Fantasie di una tredicenne

Media utenti
Titolo originale: Valerie a Tyden Divu
Anno: 1970
Genere: fantastico (colore)
Note: Tratto dal romanzo di Vitězlav Nezval "Valeria e la settimana delle meraviglie".
Numero commenti presenti: 10

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 25/05/08 DAL BENEMERITO DEEPRED89
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Deepred89 25/05/08 23:27 - 3293 commenti

I gusti di Deepred89

Curiosa favola in bilico tra Fellini, Buñuel e l'horror. La regia possiede una finezza e un'eleganza decisamente sopra la media, ma esagera con le metafore costruendo un mix di sogno e realtà piuttosto difficile da seguire. Bella la colonna sonora. Visivamente ammaliante, ma si finisce spesso per annoiarsi.

Trivex 25/05/10 21:13 - 1498 commenti

I gusti di Trivex

Simbiosi tra arte e sensualità, fotografia seducente, scenografie da poesia bucolica, ma storia incosistente. Notevole infatti è il divario tra le immagini, come forma, ed il sottostante, la sostanza. Anche l'indirizzo di genere appare incerto, in quanto sovviene un indiscusso erotismo, molto soft ma disinvolto (anche troppo), per la giovane età della protagonista. Una sorta di Romina adolescente, collocata in contesto stile Vizi privati, pubbliche virtù, anche se decisamente (e fortunatamente) più scarno di elementi scabrosi. L'horror è forse limitato dai tagli.

Aal 11/10/10 11:20 - 322 commenti

I gusti di Aal

Un film visivamente molto ricco, con una fotografia ricercata, che unisce toni fiabeschi e folcloristici a suggestioni gotiche, il tutto per narrare una settimana nella vita della tredicenne Valerie nel momento cruciale del passaggio dall'adolescenza all'età adulta. Sempre in bilico tra sogno e realtà la sceneggiatura risulta a tratti difficile da seguire ma non sminuisce la grande forza suggestiva del film. Il titolo italiano come al solito non c'entra niente con l'originale.

Rebis 11/02/14 23:15 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Bunuellinano, ma allo stesso tempo dissimile da ogni altra opera abbia tentato di evocare il mondo onirico, il film di Jires - sommerso in un ralenti infinito, infestato da cospiranti simbologie - è quanto di più prossimo all'idea di flusso immaginifico si sia mai visto al cinema. È, insieme, un'apologia del sogno, un'allegoria politica e una sublimazione dei marosi pulsionali alle soglie dell'età adulta. L'esercizio stilistico è reiterato, spossante, febbrile. Le evidenze psicoanalitiche - un'incestuosa danza delle identità - dissolvono nello stupore irriducibile delle immagini. Ipnotizzante.
MEMORABILE: Il volto del "vampiro"; l'ora pro nobis.

Saintgifts 2/03/14 00:12 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Dal romanzo di Vitezlav Nezval. Lo scrittore evidentemente crede di interpretare un momento cruciale nella vita di una bambina che diventa donna e il film prova a mettere in immagini le parole di un racconto che lo stesso autore giudica ridicolo e futile. Ridicolo e futile il film non è, ma richiede da parte dello spettatore un completo abbandono alle immagini senza cercare di troppo interpretare; forse le meraviglie di Valeria sono solo un lungo sogno e come tale il film va visto e gustato.

Schramm 25/04/15 12:20 - 2418 commenti

I gusti di Schramm

Dal gran reame dell’adolescenza, clima in odor di Borowczyk tenuto a battesimo da Carroll dove anche gli echi del Faust e di Murnau e le tentazioni gotiche sono esplosioni di cipria vanigliata. Truffaldino il titolo da pedo-softcore: qui l’intimità trova sfogo nel liliale e nell’edenico, nel feerico e nell’agreste, nell’apollineo e nel chimerico, con un suggello compositivo pittorico che è ode al rigore formale e dedica al Bello. E’ cinema orfico, celestiale, psichicamente (e grandiosamente) sensuale, trascendente la svendita all’ingrosso dei corpi, avulso ai parassiti dell’eros sottobanco.

