Hanno rubato un tram

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1954
Genere: commedia (bianco e nero)
Note: Il film, diretto da Aldo Fabrizi, venne però iniziato da Mario Bonnard, per essere poi concluso da Sergio Leone.
Numero commenti presenti: 4
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 4/04/10 DAL BENEMERITO RENATO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 2/12/14
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Renato 4/04/10 14:59 - 1590 commenti

I gusti di Renato

Fabrizi ovviamente sugli scudi, in questo buon film in cui riprende il ruolo del tranviere burbero ma bonaccione che aveva già portato sugli schermi in almeno un'altra occasione. La vicenda da cui Luciano Vincenzoni trasse il soggetto era accaduta realmente, in Austria a quanto pare. In ogni caso il film utilizza il meccanismo del tram rubato solo per poter narrare una storia leggera e che diverte, centrando in pieno il bersaglio a mio avviso.

Homesick 7/11/11 08:58 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Commedia semplice e lineare sui buoni sentimenti che trionfano dopo qualche momento di gravi difficoltà (l’incidente occorso al conducente del tram e le sue ricadute sulla sua vita sociale e familiare), secondo un soggetto di Luciano Vincenzoni riletto in chiave più drammatica per Il ferroviere di Germi due anni dopo. La regia investe con successo nel caratterismo (il trio Fabrizi-Campanini-De Landa), arruolando anche celebri nomi del teatro bolognese (Lanzarini, Casalini, la Giordani, la Colombini) e persino il venditore ambulante epicorico Oreste Biavati.
MEMORABILE: Fabrizi che con buone maniere convince il cagnolino a scendere; l’infervorata arringa del folkloristico avvocato (Oreste Biavati).

Rambo90 22/04/17 17:12 - 6423 commenti

I gusti di Rambo90

Film semplice e leggero, costruito su misura per il classico personaggio alla Fabrizi, in un misto di comicità e amarezza (con una seconda parte che ha quasi echi di neorealismo). Forse una trama più solida avrebbe giovato, ma comunque molte parti sono riuscite, come i duetti con Campanini o quelli con il superiore antipatico (anche questo un topos ricorrente per Fabrizi). Si guarda con piacere.

Rufus68 29/01/18 22:45 - 3147 commenti

I gusti di Rufus68

Altro apice della bonarietà bofonchiata e sbuffante di Fabrizi in grado di trascolorare fra toni seriosi o scanzonati, alterigie, bonomie fataliste e scoppi d'ira. Il tutto al servizio di un filmino simpatico e leggero, forte di numerosi caratteristi e di quell'umanità tipica dell'Italia umile e speranzosa del dopoguerra. E comunque è sempre l'Aldo nazionale il motore brillante dei novanta minuti, irresistibile quando insegna ai familiari bolognesi l'arte delle tagliatelle o si presenta al superiore con cappellino e borsetta da donna.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Columbo • 10/05/11 11:26
    Magazziniere - 1102 interventi
    Nei titoli di testa si possono leggere tre notizie interessanti. Se il regista è appunto Aldo Fabrizi:
    1) l'aiuto regista del film era SERGIO LEONE
    2) il Direttore della fotografia era MARIO BAVA (infatti la fotografia è perfetta, è uno dei punti di forza del film)
    3) il compositore della colonna sonora era CARLO RUSTICHELLI
  • Curiosità Columbo • 10/05/11 11:27
    Magazziniere - 1102 interventi
    Interessante vedere i Tram di Bologna, già molto vecchi nel 1954 (erano tram che avevano già 40 anni di servizio e più), e che sarebbero stati definitivamente tolti tre anni dopo. Per i TRAM DI BOLOGNA si può consultare il bellissimo libro fotografico "Quando a Bologna c'erano i Tram" di Gianfranco Cacozza, Giancarlo Bondi, Roberto Amori, Ed. CEST, Bologna, 1996.
  • Curiosità Homesick • 7/11/11 09:03
    Capo scrivano - 1378 interventi
    Dall'interessante libro Cronache del teatro dialettale bolognese dalle origini ai nostri giorni, di Arrigo Lucchini (Pendragon, 2006):

  • Discussione Caesars • 28/10/14 11:05
    Scrivano - 11242 interventi
    Come regia Imdb riporta:

    Aldo Fabrizi
    Mario Bonnard ... (uncredited)
    Sergio Leone ... (uncredited)

    Il fatto che la pellicola sia stata finita da Leone è confermato anche da Vincenzoni nel documentario a lui dedicato "Luciano Vincenzoni, lover, poet and magician!"
  • Discussione Zender • 28/10/14 14:38
    Consigliere - 43734 interventi
    Ok, aggiunti.
  • Curiosità Mauro • 5/02/15 13:43
    Disoccupato - 9589 interventi
    Il ruolo di conduttore del concorso "Reginetta dei tranvieri" è interpretato dall'allora aiuto regista Sergio Leone: