History of horror (7 episodi)

Media utenti
Titolo originale: History of horror
Anno: 2018
Genere: documentario (colore)
Note: Aka "Eli Roth's History of Horror". Documentario in sette puntate. I sottogeneri trattati sono: zombi, slasher, possessioni, creature assassine, vampiri, fantasmi.
Numero commenti presenti: 3

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/03/20 DAL BENEMERITO ANTHONYVM
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Anthonyvm 18/03/20 23:12 - 3118 commenti

I gusti di Anthonyvm

Miniserie documentaristica di circa cinque ore in cui Eli Roth tenta di sintetizzare il genere che l'ha reso noto analizzandone le categorie principali (zombi, vampiri, slasher...). Tanti ospiti illustri per un riassunto un po' americanocentrico e certamente ricco di omissioni (i fanta-horror, Alien compreso, sono pressoché ignorati, così come i cannibal movie, cosa strana visto il film di Roth del 2013), ma godibile per qualunque appassionato, pur di fatto non aggiungendo molto al bagaglio culturale dei fan. Per i giovani neofiti una bibbia.
MEMORABILE: Stephen King riceve in regalo un magnete da frigo di Maniac; Richard Donner ammette di aver paura dei bambini e di esser grato di non avere figli.

Fedeerra 30/12/20 06:00 - 750 commenti

I gusti di Fedeerra

Nulla di così nuovo; si parla e si analizzano i soliti classici dell’orrore, di cui tutti abbiamo sempre e ampiamente sentito parlare. Sarebbe sicuramente stato più avvincente regalare delucidazioni su pellicole meno famose ma altrettanto degne di nota. Certo che vedere Rob Zombie, Eli Roth, Stephen King, George Nicotero & co chiacchierare sul cinema come fossero seduti al bar ha il suo gran fascino. Deliziosa Tippi Hedren che racconta la sua esperienza durante le riprese di Gli uccelli di Hitchcock.

Rebis 15/09/21 11:40 - 2148 commenti

I gusti di Rebis

Più che una History, un mega trailerone che assembla con gusto sfrontato e ritmo inarrestabile tutte le scene topiche dei film che abbiamo amato. Non c'è una notizia nuova che sia una, non c'è trivia che ogni fan non tramandi nei forum da generazioni e l'America si impone come ombelico dell'horror, con voragini conseguenti e clamorose assenze (Argento, per dire). Ma l'intrattenimento è assicurato e vedere riunite così tante guest star scatena endorfine a profusione. Da affrontare come omaggio al genere piuttosto che come suo compendio.

Greg Nicotero HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Anthonyvm • 19/03/20 00:10
    Contatti col mondo - 526 interventi
    Senz'altro da preferire la versione in lingua originale, dato che l'adattamento italico si lascia sfuggire diversi strafalcioni, alcuni perdonabili, altri non dappoco.

    Venerdì 13 diventa in più occasioni Venerdì 17 (!).
    Il giorno degli zombi cambia in Il giorno dei morti.
    Zombi, s'intuisce, è L'alba dei morti.
    Incubo sulla città contaminata passa a Città dell'incubo.
    Dal tramonto all'alba a un certo punto si trasforma in Dall'alba al tramonto.
    Lasciami entrare muta in Lasciatemi entrare.
    La kinghiana Luccicanza (o al limite Aura) di Shining si trasforma in Scintillio.
    Slash commenta Lee Remick ne Il presagio definendola grandiosO.
    Stephen King usa l'espressione "lovers' lane" per indicare un generico ritrovo per coppiette, invece nella versione italiana si riferisce curiosamente al misconosciuto slasher Viale dei delitti, uscito appunto come Lovers lane in patria.

    Insomma, il doppiatore di Pleasence in Terrore in sala parlava di Non aprite quella porta come Massacro nel Texas, ma in fondo era l'84... Dispiace notare così poca attenzione da parte dei nostri traduttori anche dopo più di trent'anni, nell'era di Internet e con un fandom di cinefili molto più in vista.
    Ultima modifica: 19/03/20 07:49 da Anthonyvm
  • Discussione Caveman • 28/04/20 15:40
    Custode notturno - 379 interventi
    Anthonyvm ebbe a dire:
    Senz'altro da preferire la versione in lingua originale, dato che l'adattamento italico si lascia sfuggire diversi strafalcioni, alcuni perdonabili, altri non dappoco.

    Venerdì 13 diventa in più occasioni Venerdì 17 (!).
    Il giorno degli zombi cambia in Il giorno dei morti.
    Zombi, s'intuisce, è L'alba dei morti.
    Incubo sulla città contaminata passa a Città dell'incubo.
    Dal tramonto all'alba a un certo punto si trasforma in Dall'alba al tramonto.
    Lasciami entrare muta in Lasciatemi entrare.
    La kinghiana Luccicanza (o al limite Aura) di Shining si trasforma in Scintillio.
    Slash commenta Lee Remick ne Il presagio definendola grandiosO.
    Stephen King usa l'espressione "lovers' lane" per indicare un generico ritrovo per coppiette, invece nella versione italiana si riferisce curiosamente al misconosciuto slasher Viale dei delitti, uscito appunto come Lovers lane in patria.

    Insomma, il doppiatore di Pleasence in Terrore in sala parlava di Non aprite quella porta come Massacro nel Texas, ma in fondo era l'84... Dispiace notare così poca attenzione da parte dei nostri traduttori anche dopo più di trent'anni, nell'era di Internet e con un fandom di cinefili molto più in vista.


    A quanto pare vale il prezzo del biglietto, o sbaglio?

    Roth come regista è così così però rispetto il suo grande amore per il genere.
  • Discussione Anthonyvm • 29/04/20 00:04
    Contatti col mondo - 526 interventi
    Caveman ebbe a dire:A quanto pare vale il prezzo del biglietto, o sbaglio?

    Roth come regista è così così però rispetto il suo grande amore per il genere.


    Ti dirò, attualmente i prezzi ai quali si trova in giro (parlo di DVD/Blu-ray) sono un po' altini, considerati il doppiaggio italiano approssimativo, la mancanza di extra e il limitato arricchimento culturale che la serie può offrire a un horrorista già navigato.
    Se si è già amanti e conoscitore del genere, è molto probabile che, fra interviste ad autori famosi e analisi di grandi classici, buona parte delle informazioni date non suoni nuova.
    Resta comunque una valida sintesi dell'argomento, e condivido ciò che dici su Roth: qualità registiche a parte, è ovvio che al ragazzo la materia piace e quando ne parla riesce a farla piacere.
    Personalmente, potessi tornare indietro, aspetterei un leggero abbassamento di costo prima di acquistarlo.
    Ultima modifica: 29/04/20 00:05 da Anthonyvm