LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Un film che inizia esattamente come TWIN PEAKS? Già, proprio così. Il commissario Di Salvo (Fabio Testi) trova in riva a un lago il cadavere, avvolto in un sudario di plastica trasparente, di una giovane studentessa particolarmente viziosa. Tira giù la cerniera del sudario e ne vede il viso bianchissimo. E’ Laura Palmer? No, si tratta di Angela, frequentatrice di un collegio femminile di dubbia fama, ma l'impressione è la stessa. David Lynch ha copiato Alberto Negrin? Mah, forse è solo un caso, però… Dopo questa buona partenza...Leggi tutto purtroppo il film precipita nel baratro dei peggiori prodotti simil Dario Argento e non basta qualche spruzzata di sesso in più (la ragazza è stata violentata da un enorme fallo di legno) a salvarlo. E dire che Fabio Testi aveva interpretato sei anni prima, con buoni risultati, COSA AVETE FATTO A SOLANGE?, un thriller molto simile in cui già si parlava di ragazze viziose, seviziate e uccise a colpi di coltello nella vagina. Non è infatti evidentemente un caso che tra gli sceneggiatori compaia proprio Massimo Dallamano, che quel film aveva diretto nel 1972. Ebbene, la magia non si ripete, perché Testi come acuto commissario non convince proprio e, sebbene il finale sia davvero originale e interessante, la fase riguardante le indagini non lo è altrettanto, così come la prima parte - incompleta - della soluzione salta fuori solo grazie alla confessione autonoma del colpevole. Manca la tensione, lo splatter è altamente deficitario, la sceneggaitura è mal assistita da una regia incolore (forse anche perché Negrin è regista televisivo) e tutto sa di serie B. Argento è lontano e resta solo nella memoria una notevole esposizione di teenager nude...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 9/10/07 16:02 - 3816 commenti

I gusti di Undying

Avrebbe dovuto costituire il terzo tassello di una trilogia (Cosa Avete fatto a Solange?, La Polizia chiede Aiuto) per la regia di Dallamano, sostituito, dopo la morte dell'autore (che aveva già scritto parte della sceneggiatura) dal bravo Alberto Negrin. Di fatto Enigma Rosso sembra quasi un remake del più celebre titolo (Cosa avete fatto a Solange?) riprendendo, tra le altre cose, lo stesso interprete (Fabio Testi). Il cambio di regia, però, si fa pesantemente sentire. L'incipit (il cadavere in riva al lago) ricorda molto Twin Peaks.

B. Legnani 9/02/08 18:50 - 5063 commenti

I gusti di B. Legnani

Mediocre. Altro lolitesco alla Dallamano, ma ben inferiore rispetto ai due film (Solange e ...chiede aiuto) da lui diretti. Qui la sceneggiatura (pezzo forte nel primo dei due citati) si sviluppa con troppi snodi casuali, per cui la storia, per quanto non girata male (in Spagna), sta ben sotto la media. La Polizia non brilla per completezza di ingegno e la recitazione è piuttosto mediocre, per cui l'idea buona (lo svelamento finale) arriva quando è troppo tardi per salvare la baracca. Guardabile, ma sotto la sufficienza.

Cotola 10/04/08 01:35 - 8190 commenti

I gusti di Cotola

Mediocre thriller all'italiana che ricalca troppo da vicino alcune pellicole dell'epoca (Cosa avete fatto a Solange su tutte) con risultati piuttosto scarsi e prevedibili, nonostante un finale a sorpresa che è solo disonesto e nient'altro, nella sua voglia di sorprendere e scioccare a tutti i costi lo spettatore. Solo per amanti del genere.

Deepred89 19/05/08 20:57 - 3458 commenti

I gusti di Deepred89

Thriller che riecheggia, sia nella trama sia nel protagonista Fabio Testi, il precedente Cosa avete fatto a Solange. Ovviamente Negrin non possiede la classe e l'eleganza di Dallamano, ma, nonostante un ritmo non proprio alle stelle, la storia intriga abbastanza e c'è qualche piacevole tocco morboso (come nella scena del flashback). Inoltre il colpo di scena finale non è niente male. Piacevole.

