Fräulein - Una fiaba d'inverno - Film (2016)

Fräulein - Una fiaba d'inverno
Lo trovi su

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONCineprospettive

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Favoletta montanara con tanto di C'era una volta e immancabile narratore a sigillare poeticamente i passaggi da una fase all'altra. La fräulein del titolo si chiama Regina (Mascino), come il piccolo albergo di cui è unica proprietaria, perso nelle nevi di un imprecisato paesino dell'Alto Adige, al confine con l'Austria. La chiamano fräulein, "signorina", perché a giudizio di tutti è destinata a non sposarsi mai, col carattere che si ritrova. Dire burbera è poco: chi le si avvicina viene respinto (l'unico a provarci, a dire il vero, è il simpatico postino interpretato da Max Mazzotta) e i suoi pochi rapporti li intrattiene con un anziano di cui si occupa e due bizzarre...Leggi tutto amiche di diversa età con cui giocare a carte e scambiare quattro chiacchiere. La svolta vera arriva con l'entrata in scena di Walter (De Sica), che una sera si presenta sulla porta dell'albergo chiedendo alloggio. Nonostante Regina ripeta che l'esercizio è chiuso, Walter riesce ugualmente ad entrare con uno stratagemma e a piazzarsi in una camera; lei abbozza, grugnendo, ma col passare del tempo il loro rapporto cambierà. C'è un cuore che batte anche nei più autentici orsi di montagna, insomma, tutto sta a trovare il sistema per innestargli del sentimento. La regista e sceneggiatrice Caterina Carone utilizza i toni soavi e lievi della favola per raccontare l'incontro di due mondi diversi e complementari. Lo fa senza cercare mai di stupire, seguendo uno sviluppo che è quello più elementare che si possa immaginare e trascurando – e qui sta il difetto principale - di rendere fluida la narrazione. Non esistono inoltre dialoghi particolarmente azzeccati (né alcun apporto significativo lo dà il mescolare italiano e tedesco), niente che vada al di là di qualche scambio di parole e sguardi cui solo l'intensità di De Sica e della Mascino regala parte della forza richiesta. La poeticità dell'ambientazione invernale (con qualche romantica concessione di troppo, vedi l'aurora boreale!) aiuta a trovare la giusta dimensione intimista, la sensibilità tutta femminile della regista è valore aggiunto ma è qualità accessoria, che dovrebbe accompagnarsi a una godibilità della storia rintracciabile invece solo a sprazzi, e procedere un'ora e mezza così è faticoso. La trovata delle musicassette rilassanti da ascoltare in cuffia, ad esempio, è piuttosto sintomatica della scarsa attenzione al ritmo, poi sempre duro da recuperare. Deboli i caratteri secondari (ad eccezione del postino-macchietta di Mazzotta e compresa invece la gallina Marilyn, banale insert folkloristico), cui si mettono in bocca frasi che si vorrebbero ponderate ma a ben vedere non lo sono affatto, e il lungo tira e molla tra Walter e Regina procede stanco, con una frattura netta e poco comprensibile nel passaggio dal risentimento alla felice accettazione, con le prime risatine complici della Mascino che di conseguenza appaiono forzate. La bravura del De Sica attore anche al di fuori del contesto abituale non si scopre qui, ma non può forse aggiungere quanto sperato dal momento che deve recitare fin troppo sottotraccia e che protagonista è indubbiamente la Mascino. Restano l'apprezzabile misura, la mano tesa all'immedesimazione di chi guarda. Se si è disposti a seguire il tutto con molta pazienza del buono si trova, indubbiamente.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/05/16 DAL DAVINOTTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Gugly 28/05/16 09:59 - 1060 commenti

I gusti di Gugly

Fiaba leggera (il narratore è talora fastidioso) che forse poteva uscire il giorno di San Valentino, ché il messaggio è chiaro: bisogna aprire le porte del proprio cuore e avere fiducia, qualcosa potrebbe succedere (la metafora dell'albergo in rovina e dei mobili gettati alla rinfusa è sin troppo scoperta). Mascino e De Sica sono una vera sorpresa e di fatto tengono su una sceneggiatura esile e talora un pochino noiosa, ma è una delizia osservare il loro affiatamento; il povero postino è praticamente Dick Dastardly. Boreale.
MEMORABILE: "Lei non era programmato" "E invece mi sono presentato".

