Horror in Bowery street

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Street trash
Anno: 1987
Genere: horror (colore)
Regia: Jim Muro
Numero commenti presenti: 29
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Come regista Jim Muro, che ha espanso con STREET TRASH quello che era un suo piccolo cortometraggio), non è il massimo: il suo film fa acqua un po' da tutte le parti, non ha una vera storia, si perde nella descrizione eccessiva di figure tutt'altro che memorabili, non possiede il giusto ritmo che potrebbe dare un senso al suo lavoro, visto così troppo slegato. La stessa idea del superalcolico (il Viper) che liquefà all'istante chi ne beva anche un sorso non è centrale come ci si aspetterebbe. Anzi, per la maggior parte del tempo tende a scomparire per lasciare campo libero all'umanità perduta che popola il film: barboni, straccioni, poliziotti scalcinati e quant'altro. Muro si muove tra uno sfasciacarrozze e un vicolo putrescente, tra un...Leggi tutto sordido negozio di alimentari (gestito da colui che ha ritrovato il Viper in cantina senza sapere cosa fosse e vendendolo a un dollaro) e i bidoni dell'immondizia. Un mondo forse ripreso con un'attenzione eccessiva alla fotografia che lo rende un po' artificiale, con movimenti di macchina virtuosistici fortemente in contrasto con la semplicità degli ambienti (Muro nasce come operatore di steadicam, e si vede!). Tuttavia l’impatto - grazie anche ad effetti “melting” incredibili che disintegrano le vittime del Viper trasformandole quasi in tavolozze sporche di vernici coloratissime - lascia il segno e i dialoghi sono meno stupidi del previsto. Si ritrovano infatti tracce del miglior cinema indipendente, con in più una brutalità e violenza non comuni. La mezz'ora finale (titoli di coda compresi) è spettacolare e lo sforzo di colpire con un tocco visivo non qualsiasi (anche nelle sue esagerazioni) non può lasciare indifferenti. Un film magari sciocco, indigeribile per chi bazzica il cinema impegnato ma sorprendente per chi cerca qualcosa di nuovo.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 18/02/07 09:30 - 4525 commenti

I gusti di Puppigallo

Pronti via si schianta un’auto senza conducente, che magicamente riappare in un altro fotogramma (regista “perfezionista”). Da lì il film scivola in una dimensione sempre più marcia, sporca, con protagonisti disgustosi. Il tutto condito con un liquido misterioso che se ingerito scioglie le persone. Insomma, un guazzabuglio, ma splatter e con dialoghi non così male. Segnalo: l’uomo sciolto che si scarica nel water, una decapitazione da bombola e un reduce “nervosetto”. Merita.
MEMORABILE: Il lanciapene.

Herrkinski 1/01/15 04:20 - 5292 commenti

I gusti di Herrkinski

Unico lungometraggio per Muro, più noto come operatore di steadicam; il suo mestiere infatti s'intravede più volte nel film, che spesso propone movimenti fluidi e creativi della mdp per nulla disprezzabili. Il mix di tecnica, ingenuità e splatter dai toni grotteschi è accomunabile ai primi Raimi, Jackson e Henenlotter. La trama è sconnessa, anche a causa di vari siparietti demenziali (ma spassosi) che distraggono dalla vicenda principale, ma il tratteggio dei tanti personaggi è notevole e la follia generale irresistibile. Un piccolo cult!
MEMORABILE: Il nero al supermercato; Il finale.

Fabbiu 6/04/07 02:26 - 1954 commenti

I gusti di Fabbiu

Particolare e da vedere per chi ama lo splatter. Non che gli effetti siano fatti benissimo, anzi... ma perchè comunque nella loro stranezza lasciano il segno. L'idea del Viper (trovato tra le mura della cantina dal proprietario del negozio di liquori) è molto carina, peccato però che la sceneggiatura sia troppo macchinosa e i ritmi tendano ad annoiare. Certe volte è poco comprensibile, altre dispersivo. Si salvano insomma solo le scene particolari, cioè i vari scioglimenti e in assoluto il lancio del pene. Bella l'esplosione dell'uomo.

