Due o tre cose che so di lei

Media utenti
Titolo originale: Deux ou trois choses qui je sais d'elle
Anno: 1967
Genere: drammatico (colore)
Numero commenti presenti: 7

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/04/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 24/04/07 09:33 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

La lei del titolo è Juliette, una donna che per far quadrare i conti si prostituisce nel tempo libero, ma è anche (anzi, soprattutto) Parigi, filmata da Godard nel pieno di una vasta riorganizzazione urbanistica che la rrasforma in un immenso cantiere. Film-saggio, tanto palloso e datato negli assunti quanto affascinante nella messa in scena (la sintesi del cinema di JLG!). Maneggiare con cura in presenza di terzi, lo scrivente con un'incauta visione anni fa mise a repentaglio l'imminente matrimonio.
MEMORABILE: Un saggio di virtuosisimo nella ripresa di... una tazzina di caffè!

Cotola 27/07/08 17:49 - 7603 commenti

I gusti di Cotola

Attraverso lo stile tipico dei suoi film, Godard radiografa in maniera impietosa una società francese ormai allo sbando poiché succube di un consumismo in nome del quale e per soddisfare i cui bisogni le donne si prostituiscono senza che gli intellettuali (di sinistra) riescano a fare qualcosa di concreto se non chiudersi nella loro inanità. Il cambiamento (cui allude la ristrutturazione urbana di Parigi) quindi non è che di facciata e mai reale. Come sempre in questi casi non per tutti i gusti.
MEMORABILE: La ripresa della tazzina di caffè.

Stefania 9/06/09 17:51 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Film-documentario sulla trasformazione di Parigi e di chi la abita nel contesto del boom economico. Proprio come la città, ogni persona, oggetto o relazione diviene altro da sé nell'ottica deformante del consumismo. In pratica, diviene merce. Interessante come saggio di cinema alternativo, mi ha colpita in particolare quando descrive, l'effetto "anestetizzante" del denaro sui rapporti interpersonali e sul sesso che, una volta mercificato, si trasforma in qualcosa di tragicamente asettico.

Disorder 6/12/11 16:06 - 1410 commenti

I gusti di Disorder

Godard punta l'obiettivo sulla nuova Parigi degli anni 60 e il suo giudizio è impietoso. I nuovi piccolo-borghesi sono ai suoi occhi solo personaggi vuoti, senza coscienza di sé, marionette nelle mani del Sistema. In fondo sia Juliette (che si prostituisce per qualche vestito firmato) che il marito (che coltiva hobby "impegnati") hanno un solo scopo nella vita: la fuga dalla mediocrità. Il taglio sperimentale della pellicola ben si adatta al tema; ottima anche la fotografia. Per molti aspetti datato e talvolta pedante, è comunque un buon film.

Matalo! 22/05/13 12:53 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

"Mamma cos'è il linguaggio? "La casa dove abitano gli uomini"; una chiave davvero decisiva per capire questo film, del periodo marxista-leninista, il più ricordato. Linguaggio cinematografico, delle persone, dei luoghi. Per casa si intende scelta di vita. Quella che si prospetta nei nuovi quartieri parigini è disumana così come disumana è la scelta impassibile della protagonista di prostituirsi. Godard non vuole farsi amare, in parte risente dell'epoca ma un film che scruti il nostro presente a così multipli livelli e ci metta in discussione oggi non c'è.
MEMORABILE: La schiuma del caffè che sembra diventare divisione di cellule.

Saintgifts 1/02/15 12:16 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Praticamente un monologo di Godard. Non solo quando sottovoce fa le sue osservazioni, lo è anche nelle parole e nelle azioni dei personaggi. Chi è la lei del titolo? Un titolo ingannevole, a colpo d'occhio si può pensare che sia la storia di una donna, una donna che, evidentemente ha dei segreti, come tutti hanno, ma quelli di lei più particolari. C'è anche un po' di questo. Forse la lei del titolo è la società di allora che Godard analizza dal suo punto di vista (non so quanto di sinistra), piuttosto pessimista, ma purtroppo realista.

Reeves 28/08/20 20:04 - 207 commenti

I gusti di Reeves

Uno dei film davvero strategici nella filmografia di Godard, giocato come sempre sulle parole (la lei del titolo è la città di Parigi) ma senza mai cadere in calembour gratuiti. Il film è uno spietato atto d'accusa verso il consumismo e la mercificazione dei rapporti tra le persone e al tempo stesso la dimostrazione che il cinema tradizionale stava troppo stretto a Godard e alla sua furia iconoclasta. Lucido, estremo, interessante anche quando è (volutamente) sgradevole.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.