LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/07/08 DAL BENEMERITO CAESARS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Hackett 10/07/08 13:39 - 1797 commenti

I gusti di Hackett

La coppia Redford-Pollack è una garanzia e questo film non fa che confermare la regola. Girato con classe, riporta una lucida ricostruzione della vita cubana prerivoluzionaria. L'aria di cambiamento che si respira è imminente come la fine di un'epoca che non tornerà più, fase storica che pochi hanno raccontato. Grande cast.

Caesars 21/07/08 09:10 - 2868 commenti

I gusti di Caesars

Francamente mi aspettavo qualcosa di più. La prima parte è interessante con la ricostruzione della Cuba pre castrista, con le sue contraddizioni legate al regime di Batista. Poi la storia d'amore tra Redford e la Olin prende il sopravvento e la pellicola perde d'incisività (oltre che di credibilità nella trama). Rimane comunque un film che merita la visione, in quanto girato bene dal compianto Pollack. Ho fatto fatica a riconoscere Tomas Milian, in un ruolo decisamente non secondario.

Cangaceiro 22/01/09 15:13 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Film quasi esclusivamente descrittivo focalizzato sull'atmosfera che si respirava a L'Havana nei giorni clou della rivoluzione castrista. La ricostruzione è discreta ma Pollack non è Scorsese e non riesce a riprodurre il tutto in maniera agile, mentre Casino, pellicola simile a questa, nonostante le 3 ore di durata va giù come un bicchier d'acqua. Redford fa una prova senza sbavature ma i suoi dialoghi con la Olin sono imbarazzati e imbarazzanti. Milian fa il cattivo ed è più presente rispetto a Revenge. Dedicato per lo più agli "esteti".

Galbo 17/01/11 05:52 - 11546 commenti

I gusti di Galbo

Nella Cuba dei moti rivoluzionari, la moglie di un componente della resistenza si innamora di un affascinante giocatore di poker americano. Tra le prove meno significative del regista americano Sidney Pollack, il film ha come ovvio modello di riferimento il capolavoro Casablanca. La ricostruzione della Cuba degli anni ’50 è di ottimo livello, ma i personaggi sono scarsamente interessanti e la storia “prende” poco, nonostante l’impegno di un cast di buon livello.

Daniela 11/10/11 16:20 - 9974 commenti

I gusti di Daniela

Pollack, pur garantendo sempre una regia professionalmente valida, ha bisogno di un buon soggetto per esprimersi al meglio, non possedendo quella cifra autoriale in grado di trasformare anche la cacca in oro. Non è questo il caso, in quanto il film, nonostante la bella ambientazione e la scelta di un momento storico di particolare interesse, è un melodramma amoroso fiacco, noioso ai limiti del pisolo. Sia Redford, che pure con Pollack ha avuto ottime occasioni, che Olin non convincono. Meglio l'irriconoscibile Milian in un ruolo di fianco.

Nando 13/04/12 17:21 - 3514 commenti

I gusti di Nando

La Cuba precastrista viene narrata in questa pellicola in cui dopo una prima parte storiografica si giunge alla storia sentimentale. Valide le ambientazioni con Redford sempre affascinante mentre non mi ha del tutto convinto la Olin. Imprendibile Milian. Forse troppo lungo.

Lou 28/09/16 18:57 - 1007 commenti

I gusti di Lou

Le languide atmosfere e gli ambienti della bella vita della Cuba pre-rivoluzionaria sono probabilmente l’aspetto più riuscito del film di Pollack, che innesta una non esaltante storia d’amore tra l’avventuriero Robert Redford e l’ex attrice Lena Olin, parecchio ingessati, sullo sfondo della situazione politica e sociale del regime di Batista prossimo alla caduta per mano dei rivoluzionari castristi. Molto lento e poco incisivo.

Magi94 3/08/17 13:22 - 735 commenti

I gusti di Magi94

Un Pollack minore, anche se comunque guardabile per passare una serata. Il soggetto di per sé potrebbe anche essere interessante, ma lo svolgimento è lineare, quasi piattino, senza il minimo pathos o un respiro epico a incorniciare la vicenda. Redford stesso non dà il meglio di sé. Rimangono comunque le buone ricostruzioni della parte edonistica della Cuba di Batista, che viene scossa violentemente dall'arrivo della rivoluzione all'Havana, mentre fino a un attimo prima faceva finta che nulla stesse accadendo.

