephen King: Charles e sua madre appartengono a una mostruosa specie in via d'estinzione, che si ciba di energia vitale di vergini; loro obbiettivo la bella e dolce Tanya. Uno dei primi horror che ho visto e al quale sono legato, un discreto film con effetti speciali nella media (scarsine le trasformazioni, ottimo lo splatter) e una coinvolgente colonna sonora (soprattutto "Boadicea", di Enya). Bravi i tre attori principali (e davvero splendida la Amick) e numerosi camei (tra tutti lo stesso King nei panni del custode del cimitero).
MEMORABILE: I titoli di testa (in cui si suggerisce come i Sonnambuli abbiano generato molte delle leggende su vampiri, dèi ecc); La pannocchia usata come pugnale!

Ciavazzaro 10/09/15 23:42 - 4765 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Interessante. Vampirico scritto da King direttamente per il grande schermo, ha numerosi punti di forza a suo favore, a cominciare da un buonissimo cast: notevole quello femminile a partire dalla bellissima Amick (non da meno l'affascinante madre incestuosa/vampira Krige), bravo pure Krause. Cast secondario gustoso con simpatici camei (King, Barker, Hooper). L'introspezione psicologica dei cattivi, presente e adeguata, rende partecipe lo spettatore; buone dosi di sangue e un po' di ironia che non rovina l'atmosfera. Meritevole.
MEMORABILE: La pannocchia usata come arma; L'aggressione al cimitero; Il fiore tra i capelli; Il vaso di fiori.

Pesten 16/01/19 10:36 - 639 commenti

I gusti di Pesten

King non è mai stato fortunato con le trasposizioni su schermo delle sue opere. Questa non fa gridare al miracolo, ma almeno si salva da certe situazioni spesso inguardabili che hanno colpito i suoi film. Il classico tema del vampirismo viene reso un po' più interessante con varianti a tratti inedite, come il problema con i gatti e il rapporto morbosamente incestuoso dei protagonisti. Non male il lato puramente horror, con puntatine splatter niente male che si fondono in maniera decente con quel vago sapore onirico tipico di King.
MEMORABILE: La stupenda Madchen Amick.

Rambo90 8/10/19 16:44 - 6394 commenti

I gusti di Rambo90

Rilettura del vampirismo, con molte idee azzeccate penalizzate purtroppo da una regia troppo televisiva. Comunque, dopo una prima parte così così, il film poi ingrana e diverte con un secondo tempo molto ritmato e zeppo di effettacci divertenti. Il lungo scontro finale non delude e non risparmia colpi bassi e la sceneggiatura di King è simpaticamente pregna del suo umorismo nero e grottesco. Cast discreto, soprattutto quello femminile.

Siska80 18/09/20 16:47 - 750 commenti

I gusti di Siska80

L'unica cosa che potrebbe ricondurre a un racconto di King è la presenza dei mici (e qui ce ne sono numerosi). Per il resto, il film non è altro che un'accozzaglia di idee buttate lì a casaccio: vampiri che si trasformano in creature metà umane e metà feline (ma hanno i gatti come nemici) con superpoteri da fare invidia agli eroi della Marvel e grosse pretese, soprattutto per l'epoca (ragazze vergini!). Aggiungendo l'incesto propinato ai telespettatori con estrema normalità, un massacro finale risibile e un cast ai minimi livelli, il quadro disastroso può dirsi completo.
MEMORABILE: La pannocchia assassina!
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Undying • 30/07/10 21:13
    Scrivano - 7630 interventi
    Il film è costellato di cameo di John Landis, Joe Dante, Clive Barker, Tobe Hooper, Mark Hamill e Stephen King nel ruolo del custode del cimitero.

