Fahrenheit 451

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 22/07/18 DAL BENEMERITO COTOLA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Cotola 22/07/18 12:22 - 8306 commenti

I gusti di Cotola

La distopia aggiornata ai tempi dei social e di internet. E proprio queste ultime due sono le uniche novità della pellicola che per il resto segue, almeno negli avvenimenti principali che sono gli stessi, il romanzo di Bradbury. La sceneggiatura (che vanta anche la firma di Naderi) non brilla e non fornisce spunti nuovi di particolare interesse o dialoghi interessanti, se non in rare occasioni: si resta in superficie ma comunque a livelli dignitosi. Buona la confezione (produce Hbo), anonima la regia. Vedibile ma senza sognarsi di paragonarlo troppo all'originale.
MEMORABILE: Non siamo nati uguali: dobbiamo esserlo resi dal fuoco...e poi possiamo essere felici.

Taxius 4/10/18 15:11 - 1652 commenti

I gusti di Taxius

Il nuovo Fahrenheit di Ramin Bahrani comincia piuttosto bene, aggiornando la distopia vista sul film di Truffaut e spostandola ai giorni dei social network. Purtroppo l'interessante idea iniziale non viene sviluppata e il film cade nell'anonimato più assoluto assomigliando così agli innumerevoli film tv di fantascienza tutti uguali che spopolano ultimamente nei canali a pagamento o nelle piattaforme streaming. Una visione può anche starci, ma è il tipico film che si fa dimenticare velocemente.

Daniela 23/07/18 04:46 - 11421 commenti

I gusti di Daniela

Nel nostro futuro prossimo, i vigili del fuoco bradburyani non possono limitarsi alla carta stampata ma devono bruciare tutti i supporti atti a contenere informazioni non preventivamente autorizzate dallo Stato. Dato per scontato questo necessario aggiornamento, il film di Bahrani non si distingue molto da un qualsiasi distopico action survoltato, somigliando più ad Equilibrium (vedi le motivazioni "sedative" date alla politica censorio/repressiva) che alla pellicola meditativa di Truffaut. Shannon sacrificato dal ruolo, Jordan non all'altezza, film non indegno ma superficiale, deludente.

Piero68 25/07/18 08:41 - 2866 commenti

I gusti di Piero68

Considerata l'importanza del romanzo alle spalle la pellicola rimane troppo anonima per essere convincente. Anche perché, ormai, film che parlano di un futuro distopico ce ne sono a iosa. La confezione è pure dignitosa, peccato che dall'inizio alla fine si ha la netta impressione di guardare uno dei tanti B-movie partoriti dalla scarsa immaginazione dell'anonimo sceneggiatore di turno. Cast non sempre in parte e regia altalenante. C'è sicuramente di meglio in giro.

Michael Shannon HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Cotola • 22/07/18 12:26
    Consigliere avanzato - 3720 interventi
    Zender, si pone la solita annosa questione per i film tratti dallo stesso libro: lo consideriamo un remake?
  • Discussione Daniela • 22/07/18 14:13
    Gran Burattinaio - 5801 interventi
    A mio parere, il romanzo di Ray Bradbury è tanto noto che mi parrebbe più consono parlare di nuovo adattamento dopo quello diretto da Truffaut, che sarà stato presumibilmente tenuto presente da Bahrani, ma non ha costituito certo la fonte primaria.
  • Discussione Zender • 22/07/18 14:20
    Pianificazione e progetti - 45723 interventi
    Mah, forse un giorno capiremo :) Teoricamente bisognerebbe vedere se è un nuovo adattamente o se guarda comunque anche al film di Truffaut...
  • Discussione Daniela • 22/07/18 19:20
    Gran Burattinaio - 5801 interventi
    Devo finire di vederlo, dato che stanotte ho avuto un fatale cedimento di palpebra, ma mi pare che abbia poco a che fare con il film di Truffaut.
    Sentiamo che ne pensa Cotola...
  • Discussione Cotola • 25/07/18 00:02
    Consigliere avanzato - 3720 interventi
    Sì, per me si può tranquillamente evitare di mettere la R di remake (come già fatto ottimamente da Mastro Zender). Certo alcuni episodi sono simili, ma
    ciò è dovuto al fatto che la matrice letteraria è la
    stessa.
    Ultima modifica: 25/07/18 00:03 da Cotola
  • Discussione Zender • 25/07/18 06:57
    Pianificazione e progetti - 45723 interventi
    Ok, al momento lasciamo così.