LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 3/05/07 14:28 - 2932 commenti

I gusti di Caesars

A suo tempo la critica ufficiale lo massacrò ma si tratta di un De Palma di razza, non tra i suoi migliori ma comunque estremamente valido. Certo la trama non presenta grandi originalità e il tributo del regista ad Hitchcock (ma anche a se stesso) è enorme, ma come sempre il cinema di De Palma riesce a conquistare per come dice più che per cosa dice. John Lithgow, attore spesso impiegato dal grande regista, è interprete molto valido e convincente. Un film poco considerato che meriterebbe una maggior attenzione.

Puppigallo 17/05/07 20:19 - 4591 commenti

I gusti di Puppigallo

Il discorso iniziale in auto è notevole e poi…Bravo John Lithgow; ha più di un ruolo e si destreggia piuttosto bene (con qualche eccesso). Gli oscuri meandri della mente umana sono sempre stati una manna per i bravi registi; e questo è un esempio di buona pellicola del genere, nonostante la narrazione abbia delle pause e gli attori, a parte il protagonista, non siano propriamente eccelsi. Oltretutto, il disturbo mentale di Carter Nix è tale che a un certo punto non si capisce più quale sia la personalità predominante, o semplicemente la sua.
MEMORABILE: Una delle personalità di Carter: "Il dottore schiatta di rabbia; Caino non è più nella gabbia".

Deepred89 23/06/07 12:33 - 3378 commenti

I gusti di Deepred89

Buon film di De Palma. La sceneggiatura è un po' confusa ma intrigante e piena di colpi di scena. Ottimo il protagonista e bravi anche gli altri attori. Straordinarie molte sequenze, anche se la bella scena finale è spudoratamente copiata da Tenebre di Argento.

Undying 8/10/07 09:27 - 3833 commenti

I gusti di Undying

Il repertorio stilistico del regista viene proposto con coerenza e, in questo, Raising Cain è film strettamente ascrivibile al genio di De Palma, che sfrutta con destrezza l'ottima performance degli attori, con prevalenza di scena per il bravissimo John Lithgow. Il titolo italiano è improprio: più che due personalità, il killer ne assume qui almeno cinque, sviluppate su uno script basato su rari casi di schizofrenia multipla, accertati dalla disciplina medica. Omaggio/citazione a Tenebre che venne, alla prima, segnalato via telefono ad Argento.

Capannelle 12/11/07 12:27 - 3855 commenti

I gusti di Capannelle

Tipico prodotto di De Palma dove alcuni frammenti geniali si mescolano a momenti di ilarità e inconsistenza. Qui prevalgono i secondi e il risultato è meno armonico e credibile del solito. Anche perché si abusa nel ricorso a flashback e falsi sogni. Da ricordare: il bacio di fronte alla moglie comatosa, la moglie risorta, l'assistente del professore. Da dimenticare: lo sparamoccico iniziale, i tormenti amorosi della protagonista, il cadavere " espressivo", l'interrogatorio condotto senza polizia, la bambina volante.

Cotola 7/05/08 01:18 - 7826 commenti

I gusti di Cotola

Dopo un inizio straordinario, che permette allo spettatore di calarsi immantinente nel personaggio di Carter, il film prosegue poi in maniera più stanca e risaputa alternando cose buone e cose poco riuscite. Citazionista (ma anche autocitazionista) conferma tutte le virtù ed i limiti di un regista che, spesso, potrebbe girare grandi pellicole ma che, vuoi per una ragione vuoi per un'altra, il più delle volte non ci riesce. Riuscito il finale che omaggia l'argentiano Tenebre.

Galbo 11/09/08 05:53 - 11587 commenti

I gusti di Galbo

Il titolo italiano del film è deviante perchè più che di doppia personalità si può parlare per il protagonista di personalità multiple. L'opera è in puro stile De Palma con evidenti citazioni ad opere del passato di altri (è spesso Hitchcock il supremo modello di riferimento) ma anche dello stesso regista. Godibile, ha però il limite di un'eccessiva complicazione della sceneggiatura che lo rende a volte ostico. Molto bravo il protagonista.

Tomastich 8/07/09 11:27 - 1218 commenti

I gusti di Tomastich

La caratteristica di un regista come Brian De Palma è che lui può citare e autocitarsi e nessuno si deve permettere di criticarlo per questo. E così via con Vestito per uccidere, vari omaggi ad Hitchcock e Argento. Ma il film? Sì, il film regge, è godibile e di durata anche ragionevole (tentare di allungare per 2 ore film di questo calibro è solo un difetto). Lithgow, con il suo faccione da "ciambellaro USA" si fa in 5 (è proprio il caso di dirlo) e regge il film praticamente da solo. Un buona prova.

Stefania 28/03/10 23:55 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Un simil-Frankestein, questo Carter, creatura di uno scienziato pazzo, Io parcellizzato in identità multiple: ha un condominio nella testa, un condominio litigioso! Film incoerente e bislacco, citazionista e grottesco come tanti altri di De Palma, la tecnica e l'inventiva ci sono sempre, ma qui gli eccessi non sono tenuti a freno: sottigliezze, proprio nessuna. L'istrionico protagonista fa il saltimbanco, il trapezista, il giocoliere... alla fine, però, mi pare si sia divertito solo lui. Io, non troppo.

Greymouser 6/06/10 11:45 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

De Palma sfodera tutto il suo repertorio registico da virtuoso d'alta scuola nelle inquadrature, nei piani ipnotici, nella costruzione delle scene e delle sequenze. Ed è un bel vedere per il cinefilo in cerca di emozioni puramente visive. Se guardiamo alla sostanza, tuttavia, questo è un film poco riuscito, soprattutto per le troppe forzature e implausibilità nella sceneggiatura, veramente sbrigative ed irritanti, e non all'altezza di un maestro come De Palma. La valutazione risulta da una media fra forma e contenuto.

