I nuovi vicini - The ones below

Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/07/16 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 6/07/16 22:56 - 10501 commenti

I gusti di Daniela

Una coppia londinese in attesa del primo figlio, come pure i vicini appena trasferitisi nell'appartamento sottostante. Ovvio fare reciproca conoscenza, meno ovvio che le cose si mettano subito proprio male... Uno di quei thrillerini domestici senza particolari pregi ma che si fanno seguire con curiosità proprio per sapere se andrà a finire come ci si aspetta. E qui sostanzialmente succede, ma con un "lieto fine" non del tutto prevedibile. Adatto soprattutto ai neo genitori in ambasce, terrorizzati dal pensiero che qualcuno possa far del male al loro pargolo, anche se li tiene svegli la notte.

Il ferrini 25/11/17 22:29 - 1859 commenti

I gusti di Il ferrini

Mica male questo thriller inglese, ben recitato ma soprattutto diretto con senso del ritmo e buona costruzione della tensione. Morrisey ha la faccia giusta da psicopatico (non a caso è il Governatore in The walking dead) e la protagonista Poésy riesce a trasmettere il suo costante senso di inquietudine. Il finale non è dei più imprevedibili ma è comunque apprezzabile. Non tutti i film devono inventare qualcosa di nuovo, se il cinema di genere è realizzato dignitosamente ci si diverte. Questo è uno di quei casi.

Digital 16/01/18 10:17 - 1153 commenti

I gusti di Digital

Di coppie angariate da vicini impiccioni se ne sono viste a iosa, il che implica poca originalità nel soggetto. Malgrado ciò, il film risulta vincente su più fronti: dall'ottima regia di Farr alla confezione lussuosa, seppur circoscritta a pochi ambienti, passando per un cast che riesce a convincere, nei rispettivi ruoli (forse il più "debole" è Stephen Campbell). La tensione non manca, mentre il finale è di quelli da pugno nello stomaco. Peculiare esempio di come una storia risaputa possa trovare nuova linfa, se condotta con professionalità.

Pinhead80 25/04/18 10:53 - 4118 commenti

I gusti di Pinhead80

Chi non vorrebbe avere come vicina di casa un'amabile coppia che lascia le scarpe fuori dal proprio uscio e che cura il giardino in maniera impeccabile? I nostri protagonisti la penseranno diversamente quando finiranno in un terribile incubo paranoico. Il thriller è solido e la regia impeccabile, anche se si capisce abbastanza bene dove si andrà a parare. Suspense ed emozioni sono garantiti.

Lou 4/07/18 17:14 - 1040 commenti

I gusti di Lou

Discreto thriller, con un quartetto di attori convincenti (in particolare la Poésy). La sceneggiatura indaga le possibili devianze patologiche ossessive sul tema della maternità, con uno sviluppo ben articolato anche se non troppo originale. Il lento procedere verso l'inevitabile dramma finale sfrutta i più classici meccanismi di creazione di suspense, ma funziona.

Anthonyvm 5/04/20 23:44 - 2878 commenti

I gusti di Anthonyvm

Sebbene il soggetto non brilli per originalità (ci sono palesi elementi ripresi da La mano sulla culla e dai suoi svariati epigoni) l'atmosfera paranoica, ossessiva e il costante senso di dubbio circa la sanità mentale della protagonista (una brava Poésy) sono ben resi grazie alla regia attenta di Farr, sotto la cui guida anche i topoi più risaputi mantengono intatta la loro efficacia. Il plot è assai poco plausibile e la conclusione è quella che ci si aspetta, ma il colpo di coda finale lascia malignamente (in)soddisfatti. Merita una visione.
MEMORABILE: La tesissima cena che culmina con l'incidente per le scale; L'angosciante visita della madre; Le fotografie compromettenti; Il finale cattivissimo.

Ira72 16/06/21 14:41 - 1078 commenti

I gusti di Ira72

Lo script è un classico del genere tra vicini di casa: amabile coppia apparentemente perfetta versus amabile coppia normale. Nel caso entrambe le protagoniste sono in dolce attesa ma una perde accidentalmente il tanto ambito figlio. Cosa succederà? Inutile farci tanti giri intorno... è facilmente prevedibile. La confezione non è male e la Poésy è particolarmente adatta al ruolo. Il twist finale e il senso di inquietudine costante risollevano la pellicola dal girone dei mediocri.

Deborah Findlay HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Il ferrini • 25/11/17 22:37
    Portaborse - 83 interventi
    Avrei una domanda per Daniela (non so se si possono taggare gli utenti) o per chiunque altro abbia visto questo film: Laura Birn va al fiume col gatto?
  • Discussione Zender • 26/11/17 08:12
    Consigliere - 44633 interventi
    Non so cosa intendi per taggare gli utenti. Si possono chiamare nel post però: sotto la locandina qui a sinistra è scritto come fare. Se non lo capisci te lo spiego, eventualmente.
  • Discussione Daniela • 27/11/17 23:35
    Gran Burattinaio - 5563 interventi
    Non ricordo questo particolare... Ti chiamo qui dopo aver controllato
    .
  • Discussione Il ferrini • 28/11/17 11:59
    Portaborse - 83 interventi
    Grazie, ho formulato la domanda in modo da non fare spoiler, se si possono fare posso essere più esplicito.
  • Discussione Zender • 28/11/17 17:08
    Consigliere - 44633 interventi
    Si possono fare, basta far precedere la frase incriminata dalla scritta
    SPOILER
    Finita la frase si scrive FINE SPOILER