Undying 7/05/07 18:12 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Il film si è ritagliato la sua fetta di estimatori; di quelli, per intenderci, che hanno stomaco ed hanno apprezzato le coeve e consimili produzioni tipo Splatters o Bad Taste. Il cattivo gusto, infatti, traspare dalla sporcizia (volutamente insistita) che trasuda dalla pellicola: vittima di un feroce liquido vigliaccamente somministrato, un gruppo di clochard sarà (suo malgrado) al centro delle attenzioni di uno psicopatico in grado di compiere gesta di rara ferocia. Ottimi virtuosismi della M.d.P., stomachevoli effetti speciali e tanto divertimento. Melting.

Pol 28/05/08 02:30 - 589 commenti

I gusti di Pol

Un film onesto, che non tradisce le aspettative dello spettatore. Le scene di scioglimento sono più pop-art che splatter grazie all'uso di colori forti che col sangue non c'entrano nulla: sembra quasi di vedere delle sculture al neon piuttosto che gente che si scioglie. Siamo dalle parti di Braindead, dove si punta a disgustare ma in modo scherzoso. Alcune trovate, come il coltello modellato dalla tibia di un vietcong, sono delizie per palati fini che tengono alta la bandiera del cattivo gusto.

Mascherato 7/06/08 23:50 - 583 commenti

I gusti di Mascherato

Alla stregua di gran parte degli horror eighties, Horror in Bowery Street usa il genere per fare un discorso politico. Nello specifico (come in La morte dietro la porta di Bob Clark) il tema è le condizioni dei reduci. Muro dipinge una società americana spietata che non esita ad eliminare questi scomodi testimoni dei suoi errori e dei suoi sensi di colpa. Pur apprezzabile dal punto di vista ideologico, però, il film è inguardabile per regia e recitazione. Gli fx naïf, invece, non guastano.

Cotola 10/06/08 13:46 - 7622 commenti

I gusti di Cotola

Ne avevo sentito parlare talmente bene che quando poi finalmente l'ho visto ci sono rimasto un po' male. Non che il film sia brutto, però mi aspettavo di più. In ogni caso che lo stile sia interessante è innegabile e gli amanti del genere non potranno non divertirsi dinanzi agli abbondanti effetti ultra gore. Gli altri forse è meglio che si astengano.

Rambo90 20/01/10 00:56 - 6435 commenti

I gusti di Rambo90

Indigeribile film trash (fin dal titolo) con una storia inesistente e che non si capisce dove voglia andare a parare: beceraggini di tutti i tipi, recitazione sotto il livello di guardia e noia che regna sovrana. Unico film di Muro (e si capisce perché). La seconda parte è leggermente migliore e si condensano in essa gli unici momenti divertenti: l'esplosione del grassone, la partita di football giocata con un pene al posto della palla e il combattimento finale.
MEMORABILE: Un poliziotto che, dopo aver massacrato di botte un tizio, gli vomita addosso!

Trivex 11/02/10 22:28 - 1507 commenti

I gusti di Trivex

Particolarissimo horror demenziale, splatter ma non così impressionante. Ci sono troppi elementi grotteschi e semiseri per essere turbati. Ci sono anche intenti pseudopolitici o parasociali, forse. Certo che l'originalità non manca e il weird pure, la storia è azzeccata e l'impatto complessivo non può che essere positivo. La costruzione estrema sarebbe stata ancora più efficace con abbondanti dosi di sesso (che comunque, colorato marcio come il resto, si fa anche vedere). I momenti stracult non mancano.
MEMORABILE: La partita con il pene usato come una palla!

Ciavazzaro 12/10/10 21:07 - 4766 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Delirante (ma divertente al punto giusto) splatterone, che merita la sua fama di culto. Tralasciando gli attori (il poliziotto è davvero pessimo, per non parlare dell'agente con la maglietta di Topolino), ci si diverte parecchio (anche se nella scena del pene tagliato per vendetta si scade nel cattivo gusto non poco) e lo splatter è bello abbondante. Ottimo il sanguinosissimo pre-finale con tanto di bombola del gas usata come arma. Merita la visione assolutamente.
MEMORABILE: La bombola del gas lanciata (non dico gli esiti); l'uomo sciolto nel cesso.

