Droga sterco di Dio

Media utenti
Anno: 1987
Genere: documentario (colore)
Cast: (n.d.)
Note: Aka "Crack - L'insidia del 2000", "Drugs : A river of no return".
Numero commenti presenti: 3

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 21/03/13 DAL BENEMERITO FAUNO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fauno 21/03/13 12:25 - 2029 commenti

I gusti di Fauno

Dovrei dare il massimo a quest'opera, in quanto conferma appieno le mie idee sulle sostanze stupefacenti; gli do un po' meno perchè non ho scoperto niente di nuovo. In ogni caso è commentato molto bene, fa un ottimo excursus dalla produzione alle conseguenze fisiche e morali di chi ne dipende, sui motivi della sua assunzione, nonché su chi trarrà vantaggio da questa abitudine distruttiva. In pratica fa molto riflettere su quante associazioni negative si mettano in moto anche solo per un "cosiddetto" consumo occasionale...
MEMORABILE: Le crisi di astinenza; La polvere verde di coca, che è un vero nutrimento per le popolazioni andine; Le lesioni dei malati di AIDS allo stadio terminale.

Deepred89 23/09/15 22:58 - 3429 commenti

I gusti di Deepred89

Sulla scia dei Mondo cane ottantiani, un tardissimo mondo a tematica drug di cui lo spettatore più scafato o anestetizzato trarrà un notevole divertimento cinico, con il commento che apostrofa con spassosissimi toni enfatici e straziati una serie di immagini sempre in bilico tra il trash (la tribù che vomita per purificarsi) e il puro orrore (neonati scuoiati, deformità varie, corpi usati come contenitori di droga) con parentesi tra aids, mafia e baby prostitute. Imperdibile sermone antidroga finale, non indegno della coppia Costanzo-Calissano.
MEMORABILE: Il neonato vivisezionato dal quale vengono estratti pacchetti di droga (e il film uscì in sala senza divieti...).

Schramm 27/10/21 12:25 - 2639 commenti

I gusti di Schramm

Pericolo caduta Massi lungo il passo dello Stelvio: facendo capolino capolinea tappa e tana in quella pista (ogni riferimento ai fatti è puramente casuale) che dalla Colombia porta ai Sert, è un niente buscarsi suoi obitoriali bubushockete che non risparmiano nemmeno i putti, perlopiù elargiti non buttando via niente del maiale (leggi: riciclaggio del riciclato, giù fino a Marcellini), sotto l'ala avvoltoiesca di Crisanti (e da Crisanti a crisantemi non ci sarà che un amen). Da che mondo è mondo, anche questo tanatocentrico drugumentary ha un rapporto tutto suo con l'autenticità. 
MEMORABILE: Liberté egalité bebé.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Schramm • 22/10/21 14:38
    Controllo di gestione - 6970 interventi
    ...al di là dell'intrinseco valore o disvalore complessivo del documentario, resta qualcosa di I N C R E D I B I L I S S I M O il nulla osta per tutti concessogli dalla commissione di censura. come e perché la scena del neonato (schiaffata a bella posta anche in locandina: roba che spasojevic fatti un giro bello largo) sia stata graziata degli edwards mani di forbice di allora resta un insondabile segreto di fatima. se si tratta di una ricostruzione in studio, è indubbiamente stata realizzata investendoci il 98% del budget per farla sembrare più super-reale d'ogni vero e basterebbe da sola ad aprire un'inchiesta. pensare che una randellata simile, proposta oggi, verrebbe come minimo congelata dalla magistratura, con o senza contesto para-sociologico e informativo a "sublimarla".

    assieme all'autopsia di death file yellow è quanto di peggio possa capitare anche al più acritico e appassionatissimo giramondo e andrebbe annoverata in un'ideale top ten delle più folli ed eclatanti sviste censorie insensate e ingiustificabili di tutta la storia dei divieti.