Cotola 25/06/16 23:49 - 7564 commenti

I gusti di Cotola

Ennesima perla proveniente dalla Cecoslovacchia anni Sessanta-Settanta, il cui marchio di fabbrica è la visionarietà. Lo spettatore si immerge infatti assieme alla protagonista in un'atmosfera onirica ed ambigua che dura dall'inizio alla fine e che può contare su ininterrotte, o quasi, soluzioni visive di estrema bellezza e curate fin nei minimi dettagli. Poco importa la storia che deve molto al monde delle fiabe (Alice in primis): meglio lasciarsi avvolgere dal flusso di simboli e di immagini che appagano come non mai gli occhi e dalle sensazioni che esse generano. Notevolissimo!

Noodles 18/02/20 16:07 - 879 commenti

I gusti di Noodles

Non lasciatevi ingannare dal titolo, non è un film erotico (anche se a onor del vero una spruzzata di eros c'è). È un caleidoscopio di colori e immagini in un'atmosfera splendida sempre a metà tra onirico e reale. È una fiaba nera, complicata da capire ma in cui sin dall'inizio ci si immerge con piacere, lasciandosi trasportare non si sa dove. E pazienza se non si capirà tutto, perché il film qualcosa dentro la lascia. Grande perla del cinema cecoslovacco, con una splendida fotografia.

Faggi 11/04/20 14:34 - 1507 commenti

I gusti di Faggi

Rebus onirico fiabesco, con ricami gotici; deleterio lambiccarsi il cervello nel tentativo di risolverlo e di decrittare i simboli disseminati in ogni anfratto: siamo in un reame incantato dove è naturale abbandonarsi al flusso delle immagini, alle visioni capaci di autentica magia retinica - e dove la densità erotica è finissima e gli accenti oscuri hanno la consistenza di zucchero a velo nero. Lode al regista, lode agli interpreti (la protagonista si imprimerà per sempre nella memoria). Visto va subito rivisto. Squisito, indimenticabile.

Fulcanelli 26/09/20 17:00 - 135 commenti

I gusti di Fulcanelli

Un lungo videoclip sulla Schallerová che va in giro scalza o sta sdraiata da qualche parte a far niente. Ogni tanto mostra il seno, ogni tanto viene più o meno (non si capisce mai) morsa al collo da qualcuno. Non basta trasporre un film da un romanzo sulla base di una nuova “geniale” corrente di cinema (Nová vlna) perché sia per forza buono. La sceneggiatura è talmente inestricabile da rendere il film tanto incomprensibile quanto inclassificabile. Al di là della discreta fattura non c'è proprio nulla.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Deepred89 • 1/03/13 02:18
    Comunicazione esterna - 1428 interventi
    Davvero una perla. Ci potresti dire la durata? Almeno avremmo un elemento concreto per valutare il metraggio (73 minuti) del dvd import.
  • Homevideo Buiomega71 • 1/03/13 09:56
    Pianificazione e progetti - 22026 interventi
    Deepred89 ebbe a dire:
    Davvero una perla. Ci potresti dire la durata? Almeno avremmo un elemento concreto per valutare il metraggio (73 minuti) del dvd import.

    Running time della vhs General Video:

    1h, 13m e 28s
  • Homevideo E.m. • 1/03/13 14:39
    Galoppino - 65 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Deepred89 ebbe a dire:
    Davvero una perla. Ci potresti dire la durata? Almeno avremmo un elemento concreto per valutare il metraggio (73 minuti) del dvd import.

    Running time della vhs General Video:

    1h, 13m e 28s


    Com è la qualità video ? Io non l'ho mai avuta ma cercata per anni

    E' widescreen o fullscreen ? Grazie :-)
  • Homevideo Buiomega71 • 1/03/13 15:01
    Pianificazione e progetti - 22026 interventi
    E.m. ebbe a dire:
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Deepred89 ebbe a dire:
    Davvero una perla. Ci potresti dire la durata? Almeno avremmo un elemento concreto per valutare il metraggio (73 minuti) del dvd import.

