Green card - Matrimonio di convenienza

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/03/07 DAL BENEMERITO CAESARS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 16/03/07 09:19 - 2909 commenti

I gusti di Caesars

La situazione di base non è molto originale: lui francese ha bisogno di sposarsi per ottenere la carta verde per soggiornare in USA, lei americana ha bisogno di un marito per abitare in un appartamento con bellissima serra in cui non sono ammessi i single. Per ottenere i loro scopi si sposano decidendo di separarsi subito dopo... ma l'ufficio immigrazione non ci vede chiaro. Commedia ben diretta da Weir ben assecondato dagli attori (soprattutto Depardieu). Non un capolavoro ma da vedere.

Flazich 12/04/07 22:56 - 659 commenti

I gusti di Flazich

Da Peter Weir mi aspetto qualcosina di più che una banale e strampalata storia d'amore. Sorretta da una trama flebile, la pellicola crolla in un finale scontato e banale degna di un film di serie Z. Anche se gli attori si impegnano al massimo, sono i primi a mostrare quanto poco credano in questo film. Da evitare come la peste.

Magnetti 17/04/07 15:43 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Filmettino... ino, ino, ino. Leggerissima commedia sentimentale con una storia così così il cui difetto maggiore è un finale stiracchiato. Il resto non è malaccio, con alcune scene valide (la suonata di pianoforte di Depardieu). Gli attori sono bravi ma non ben assortiti: infatti la bella e aggraziata MacDowell non è assolutamente compatibile (anche fisicamente) con quel bisonte francese di Depardieu. I momenti di stanca superano quelli interessanti. Bella la casa con la serra e il balcone sul tetto.

Galbo 16/11/07 17:40 - 11574 commenti

I gusti di Galbo

Commedia di Peter Weir dall'assunto assolutamente improbabile ma realizzata con una certa soavità e leggerezza. Chiave del film è il rapporto tra i due protagonisti che, partendo da una totale diversità (ed apparente incompatibilità anche fisica) finiscono con il comprendersi ed amarsi reciprocamente. Pur con qualche pecca in fase di scrittura (la sceneggiatura non è esente da difetti e gravata da una lampante inverosimiglianza) il film si rivela comunque piuttosto gradevole.

Cotola 22/12/08 20:51 - 7807 commenti

I gusti di Cotola

Esile commedia rosa girata da un Weir "alimentare" che riesce però in ogni caso, grazie anche all'aiuto degli attori (in particolare Depardieu), a rendere dignitoso l'insieme. La sceneggiatura è abbastanza scontata ma almeno sceglie un finale agrodolce e poco consolatorio. Per il resto poco o null'altro da segnalare. Solo se non avete nulla di meglio da vedere.

Giacomovie 17/08/09 12:15 - 1361 commenti

I gusti di Giacomovie

Piacevole commedia che assicura una discreta evasione umoristica con uno script scorrevole, una trama che incuriosisce ed una coppia di grandi attori (Depardieu - MacDowell) in riuscita sintonia. Buona la qualità delle riprese di un esperto Weir (dà l'aria di un film di 10 anni più avanti) ed istruttiva la morale finale sul nascere del sentimento: i legami iniziati per gioco spesso si rivelano più autentici degli altri. ***
MEMORABILE: "Devi solo fidarti del tuo istinto".

Nando 26/07/10 14:42 - 3534 commenti

I gusti di Nando

Due estranei cercano di unirsi in matrimonio per poter ottenere la carta di soggiorno negli Stati Uniti. Dopo la diffidenza subentra il sentimento. Una commedia con venature malinconiche sorretta da due validi attori e da una regia poco propensa al sentimentalismo ma tendente a descrivere la loro situazione precaria.

Stefania 28/07/10 23:50 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Commedia verdognola (lui brama la green-card, lei agogna la green-house), che non si discosta dall'arcaico e sempreverde (!) cliché "lui e lei innamorati prima per finta, poi sul serio", ma che ha il pregio di basarsi su due caratteri memorabili e realmente idiosincratici. All'antagonismo interno alla coppia si assomma l'antagonismo della coppia nei confronti dell'esterno (la burocrazia): non ci si annoia. E dispiace quel finale dispettosamente incerto: ora che la serra di Bronte sembrava un eden, e la musica di Georges era nuovamente ispirata!

Daniela 27/12/10 08:12 - 10118 commenti

I gusti di Daniela

Lei vuol affittare uno splendido appartamento ma la proprietaria non accetta single, lui ha bisogno della Green Card per soggiornare negli USA. Nonostante la scarsa empatia reciproca, si sposano per convenienza ma finiscono nel mirino dell'Ufficio Immigrazione che subodora l'inganno. Commedia sentimentale piuttosto gradevole, ben interpretata dallo strabordante Depardieu mentre McDowell non brilla più del consueto, ma certo piuttosto convenzionale, prevedibile negli sviluppi, deludente se si pensa a chi si trova dietro la macchina da presa.

Saintgifts 12/09/13 10:25 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Peter Weir doveva proprio amare questa storia visto che suoi, oltre alla regia, sono anche il soggetto e la sceneggiatura. Di sicuro fa capire quanto sia poco considerato il matrimonio negli USA, visto che, in questo caso, viene usato per scopi non proprio nobilissimi. Forse ci guadagna Georges, che si ritrova così una casa e la carta verde, anche se c'è da combattere per mantenerla. Giusta scelta dei protagonisti, molto differenti tra loro, per rispettare la regola degli opposti poli che si attraggono. Quindi tutto prevedibile... o quasi.

Peter Weir HA DIRETTO ANCHE...

Festo! 13/11/18 19:20 - 83 commenti

I gusti di Festo!

La tagline del film ha già riassunto tutta la storia: due persone praticamente incompatibili sono costrette a una "convivenza forzata", hanno modo di conoscersi e di amarsi. Anche se alcune situazioni possono sembrare credibili fino a un certo punto (la caterva di foto scattate tutte solo su un balcone), sarebbe stato comunque un film discreto, se non fosse stato per il finale "ad cavolum", uno di quelli fatti apposta per far scendere la lacrimuccia, di quelli che ti farebbero spaccare la TV. Un film è anche il suo finale. Bocciato!

Lou 19/10/20 10:47 - 1027 commenti

I gusti di Lou

La mano di Peter Weir si apprezza anche quando si tratta di una commedia leggera, prevedibile e inverosimile. Il prodotto è curato, l'ambientazione newyorkese suggestiva, il tema accattivante e soprattutto la scelta della coppia di attori protagonisti è azzeccata: la MacDowell dolcissima e sensibile e Depardieu burbero sorprendente formano una coppia improbabile ma affascinante.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.