Aal 22/08/10 10:58 - 322 commenti

I gusti di Aal

Curioso film dal cuore degli anni '80. In apparenza un horror urbano con scene splatter, in realtà unisce registri diversi che sfiorano il demenziale per raccontare episodi disparati legati a derelitti ("Bums") che gravitano intorno ad uno sfascia-carrozze di New York. Quasi tutti i personaggi si trovano ad essere rifiuti della società dopo essere tornati dal Vietnam. Non del tutto riuscito per l'incapacità di prendere una direzione precisa ma un prodotto tecnicamente ben realizzato, anche se popolato di attori piuttosto scadenti.

Burattino 6/10/10 09:32 - 101 commenti

I gusti di Burattino

Un piccolo cult per ragioni di statistica. Il melting è un genere che non ha mai avuto troppi seguaci, forse perché non aveva tantissimo da dire. Sicuramente tra i pochi melting movie realizzati quello di Muro è il migliore, ed effettivamente ci regala non pochi momenti di trash splatterone (ma trash vero, coi liquidi di tutti i colori che schizzano fuori). Giustamente celebrato, ma diciamo che ha vinto molto facilmente.

Greymouser 1/06/11 11:20 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Un piccolo "cult" del trash-splatter più estremo, forse sopravvalutato, ma sicuramente in possesso di qualche spunto registico e narrativo non certo stupido. ovviamente, Muro non si prende sul serio e sceglie toni leggeri da commedia, nonostante gli effetti speciali repellenti ma cromaticamente originali. La storia in complesso non c'è, ma a livello di intrattenimento funziona abbastanza, fra elementi grotteschi e umoristici che funzionano a corrente alternata.

Myvincent 27/12/12 07:55 - 2603 commenti

I gusti di Myvincent

Film culto per gli amanti del genere trash-splatter, annoia qua e là disperdendosi in una trama che pare inventata di volta in volta. L'ambientazione tra i clochard è ironica e allo stesso tempo spietata. Gli effetti speciali si smembrano in vere e proprie tavolozze multicolori di pittura contemporanea, a cause dell'effetto altamente corrosivo del "Vyper". Qualcosa di buono c'è.

Giùan 1/04/13 11:22 - 3052 commenti

I gusti di Giùan

Rientra in un ideale palmares della filmografia del disgusto, della flautolenza e della maleodoranza. Rivoltantemente splatteroso, politicamente scorrettissimo, cinematograficamente accostabile a certi echi tromaici e a talune reminiscenze watersiane, il film di Munro può contar poi su un particolare spirito del tempo, in cui Vietnam e napalm si tiravan dietro psicosi collettive, sconquassi personali e creavano una nuova casta di reietti sociali (la comunità di barboni). Peccato i troppi rivoli, inutili sottotrame e l’incapacità di tessere la narrazione.
MEMORABILE: Gli effetti del Viper torci e squassa budella; Il barbone nero che ruba i polli al supermarket.

Uomomite 17/08/13 15:48 - 174 commenti

I gusti di Uomomite

In questo film di Jim Muro tutto è all'insegna del cattivissimo gusto, dell'inverosimiglianza, dell'umorismo crasso e scorretto. Relitti umani che si gonfiano ed esplodono, sparpagliando frattaglie ovunque, un corpo risucchiato dal cesso di un edificio in demolizione, pipì, pupù, vomito, evirazioni. Un miscuglio folle di "avanguardia" punk, body art e radicalismo politico (svaligiare i supermercati non è solo giusto ma è anche fottutamente divertente). Questa era l'America che reagiva allo yuppismo.

