Hotel Rwanda

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/06/07 DAL BENEMERITO GALBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 7/06/07 15:55 - 11680 commenti

I gusti di Galbo

Bell'esempio di cinema di grande impegno sociale. Da una storia (vera) recente che ha sullo sfondo la guerra tra etnie nel piccolo stato africano del Rwanda, un film emozionante e fatto con il cuore; bellissima la figura del direttore d'albergo che con i mezzi a sua disposizione riesce a salvare dalla morte molti suoi connazionali oltre alla propria famiglia. Un vero eroe per caso splendidamente interpretato da Don Cheadle. Un film per emozionarsi, conoscere la storia e riflettere.

Caesars 11/06/07 09:59 - 3016 commenti

I gusti di Caesars

Ecco un film che bisogna vedere perché obbliga a pensare. Forse cinematograficamente parlando è un po' risaputo, ma racconta una storia vera e ci fa conoscere una realtà (quella del massacro da parte degli Hutu fatto all'etnia Tutsi) poco conosciuta in occidente e ignorata dalla nostra politica in quanto non interessata a ciò che succedeva in una nazione che non aveva niente da offrirci. Opera importante e commovente.

Cotola 17/10/09 00:17 - 8015 commenti

I gusti di Cotola

Ispirandosi ad una storia vera, regista e sceneggiatori realizzano una pellicola non troppo originale ma dai buoni risultati. Convince ma soprattutto avvince pur senza tirare colpi bassi allo spettatore o cadere nel patetico. Inoltre ha il merito di portare a conoscenza del pubblico il dramma del Ruanda falcidiato dalla drammatica e sanguinosa lotta fratricida tra Utu e Tutzi. Bravo Don Cheadle.

Nando 7/10/10 23:03 - 3574 commenti

I gusti di Nando

Ispirato ad una vicenda tristemente vera, il film è una lucida denuncia del massacro avvenuto nello stato menzionato nel titolo. Emozionante e coinvolgente, la pellicola vede un validissimo Cheadle che interpreta la parte di un direttore d'albergo pronto a salvare un essere umano non curandosi dell'etnia ma solo spinto dalla sua voglia di pace.

Cloack 77 8/10/12 20:39 - 547 commenti

I gusti di Cloack 77

Dello snodo politico vergognoso alla base della tragedia il film se ne occupa superficialmente, così come della guerra sanguinaria che ha arrossato quella terra. La centralità della pellicola è occupata dalla vita di Rusesabagina, dal momento dell'esplosione della violenza fino alla fuga. Una figura notevole, ancor più simbolo del fallimento della politica; ma centrare l'attenzione esclusivamente su questa parte della sua vita fa sì che il film non riesca a sviluppare tutte le trame fondanti, rimanendo schiacciato dalle intenzioni.

Daniela 13/02/14 07:41 - 10680 commenti

I gusti di Daniela

Il protagonista vorrebbe solo salvare la propria famiglia, ma poi questa si allarga ai vicini di casa, i colleghi di lavoro, gli orfani, le centinaia di disperati in fuga dall'orrendo massacro, ed allora l'hotel diventa una zattera di salvataggio e Don Cheadle un eroe suo malgrado... Film di impegno civile nel senso buono del termine, non offre un quadro generale della tragedia avvenuta in questo scampolo d'Africa nell'indifferenza dell'Occidente che qui non aveva interessi economici da tutelare ma, mostrandone un episodio significativo, spinge a informarsi sugli eventi. Commovente.
MEMORABILE: Lungo il fiume, nella nebbia, la strada cosparsa di cadaveri

Il ferrini 2/02/16 01:49 - 1889 commenti

I gusti di Il ferrini

Don Cheadle è il protagonista assoluto di questo ottimo film sul genocidio del 1994 in Ruanda. La drammaticità degli eventi raccontati ci viene restituita in maniera toccante ma senza lacrimevoli stereotipi; anzi, la pellicola ha un apprezzabile crescendo di tensione e spinge sovente alla riflessione senza mai diventare didascalica. Degna di menzione anche Sophie Okonedo, qui moglie dell'albergatore Paul, che forse riuscirà a superarsi soltanto in Tsunami. Il tutto è girato realmente in Ruanda e questo aggiunge veridicità al film. Da vedere.

Magi94 21/08/17 14:18 - 765 commenti

I gusti di Magi94

Un bellissimo film d'impegno sociale, che riesce a raccontare una storia terribile e poco conosciuta rinunciando a ogni stucchevolezza e allo stesso tempo a un mero didascalismo. La trama si snoda spietata tra tensione palpabile e colpi di scena, tanto che potrebbe essere un godibilissimo thriller, se non si sapesse che sono fatti realmente accaduti. Bravissimo Don Cheadle in un ruolo non banale e non è da meno Nick Nolte, figura ponte tra il lontano paese africano e il "nostro" mondo di ogni giorno.

Capannelle 5/04/21 22:46 - 3916 commenti

I gusti di Capannelle

E' un buon film, ancora apprezzabile a distanza di anni anche se dimostra la sua età nella fattura. Ha il merito di fare luce su di un grande dramma storico e sull'ignavia di chi poteva fermarlo e nulla ha fatto. Ha il demerito di cedere troppo al didascalismo, difetto peraltro riscontrabile in molte opere che parlano di fatti realmente accaduti. Ovviamente la palma del migliore spetta a Don Cheadle, ma anche i comprimari contribuiscono alla riuscita del film. Rinuncia a scene troppo crude ma la tensione non si spegne mai.
MEMORABILE: I cadaveri nella nebbia.

Paulaster 9/06/21 09:51 - 3270 commenti

I gusti di Paulaster

Direttore d'albergo riesce a salvare più di mille profughi ruandesi da morte certa. Film civile, narra il genocidio tra Hutu e Tutsi mentre l'Occidente si preoccupava solo di salvare i bianchi. La critica è esplicita ed è il punto forte del girato; per il resto la trama è un continuo saliscendi emozionale con ovvi salvataggi all'ultimo secondo e buoni sentimenti. La dura realtà del massacro è mostrata poco e si è voluto evitare di scioccare il pubblico con le atrocità dei maceti che han provocato un milione di morti. Cheadle è lo Schindler della situazione e si dimostra valido.
MEMORABILE: I cadaveri sotto le ruote della macchina; L'esodo finale; Il dipendente nella suite.

Terry George HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Skinner • 19/06/10 12:04
    Servizio caffè - 123 interventi
    non credo proprio che nel cast ci sia River Phoenix!!
  • Discussione Gugly • 19/06/10 12:33
    Segretario - 4667 interventi
    Mmmh, mi sa...non è morto qualche anno fa? Forse è stato confuso con l'altro fratello Joaquin.
  • Discussione Daniela • 13/02/14 08:09
    Gran Burattinaio - 5630 interventi
    per Zender:
    cast da correggere, sostituendo River Phoenix con Joaquin Phoenix.
    Jean Reno, che ricopre il ruolo del presidente della catena di alberghi di cui fa parte anche quello su cui è imperniato il film, è "non accreditato", per cui andrebbe messo accanto al suo nome un (n.a.) o simile.
    Nel film, che è una coproduzione di vari paese, Italia compresa, compare in una breve sequenza anche il nostro Roberto Citran nel ruolo di un prete.
  • Discussione Zender • 13/02/14 08:15
    Consigliere - 44791 interventi
    Ok, grazie Daniela, sistemato.