LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 30/08/20 DAL BENEMERITO COTOLA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Cotola 30/08/20 00:02 - 7564 commenti

I gusti di Cotola

Signore e signori... l'Islanda. In 56 istantanee il regista ci presenta il suo paese: lo fa in un modo che ricorda molto i film di Anderson. Qui manca però quell'ironia grottesca e a volte feroce che è la cifra dello svedese. Il film non manca di momenti interessanti e sa affrontare con garbo e in modo riuscito temi legati alla nostra società odierna, primi tra tutti quello della solitudine e delle difficoltà comunicative tra gli esseri umani. Per carità, niente di eccezionale e di originale, ma non male.

Bubobubo 3/09/20 22:13 - 1223 commenti

I gusti di Bubobubo

Gioca a fare l'Andersson d'Islanda, un Rúnarsson che decide di raccontare la propria terra con fredda analiticità, giustapponendo una serie di eventi, situazioni e interazioni solo apparentemente circoscritte chiuse in loro stesse. Al termine della visione, la poetica esistenziale e nichilista del tragicomico che inforna la produzione del cineasta di Göteborg qui non zampilla in superficie, ma sono comunque parecchi i frangenti che, partendo dalla decostruzione interpersonale del mito propagandistico di un inesistente paradiso in terra, spingono ad una più profonda riflessione.
MEMORABILE: Discussione in serra per l'albero di Natale.

Paulaster 23/09/20 10:31 - 2831 commenti

I gusti di Paulaster

Attraverso piccole scene viene descritto il periodo natalizio islandese. A livello stilistico sembra di assistere a un film di Andersson, con stesse inquadrature e fotografia. Ciononostante è ben diretto, e al posto di proporre situazioni grottesche è il quotidiano il protagonista. L’Islanda è un paese affascinante per chi guarda da fuori tra carne di balena, il lungo buio e i ghiacci, con una situazione economica in bilico per chi ci vive. Il messaggio finale è di velato ottimismo, seppure il mare, come metafora, sia mosso e il capitalismo incombente (l'unica nota bizzarra).
MEMORABILE: La recita di Natale dei bambini; L’abbraccio collettivo; La nonna con la realtà virtuale; Il parto; Le culturiste.

Pinhead80 28/09/20 18:23 - 3972 commenti

I gusti di Pinhead80

Rúnar Rúnarsson in cinquantasei frammenti ci racconta un'Islanda mai vista, lontana anni luce dall'essere quella terra promessa perfetta a cui tutti fanno riferimento. Il linguaggio è quello del racconto breve e la poesia delle immagini è accompagnata da una colonna sonora che permette alla mente di riflettere su ogni segmento. Se l'intelaiatura sociale è un esempio di funzionalità, l'aspetto comunicativo-relazionale spesso mette i brividi quanto l'inverno rigido e buio di certe latitudini. Echo è un film meraviglioso, ricco di spunti interessanti e capace di emozionare.
MEMORABILE: Il Natale nella casa di riposo; La lite sulle questioni politiche; La colonna sonora.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.