Homesick 12/02/09 14:14 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Alla sceneggiatura collaborano, tra gli altri, Dallamano e Ferrini: il primo (ri)scrive un ibrido tra Solange (gli omicidi di fanciulle in fiore in un collegio d’élite) e La polizia chiede aiuto (il killer in moto, la prostituzione minorile); il secondo abbozza un’idea per Caramelle da uno sconosciuto. L’esito è un sottoprodotto argentiano di mediocre fattura, con attori sciapi e dominato da un costante senso di già visto. Da rilevare – per quanto improbabile - la scena dell’ospedale e le musiche di Ortolani.

Daidae 10/05/09 23:34 - 2891 commenti

I gusti di Daidae

Bellissimo thriller all'italiana girato con mano sicura dal bravo Negrin. Unico difetto: somiglia davvero troppo all'ancora più bello Cosa avete fatto a Solange. Per il resto ottimi attori, buona regia, un Testi in grande forma per un cinema italiano che allora sfornava ancora ottimi prodotti.

Fauno 14/04/10 09:55 - 2036 commenti

I gusti di Fauno

Discretamente attendibile, ma il genio creativo di Dallamano era già in netto declino. Apprezzabile il senso di giustizia di questo coraggioso commissario, che ribalta gli armadi a caccia di scheletri anche in un college prestigioso (si fa per dire, basta pagare), nonchè le indagini parallele e la sagacia di una bambina motivatissima e quel che ne consegue. La colonna sonora dei titoli è la stessa dell'Ispettore Cliff, solo che se lì fa la ruota del pavone, qui fa quella del tacchino.
MEMORABILE: Le bilie e la forcina bollente.

Lucius 21/04/10 02:11 - 2950 commenti

I gusti di Lucius

Diecreto thriller, decisamente sopra la media di molti filmetti del periodo. Suspence assicurata e una buona regia ne sono le principali qualità. Il film avvince lo spettatore con la sua trama e grazie all'interpretazione misurata di Fabio Testi, molto calato nel ruolo del suo personaggio. Buono il finale e la colonna sonora.

Manfrin 22/08/10 20:18 - 346 commenti

I gusti di Manfrin

Gialletto che si svolge (pure questo) nell'ambiente di un collegio femminile con diversi cruenti omicidi, alcuni eseguiti in modo originale (soffocata nel cassetto!) con una trama discretamente congegnata e con un accettabile finale. Peccato per gli attori piuttosto scadenti, con Testi che si salva nella parte di un commissario un po' troppo violento ma efficace. Passabile.

Zuni 2/03/12 15:29 - 68 commenti

I gusti di Zuni

Doveva girarlo Dallamano, ma la sua morte ha fatto sì che a raccogliere il timone del progetto sia stato Negrin, ottimo regista tv che dal canto suo eredita una sceneggiatura che ricorda fin troppo il successo di... Solange e che accusa parecchio le tante mani su cui è passata. Infatti il giallo di suo è abbastanza assurdo con una risoluzione finale incredibile, ma Negrin salva la baracca girando tutto con buon ritmo e qualche momento di tensione. Testi fa Testi senza scomporsi più di tanto, mentre è notevolissima la parata di ninfette presenti.
MEMORABILE: L'interrogatorio sulle montagne russe; Testi che parla alla preside del collegio cattolico: "Questa ragazza è stata uccisa con un cazzo grosso così!"

María Asquerino HA RECITATO ANCHE IN...

John trent 19/02/12 19:36 - 326 commenti

I gusti di John trent

Concepito da Dallamano per completare un'ideale trilogia erotico/liceal/studentesca ma girato da Negrin in seguito alla morte di Dallamano stesso, scorre ottimamente per un'ora giungendo ad un finale forse un po' frettoloso (vista la carne messa a cuocere in precedenza), ma non per questo da buttare. Erano finiti i soldi e bisognava finire il film... Un film comunque dignitosissimo che non sfigura, nel panorama giallo/thriller italico.
MEMORABILE: Le biglie; L'occhio che spia.