    Fonte: Wikipedia
  • Discussione Schramm • 31/07/10 10:30
    Risorse umane - 6712 interventi
    sì, stragarantisco io. in Rebis veritàs.
  • Discussione Zender • 31/07/10 11:21
    Consigliere - 43614 interventi
    Ok, grazie anche a Schramm. A sto punto correggo anche Herrkinski...
  • Discussione Cotola • 31/07/10 21:22
    Consigliere avanzato - 3632 interventi
    La verità (forse) è nel mezzo. Secondo Wikipedia
    il film è tratto da un libro di King non pubblicato. La notizia potrebbe essere vera visto che King partecipa al film in un piccolo
    cameo (è il guardiano del cimitero).
  • Discussione Zender • 1/08/10 08:16
    Consigliere - 43614 interventi
    E' esattamente quello che diceva Herrkinski allora: tratto da un King inedito...
  • Discussione Schramm • 1/08/10 11:23
    Risorse umane - 6712 interventi
    le wikinews sono spesso di dubbia attendibilità. Questa è una di quelle. King ha scritto all'uopo soggetto e sceneggiatura.
    Altri illustri camei di Dante e Barker
  • Discussione Rebis • 1/08/10 13:10
    Gestione sicurezza - 4283 interventi
    Schramm ebbe a dire:
    le wikinews sono spesso di dubbia attendibilità. Questa è una di quelle. King ha scritto all'uopo soggetto e sceneggiatura.
    Altri illustri camei di Dante e Barker


    Esatto. Ricordo che dall'idea alla base del film King avrebbe voluto - inizialmente - ricavarne un romanzo, ma poi decise che fosse più consona ad un adattamento cinematografico...
    Ultima modifica: 1/08/10 13:11 da Rebis
  • Discussione Ciavazzaro • 10/09/15 23:46
    Scrivano - 5604 interventi
    Sono nuovamente d'accordo con te Buio.
    Un film veramente interessante,con un cast quasi perfetto,i due sonnambuli del titolo,offrono una buonissima interpretazione (soprattutto l'incestuosa Krige,ma anche il futuro protagoniste di Streghe fa un buon lavoro) e la Amick veramente bellissima,me ne sono innamorato subito.

    Ho apprezzato molto il lavoro psicologico sui cattivi,lo spettatore si appasiona alla loro storia,che è in effetti assai triste,anche se però vista la loro brutalità non riesco a provare una vera e propria pena.

    Positivo anche che l'ironia presenti non ammazzi il tono che comunque deve essere serio,di un film dell'orrore.

    Interessante anche la componente morbosa,le scene incestuose (con la musichetta inquietante nella sua dolcezza) e persino quella con sottofondo omosessuale del professore, completamente inaspettata.

    Una sola cosa che mi ha lasciato perplesso è il comportamento del protagonista,che passa dall'innamorato assai dubbioso,al più spietato dei killer,forse un cambiamento d'umore un pochino troppo brusco per come era stato concepito nel corso del film.
    Ultima modifica: 10/09/15 23:59 da Ciavazzaro
  • Discussione Buiomega71 • 11/09/15 19:06
    Pianificazione e progetti - 22015 interventi
    Uno dei mie "king movie minori" preferiti

    Forse il diamante targato Garris (e l'amore incestuoso che lega madre e figlio e da antologia da tramandare ai posteri)

    Uno dei miei cult novantiani in assoluto
  • Curiosità Siska80 • 20/09/20 16:42
    Call center Davinotti - 410 interventi
    In vari momenti nel film vengono mostrati gatti che si aggirano all'esterno della casa dei sonnambuli. Il cibo veniva solitamente posizionato in aree chiave per attirarli e talvolta le bestiei si muovevano rispondendo ai cicalini o al cibo per gatti. Tutte le scene sono state girate in uno studio cinematografico e l'area in cui i gatti lavoravano è stata recintata per proteggerli dal vagabondaggio. Un'unità di ripresa speciale chiamata "Unità gatto" lavorava separatamente dagli attori e si concentrava solo sulle attività dei felini e sui primi piani dei gatti che soffiano. Gli addestratori emettevano rumori sibilanti per provocare la loro reazione di minaccia.

    Fonte: Imdb