I diamanti della notte - Film (1964)

I diamanti della notte
Media utenti
Titolo originale: Démanty noci
Anno: 1964
Genere: drammatico (bianco e nero)
Regia: Jan Nemec
Note: Aka "Diamonds in the night".

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 22/12/12 DAL BENEMERITO PIGRO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pigro 22/12/12 09:36 - 9597 commenti

I gusti di Pigro

Due ragazzi in fuga disperata nella foresta: il blando riferimento storico al nazismo trascende in altro, colorandosi di flashback più o meno onirici in una Praga deserta o di incontri crudi e simbolici fino a una squadra di vecchi che li cattura (la fuga è quella dell’adolescenza da una realtà sclerotizzata?). Sconvolgente opera prima, girata a spalla, in un b/n sporco, quasi senza parole, senza inizio né fine, sbilanciata in squilibri narrativi, ma straordinariamente affascinante, non a caso all’origine del nuovo cinema ceco degli anni 60.

Cotola 28/06/15 10:57 - 8970 commenti

I gusti di Cotola

Piccolo nella durata (solo un'ora circa) ma grande nei risultati questo esordio di Nemec che ammalia e coinvolge con il suo stile visivo ed anche con quello narrativo. La storia si dipana tra presente e passato, tra realtà ed immaginazione anche attraverso alcuni flashback che non sempre chiariscono subito cosa è successo. Ciò non è un male, anzi intriga ancora di più chi lo guarda. Notevoli la fotografia ed il ragguardevole gran lavoro di montaggio. E quel finale sospeso riapre forse tutta la vicenda? Perla sconosciuta che va assolutamente recuperata.

Daniela 6/12/23 02:46 - 12565 commenti

I gusti di Daniela

Due ragazzi in fuga in un bosco; da cosa fuggano lo capiamo da brevi spezzoni inseriti in una narrazione ellittica che mescola narrativo passato, presente e forse futuro. Opera di durata breve, con dialoghi quasi assenti, girata come saggio di diploma con uno stile sperimentale di impronta impressionista, quella di Nemec offre una testimonianza sugli orrori dell'olocausto ma può anche essere letta come una parabola sull'innocenza della giovinezza indifesa a fronte della protervia dell'ordine costituito. L'incertezza dell'epilogo accresce ll fascino di questo film tanto particolare.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Dallas: Il ritorno di J.R.Spazio vuotoLocandina Per le antiche scaleSpazio vuotoLocandina I miserabiliSpazio vuotoLocandina Killer - Diario di un assassino
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.