Dracula

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Dracula
Anno: 1979
Genere: horror (colore)
Numero commenti presenti: 13
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Due anni dopo LA FEBBRE DEL SABATO SERA il regista John Badham ci offre una personale rilettura del romanzo di Bram Stoker, con un conte Dracula (Frank Langella) che sembra quasi voler riprendere la carica erotica di John Travolta (gli stessi capelli, cotonatissimi, ma su un viso che sembra quello del nostro Pupo). Proprio lo stesso anno in cui Werner Herzog e Klaus Kinski meravigliano il mondo con un remake di NOSFERATU dalla straordinaria forza visiva, Badham guarda invece al vetusto DRACULA...Leggi tutto di Tod Browning, con una fotografia (di Gilbert Taylor) che appare quasi timorosa nel doversi staccare dal bianco e nero e produce colori pallidissimi, a volte stinti fino all'assenza. Un esperimento interessante, che dà una patina strana al film, a metà tra l'antico e il moderno, mentre Langella scivola sui muri, compare tra le nebbie, si pipistrellizza come da copione sfiorando però - con quella capigliatura da Silvan e l'aria un po’ da fesso - il ridicolo. La sceneggiatura, che si prende parecchie libertà rispetto al testo originale, non riesce purtroppo a coinvolgere nemmeno un po' e il film procede stanco senza mai riprendersi, colpendo qua e là per la ricercatezza di alcune scenografie ma stimolando il sonno a ogni primo piano. L'esasperazione del romanticismo stokeriano trasforma Dracula in un tombeur de femmes, che non disdegna persino di apparire talvolta con la camicia aperta e il pelo in evidenza come un qualsiasi macho riminese (è solo il mantello a salvarlo). E’ vero, c'era bisogno di svecchiare un Dracula fermo ai tempi di Christopher Lee, ma in questo caso meglio dirigersi su Herzog, ben più coraggioso.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lovejoy 19/12/07 21:58 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Versione romantica e seduttrice per questo Dracula firmato dal regista di La Febbre Del Sabato Sera. A parte qualche scena di comicità involontaria, la pellicola funziona. Per merito sopratutto di un Frank Langella davvero calatosi alla grande nel personaggio del vampiro seduttore. Ma non gli sono da meno i sempre grandi Sir Laurence Olivier nel ruolo di Van Helsing e Donald Pleasence in quelli del Dr. Seward. Bella colonna sonora di John Williams.
MEMORABILE: Il confronto tra Dracula e Van Helsing; Quello tra Van Helsing e la figlia; Il drammatico scontro finale.

Puppigallo 29/01/08 10:00 - 4615 commenti

I gusti di Puppigallo

Versione abbastanza inutile e senza particolari guizzi delle vicende del famoso succhiasangue non spirato. Più che da Dracula, Langella ha la faccia da schiaffi ed è molto più credibile da lupo (peccato che sia un lupo vero), che da conte emo-voglioso. Anche il resto della baracca attorica non è certo di livello e gli effetti (pietoso pipistrello finto in volo) non aiutano di certo. Buona la colonna sonora, associata però a un prodotto decisamente mediocre, che solo in un paio di occasioni (la neovampira) fa respirare la vera aria mortifera.
MEMORABILE: Il conte cura, ipnotizzandola alla Giucas Casella, la ragazza che si è appena sentita male; Il cavallo cercavampiri (li scova come i tartufi).

Flazich 15/08/08 09:03 - 659 commenti

I gusti di Flazich

Versione tratta dall'omonimo romanzo che pone una certa attenzione all'aspetto più sensuale, più erotico del conte Dracula e di come riesca a essere magnetico con le sue vittime. Il film è ben girato e solo alcuni passaggi e dialoghi sono, per così dire, datati. ottima la fotografia in alcune scene come, ad esempio, quella del rapporto carnale di Lucy con Dracula. Finale beffardo e emblematico che si chiude su un sorriso della malcapitata a significare che non è ancora finita.

R.f.e. 7/10/09 20:00 - 817 commenti

I gusti di R.f.e.

La figura del vampiro come seduttore (il morso in sé - si "inseriscono" pur sempre i canini "nel corpo" della donna - e il suggere sangue, è sempre stata una metafora del bacio, o del coito senza mezzi termini) è stata inaugurata da "Il Vampiro" (1819) di John W. Polidori. E come hanno così chiaramente rimarcato Fiedler, Praz ed Eco, il moderno antieroe fascinoso alla James Bond presenta incredibili analogie con i "cattivi" del vecchio romanzo gotico. E allora perché snobbare (oggi lo fanno in molti) questa eccellente versione di Dracula?