Jena 9/07/14 18:35 - 1219 commenti

I gusti di Jena

Chi si aspetta una pura sarabanda gore rimarrà deluso: il gore e i disfacimenti corporali, abbandonanti e luridi, sono limitatai all'inizio e agli ultimi 15 minuti. Nel resto del film ci si concentra a rappresentare un'umanità talmente lurida, fetida e degradata che veramente si può parlare di Street trash, spazzatura di strada. Una umanità talmente "fusa" col marciume e la sporcizia che sembra poi naturale la fusione corporale (alla Tetsuo?) con la monnezza. Attori e trama (quasi) inesistenti, ma il film è tutto sommato godibile.
MEMORABILE: un tipo che si fonde e viene risucchiato nel cesso, tirando anche la catena;

Rigoletto 20/02/15 22:42 - 1621 commenti

I gusti di Rigoletto

Forse gli amanti degli splatter lo troveranno gradevole, a me però non è piaciuto. Esaurisce tutto quello che ha da dire (cioè niente) in mezz'ora, il resto è un trascinarsi alla meno peggio, un tirare a campare che spariglia tutti gli elementi senza disporli in una prospettiva gerarchica. Oltre ad alcune trovate di pessimo gusto (vedi l'evirazione e il successivo giochino) sono di poca consistenza anche gli attori. Deprecabile poi il rappresentare tutti (barboni, gente normale e poliziotti) come rottami umani, senza niente da dire o da dare.

Minitina80 15/03/15 12:43 - 2400 commenti

I gusti di Minitina80

Allucinante e allucinato. Non ha molto senso cercare di seguire la storia nella sua interezza, è sufficiente godersi gli attimi che vedono coinvolti i soggetti di turno. Mette in luce la miseria umana, quella più disperata e becera, che si trova all’angolo della strada ma che non vogliamo vedere. Sono figli della società abbandonati a se stessi; alcuni tentano di ribellarsi, altri si rassegnano, ma alla fine il Viper avrà sempre la meglio. Grandioso l’uso della steadicam.

Pinhead80 1/10/15 17:10 - 4005 commenti

I gusti di Pinhead80

Unico film alla regia per Muro che rimane però tra le vette più alte del cinema trash. Il titolo originale rende meglio di quello italiano perché è un film ambientato in un mondo a parte. Quintali di spazzatura e di macchine sfasciate fanno da cornice a questa storia grottesca che più di una volta deraglia in deliri post Vietnam e nello splatter più becero. Tanta confusione in un film che sembra prendere una direzione per poi virare immediatamente dall'altra parte. Buona bevuta di Viper a tutti.

Schramm 4/03/16 12:52 - 2450 commenti

I gusti di Schramm

Vatti a fidare delle casse nei sottoscala: son cose che voi Bukowski non potete digerire. Muro usa la steadycam come una sonda per colonscopie urbane in una città cirrotica. Post senz’atomica via Kern&Zedd, Giovinazzo in mano a Waters: impasse insanabile tra umorismo autistico e il trascinarci seriamente nelle segrete della civiltà tra corpi che esplodono come metallizzate tempere Sguish. Liquefatta è anche la coesione narrativa, in una cosmogonia dello squallore dove tutto esautora tutto sotto una pioggia di impazzite schegge rappresentative. Più che horror, un postdatato assegno a vuoto.

Daidae 22/02/18 11:38 - 2762 commenti

I gusti di Daidae

Sulla falsariga di Bad taste et similia, un horror a basso costo, tipicamente Anni 80 che presenta la geniale idea di effetti speciali fatti (in parte) da vernici colorate. Il cast è abominevole, la trama ridicola, eppure nonostante un'eccessiva lentezza ci si riesce a divertire. I momenti migliori, inutile dirlo, sono quelli in cui il "Viper" mostra i suoi effetti. Divertente nel finale. Unica nota stonata: il pseudo-mafioso, davvero fuori posto; per il resto è un film tutto sommato ben riuscito.
MEMORABILE: Un uomo si scioglie nel gabinetto; I resti multicolore dei cadaveri; Il lancio della bombola!

