LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

TomasMilia 25/01/07 11:10 - 157 commenti

I gusti di TomasMilia

Per me è addirittura superiore al Ciclone. Quattro (non troppo) giovani laureandi fuori corso condividono un appartamento a Firenze. Ognuno ha i suoi problemi però sono amici. Il film vuol ricollegarsi alla commedia monicelliana salvo invece adagiarsi su un cinema più disimpegnato. Papaleo e Tognazzi in parte. Ceccherini è geniale con le sue fisime nonché con i suoi diverbi con la fidanzata Enrichi. Pieraccioni si ritaglia un ruolo simpatico senza strafare. La Cucinotta sarebbe perfetta se non parlasse. Sembrava dovesse aprirsi una nuova stagione per il cinema italiano e invece…

G.Godardi 8/04/07 19:06 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Modesto cabarettista, Pieraccioni riesce ad esordire al cinema grazie a Cecchi Gori, o meglio alla sua ex moglie. Film che si vorrebbe rifare ai Vitelloni, ma tutto è vanificato dalla modesta regia. Pieraccioni ha trovato la ricetta del suo successo: contornarsi di ottimi caratteristi e belle ragazze. Se i suoi film strappano qualche sorriso è solo merito di questi ultimi. Tutto il resto fa volume, come dice la massima citata da Haber, unico momento rimarchevole del film. Peccato che non sia farina del sacco di Pieraccioni: è una frase di Ennio Flaiano.

Sibenik 21/08/07 19:26 - 90 commenti

I gusti di Sibenik

Eccellente commedia che mostra all'Italia il talento di Pieraccioni, il quale rappresenta con ironia e realismo la generazione dei trentenni che non hanno ancora trovato la propria strada o, semplicemente, non vogliono crescere. Ottime le performance dei quattro amici interpretati da Pieraccioni, Gianmarco Tognazzi, Ceccherini e Papaleo ed un elogio ad Haber nel ruolo del professore del liceo di Pieraccioni. Tanti momenti in cui ridere ed altrettanti in cui riflettere. Sarà che ho trent'anni ma questo film mi piace sempre di più!
MEMORABILE: Papaleo alle prese con la coppietta pervertita che esclama: "Ma vaff... Luciano, torna nell'armadio e chiuditi a chiave!".

Galbo 23/08/07 07:15 - 11702 commenti

I gusti di Galbo

Discreto lavoro (sicuramente migliore di tanti altri film di cassetta dello stesso regista), I Laureati si inserisce nel filone della commedia toscana su un gruppo di adulti-bambini stile Amici miei (ma assolutamente non all'altezza del nobile modello). La sceneggiatura è discreta e gli interpreti simpatici (anche quelli di contorno tipo Haber). A parte qualche momento di noia, tutto sommato un film gradevole. Non male persino la Cucinotta.

Lovejoy 19/12/07 18:43 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Di una tristezza infinita. Praticamente non fa mai ridere. Sceneggiato dallo stesso Pieraccioni, vorrebbe essere una commedia spensierata, con battute che dovrebbero divertire. In realtà quasi tutte vanno a vuoto (tranne un paio di Ceccherini) e così la pellicola è ben poca cosa. Meglio non sprecare troppe parole sulla presunta regia dello stesso Pieraccioni. Tolti Haber e Ceccherini, il resto del cast, lasciato allo sbando, offre una recitazione superficiale, mediocre.

Redeyes 29/01/08 15:49 - 2268 commenti

I gusti di Redeyes

Sicuramente con Il ciclone il miglior film del Pieraccioni, fenomeno degli anni '90 come lo era stato il Nuti negli '80. Una trama sull'infantilismo dei trentenni, che sarà materia di film per gli anni a venire (Ligabue, Muccino..), che non annoia ed anzi ha notevoli spunti comici. Ben assortito il cast e Haber, per quanto a tratti il suo personaggio sembri stonato, non delude. Ceccherini, che imbrigliato in parte non strafà, fa ridere. Una bella commedia. Nota negativa un'improponibile Cucinotta, che col cinema ha poco a che fare!
MEMORABILE: "...Rizzitelli, Andersen!"

