LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 4/06/08 DAL BENEMERITO HOMESICK POI DAVINOTTATO IL GIORNO 5/10/10
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 5/06/08 07:48 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Reduce da “Non è la Rai”, Ambra si cimenta in questa commedia sentimentale tra Poveri ma belli e Vacanze romane: lei è una commessa insoddisfatta, lui un principe insofferente all’etichetta… Una favola moderna scontatissima e inqualificabile, che potrebbe meritare un approccio solo per rivedere volti cari agli amanti del vecchio cinema: tra questi la Vukotic, l’acida proprietaria del negozio in cui lavora la protagonista. Ambra sarà molto diversa in Saturno contro.

Redeyes 6/06/08 12:24 - 2142 commenti

I gusti di Redeyes

Geniale. Difficile definire altrimenti chi dal niente (e qui siamo nel Nihilismo, se mi passa l'improprio utilizzo del vocabolo) più stupefacente, cava fuori comunque un qualcosa di tangibile! La trama sembra scritta da un ragazzetto, fra un "Non è la Rai" ed un Power ranger, i personaggi sono improponibili e la parte più abietta è quando si cerca la battuta oppure, addirittura, la Morale. Favola? Incubo! Devastante a tal punto da preferirgli un Pingitore's movie!

Daidae 23/02/09 15:00 - 2738 commenti

I gusti di Daidae

Ambra nei primi Anni Novanta visse la sua stagione d'oro (cantante e soubrette) dovuta alla sua spumeggiante conduzione dell'orrido "Non è la RAI". Questo filmetto (nel quale compare anche la bellissima Agostina Belli, qui alla fine della sua carriera) non ha semplicemente senso: per certi versi mi ha ricordato l'altrettanto brutto Piccolo grande amore.

Disorder 13/07/09 14:14 - 1408 commenti

I gusti di Disorder

Già all'epoca, ancora bambini, nonostante fossimo tutti ammiratori di Ambra, ci si era resi conto di essere davanti a una boiata pazzesca. Puro pattume, non c'è altro modo per definirlo: la figura di Ambra viene sfruttata nel più banale dei clichè dei filmetti per ragazzi, tra l'altro già sfruttato un paio d'anni prima nell'altrettanto orrido Piccolo grande amore. Se si ama il trash e si è un po' masochisti, da vedere magari ascoltando anche le canzoni rap di Ambra dello stesso periodo.

Gestarsh99 8/09/10 11:50 - 1322 commenti

I gusti di Gestarsh99

Ambra, all'epoca, pur di scrollarsi l'infantile clichè della "ragazzina imbecillotta di Non è la Rai", accettò con incontenibile entusiasmo il progetto di questo film per la tv: fare l'attrice era stata sempre una delle sue aspirazioni. Del grave errore commesso se ne accorse troppo tardi, ripudiando in diretta il film prima della messa in onda. Una versione borgatara di Cenerentola, disastrosa sotto qualsiasi profilo la si osservi: grandi caratteristi in miseria, visione datatissima e surreale della nobiltà, moraline penose a far da concime su tutto...
MEMORABILE: Guido Nicheli ambasciatore della Bassa Sassonia...

Hearty76 26/08/11 23:18 - 227 commenti

I gusti di Hearty76

Cestinabilissimo. Ambra/Teresa è una graziosa sirenetta anni '90... però in questo "film" (parola grossa) pare quasi ricercare, spaesata, l'acquario dorato e protetto di Non È La Rai. Un provino generale da attrice azzardato e prematuro. Il tutto risulta una sbrigativa e mediocre copia di pellicole a tema già viste. Il contorno-supporto di volti celebri e scafati (ripescati come in una piccola Isola Dei Famosi di fortuna) urta e rattrista alquanto. Se questa è una favola è preferibile la realtà.
MEMORABILE: Ambra/Teresa che con scadente languore biascica quello che diventò poi un mezzo tormentone: "Che figo, altro che i Take That!". Altro che "The Best"!

Panza 15/06/16 20:50 - 1492 commenti

I gusti di Panza

Per portare la Angiolini, che comunque recita in maniera spontanea, in un film tutto suo si è deciso oculatamente di circondarla di attori di mestiere come Nicheli, Cannavale, la Vukotic (il suo più che altro un cammeo)... Le loro parti almeno strappano un sorriso soprattutto grazie al Dogui, qui nei panni di un ambasciatore che cerca di piazzare la figlia al principe. Peccato che la sceneggiatura faccia pietà: banale, con davvero poco da dire e con il terribile deus ex machina della lettera di Cannavale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Daidae • 20/11/18 10:35
    Contratto a progetto - 865 interventi
    Il film è l'ultimo da regista per Fabrizio De Angelis