Anthonyvm 26/06/18 22:50 - 2131 commenti

I gusti di Anthonyvm

Notevole melting-movie che si fa notare, oltre che per il pregevolissimo uso di steady-cam, per le numerose e folli trovate di cui la pellicola è infarcita. Si va da barboni liquefatti fra spruzzi variopinti a partitelle di football con un pene tranciato, senza escludere stupro e necrofilia, il tutto giocato con tono farsesco e divertito. Lo script non è il massimo, visto che il subplot del liquore corrosivo sembra inserito a forza in quella che è di fatto una black comedy ambientata nel mondo dei senzatetto. Ma il malsano divertimento c'è.

Bubobubo 13/03/19 23:42 - 1231 commenti

I gusti di Bubobubo

Ecco il posto giusto per stoccare tutti gli stereotipi e i luoghi comuni dell'horror indipendente anni '80: giù per le tubature di un gabinetto. Profluvi di scorrettezze senza nemmeno la decenza del dubbio: la posta in gioco è alta e Muro la mette giù pesante, facendo del suo meglio con un soggetto che definire raffazzonato è essere piuttosto gentili. Il febbrile passaparola negli anni gli ha fatto guadagnare la fama, ma non ancora lo status, del cult movie: non è necessario apprezzarlo, ma conoscerlo sì.

Gabigol 30/03/19 18:10 - 418 commenti

I gusti di Gabigol

Film disarticolato dal punto di vista narrativo e tremendamente goffo nel gestire il taglio corale che la vicenda propone. Brutto film? No, assolutamente. Un vero e proprio guazzabuglio di eccessi - sporcizia, rumori, disagio, alcool, malattie veneree, stress post-traumatico, uccisioni a tradimento, abusi sul posto di lavoro, necrofilia - messi al servizio di una (piuttosto blanda, va ammesso) critica rivolta all'indifferenza, da parte della società, per reietti e disadattati. Dialoghi divertenti ed effetti speciali più che riusciti.
MEMORABILE: Gli effetti del viper (liquefazione sul cesso); Il torello condotto con un pene evirato; Lo scontro titanico tra reduce e poliziotto; La bombola.

Rufus68 26/04/20 23:38 - 3152 commenti

I gusti di Rufus68

Appartiene al filone splatter putrescente degli anni Ottanta. Se Fulci anela addirittura vette metafisiche, Muro si limita al resoconto storico-sociologico di un'America in fin di vita. Il sogno si è liquefatto, letteralmente e ha abbandonato chi vi credeva lasciando dietro solo scorie: un popolo di barboni, luridi centri di autodemolizione, ciccioni pervertiti, poliziotti e mafiosi da barzelletta, reduci pazzi che girano con pugnali ricavati da femori umani. Imperfetto, plumbeo come il suo score elettronico, a suo modo importante.

Taxius 22/12/19 13:04 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

Nell'Olimpo dell'horror trash anni 80 c'è sicuramente questo film demenziale che ha come casus belli della morte di molti barboni una bottiglia di un misterioso alcolico chiamato Viper, che una volta ingerito scioglie le interiora dell'assetato di turno. Di perle da storia del cinema ce ne sono diverse, una su tutte la partita a football col pene di un poveraccio. Oltre a essere molto divertente e molto splatter, il film ha una notevolissima ambientazione, che si divide tra un cencioso sfasciacarrozze e due luride strade. Da riscoprire.

Fedeerra 29/10/20 03:16 - 468 commenti

I gusti di Fedeerra

Più politico e misogino che horror e splatter (anche se di corpi ridotti in poltiglia ce ne sono tanti), il film di Muro però unisce la satira sociale col fascino immortale dell’estetica camp. Il trash (come suggerisce il titolo) è voluto, ridondante e accattivante, gli effetti speciali sono rozzi ma estremamente creativi e il ritmo non cede di un secondo. Un gioiellino.