Markus 30/05/16 11:24 - 3538 commenti

I gusti di Markus

Tra le gelide montagne del Tirolo e i severi pini innevati si consuma una favoletta moderna dal taglio decisamente femminile e romantico (regia e sceneggiatura della Carone). L’idea dell’incontro-scontro dei protagonisti è una formula logora, che qui evidenzia platealmente tutti i limiti del “già visto”; resta quindi la buona caratterizzazione dei personaggi, con la Mascino a proprio agio nel ruolo dolce e amaro di zitella e un De Sica (nome evidentemente di richiamo) meno convenzionale del solito ma convincente.

Deepred89 28/07/16 12:24 - 3535 commenti

I gusti di Deepred89

A volte "impallinare" è crudele: il **! alla cui boa il film si ritrova legato per certe evitabili parentesi (le amiche, la discoteca) rischia di mettere in ombra un'opera singolarissima, commedia fiabesca semplice ma mai banale, in grado di evitare tutte le trappole (spiegoni, melensaggini) che un soggetto del genere poteva disseminare, insolita quanto vedere un malinconico De Sica (che si contiene a fatica) sperduto tra i monti tirolesi alle prese con una rude montanara (bellissimo personaggio, bravissima lei). La regista merita attenzione.

Rambo90 8/11/16 01:41 - 7174 commenti

I gusti di Rambo90

Favoletta leggera ma poco incisiva, che cerca di tratteggiare in modo accennato e un po' poetico la riscoperta dei sentimenti da parte di una donna chiusa verso il mondo, ma fallisce per una piattezza generale di personaggi e dialoghi. La Mascino è molto brava, a lei si devono i momenti più riusciti, mentre De Sica è francamente sprecato seppure in parte. La regia della Carone è timida, poco esperta e questa fa la differenza nei momenti più carenti della sceneggiatura. Mezza delusione.

Parsifal68 26/01/17 14:03 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

Un De Sica atipico nei panni di un turista dimesso fa da contraltare a una Mascino imbruttita e acidissima ma estremamente brava, nello scenario gelido dell'inverno sud tirolese. Lo scontro diventa incontro e scalda i cuori in un vicendevole scambio di emozioni tra due persone così distanti tra loro eppure così vicine nella loro alienazione. Film godibile che finisce con una porta aperta su un futuro migliore.

Zaratozom 29/01/17 21:52 - 58 commenti

I gusti di Zaratozom

Ho pensato a Carlo Mazzacurati guardando questa lenta pedalata nella nostalgia degli affetti, nel ritmo blando scandito da poche battute, molti silenzi, nei pochi caratteri delineati da qualche eccesso grottesco (il postino) e uno svolgersi prevedibile ma ben interpretato e appagante nella cartolina invernale di un Alto Adige da favola. Se ci fosse stata la firma del compianto regista padovano non ci sarebbe stato da ridire. E questo, per me, vale almeno tre pallini. Brava Carone. Ottimi De Sica e Mascino.
MEMORABILE: "Spaghetti, pollo e insalatina" ululati da De Sica (misuratissimo), che strappano un sorriso di nascosto alla burbera protagonista.

Hackett 16/04/17 21:58 - 1836 commenti

I gusti di Hackett

Storia semplice, di stampo prettamente natalizio, di quelle viste e riviste più volte e che senza inventare nulla giocano al limite sul cambio di ambientazione. Questa nuova bisbetica domata in versione montanara si farà scaldare il cuore da un Cristian De Sica insolitamente misurato e questa, davvero, può essere l'unica innovazione. Senza infamia né lode, si lascia vedere.

Capannelle 29/04/17 00:45 - 4102 commenti

I gusti di Capannelle

Piacevole storia leggermente romantica che vive delle interpretazioni della Mascino e di De Sica. Bella sorpresa lei e in parte anche un De Sica leggermente imbolsito ma in grado di reggere la scena senza gli istrionismi a cui ci ha abituato in carriera. Vanno in onda anche qualche caratterizzazione riuscita (le amiche) e un sottofondo mistico (la fine del mondo) più altalenante.