Deepred89 8/01/09 01:14 - 3407 commenti

I gusti di Deepred89

Commedia piuttosto mediocre, con un occhio a I vitelloni ed un altro ad Amici miei. La regia del comico toscano è ai minimi termini e anche la sceneggiatura è fiacca e scontata. La storia è esilissima, il ritratto dei quattro giovani è banalissimo e le battute non vanno praticamente mai a segno. Un paio di episodi (il fotoromanzo, il finale) funzionano e strappano la risata e i protagonisti riescono spesso a rendersi simpatici (nonostante una Cucinotta terribile) ma il clima generale è abbastanza deprimente. Musiche mal utilizzate.

Renato 17/04/09 16:55 - 1648 commenti

I gusti di Renato

Alcuni raccontano che con quest'opera prima, Pieraccioni fece intravedere i primi segnali del suo talento. Della serie "talento nascosto, ma nascosto bene". Ricordo di aver visto questo film nel giorno del mio compleanno di qualche anno fa, ed è stato probabilmente il mio peggior compleanno in assoluto, una tristezza che non vi dico. Però Carlo Monni è bravo, anche in un contesto del genere, ed il bestemmione (pur censurato) di Ceccherini merita una menzione d'onore.

Tarabas 20/04/09 16:38 - 1805 commenti

I gusti di Tarabas

Gruppo di perdigiorno in esterni toscani, cercasi sceneggiatore. Commedia innocua e stupidella su un gruppo di vitelloni toscani anni '90, capitanati dal regista-interprete Pieraccioni, le loro storie di sfaccendati a cui mi è un po' difficile appassionarmi. Comunque va detto che l'operazione è tutto sommato onesta e, rispetto ai successi seguenti, qui si sente ancora un certa genuinità. Rocco Papaleo meriterebbe di più dal cinema, negli anni '70 sarebbe stato un caratterista da 5/6 film all'anno come minimo. La Cucinotta è un gran bel disastro.

Disorder 16/12/09 23:03 - 1414 commenti

I gusti di Disorder

Probabilmente il miglior lavoro di Pieraccioni, sicuramente l'unico con un minimo di pretesa artistica. I protagonisti sono trentenni bamboccioni sempre pronti alla "bischerata", ma c'è di più: c'è un minimo di approfondimento psicologico, di complessità e c'è anche una certa dose di malinconia e tristezza di fondo in questi personaggi. E poi si ride anche un bel po'. Simpatico.
MEMORABILE: Papaleo adescato dalla coppietta maniaca.

Rocco Papaleo HA RECITATO ANCHE IN...

Belfagor 18/12/09 13:53 - 2643 commenti

I gusti di Belfagor

Niente male, in fondo. Un film leggero, bischero e con un fondo di malinconia. I protagonisti sono ben in parte e fanno ridere senza esagerare (soprattutto Papaleo, al centro delle scene più rocambolesche). I momenti di riflessione a volte sono un po' forzati, ma vengono bilanciati da quelli comici, più onesti. Quando è presente, Haber ruba la scena a tutti.

Stefania 3/02/10 03:00 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Trentenni fuori corso si aggrappano alla spensieratezza dei vent'anni con le unghie e con i denti, a colpi di goliardate e di bischerate, finché non capiscono che è proprio l'ora di... mollare la presa. I personaggi sono osservati in maniera indulgente, divertita, e quindi, spesso, divertente, anche se la trama manca di veri guizzi, E c'è una Firenze piccolina, da bozzetto e non da cartolina, fatta di trattorie, strade anonime, appartamenti un po' sciatti, personaggi frenetici e arguti ma fondamentalmente immobili: la Firenze dei fiorentini.

Nando 6/07/10 16:18 - 3584 commenti

I gusti di Nando

Il film che ha lanciato Pieraccioni nel mondo degli incassi cinematografici. Un film privo di una vera trama, fatto di momenti comici non tutti riusciti, in cui il regista ed attore toscano cerca di inserire la sua verve tendente al malinconico e sciorinando qualche difetto italico già noto. Sopravvalutato.

