Escobar - Il fascino del male

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/05/18 DAL BENEMERITO PUPPIGALLO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 8/05/18 13:05 - 4525 commenti

I gusti di Puppigallo

Deludente quadro dell’escalation del più grande narcotrafficante, che la storia ricordi e della sua relazione con una giornalista. Sembra realizzato in quattro e quattr’otto; e persino gli attori non colpiscono più di tanto, anzi. Bardem, in linea di massima, ci mette il grugno e poco altro. Mentre la Cruz è assai poco convincente, quasi sopra le righe. Certo, non mancano gli scontri a fuoco, le esecuzioni. Ma era lecito aspettarsi molto di più, almeno un minimo approfondimento, visto che non è certo la prima pellicola del genere. Nel complesso, mediocre, non lacia particolari tracce.
MEMORABILE: Escobar le mostra i suoi elefanti "Gli elefanti si trovano bene qui". "Sì forse perchè non leggono i giornali"; L'autostrada-pista di atterraggio.

Maxx g 1/06/18 21:58 - 492 commenti

I gusti di Maxx g

Film sul re della droga (morto nel 1993), segue il filone dei film del genere senza aggiungere alcunché di particolare. Quindi sparatorie, arresti, amore (presunto più che sentito), sesso, esecuzioni, retate, in una vicenda dall'epilogo scontato. Come nelle storie di gangster e affini, si parla dell'ascesa e della discesa di Escobar ma il tutto è filmato senz'anima, senza scene memorabili, senza troppo nerbo. Bardem è didascalico, la Cruz poco più che statica. Un film che merita di essere visto, ma senza aspettarsi chissà cosa.
MEMORABILE: Il secco, tragico finale.

Ryo 16/06/18 12:39 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

E' possibile che questo film sia nato sulla scia del successo di Narcos e che abbia cercato invano di catturare allo stesso modo. Nonostante Javier Bardem sia un grandissimo interprete e la regia sia in fondo accettabile, la storia di Pablo Escobar è troppo complessa e ricca di sfaccettature per essere raccontata in un biopic di due ore; ne risulta una trama affrettata, ricca di eventi che, per chi non conoscesse bene il personaggio, potrebbe risultare povera.
MEMORABILE: Escobar alla figlia: "Questo è il mio castello, io sono il re, ora usciamo dal castello"...

Piero68 25/03/19 09:16 - 2781 commenti

I gusti di Piero68

Ancora una volta un tentativo, sempre maldestro, di cercare di inquadrare la personalità del più famoso narcotrafficante di sempre. Dopo Narcos, Blow e Barry Seal (ma anche altri) che ci avevano già provato in maniera indiretta, arriva questo film di De Aranoa che continua a non riuscire nello scopo, visto che poggia su una sceneggiatura a volte dispersiva a volte troppo romanzata comunque sempre distante dalla realtà, visto che Escobar appare quasi come un eroe, qui. Male la Cruz che ha perso ormai lo smalto e Bardem a volte macchietta.
MEMORABILE: Lo sgraziato nudo integrale (seppur di spalle) di Bardem/Escobar mentre scappa.

Nando 29/03/19 21:07 - 3495 commenti

I gusti di Nando

Frammenti di vita del noto trafficante con la narrazione di una sua nota amante. Formato da fiction ma nel complesso accettabile con un Bardem appropriato e cialtrone nella sua interpretazione ben coadiuvato da una Cruz che sprizza fascino in ogni posa. Violenze, tradimenti, efferati delitti ma d'altronde la vita di Escobar era questa, miscelata con vagonate di soldi.

Paulaster 10/04/19 11:04 - 2865 commenti

I gusti di Paulaster

Cronistoria criminale del narcotrafficante colombiano. Gli eventi raccontati per filo e per segno non producono pathos ma un lento conto alla rovescia fino alla fine. Nessun scavo sociale (solo sullo sfondo le parole di Reagan) o personale (si parla appena, del volere il rispetto) con qualche scena action per variare lo stillicidio di morti ammazzati. Bardem lascia parlare il fisico, la Cruz è meglio all'inizio. Anche la relazione sentimentale interessa poco o nulla.
MEMORABILE: La discarica con anche i cadaveri; Gli elefanti; La tentata uscita dal carcere con la figlia in spalla.

Galbo 1/09/20 17:47 - 11449 commenti

I gusti di Galbo

Già protagonista di film e serie televisive, Pablo Escobar è il personaggio principale di una pellicola diretta dal regista del bellissimo I lunedì al sole. Il suo film sul narcotrafficante ne fornisce un ritratto incompleto e troppo sintetico, dall'impronta stilistica patinata, realizzato con professionalità e alcune scene d'impatto, ma nel complesso deludente anche per un'interpretazione di Bardem e della Cruz più caricaturale che sentita. 

Redeyes 14/09/20 10:45 - 2160 commenti

I gusti di Redeyes

Il grande peccato della traduzione italiana del film è tradire il suo titolo: questo Escobar non ha alcun fascino! Purtroppo si ha fin da subito l'impressione di trovarsi innanzi ad un tv movie senza troppe pretese, e la presenza di due fuoriclasse come protagonisti non può che farci rabbia. Entrambi si trascinano, quasi svogliati, per la pellicola senza trasmettere alcunché e annacquando i sentimenti, buoni e malvagi che siano. Certo non è una catastrofe ma sicuramente questo Pablito non ci farà star svegli la notte per l'emozione!
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.