Urraghe 26/03/20 23:54 - 68 commenti

I gusti di Urraghe

Mescolare una storia di passione e una rivoluzione è molto complicato sopratutto se si parla di Cuba. Pollack, purtroppo, non riesce nell’impresa di amalgamare la ricostruzione storica, una storia di amore con due protagonisti affascinanti e il thriller. Film inutilmente lungo e poco riuscito. Non vi è tensione, il personaggio di Redford è al limite del credibile. Buoni la fotografia e i caratteristi, meno la colonna sonora. La pellicola gratta la superfice ma restituisce un racconto inutilmente patinato. Occasione persa.
MEMORABILE: "No. Voglio camminare".

Anthonyvm 5/04/20 23:48 - 2408 commenti

I gusti di Anthonyvm

Quella che pare (alla lontana) una rivisitazione di Casablanca ambientata nella tumultuosa Cuba dei tardi anni '50, si rivela un'opera visivamente sontuosa (la ricostruzione d'epoca dell'Avana, fra casinò, locali e luci natalizie è ammirevole) ma non altrettanto interessante per quanto riguarda la storia. Malgrado le ragguardevoli performance del cast, i personaggi sono piuttosto scontati e la melodrammatica love story fra lo scafato Redford e la rivoluzionaria Olin tende a stancare presto. Un irriconoscibile Tomas Milian ruba la scena a tutti.
MEMORABILE: La foto di Raul Julia morto sui giornali; Le torture sulla Olin; Il villaggio devastato con vittime in esposizione; La vittoria di Castro nel finale.

Sydney Pollack HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Cangaceiro • 26/01/09 21:24
    Call center Davinotti - 742 interventi
    Trovo incomprensibile il fatto che Raul Julia non sia accreditato visto che non fa un cameo di 20 secondi ma partecipa a 2 lunghe e importanti scene:nella prima a cena tiene il discorso sugli oppositori politici divisi in "torturabili e non",nell'altra minaccia di morte Redford una volta capito che l'"americano" gli stava rubando la donna...
    Spero che qualcuno mi dia spiegazioni.
  • Discussione Zender • 27/01/09 08:43
    Consigliere - 44113 interventi
    Mah, capita spesso per i motivi più diversi che un attore (anche molto importante) non venga accreditato. Non mi stupirei tropo della cosa...
  • Discussione Caesars • 27/01/09 09:03
    Scrivano - 12032 interventi
    Effettivamente la parte di Raul Julia non si può certo definire un semplice cameo; non mi ero però accorto che non fosse accreditato. Concordo con Zender però sul fatto che non sia così inusuale la cosa.
  • Discussione Cangaceiro • 27/01/09 10:56
    Call center Davinotti - 742 interventi
    Ah,ho capito...(Caesars ti avevo scomodato perchè ho visto che la scheda di HAVANA l'hai inserita tu).
  • Discussione Caesars • 27/01/09 13:43
    Scrivano - 12032 interventi
    Per Cangaceiro:
    Si hai ragione, effettivamente avevo inserito io la scheda con gli attori principali (probabilmente copiati da Imdb). Non ricordo esattamente se non avessi fatto caso al fatto che mancava il nome di Julia oppure non gli avessi dato peso. Comunque hai fatto bene a chiamarmi nella discussione.
  • Homevideo Xtron • 10/02/12 10:53
    Servizio caffè - 1848 interventi
    Il dvd Universal ha una durata di 2h18m32s
    Il video però è letterbox

  • Homevideo Panza • 27/03/16 14:08
    Contratto a progetto - 4977 interventi
    Quando hai tempo potresti ricaricare lo screen?
  • Homevideo Xtron • 28/03/16 19:07
    Servizio caffè - 1848 interventi
    Panza ebbe a dire:
    Quando hai tempo potresti ricaricare lo screen?

    Purtroppo non riesco a trovarlo. Appena lo trovo comunque lo inserisco.