    mondofili avvisati.
  • Discussione Raremirko • 23/10/21 21:22
    Addetto riparazione hardware - 3777 interventi
    Schramm ebbe a dire:
    ...al di là dell'intrinseco valore o disvalore complessivo del documentario, resta qualcosa di I N C R E D I B I L I S S I M O il nulla osta per tutti concessogli dalla commissione di censura. come e perché la scena del neonato (schiaffata a bella posta anche in locandina: roba che spasojevic fatti un giro bello largo) sia stata graziata degli edwards mani di forbice di allora resta un insondabile segreto di fatima. se si tratta di una ricostruzione in studio, è indubbiamente stata realizzata investendoci il 98% del budget per farla sembrare più super-reale d'ogni vero e basterebbe da sola ad aprire un'inchiesta. pensare che una randellata simile, proposta oggi, verrebbe come minimo congelata dalla magistratura, con o senza contesto para-sociologico e informativo a "sublimarla".

    assieme all'autopsia di death file yellow è quanto di peggio possa capitare anche al più acritico e appassionatissimo giramondo e andrebbe annoverata in un'ideale top ten delle più folli ed eclatanti sviste censorie insensate e ingiustificabili di tutta la storia dei divieti.

    mondofili avvisati.
    Quoto ogni singola parola del buon Schramm; i due film da lui citati magari li ho pure visti ma (per fortuna?) non mi ricordo nada.

    Comunque, riguardo alla censura, evidentemente il film sfruttò varie gabole o, magari, il mero menefreghismo delle gente dell'epoca.

  • Discussione Schramm • 26/10/21 23:05
    Controllo di gestione - 6970 interventi
    anzitutto molto curioso l'a.k.a. (molto probabilmente posticcio e postumo) crack l'insidia del 2000, dato che lungo i 78' di drugumentario al crack non è dedicato un solo minuto e non viene nemmeno chiamato in causa neanche per sbaglio.

    poi va corretto il tiro cronologico: il film antecede di 4 anni la data riportata in scheda e deve aver conosciuto distribuzione l'anno dopo la realizzazione, dato che lo stesso imdb riporta 1987.

    realizzativamente parlando si colloca insomma tra mondo cane oggi e mondo cane 2000: come da prassi di crisanti e massi, che fan pallamano tra i rispettivi materiali (rimpolpati, come in questo caso, con ripescaggi estrapolati da tabù 2, pellicola della quale crisanti - qui produttore - doveva evidentemente detenere i diritti, dato che ne ricicla non pochi spezzoni anche in sporco mondo sporca gente e mafia), dall'uno (mco) recupera alcune reels, l'altro (mc2000) le recupererà da questo senza neanche porsi il problema di differenziarle quel minimo rimontandole: medesime sequenze (la prostituzione minorile, i cadaveri usati come corrieri, i morti per aids, le fumerie d'oppio, i nati malformati) riproposte con diverso commento sonoro e contesto tematico (in mafia la cosa verrà portata tutta alle estreme conseguenze, con tutti i momenti più bubushockete foggati e pixelati). e proprio perciò la mancanza di divieto almeno ai 14 è doppiamente inspiegabile e sbalorditiva, considerato che mondo cane oggi e mondo cane 2000, a parita di sequenze e anzi eccettuate quelle abbastanza tremende coi neonati, si sono buscati il severamente vietato ai minori di anni 18.

    davvero risibile, considerato l'anno che vedeva nascere l'house, la scena della discoteca (ovviamente moralisticamente additata come tempio del male e luogo di postribolare perdizione), presentata con una foggia sia estetica che musicale seconda metà anni 70 anche nel tessuto sonoro, che scimmiotta disperatamente la disco-funk dei passengers...

    più ridicola ancora la lunga parabasi finale con scene di persone che si bucano, si contorcono per l'astinenza o di morti di overdose contrappuntate dalla voice over che come una puntina che si incanta reitera "sei tu? sarai tu? vorrai essere tu?" - come se gli eroinomani cronici e terminali riempissero le sale per un film come questo, che in sala ci sarà rimasto si e no 4 giorni a dir tanto, e in un totale di 30 sale in tutta italia...

    infine un blooper: nella scena più pesa del lotto, la voice over parla al maschile del neonato morto usato come involucro per nascondere eroina. il corpo è invece di una bambina. quando si dice la veridicità del mostrato e la cura per i dettagli.