Effetto black out - Film (1996)

Effetto black out
Media utenti
Titolo originale: The Trigger Effect
Anno: 1996
Genere: drammatico (colore)
Note: Aka "Effetto blackout".

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/05/08 DAL BENEMERITO MASCHERATO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Mascherato 19/05/08 00:31 - 583 commenti

I gusti di Mascherato

Un ritorno al Medioevo, quello profetizzato dallo sceneggiatore David Koepp al suo primo film da regista. Un blackout prolungato che fa precipitare un'intera comunità nel peggiore degli incubi e dà il via ad una catena di violenze e sopraffazioni. La nostra civiltà, quindi, si regge sull'energia? L'autore risponde affermativamente e lo argomenta con una litote cinematografica, mostrando cosa succederebbe in assenza di elettricità. La cosa più grave è che, a distanza di 12 anni, ci siamo quasi.

Buiomega71 8/06/22 00:56 - 2693 commenti

I gusti di Buiomega71

Già il black out portava rogne in passato, ma Koepp lo tratta con tutto il realismo possibile (degne di note le continue litigate, anche furiose, e l'incontro, sulla strada, con Rooker che sfocia in tragedia), prendendo di mezzo giustizia privata, libertà di maneggiare le armi e riverberi da post apocalisse. Nel prosieguo si muta in una specie di Mad Max intimista (in cui la benzina diventa un bene prezioso), tra asfalti assolati, catapecchie da "espugnare" (le chiavi) e scoppi d'ira. Koepp ha già la stoffa del gran narratore, con cura per i dialoghi e per le situazioni disagevoli.
MEMORABILE: La furiosa litigata tra Matthew e il farmacista; L'inizio coincitato al cinema che proietta Clockers; Il fucile in fondo alla piscina; Ladro in casa.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Buiomega71 • 8/06/22 09:34
    Pianificazione e progetti - 24403 interventi
    Direttamente dalla collezione privata di Buiomega71, la vhs Cic Video/Universal.

    Edizione: dicembre 1997
    Durata effettiva: 1h, 31m e 05s

    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images61/effettb.jpg[/img]
    Ultima modifica: 8/06/22 09:54 da Zender
  • Discussione Buiomega71 • 8/06/22 10:30
    Pianificazione e progetti - 24403 interventi
    Già al suo primo film da regista, Koepp ha le idee chiare, un talento narrativo notevole, una cura certosina per i dialoghi e per le situazioni disagevoli (tutto l'inizio, nel cinema dove si proietta Clockers di Spike Lee, è degno di nota tra litigate, maleducazione generale, insulti e arroganza) mostrando una società sempre più presa dal menefreghismo e dall'egoismo imperante. E mentre in televisione passa l'ormai classica Notte dei morti viventi, di lì a poco un semplice black out farà vacillare le comodità e gli agi dati per scontati.

    Il black out che porta rogne già lo trattava Eddie Matalon, ma in versione exploitativa, quì, Koepp, lo tratteggia in maniera realistica prendendo di mezzo la giustizia privata (il ladro in casa che viene freddato da un vicino con una fucilata), il facile maneggio delle armi e i paradossi che vigono negli Stati Uniti (per avere un semplice farmaco per l'otite ci vuole severamente la ricetta, per comprare un fucile a pompa serve poco o nulla, basta pagare in contanti), dove la gente, già nervosa e intrattabile di per sè, sfoga le sue rabbie proprio in occasione di un misterioso black out generale che mette al buio tutta Los Angeles (suggestiva l'immagine vista dalla villetta della coppia MacLachlan/Shue, con la città sullo sfondo che si spegne).

    Una piccola post apocalisse, dove uno degli sceneggiatori più geniali di Hollywood non cade nel tranello del mero thriller d'assedio, ma preferisce lavorare di fino sulle psicologie e sulle caraterizzazioni dei personaggi, dando spessore ad una vicenda che sta tra il dramma e la sci fi più intimista (Koepp tra l'idea dall'episodio de Ai confini della realtà "Mostri in Mapple Street"), che nel proseguio diventa una specie di Mad Max dai toni pragmatici, dove, sulle aride, desolate e assolate strade californiane, il bene più prezioso è la benzina.

    Il bellissimo incipit con il pasto dei coyote, gli scoppi d'ira (notevole l'incontro, sulla strada, con Michael Rooker che sfocia in tragedia), barlumi di sopravvivenza, una catapecchia in mezzo al nulla da "espugnare" (le chiavi della macchina), decisioni non propriamente sagge, dialoghi scoppiettanti (MacLachlan e il suo vicino Smitrovich nel vialetto con le torce in mano dopo il blackout, arrivano altri vicini chedendo se ci sia stato un black out e Smitrovich: "No, non sapevamo che fare e siamo usciti a provare le torce"), il labile confine tra omicidio e protezione della proprietà privata, sprezzo per la vita altrui e indifferenza generale.

    Il finale buonista non intacca più di tanto l'opera d'esordio dell'autore di Echi mortali (occhio ai vicini e ai sobborghi residenziali), con un cast in palla (la Sue è sexy pure in situazioni di estremo pericolo e MacLachlan in uno dei suoi ruoli migliori post Lynch, che assomiglia anche un pò ad un giovane-allora-David Koepp) e la splendida fotografia di Newton Thomas Sigel che dispensa suggestioni spielberghiane.

    Di culto assoluto la feroce litigata tra il farmacista e MacLachlan per farsi dare (senza ricetta) le gocce per l'otite che affligge la figlia piccola.

    Patrocina la Amblin di Steven Spielberg e Brian De Palma viene ringraziato sui titoli di coda.

    Lusinghiero biglietto da visita di un autore intelligente e personale, prima dei fantasmi che chiedono aiuto e delle finestre e giardini segreti.




    Ultima modifica: 8/06/22 10:42 da Buiomega71