Vstringer 4/11/10 01:03 - 349 commenti

I gusti di Vstringer

Esordio pieraccioniano che fece benissimo al botteghino: era pur sempre il primo genuino squillo della nuova ondata di comici toscani. Film figlio di Nuti e Monicelli, incentrato su storielle di vitelloni un po' sfigati che i quattro attori interpretano a dovere, con una regia povera e musiche in linea col trend del periodo. Decorativa e niente più la Cucinotta, comparsata amichevole di Carlo Conti nello show in cui Ceccherini bestemmia (nella vita reale gli accadrà 11 anni dopo all'Isola dei Famosi...)
MEMORABILE: "Pipala di più!"

Rambo90 4/01/11 19:30 - 6873 commenti

I gusti di Rambo90

Divertente esordio alla regia di Pieraccioni. Certo in futuro ha fatto di molto meglio, ma comunque c'è già un certo garbo nel raccontare storie leggere e senza troppe pretese. Il cast è buono con lo stesso Pieraccioni e Tognazzi in testa, mentre è un po' inutile la parte affidata al grande Haber. Il finale sa un po' di inconcluso ma è comunque un film piacevole dove già si intravede la vena del regista.
MEMORABILE: "I giorni importanti nella vita sono 5 o 6, tutto il resto fa volume".

Jcvd 19/03/11 22:07 - 258 commenti

I gusti di Jcvd

Uno dei film più riusciti di Pieraccioni. Simpatiche ma non originali le disavventure del gruppo di amici, con scene davvero esilaranti e degne di memoria (vedi il balletto di Pieraccioni o il funerale). Bravi anche gli attori, nonostante la Cucinotta non sia proprio un' attorona... Film comunque senza dubbio meritevole di visione.
MEMORABILE: La scena sexy con Tosca D'Aquino, il funerale con le due vecchie, il balletto.

Ilcassiere 28/12/11 14:35 - 284 commenti

I gusti di Ilcassiere

Anche se è con Il ciclone che Pieraccioni ha raggiunto fama e notorietà definitive, questo suo esordio alla regia è stato tuttavia un discreto successo. La commedia è leggera e non particolarmente originale, però non annoia, anzi diverte, grazie soprattutto alla toscanità spontanea sua e di Ceccherini e all'allora astro nascente Papaleo.

Paulaster 22/10/12 10:19 - 3314 commenti

I gusti di Paulaster

Come opera prima di Pieraccioni ha il merito di una onestà di fondo. Non vuol far ridere a tutti i costi, dà spazio ad ogni personaggio, infila dei pensieri umanisti, prova anche a far riflettere. Di certo è molto abbozzato, la trama è inesistente e vive su momenti episodici neanche tanto bene intervallati. Si apprezza la qualità di Papaleo e il mestiere di Haber. Anche la Cucinotta fa la sua sporca figura e forse è la sorpresa del film.

Gabrius79 14/10/13 14:00 - 1274 commenti

I gusti di Gabrius79

Scanzonato e goliardico esordio di Pieraccioni alla regia. Troviamo un bel cast di attori che ci fanno divertire senza troppo impegno con gag simpatiche, innocue e mai volgari (su tutte quella del conto da pagare al ristorante). Graziosa ma un po' sottotono la Cucinotta, che comunque svolge sufficientemente il suo ruolo. Haber sprecato a causa del ruolo minore.

Dengus 3/04/14 10:46 - 361 commenti

I gusti di Dengus

Capitanato da un giovanissimo Pieraccioni, con l'aiuto dell'amico Ceccherini (profetica la sua parte..) e del "toscano adottato" Papaleo, il primo atto di quella nouvelle vague toscana che sbancò i botteghini a metà anni '90. Quattro studenti fuori corso sono i protagonisti di questa simpatica e genuina storia corale, che vede primeggiare soprattutto Ceccherini e Papaleo con la loro comicità e la bellezza della giovanissima Cucinotta, all'epoca nuova stella del cinema italiano. Un buon esordio.
MEMORABILE: "Toccala Rocchino, tocca la nonna, ha la pelle che sembra una pesca. Tocca la pesca!"