Galbo 23/07/17 13:08 - 11930 commenti

I gusti di Galbo

Innocua favoletta invernale che funziona benissimo come spot per località turistiche nordiche, molto meno sul versante cinematografico. Se De Sica come attore non si discute e la Mascino è una partner più che affidabile, la storia regge pochissimo a causa di una sceneggiatura davvero esile nella quale il rapporto tra i due protagonisti si crea in modo forzato (con il repentino e poco spiegato cambiamento nell'atteggiamento di lei) e sopratutto procede con troppi tempi morti che ledono la fluidità del racconto. Evitabile.

Ira72 4/06/21 12:13 - 1202 commenti

I gusti di Ira72

Meno peggio di quanto ci si aspettasse ma, non fosse stato per la presenza carismatica di Christian De Sica, si sarebbe trattato di un filmetto evitabile. Non che sia gran cosa (è evitabile comunque), ma la professionalità indiscussa del protagonista risolleva dal torpore, di tanto in tanto. La storia è una banale storiella, il resto del cast (a parte la Mascino) recita forzatamente, teatralmente, il narrato fiabesco è quasi disturbante. Azzeccata Marilyn (la gallina domestica), che suscita ilarità e simpatia.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Alexcinema 20/08/22 15:04 - 74 commenti

I gusti di Alexcinema

Tiepida commedia di ambientazione montana sull'isolamento sociale e l'alienazione individuale la cui rottura può essere solo causata da un improvviso input esterno, anche casuale. Il soggetto non spiega le ragioni dell'isolamento della protagonista proprietaria d'albergo (Mascino), ne ricalca solo gli stadi finali che verranno smussati dal cortese e posato turista (De Sica, in un ruolo d'eccezione rispetto alla sua consueta e volgare spavalderia); e  nemmeno di lui è dato sapere il background. Nell'insieme elegante e poetico, ma può risultare melenso ai non amanti del genere.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Gugly • 30/05/16 14:13
    Portaborse - 4666 interventi
    Non ho capito il senso dell'articolo

    http://www.dagospia.com/rubrica-2/media_e_tv/cinema-giusti-se-caterina-carone-suo-fraulein-non-avesse-125733.htm

    Ah, se Caterina Carone, per la sua opera prima, Fräulein – Una fiaba d’inverno, prodotto dal Carlo Cresto-Dina già responsabile di Le meraviglie di Alice Rohrwacher, non avesse voluto due nomi popolari come protagonisti, la Lucia Mascino nota in tv per la sit com Mamma per caso e addirittura Christian De Sica in un raro ruolo non comicarolo, ma due sconosciuti, magari stranieri, avrebbe potuto forse vedere il suo film d’esordio scelto da un festival importante, Cannes, Venezia, Locarno.

    Ma ha voluto costruire un film fiabesco interpretato da volti noti, e questo, per il folle mercato non solo italiano, comporta una qualche punizione.
  • Discussione Markus • 30/05/16 14:27
    Scrivano - 4809 interventi
    Il nesso è "capibile" ma tutto da dimostrare. Un punto di vista del giornalista, insomma.
    Forse (e dico forse) hanno giocato due nomi noti al grande pubblico per trascinarlo al cinema, ma come abbiamo potuto costatare...
  • Discussione Zender • 30/05/16 14:58
    Pianificazione e progetti - 46214 interventi
    Esatto, semplicemente il punto di vista del giornalista, tutto da dimostrare appunto... Magari senza nemmeno quei due non l'avrebbe visto nessuno ma nessuno e i festival importanti non avrebbero manco saputo che esisteva, un film così...
  • Discussione B. Legnani • 10/08/21 15:42
    Consigliere - 14700 interventi
    E' mancato Giorgio Lopez.
    Ultima modifica: 10/08/21 15:42 da B. Legnani
  • Discussione Mauro • 10/08/21 16:35
    Disoccupato - 11034 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:
    E' mancato Giorgio Lopez.

    Zender, Lopez è presente nel cast di questo film ma non so sei sia giusto metterlo. Non è presente fisicamente ma sua è la voce narrante (e in effetti ha lavorato più come doppiatore che come attore)
  • Discussione Zender • 10/08/21 17:01
    Pianificazione e progetti - 46214 interventi
    In questi casi non va nel cast ma nelle note come voce narrante,.