Ronax 15/03/12 01:13 - 1024 commenti

I gusti di Ronax

C'è ben poco da salvare in questo scialbo gialletto che si riduce a uno smaccato replay di scene e situazioni prese paro paro da almeno un'altra dozzina di pellicole del periodo. Se la doppia soluzione dell'enigma brilla per assurdità, il resto sprofonda nell'opacità più totale e nemmeno le performance delle disinibitissime collegiali riescono a mettere un po' di pepe alla storia. Per non parlare di un Testi più monocorde che mai e degli altri svogliatissimi interpreti. Negrin viene dalla televisione e non fa proprio nulla per nasconderlo.

Il Dandi 1/04/12 15:17 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Prima (e comprensibilmente ultima) opera cinematografica di un regista televisivo, sfrutta situazioni troppo risapute per stupire e troppo piattamente per avvincere; la necessità di seminare false piste ingenera presto una confusione fastidiosamente gratuita. L'unica scena riuscita è l'omicidio con la forcina per capelli, ma quelle più memorabili (l'aggressione con le biglie, l'interrogatorio sulle montagne russe) sono per lo più tali perché inducono al sorriso. Musica riciclata fuori luogo, la bambina rossa è la Nicoletta Elmi dei poveri.
MEMORABILE: Il fallo di legno usato come arma è ascrivibile agli annali del trash più... "penoso".

Nando 4/07/12 14:48 - 3599 commenti

I gusti di Nando

Thriller a tinte fosche che non convince a pieno: le situazioni sono già viste e lo sviluppo narrativo sfocia in un finale sbrigativo che poi culmina in ruffianeria bella e buona. Dignitoso Testi che ricalca innterpretazioni precedenti, mentre il resto del cast appare abbastanza anonimo a cominciare dal subdolo giudice.

Ellerre 21/09/12 00:13 - 89 commenti

I gusti di Ellerre

Lavoro pittosto mediocre, se si pensa che Negrin nel 1978 avrebbe potuto imparare molto dalle pellicole del giallo/thriller all’italiana che lo avevano preceduto. Forse anche lo stesso Dallamano, ideatore del film, non era più in vena. Fabio Testi, che aveva fatto fin troppo bene con la sua intepretazione in Cosa avete fatto a Solange? qui, calato in una storia troppo fiacca e circondato da attori anonimi, sembra più un pesce fuor d’acqua. L'inesorabile declino di questo genere cinematografico è ormai in atto.

Bruce 10/09/12 12:36 - 1006 commenti

I gusti di Bruce

Giallo italiano girato in Spagna, palesemente derivativo di Cosa avete fatto a Solange, ma non per questo da disperezzare, anzi. Testi è il commissario che ti aspetti, lo stile e il ritmo sono vicini al poliziesco, con alcune scene notevoli (una su tutte quella sulla montagne russe). La musica di Riz Ortolani va bene, il meccanismo del whodunit funziona, con l'assassino di non facile individuazione senza essere assurdo. Meglio di tanti altri.

Trivex 27/11/12 11:03 - 1607 commenti

I gusti di Trivex

All'interno di una cornice tecnica non esaltante, un ritratto morboso ma convenzionale di una (sotto) realtà sociale, all'epoca trattata con frequenza. Il tema delle ragazzine monelle non è nuovo e sicuramente era stato trattato meglio prima. Qui le immagini e il linguaggio sono più arditi, merito (?) del sopravvenuto "tempo libero". Pellicola di scarsa durata, con un limite notevole nella costruzione del finale, buttato in faccia allo spettatore senza un sufficiente approfondimento. Dieci minuti di sviluppo in più e sarebbe stato un buon film.

Ciavazzaro 26/12/12 21:17 - 4770 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Uno degli ultimi buoni gialli italiani prima della crisi e morte del genere. Girato in Spagna con un buon cast: il mio amato Jack Taylor, il bravo Desny procuratore molto poliziesco, Testi commissario; evanescente la Kauffman, brava la bambina, e c'è pure il doppiatore Bruno Alessandro. Omicidi ben fatti, un colpo di scena finale molto improbabile ma non del tutto malvagio. Notevole l'ambientazione nel college con la statua della santa in mezzo alle scale. C'è il giusto ritmo. Canto del cigno del genere.
MEMORABILE: Il cruento omicidio di Taylor; Le montagne russe.