Leonardo Pieraccioni HA DIRETTO ANCHE...

Modo 14/06/14 21:31 - 867 commenti

I gusti di Modo

Un film che a volte difetta nella sceneggiatura ma che mette in evidenza la buona vena nel raccontare storie di Pieraccioni. Trentenni che si aggrappano alla spensieratezza universitaria nonostante l'età consigli di mettere un minimo d'ordine nella vita quotidiana. Ci sono momenti divertenti, anche riflessivi. Cast sicuramente di primo ordine, Haber un passo avanti a tutti. Musiche piacevoli degli Audio 2, qui in piena auge.

Domino86 4/12/14 13:14 - 571 commenti

I gusti di Domino86

Siamo all'esordio di Leonardo Pieraccioni e quindi le aspettative e le pretese non sono sicuramente alte. Rivedere oggi il famoso attore/regista così giovane fa un certo effetto! Comunque la pellicola si segue bene; non ha né alti né bassi, non sarà un grande capolavoro ma è un film leggero che si lascia guardare con piacere.

Pinhead80 20/12/14 13:30 - 4156 commenti

I gusti di Pinhead80

Esordio alla regia per Pieraccioni che ci regala un'opera genuina e ruspante, cosa che nel futuro al regista toscano riuscirà meno. Ci sono già i personaggi classici della commedia pieraccioniana con le loro turbe sentimentali. Non mancano nemmeno le belle donne. Haber, una spanna sopra agli altri, rappresenta un personaggio di intensa drammaticità.
MEMORABILE: I protagonisti che si inventano uno stratagemma per non pagare il conto.

Ultimo 26/01/15 19:15 - 1488 commenti

I gusti di Ultimo

Buon esordio alla regia per Pieraccioni, che confeziona un film niente male e riuscito grazie alla prova più che discreta di tutto il cast. Pieraccioni a parte, il più in forma a mio parere è il "compaesano" Ceccherini. Non eccelso, ma una buona commedia italiana, tranquilla e gustabile. Nel cast anche Haber e Maria Grazia Cucinotta. Bella la colonna sonora.

B. Legnani 9/02/15 01:08 - 4998 commenti

I gusti di B. Legnani

Sorprendente campione di incassi dell'epoca, è un film garbato e modesto, che talora è prevedibilissimo e che in qualche (raro) caso sorprende. La sostanza, stringi stringi, è poca e la dà quasi tutta Haber, che si vede non molto ma è tutto quel poco che si ricorda del film. Dei [non]laureati il migliore è Rocco Papaleo, delle donne la più affascinante è la Cavallotti. La Cucinotta qui recita ben meglio che altrove. Ceccherini, quando prova il monologo, cita Alberto Sordi.
MEMORABILE: "I giorni veramente importanti nella vita sono solo cinque o sei: tutto il resto fa volume".

Manfrin 28/10/15 16:08 - 343 commenti

I gusti di Manfrin

Forse il miglior film di Pieraccioni. Fresco, spontaneo, amaro eppure brillante. Magari da fiorentino avrà amato Amici miei e la vicenda dei quattro pseudo studenti per qualche verso ci riporta al film di Monicelli. Ad ogni modo il cast di semi-esordienti è perfettamente azzeccato (ottimo soprattutto Ceccherini) e non stona nemmeno la Cucinotta.

Lou 13/12/15 22:35 - 1046 commenti

I gusti di Lou

Il debutto di Pieraccioni si rivela un film piacevole, che alterna gag divertenti a momenti più riflessivi e amari. Questo mix efficace è dovuto soprattutto allo stesso Pieraccioni attore, che si propone nel ruolo del romanticone sensibile, debole ma brillante, sempre alla ricerca dell'amore autentico, qui in estasi per la prorompente Cucinotta. Indovinato il ricorso alle citazioni semiserie del prof. Galliano, un ottimo Alessandro Haber in una parte drammatica e intensa, che rende il film meno leggero e superficiale.