Giacomovie 6/10/09 15:21 - 1363 commenti

I gusti di Giacomovie

Parte in sordina, con un Langella che all'inizio più che Dracula sembra Giucas Casella, ma poi emerge il giusto contesto lugubre, ben ricostruito, ed il giusto livello di tensione per un horror che si rispetti, anche se da questo punto di vista si poteva dare di più. Si privilegia invece un’accuratissima scenografia, cosa che lo rende una valida alternativa alla sontuosa versione di F. F. Coppola. La colonna sonora è presente ed adatta. Musiche d'autore di John Williams, con un bel gioco di contrasti tra le sezioni degli archi. ***

Galbo 4/12/09 18:46 - 11618 commenti

I gusti di Galbo

Alla figura del celeberrimo vampiro della Transilvania John Badham cerca di dare sembianze romantiche e difficilmente questo Dracula può definirsi un film horror. Al risultato concorrono la fastosa ricostruzione ambietale che presenta momenti di autentica suggestione e l'interpretazione del protagonista, Langella, che dà al personaggio un certo alone di fascino. Il film non è un capolavoro ma si rivela piuttosto godibile.

Undying 21/11/09 18:31 - 3828 commenti

I gusti di Undying

Rivisitazione di un'icona del cinema horror, fatta in maniera cervellotica e, in parte, nostalgica (il look del vampiro senza canini) della quale, in tutta sincerità, non si sentiva certo bisogno. Lentissimo e fortemente spocchioso, in grado di generare tantissima noia (e per niente atmosfera) e di sprecare attori di razza. Volendo essere magnanimi va riconosciuto al film un particolare accorgimento scenografico, garantito da un budget evidentemente sostanzioso: ma questo, alla fin fine, potrebbe essere anche ulteriore motivo di difetto, in considerazione del modico risultato finale.

Cotola 28/11/09 19:56 - 7876 commenti

I gusti di Cotola

Affascinante e sensualissima versione cinematografica del capolavoro di Stoker che può contare su una discreta regia (quando John Badam era ancora un professionista di discreto valore), una messa in scena elegante e su un cast di grande valore. Non mancano le cose stonate: ad esempio il cavallo che cerca vampiri. In ogni caso un film godibile.

Buiomega71 21/04/11 18:24 - 2401 commenti

I gusti di Buiomega71

La versione che amo di più in assoluto, ex aequo con il Nosferatu herzoghiano. Per nulla ruffiano (come lo sarà il Dracula di Coppola), accarezzato dalla magnifica fotografia di Gilbert Taylor e dalla musica di John Williams. Badham si conferma regista sensibile e visionario (il ragno sulla ragnatela dall'alto dell'inquadratura), con picchi horror notevoli (le vampire piuttosto feroci e con ottimi make up). Di culto le scene d'amore con luce rossa sparata al massimo. Langella non incute molto timore, ma il film è una gioia per gli occhi.
MEMORABILE: Il finale sull'albero della nave, una diversa rappresentazione sulla fine del conte Dracula.

Von Leppe 22/11/11 14:48 - 1095 commenti

I gusti di Von Leppe

Trasposizione del romanzo di Stoker ben fatta ed originale, molto britannica (tra gli interpreti ci sono Laurence Olivier e Donald Pleasance); mancano i paesaggi montani dei Carpazi e la Transilvania, tutto è ambientato in un paesaggio costiero inglese, grigio e con scenografie teatrali. Langella è un Dracula dal fascino latino e il film sfrutta questo aspetto del nobile rumeno, con i suoi ricordi di un paese lontano e selvaggio che affascina le donne. Ottime scene ed effetti speciali.
MEMORABILE: Li sente? sono i figli della notte, che lugubre melodia è la loro.

Donald Pleasence HA RECITATO ANCHE IN...

Rebis 15/12/12 13:54 - 2123 commenti

I gusti di Rebis

Dietro l'erudizione filologica che conferisce a Dracula le fattezze luciferine e passionali di Lord Byron (così ne "Il Vampiro" del succube Polidori) Badham rigenera, per almeno 50 minuti, il sentimento della paura che animava il libro di Stoker e il suo primo adattamento, smarrito negli infiniti epigoni. Nel proseguo il film si fa più meccanico e derivativo, ma lo splendore figurativo - nella fotografia cinerea e desaturata di Taylor - rimane intatto fino all'inedita chiusura. L'avanzata famelica del Nosferatu lungo le pareti e le metamorfosi animali, mozzano il fiato. Saccheggiato da Coppola.

Enzus79 23/09/13 16:57 - 2013 commenti

I gusti di Enzus79

Stravolto il celebre romanzo di Bram Stoker, ne è uscito un film mediocre anche se a tratti interessante. Certo non per la bravura di Frank Langella, che a mio parere è il peggiore di quelli che ha interpretato il vampiro della Transilvania. Buona la colonna sonora di Williams.