Uomomite 25/08/13 00:27 - 174 commenti

I gusti di Uomomite

Thriller convenzionale, accrocchiato rubacchiando qua e là (soprattutto dal bellissimo Cosa avete fatto a Solange? di Massimo Dallamano). Dalla sua, il film di Negrin, ha solo la (usuale) buona interpretazione di Fabio Testi, una certa professionalità nel confezionare il tutto (ma forse questa è un'aggravante) e soprattutto parecchi nudi integrali di ragazze in fiore.
MEMORABILE: L'interrogatorio sulle montagne russe.

Gestarsh99 29/07/14 23:43 - 1391 commenti

I gusti di Gestarsh99

Si chiude in malo modo la triade filmica a base di sesso, omicidi e minorenni avviata tra il '72 e il '74 dal valido Dallamano. Un thrillerino incompiuto, disorganico, sviluppato a un ritmo irregolare e salticchiante. Della frenetica affilatezza e della suadente morbosità presenti nei primi due film s'intravedono solo microscopiche tracce; più che sull'architettura degli omicidi e lo snocciolamento indiziario, le inquadrature sembrano invece concentrarsi su curve abbondanti, pelami incolti e oggettistica da porno-shop (dai falli extrasize ai forcipi da elefante). Pastrocchiato e avanzaticcio.
MEMORABILE: "Angela è stata assassinata con un caxxo grande così...!"; le soggettive vaginali di fronte al mega-fallo assassino e al forcipe abortivo (!!!)

Alberto Negrin HA DIRETTO ANCHE...

Nicola81 22/03/16 10:03 - 2299 commenti

I gusti di Nicola81

Un thriller dal promettente incipit e dal finale a sorpresa che però, nel mezzo, è solo una pallida copia di Cosa avete fatto a Solange? e La polizia chiede aiuto. La regia di Negrin (l'unica per il grande schermo) è ordinariamente professionale, ma dubito che Dallamano sarebbe riuscito a volare molto più in alto: sul genere ormai era già stato detto tutto e decisamente meglio. Convincente Fabio Testi nei panni del commissario, graziose le spregiudicate ninfette di turno. Si lascia seguire senza annoiare, ma senza aggiungere nulla al genere.

Samdalmas 5/09/17 18:14 - 302 commenti

I gusti di Samdalmas

Tardo thriller che sembra quasi un remake di Cosa aver fatto a Solange?, non a caso scritto dal compianto Dallamano. L'ambientazione nel collegio femminile è piuttosto morbosa ma la regia di Negrin non pare adatta al genere. Tutto si regge sulle spalle del bravo Testi nel ruolo di un ruvido ispettore che arriva a interrogare sulle montagne russe! Destinato solo ai completisti.
MEMORABILE: La caduta sulle biglie; Le montagne russe.

Rufus68 1/10/18 23:15 - 3421 commenti

I gusti di Rufus68

Gialletto senza troppe pretese (genere: ragazzette in pericolo) eppure blandamente piacevole nello svolgimento (lo si può seguire con un occhio solo, senza troppi sforzi). La concatenazione logica non è proprio ferrea e il tutto si rianima solo nel finale con le esplosioni delle rivelazioni (non troppo perspicue, a dir la verità). Testi fa quello che può. Buone le musiche di Ortolani.

Ira72 5/06/19 16:40 - 1128 commenti

I gusti di Ira72

Claudicante nella sceneggiatura, finale in primis, questo thriller racchiude tutto il già visto del genere (collegio femminile, docenti sospettabili, lolite piuttosto disinibite, qualche nudità e un misterioso serial killer) ma riproposto in chiave soporifera e in modo poco truculento. Il risultato finale è decisamente mediocre, recitazioni incluse. L’annaspare è mitigato, fortunatamente, da qualche scena tipica che risolleva la palpebra e da un'atmosfera Anni 70 che permea la pellicola. Passabile, ma solo per i nostalgici.