Markus 1/11/20 11:36 - 3331 commenti

I gusti di Markus

Il tempo in cui il cinema horror si tingeva di comico con "splatter" insistiti e variopinti, quasi a voler sottolineare l'aspetto carnevalesco delle operazioni. L'opera prima - tale resterà, almeno in termini di lungometraggio - dell'operatore di steadicam Jim Muro è un folle ma talora delizioso - magari per palati non finissimi - lavoro di messa in discussione d'un certo cinema del terrore Anni '80 che col sanguinolento a buon mercato ci ha costruito un filone. Il film ha un alone di culto non del tutto ingiustificato. Alzate le bottigliette di "Viper" e brindate... alla morte!
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Don Masino • 8/10/08 12:01
    Galoppino - 282 interventi
    Scrivo qui prendendo lo spunto dalla curiosità di Undying: in effetti quando avevo visto il film, molti anni fa, mi erano subito venuti in mente certi quadri: Muro non ha guardato alla credibilità ma all'arte astratta (di Dalì di sicuro, si vede), mentre faceva sciogliere i suoi corpi. E' per questo secondo me che il film si fa ricordare. non certo per la trama, che è un pretesto bello e buono.
  • Curiosità Undying • 28/04/10 18:19
    Scrivano - 7630 interventi
    Un cortometraggio allungato

    All'epoca della realizzazione, Jim Muro era un ventunenne operatore di steadicam (le macchine da presa utilizzate, in prevalenza, per realizzare soggettive in movimento, n.d.r.).

    Il giovane regista realizzò un cortometraggio, molto apprezzato da Roy Frumkes - suo insegnante alla scuola di arti visive - al punto che il docente collaborò ad ampliare la sceneggiatura e, con l'aggiunta di capitali, a diluire lo stesso: il risultato è, appunto, Horror in Bowery Street.
  • Curiosità Columbo • 5/10/10 09:54
    Magazziniere - 1102 interventi
    Undying ebbe a dire:
    Un cortometraggio allungato

    Il giovane regista realizzò un cortometraggio, molto apprezzato da Roy Frumkes - suo insegnante alla scuola di arti visive - al punto che il docente collaborò ad ampliare la sceneggiatura e, con l'aggiunta di capitali, a diluire lo stesso: il risultato è, appunto, Horror in Bowery Street.


    ...quel corto, dice il regista, fu ispirato a Dodes'ka-den di Kurosawa.
  • Homevideo Ciavazzaro • 12/10/10 20:54
    Scrivano - 5612 interventi
    La versione inglese si limita (si fa per dire) a tagliare la scena di 6 secondi del pene tagliato.

    I tagli sono stati poi rimessi nell'edizione uscita negli anni 2000 in Inghilterra.
  • Discussione Gestarsh99 • 4/12/10 15:09
    Scrivano - 15076 interventi
    Il TRAILER AMERICANO
  • Discussione Ciavazzaro • 4/12/10 20:50
    Scrivano - 5612 interventi
    Ottima segnalazione !
  • Curiosità Kanon • 17/02/11 17:37
    Fotocopista - 816 interventi
    Tony Darrow, che in questo film interpreta il proprietario di un ristorante con inclinazioni da " boss mafioso ", riprenderà curiosamente questo ruolo nel film " Quei bravi ragazzi " di Scorsese (senza però essere un boss, questa volta).
  • Homevideo Taxius • 28/05/20 20:54
    Archivista in seconda - 178 interventi
    In arrivo a luglio il bluray targato Midnight Classic
  • Homevideo Caveman • 28/05/20 21:15
    Pulizia ai piani - 292 interventi
    Taxius ebbe a dire:
    In arrivo a luglio il bluray targato Midnight Classic

    Esattamente il Classico di Luglio, lo scorso anno toccò a Troll 2.

    Diciamo che in estate la Midnight punti su titoli parecchio alternativi.

    Lodevole iniziativa, comunque.
  • Homevideo Taxius • 29/05/20 13:02
    Archivista in seconda - 178 interventi
    Caveman ebbe a dire:
    Taxius ebbe a dire:
    In arrivo a luglio il bluray targato Midnight Classic

    Esattamente il Classico di Luglio, lo scorso anno toccò a Troll 2.

    Diciamo che in estate la Midnight punti su titoli parecchio alternativi.

    Lodevole iniziativa, comunque.


    Diciamo che in estate alla Midnight si concedono una pausa sui cult :-D
    Comunque quella schifezza di Troll 2 l'ho aspettata per una vita in bluray