Firewall - Accesso negato

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/06/07 DAL BENEMERITO MAGNETTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Magnetti 12/06/07 09:52 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Il film proprio non mi è piaciuto: non appassionano i meccanismi thriller, il cattivo (Paul Bettany, il medico di Master and Commander) è mal caratterizzato e mancano elementi di contorno che possano giustificare una soddisfacente visione. Harrison Ford sembra un pugile suonato più che un attore. I difetti sono riconducibili a una sceneggiatura scontata priva di spunti brillanti. Il film è girato con mestiere, ma ci mancherebbe altro. Al termine si ha la spiacevole sensazione di aver perso del tempo.
MEMORABILE: La tremenda picconata assestata da Harrison Ford al suo nemico.

Galbo 15/04/08 19:08 - 11447 commenti

I gusti di Galbo

Film piuttosto scadente, che fallisce nel suo obiettivo principale: creare la tensione. Suscita invece la noia la vicenda la storia dello specialista di sistemi di sicurezza ricattato dal cattivone di turno. Non funziona la coppia di protagonisti, un sempre più "bollito" Harrison Ford e l'antagonista Paul Bettany evidentemente in un ruolo a lui non consono. La sceneggiatura non è sufficientemente sviluppata e lo scarso interesse suscitato si spegne presto.

Redeyes 17/04/08 13:32 - 2160 commenti

I gusti di Redeyes

Purtroppo il mio personale firewall non ha bloccato l'accesso (mio) a questa baggianata. Siamo veramente nell'ambiente del thriller con tre idee in croce. Meccanismi che gracchiano e azione che corre fluida come un 386 alle prese con il Pinnacle. Harrison Ford è bolso ed impacciato e non convince nessuno e la sceneggiatura pesca qua e là ma senza grandi risultati. In complexu passare oltre!

Mascherato 9/06/08 23:55 - 583 commenti

I gusti di Mascherato

Firewall, estremamente dimenticabile in quanto film, fissa dei punti interessanti su cui si potrebbe riflettere. 1) Richard Loncraine, salutato come autore all'epoca di Riccardo III, è stato, in realtà, un sopravvalutatissimo mestierante. 2) I copioni per Harrison Ford invecchiano insieme con lui. 3) Paul Bettany si sta ritagliando una nicchia come villain. 4) C'è una nuova ondata di made in Italy nel mainstream (qui si ascolta Senza fine ed il direttore della fotografia è Marco Pontecorvo).

Hackett 11/06/08 21:52 - 1743 commenti

I gusti di Hackett

I thriller degli ultimi tempi (vedi l'ultimo Die hard) sembrano cercare disperatamente di contestualizzare crimine e informatica. Così ci ritroviamo trame vecchie, colpi di scena scontati, intrighi stantii, con la sola novità dell'imperante internet. Sembra un po' poco per parlare di film originali. Tutto prevedibile, tutto già visto.

Rambo90 18/01/10 17:54 - 6427 commenti

I gusti di Rambo90

Sottovalutato thriller che segna il ritorno di Ford sullo schermo dopo 3 anni di assenza: la storia è classica (e ricorda per certi versi l'uomo che sapeva troppo) ma la suspence è ottima e il protagonista dimostra di avere ancora carisma e bravura da vendere. Bravo anche Bettany nel ruolo dell'antagonista, efficaci le scene della rapina in banca e bellissima la lunga sequenza d'azione finale. Da rivalutare.

Cangaceiro 25/03/10 15:50 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

I film a forte impronta tecnologico/informatica rischiano sempre di impantanarsi nel tecnicismo da addetti ai lavori tanto da creare confusione. In parte succede anche qui, ma lo spiegone in automobile ci mette una provvidenziale pezza. La sceneggiatura è totalmente derivativa e quindi Loncraine ci serve questa minestra riscaldata buona per tutte le stagioni, basta sapersi accontentare. Le scene thrilling sono fin troppo centellinate ma non deludono. Ford in buona forma nel ruolo ormai a lui più che consono: il padre di famiglia tutto casa e lavoro.

Furetto60 5/09/14 09:34 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Me lo ricordavo peggio questo thriller; presenta un Ford che, imbolsito dagli anni e quindi penalizzato nelle scene action, è costretto a ricorrere perlopiù al repertorio facciale che lo ha reso celebre. La tensione è ben creata, mix tra tecnologia ed elemento umano e lo svolgimento è coerente, a volte anche originale, per un risultato finale più che sufficiente.
MEMORABILE: Lo stratagemma della foto allo schermo col cellulare.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ciavazzaro • 9/11/09 09:50
    Scrivano - 5608 interventi
    La regia doveva essere inizialmente di Mark Pellington che però si ritirò a causa della morte della moglie.

    Fonte:Imdb