Samuel1979 1/08/16 21:31 - 502 commenti

I gusti di Samuel1979

Primo film in regia nonché uno dei migliori in assoluto in una carriera da regista in cui i suoi risultati non sempre sono stati all'altezza del suo talento. Le idee ci sono e Leonardo costruisce un bel film corale con pochissime sbavature; cast ben selezionato: dall'antipaticissimo Tognazzi al simpatico fiorentino Ceccherini, senza dimenticare la piccola (ma molto significativa) parte di Haber nel ruolo di un professore malinconico e depresso.
MEMORABILE: "...ora mi metto a sedere come le fiche!"

Il ferrini 14/11/16 02:10 - 1902 commenti

I gusti di Il ferrini

Certo imperfetto ma fresco e frizzante come raramente (se non mai) ricapiterà nel cinema di Pieraccioni. Il film ha certamente un debito verso gli "amici" di Monicelli, ma s'intravede anche la scuola nutiana e nel complesso ci si diverte abbastanza. Ottimi - as usual - Haber e Monni, ma buona prova anche di Ceccherini, che se ben diretto (leggi: tenuto a freno) sa essere efficace. La Cucinotta è inascoltabile, fortunatamente è un gran bel vedere. Purtroppo una ventina d'anni dopo a Pieraccioni verrà in mente di farne una specie di sequel.

Parsifal68 27/12/16 11:03 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

Il primo lavoro di Pieraccioni è senza dubbio un buon film, una prova recitativa corale senza pretese di assurgere al ruolo di capolavoro comico, ma comunque di essere ricordato come un discreto lavoro d'esordio. Abbastanza in sintonia gli attori che fanno da spalla al comico toscano, che ben si prestano al ruolo di sfaccendati studenti universitari senza arte né parte. Bella e sensuale la Cucinotta, fresca di popolarità dopo Il postino, ma dall'ancora acerba recitazione. Dunque, un film che si lascia vedere e che non tracima mai verso la noia.
MEMORABILE: La scena della fuga per non pagare il conto al ristorante.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Thedude94 20/02/17 00:55 - 731 commenti

I gusti di Thedude94

La semplicità fa da padrona a una delle prime opere del giovane Pieraccioni che, insieme a un gruppo di amici e bravi attori, realizza qualcosa di molto puro e istintivo. C'è poco di preparato a tavolino; il tutto è girato a Firenze, dove un gruppo di studenti trentenni ancora fuori corso cerca di passare le proprie giornate, cercando la retta via per uscire da una situazione forse per loro troppo stretta relativa alla convivenza e allo studio. Bravi tutti i coprotagonisti, meno la Cucinotta che sembra un po' distante dal tutto.
MEMORABILE: "I giorni indimenticabili della vita d'un uomo sono cinque o sei in tutto. Gli altri fanno solo volume" (Leonardo).

Il Dandi 6/04/20 01:37 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Funesto iniziatore di un'intera epopea di commedie toscano-centriche di cui tuttavia resta uno degli esempi migliori grazie a una comicità a volte autoindulgente ma fresca, dove perfino Ceccherini funziona azzeccando l'unico ruolo a lui possibile (l'aspirante cabarettista che non fa ridere). A convincere di meno è il tentativo di insertare risvolti agrodolci da romanzo di formazione, con citazioni pretestuose ("che fine fanno le papere?" da "Il giovane Holden") e Haber esibito come Orson Welles. La miglior sottotrama è quella del viscido Tognazzi.
MEMORABILE: Il "tintittino alla signora" del professore; L'escamotage della corsa per il conto del ristorante.

Silvestro 6/07/21 00:31 - 185 commenti

I gusti di Silvestro

Non siamo ai livelli del Ciclone o di Fuochi d'artificio, ma "I laureati" rappresenta comunque una delle migliori opere di Leonardo Pieraccioni. Manca forse un po' di brio e come spesso succede alle commedie del regista toscano non c'è l'elemento che permetta alla pellicola di fare il salto di qualità, eppure siamo di fronte a una commedia gradevole e ben interpretata. Nel complesso un risultato più che sufficiente.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Samuel1979 • 6/09/12 15:58
    Call center Davinotti - 3303 interventi
    Fa parte della colonna sonora il brano "Can't take my eyes off you" eseguito dal gruppo Boys Town Gang.
  • Discussione Ruber • 13/12/15 03:10
    Contratto a progetto - 9076 interventi
    @Galbo: hai ragione in parte sul fatto che Pieraccioni sia come dici tu: "vero miracolato del cinema italiano in quanto baciato da un successo assolutamente sproporzionato rispetto ai suoi meriti" concordo che dopo il terzo si sia perso e al mpmento non risulta essere avvistato in mare, ma all'inizio carriera non era affatto cosi è ti dico la mia proprio sul primo:

    Rivendendolo ieri sera mi sono ancora più convinto della bravura che Pieraccioni aveva messo nel film, e non e solo per la comicità toscana (che poi sono in due a essere toscani lui e il Cecca) le battute , le gags etc, ma anche e forse per i momenti che drammatici non e sbagliato definire (la depressione di Haber e il suo conseguente tentativo di suicidio non mi sembrano cose tanto da far ridere).

    Trovo incredibile che questa sceneggiatura a Pieraccioni gli è venuta al debutto a 30 anni mentre ora in piena età matura si barcamena in commedie quasi sempre piatte e uguali dove non e mai più riuscito a ricreare quei momenti, un vero peccato, ma come ho scritto nel post del suo ultimo film finchè glieli producono... Io mi tengo cari i primi due/tre che ha fatto, poichè credo che se non virerà e tornerà da dove è partito gli sarà dura andare avanti.
    Ultima modifica: 14/12/15 02:32 da Ruber
  • Discussione Galbo • 14/12/15 13:24
    Consigliere massimo - 3865 interventi
    Per me dopo i primi due film ha continuato con il "copia & incolla"; gli incassi però (lontani comunque da quelli di qualche anno fa, ma questo vale per tutti) continuano a gratificarlo, meglio per lui...
  • Discussione Ruber • 14/12/15 14:18
    Contratto a progetto - 9076 interventi
    Galbo ebbe a dire:
    Per me dopo i primi due film ha continuato con il "copia & incolla"; gli incassi però (lontani comunque da quelli di qualche anno fa, ma questo vale per tutti) continuano a gratificarlo, meglio per lui...

    Hai ragione, dopo i primi 2/3 si è abbastanza riciclato e purtroppo sempre peggio, inserendo solo qualche gags e null'altro. E prorio vero che quando si è giovani si hanno le idee migliori e si ha un energia pazzesca e si è molto meno ingluenzati di cio che c'è intorno, poi col tempo le idee diminuiscono e le sceggiature tutte una uguale all'altra.
  • Homevideo Ruber • 1/12/17 00:56
    Contratto a progetto - 9076 interventi
    Il dvd della CGH ha una durata di 1h28m22s

    Formato: 1.66:1 letterbox
    Audio Italiano 2.0 e sottotitoli in italiano.

    Extra: selezione scene, biografie del cast e della regia, trama, trailer, album fotografico, Making off della durata di 8m45s.

    Qualità video e audio appena sufficiente; si poteva certamente far meglio e se uscisse restaurato in bluray sarebbe molto meglio.

    screen a 32m29s

    Ultima modifica: 1/12/17 08:06 da Zender
  • Discussione Ruber • 22/01/19 00:00
    Contratto a progetto - 9076 interventi
    Devo dire che il film è invecchiato molto bene, rivisto ancora ieri sera per l'ennesima volta, mi fa sempre divertire.
    L'allora giovane Pieraccioni aveva trovato un cast acerbo che alla prova dei fatti è stato molto bravo, trovando una sintonia magnifica tra di loro. Bei tempi, difficile ora per il buon Pieraccioni poter tornare su quei fasti, sceneggiature cosi belle e divertenti dopo i primi due/tre film non ne ha piu scritte.
  • Musiche Merovingio • 25/01/21 11:55
    Disoccupato - 1 interventi
    Al minuto 1:12:35 inizia una canzone di cui non riesco a trovare il titolo. Qualcuno è in grado di aiutarmi?
    Grazie in anticipo e buona giornata.