Gmriccard 25/02/20 17:51 - 121 commenti

I gusti di Gmriccard

Operazione calligrafica sulla scorta del ben più noto Cosa avete fatto a Solange?. Di rilievo una certa recrudescenza di linguaggio e delle situazioni (gli anni cinematografici intercorsi tra i due film pesano ben più di quelli temporali), per il resto poco/nessun apporto alla cinematografia di genere, il che pesa negativamente sul giudizio finale.

Keyser3 8/05/20 22:46 - 263 commenti

I gusti di Keyser3

Incursione non indimenticabile nel giallo argentiano di Negrin, regista attivo per lo più in ambito televisivo. Pesanti i richiami a Solange (c'è Testi protagonista, che però tutto pare tranne che un commissario credibile) e a La polizia chiede aiuto, ma Dallamano, che pure figura fra gli autori, aveva altro spessore. Mezzo punto in più per qualche scena azzeccata (l'aborto con i relativi flashback, l'interrogatorio sull'ottovolante) e per il finale, decisamente inaspettato.
MEMORABILE: I biglietti targati Nemesis.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Xtron • 26/06/12 17:00
    Servizio caffè - 1937 interventi
    Il dvd Cinekult ha una durata di 1h20m26s

    Ultima modifica: 26/06/12 18:46 da Zender
  • Discussione Corinne • 8/10/12 08:10
    Custode notturno - 86 interventi
    Undying ha scritto:
    3) l'incipit con cadavere avvolto nel telo di plastica e rinvenuto ai margini di un fiume è pressoché analogo a quello del successivo serial televisivo Twin Peaks

    ...anche l'indagine con l'ausilio del diario della vittima e la scoperta di un giro di festini e prostituzione minorile fa molto Twin Peaks ;)
  • Musiche John trent • 24/01/16 13:11
    Servizio caffè - 518 interventi
    Il tema principale di Riz Ortolani è riciclato dal film "Si può essere più bastardi dell'ispettore Cliff?".
  • Curiosità Zender • 21/04/16 15:24
    Consigliere - 45266 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film, che cerca spudoratamente di agganciarsi ai due capolavori di Argento (che poi Profondo Rosso è del 1975, non del 1976)...

  • Discussione B. Legnani • 21/04/16 15:29
    Consigliere - 14458 interventi
    Zender ebbe a dire in CURIOSITA':

    21 aprile 2016 ore 15:24 (3 minuti fa)


    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film, che cerca spudoratamente di agganciarsi ai due capolavori di Argento (che poi Profondo Rosso è del 1975, non del 1976)...



    Senza contare che quegli anelli nel flano non sono assolutamente concentrici...
  • Discussione Zender • 21/04/16 15:48
    Consigliere - 45266 interventi
    Perché dici di no, Buono? Sono uno dentro l'altro...
  • Discussione Didda23 • 21/04/16 16:48
    Comunicazione esterna - 5766 interventi
    Buono ha ragione, perchè non hanno lo stesso centro
    Ultima modifica: 21/04/16 16:48 da Didda23
  • Discussione Zender • 21/04/16 17:11
    Consigliere - 45266 interventi
    Ok capito, grazie. In effetti, letto ora su web, ci sarei cascato anch'io :)
  • Discussione B. Legnani • 21/04/16 19:23
    Consigliere - 14458 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Ok capito, grazie. In effetti, letto ora su web, ci sarei cascato anch'io :)

    Si vede che non fai le CORNICI CONCENTRICHE della SETTIMANA ENIGMISTICA.
    ...
    "Giovanotto, ritorni il prossimo appello e si presenti in maniera meno comica..
    Ultima modifica: 21/04/16 19:24 da B. Legnani
  • Discussione Zender • 21/04/16 20:29
    Consigliere - 45266 interventi
    A dir la verità hai beccato una delle cose che invece mi diverte fare, nella Settimana. Ma credevo che anche decentrate si potessero chiamare concentriche.