Hotel magnezit

Media utenti
Titolo originale: Hotel Magnezit
Anno: 1978
Genere: corto/mediometraggio (bianco e nero)
Regia: Béla Tarr
Cast: (n.d.)
Numero commenti presenti: 4

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 2/09/13 DAL BENEMERITO MICKES2
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Mickes2 2/09/13 10:59 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Un operaio, oramai debole e anziano, vecchio caposquadra, causa troppa fiducia o disattenzione, ma soprattutto a causa della vigliaccheria dei colleghi viene interdetto a vita dall’ostello in cui era in qualche modo sistemato da molti mesi. L’esordio di Bela Tarr segue lo stile e il linguaggio del cinema del realismo e dell’improvvisazione à la Cassavetes. Un b/n sgranato, torvo, con la mdp che scruta da vicino attraverso primissimi piani la disperazione orgogliosa e la rabbia soffocata di una persona inerme dinanzi ai movimenti della società.
MEMORABILE: Il finale, tra il grottesco e lo struggente.

Pinhead80 25/12/16 12:33 - 4002 commenti

I gusti di Pinhead80

Un pover'uomo è costretto a lasciare in fretta e furia il suo alloggio perché accusato di furto. Tarr ci conduce dentro alla povertà di un sistema che dovrebbe garantire giustizia sociale e che invece fa sprofondare gli ultimi sempre più a fondo. La guerra tra poveri a colpi di diffamazioni non regala nessun vincitore ma solo la mesta consapevolezza che la precarietà non consente alcun tipo di futuro.

Bubobubo 17/03/19 19:11 - 1231 commenti

I gusti di Bubobubo

In un giorno qualsiasi dell'Ungheria socialista di fine anni '70, una banale conversazione in isolamento: in una camerata condivisa di un ostello, un vecchio ufficiale dell'aeronautica è accusato di furto e costretto, dopo molte insistenze, a lasciare l'alloggio. È un Tarr essenziale, entomologo del quotidiano, tematicamente legato all'esordio lungo (che pure trattava di precarietà dalla prospettiva di una coppia di giovani in cerca di casa), che in 12' concentra tutte le trame verbali di molti dei suoi futuri lungometraggi. Interessante.

Paulaster 23/10/20 10:34 - 2861 commenti

I gusti di Paulaster

In un ostello un lavoratore viene allontanato a causa di un furto. Ambiente unico per un processo senza appello a un ladro. La tragedia umana per il licenziamento passa dai toni aspri al pianto, con l’alcolismo come triste presenza. Tarr si distingue per l’uso della mdp che segue sui volti le espressioni di livore allontanandosene quando il gruppo risponde al malcapitato. La confezione è appositamente scarna e lo sfondo scuro serve a dare un senso di ravvicinato alle persone coinvolte.
MEMORABILE: I documenti di quando era in guerra; I debiti.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.