Rufus68 25/04/20 17:33 - 3367 commenti

I gusti di Rufus68

La figura di Dracula declinata come un tombeur de femmes latino pare una derivazione dal precedente La febbre del sabato sera: Langella alla stregua d'un Travolta dei Carpazi può persino funzionare a sé, ma getta in rovina l'intera costruzione gotica che si basa sul sesso quale grimaldello contro la società vittoriana. Il cast regge bene l'urto. L'andamento risulta, però, troppo lineare e pedestre nonostante la bella cura dell'immagine. A distanza di decenni appare datato e con poco da dire.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Von Leppe • 29/09/11 14:21
    Call center Davinotti - 973 interventi
    Il demone nero di Dan Curtis, del 1973, anche io è un pò che non lo vedo, mi sembra però che non sia televisivo e abbia il formato panoramico. Diciamo che è il primo dove Dracula mostra del sentimento...
  • Discussione Zender • 29/09/11 16:30
    Consigliere - 44580 interventi
    Il pallino di fronte al demone nero (a me risulta del 73) sta proprio a significar che è televisivo. D'altra parte Dan Curtis è un vero stakanovista dell'horror televisivo. E il formato è fullscreen anche per questo.
  • Discussione Von Leppe • 29/09/11 16:55
    Call center Davinotti - 973 interventi
    E' vero è full, mi sono sbagliato, oppure ho visto una versione tagliata per il 16,9.
  • Discussione Caesars • 30/09/11 09:03
    Scrivano - 12987 interventi
    Non vorrrei dire una castroneria gigante, ma mi pare che "Il demone nero", pur essendo un film televisivo, in Italia uscì nelle sale cinematografiche (come "Duel", ad esempio).
  • Discussione Zender • 30/09/11 09:17
    Consigliere - 44580 interventi
    Ah, può essere benissimo, Caesars. Io non ne so nulla... E' capitato di recente anche con La seconda guerra civile americana, per dire. O S. Darko...
  • Homevideo Caesars • 22/11/11 09:56
    Scrivano - 12987 interventi
    Leggo sul blog di Nocturno che il formato del dvd è il corretto 2.35:1 (come segnalato da Digital) anche se sul retro copertina (e sul sito della Dell'Angelo) è riportato, erroneamente, 1.78:1.
    Da segnalare che dovrebbe trattarsi di una versione "decolorata" (cioè con colori più spenti rispetto all'uscita cinematografica) voluta da Badham stesso che all'epoca volesse girare il film in b&n (almeno così è riportato nel blog in questione).
  • Homevideo Von Leppe • 22/11/11 10:42
    Call center Davinotti - 973 interventi
    Confermo il formato corretto, i colori sbiaditi e la buona qualità del video. Audio italiano e inglese. Niente extra.
    Ultima modifica: 7/01/20 17:09 da Zender
  • Homevideo Silverstar • 9/10/13 13:59
    Galoppino - 48 interventi
    Dati DvD dall'Angelo Pictures:
    Runtime: 1h 44' 35'';
    Lingua: italiano, inglese;
    Sottotitoli: italiano;
    Suddivisione capitoli DvD: 12
    Extra: assenti!!!;
    Dati Tecnici DvD:
    DvD5;
    Video: 16:9 colore; formato 2.35:1;
    bitrate 5.07 Mbps; Comparto Video buono;
    Audio: ita dolby digital ac-3/2, eng dolby digital ac-3/2; Frequenza Campionamento 48Khz;
    Bitrate 192Kbps; Canale: stereo; Comparto Audio buono;
    Concludendo: buona questa uscita in dvd,anche se il video sarebbe stato ottimo (invece di buono) se avessero aumentato il Bitrate almeno a 6Mbps (5Mbps è un pò poco),ma per fare ciò avrebbero dovuto usare un dvd9 e quindi avrebbe avuto un costo superiore l'operazione di realizzazione e di conseguenza,di vendita.
    Nota Personale:
    errare è umano,ma perseverare è diabolico!!...come ha perseverato chi ha creato la cover di codesto dvd. Mi riferisco a ben 3 errori e non di poca importanza (vitali per chi legge e vuole acquistare il dvd) sulla medesima cover:
    1)la durata: la cover riporta 90' e il film dura 1h 44' 35'';
    2)l'aspect ratio: la cover riporta 1.78:1 e il film masterizzato su dvd è 2.35:1;
    3)la fascetta sulla cover riporta dvd9,invece è un dvd5.
  • Curiosità Buiomega71 • 7/11/14 17:15
    Pianificazione e progetti - 22769 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (29 gennaio 1986) di Dracula:

  • Homevideo Caesars • 7/01/20 16:57
    Scrivano - 12987 interventi
    In USA è uscito il bluray della Shout, che riporta due versioni del film: quella con colori desaturati e quella con i colori originali della versione cinematografica. Purtroppo il prodotto è region A, quindi non leggibile dai lettori europei.
    Magari uscisse un prodotto così anche da noi (per me i colori devono essere quelli originali, non ritoccati a posteriori.)
    Un confrronto tra le due versioni si può trovare qua:
    http://www.dvdbeaver.com/film7/blu-ray_reviews_92/dracula_1979_blu-ray.htm
    Ultima modifica: 7/01/20 17:04 da Caesars