    Running time della vhs General Video:

    1h, 13m e 28s


    Com è la qualità video ? Io non l'ho mai avuta ma cercata per anni

    E' widescreen o fullscreen ? Grazie :-)


    Insomma, ha alcune "bruciature di sigarette" e pellicola lievemente "rigata" in alcuni passaggi (come era classico nei master adottati dalla Gvr), comunque e già una manna averlo in vhs e l'immagine e più che accettabile...Fullscreen, come di prassi, ahimè
    Ultima modifica: 1/03/13 15:07 da Buiomega71
  • Homevideo Deepred89 • 1/03/13 20:51
    Comunicazione esterna - 1428 interventi
    Perfetto, con la durata più o meno ci siamo. Tra l'altro anche il dvd se non ricordo male è fullscreen. Grazie Buio!
  • Discussione Rebis • 11/02/14 10:54
    Gestione sicurezza - 4283 interventi
    Secondo film del ciclo Notti Buie :)

    Carissimo, da tempo non mi capitava di essere inghiottito così profondamente dalla bellezza delle immagini, fagocitato dal loro flusso onirico. Davvero una sorpresa, e non ci sarei mai arrivato se non mi avessi messo la pulce nell'orecchio.

    Ci sono molte evidenze psicoanalitiche, certa reiterazione formale e compiacimento, ma il gioco delle apparrenze, la pruderie lambita da moti incestuosi, la trasmutazione delle identità, l'inesauribile ricercatezza delle inquadrature, la costellazione di simbologie, formano un tessuto ipnotico, affascinante.

    Si ispira evidentemente a Bunuel e anticipa per certi versi le atmosfere di Picnic ad Hanging Rock e naturalmente In compagnia dei lupi ma è molto più estremo e radicale nel concedersi, nell'abbandonarsi con soddisfazione all'irrazionale.
    Ultima modifica: 11/02/14 23:19 da Rebis
  • Discussione Buiomega71 • 11/02/14 11:05
    Pianificazione e progetti - 22026 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    Secondo film del ciclo Notti Buie :)

    Carissimo, da tempo non mi capitava di essere inghiottito così profondamente dalla bellezza delle immagini, fagocitato dal loro flusso onirico. Davvero una sorpresa, e non ci sarei mai arrivato se non mi avessi messo la pulce nell'orecchio.

    Ci sono molte evidenze psicoanalitiche, una certa reiterazione formale (ma fa parte dell'esercizio di stile d'altra parte, così come certo compiacimento) ma il gioco delle apparrenze,la pruderie lambita da moti incestuosi, la trasmutazione delle identità, l'inesauribile ricercatezza delle inquadrature, la costellazione di simbologie, formano un tessuto ipnotico, affascinante.

    Si ispira evidentemente a Bunuel e anticipa per certi versi le atmosfere di Picnic ad Hanging Rock e naturalmente In compagnia dei lupi ma è molto più estremo e radicale nel concedersi, nell'abbandonarsi con soddisfazione all'irrazionale.


    Lo vidi anni fà (molti anni fà, su una tv privata locale, di pomeriggio) e mi rimase impresso a vita (molto prima di acquistare la vhs della Gvr)

    I ricordi sono offuscati, ma mi e rimasto dentro come una lama di coltello

    Baviano, felliniano, arrabaliano, e quando più in là vidi e amai In Compagnia dei Lupi ( che ha più di un punto in comune, soprattutto per il passaggio adolescenziale e l'esplosione della sessualità sotto forma di orinismi e passaggi "terrifici")non poteva non tornarmi alla mente...

    Sempre lusingato che le "notti buiesche" ti diano soddisfazioni :)
  • Discussione Rebis • 11/02/14 11:18
    Gestione sicurezza - 4283 interventi
    Sì, questa davvero soddisfacente. Dici bene, è proprio uno di quei film che riaffiorano nei giorni successivi, un'opera pervasiva.

    Vero, c'è anche qualcosa di Fellini nella costruzione delle immagini... E il volto del "vampiro" è una di quelle cose che non si dimentica.
  • Discussione Buiomega71 • 11/02/14 11:20
    Pianificazione e progetti - 22026 interventi
    Rebis ebbe a dire
    E il volto del "vampiro" è una di quelle cose che non si dimentica


    Lo stesso terrore agghiacciante che provai quando vidi il volto sghignazzante di Marina Yaru nel Toby Dammit felliniano
    Ultima modifica: 11/02/14 11:22 da Buiomega71
  • Discussione Rebis • 11/02/14 11:22
    Gestione sicurezza - 4283 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:


    Lo stesso terrore agghiacciante che provai quando vidi il volto sghignazzante di Marina Yaru nel Toby Dammit felliniano




    Essì, siamo da quelle parti lì :)
    Ultima modifica: 11/02/14 11:23 da Rebis