Brian De Palma HA DIRETTO ANCHE...

Enzus79 24/11/11 15:04 - 1971 commenti

I gusti di Enzus79

Un John Lithgow da Oscar per un Brian De Palma di altissimo livello. Doppia personalità si ispira profondamente ad Alfred Hitchcock, ma il regista americano sa aggiungere molto del suo (tipo le lunghe carrellate nell'ufficio della polizia). Sottovalutato.

Coyote 2/01/12 18:12 - 185 commenti

I gusti di Coyote

De Palma si sbizzarrisce in un'opera altamente inquietante, in cui numerose paure elementari vengono mescolate con sapienza: la minaccia all'infanzia, l'identità frammentata, il mistero che si nasconde dietro alle figure familiari, con scene da brivido in casa, nel parco, in un bosco stregato. Il tutto avvolto in una luce ambigua, vero e proprio marchio di fabbrica del regista, mentre colpi di scena a ripetizione tengono alta la tensione senza mai stancare.

Pumpkh75 15/01/12 19:47 - 1387 commenti

I gusti di Pumpkh75

De Palma ti prende, ti fa salire sul suo ottovolante di virtuosismi e ti destabilizza con le sue inquadrature spericolate e i suoi ralenti. Che poi, in questo caso, l'originalità non abbondi e le citazioni (anche di se stesso) siano esagerate, poco conta. La forma supera la sostanza. Grande prova di John Lightow e brava anche la Davidovich.

Rebis 3/08/13 18:02 - 2114 commenti

I gusti di Rebis

Considerata opera minore nella filmografia di De Palma e generalmente sottovalutata, è nondimeno una tappa nodale nel suo percorso autoriale: segna il passaggio dal cinema inteso come artificio e illusione al cinema come incursione onirica. Per oltre metà film siamo trascinati in un labirinto dove la permeabilità tra sogno e realtà disorienta e genera sgomento. In questo senso i virtuosismi, le ellissi narrative, le iperboli melò, la recitazione artificiosa e sopra le righe, il citazionismo analogico, sono la dichiarazione della forza perturbante delle immagini oltre la verosimiglianza.

Didda23 6/08/13 16:01 - 2310 commenti

I gusti di Didda23

Incredibilmente sottostimato, Raising Cain è un film che bilancia alla perfezione l'innata perizia tecnica di De Palma con una sceneggiatura riuscita (seppur con qualche sbavatura), capace di creare dialoghi e sequenze colme di tensione narrativa. Gigantesca e sofferta la prova di Lithgow, un attore davvero di classe cristallina. Rallenti elegantissimi, segmenti onirici truffaldini e una particolare attenzione funzional-simbolica del volto umano rendono il girato imperdibile.

Daidae 7/08/13 14:33 - 2839 commenti

I gusti di Daidae

Preferivo, e di molto, i vecchi De Palma come Vestito per uccidere. Ma non è affatto un'opera da buttare via; magari tolte alcune assurdità come i tormenti sessuali della moglie del dottore riusciva anche meglio. Il cast è ottimo, ci sono diversi vecchi volti già visti in altri film di De palma e la trama è interessante. Passabile.

Mickes2 19/08/13 00:56 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Senz’altro affascinante per il modo in cui introduce le personalità multiple di una menta deviata (Lithgow solita maschera inquietante) e per la struttura narrativa nervosa e frammentata che gioca con lo spettatore in modo mirabolante traducendo la pazzia in realtà, il desiderio in sogno. Un’intelaiatura che spiazza, sorprende e avvince per un thriller drammatico con implicazioni famigliari con punte horrorifiche. Citazionista (Psyco, L’occhio che uccide), trancia l’inquietudine con antidiegetiche ma in fondo riuscite virate farsesche. Buono.
MEMORABILE: Il finale; Il superbo pianosequenza all'interno del palazzo di polizia.

Daniela 28/07/14 10:35 - 10198 commenti

I gusti di Daniela

Traumatizzato da piccolo dal padre che lo ha utilizzato come cavia per scoprire l'origine della dissociazione di personalità, il protagonista vuole continuarne gli studi sulla psiche infantile... Come spesso accade, De Palma confeziona un thriller-omaggio, in cui confluiscono influenze diverse, a partire dallo spunto powelliano. Pur contando su sequenze efficaci e sull'interpretazione ironicamente istrionica di Lithgow, il risultato è però una maionese impazzita, con situazioni che talvolta sfiorano il ridicolo involontario. Certo c'è del buono, ma è un De Palma minore.
MEMORABILE: La dottoressa pomicia con un uomo mentre questi è accanto al letto della moglie morente: cavolo, che sensibilità!

Nicola81 24/01/15 21:24 - 2108 commenti

I gusti di Nicola81

Un De Palma in forma smagliante dirige un thriller ingiustamente sottovalutato, che anzi se avesse schivato un paio di cadute di tono (l'eccessiva insistenza sui tormenti sessuali della Davidovich e l'interrogatorio condotto senza poliziotti nei paraggi) avrebbe potuto ambire all'eccellenza. Scienziati pazzi, schizofrenia, personalità multiple e oscillazioni tra sogno e realtà formano un cocktail intrigante e in grado di mantenere la suspense per l'intera durata. Lithgow ha l'opportunità di giganteggiare, ma anche i comprimari funzionano.
MEMORABILE: L'incipit; Il piano sequenza all'interno della centrale di polizia; Il finale.

Il ferrini 11/01/17 00:46 - 1807 commenti

I gusti di Il ferrini

Quella di John Lithgow per me era già una faccia da psicopatico (quella del serial killer Trinity), ma dopo questo film non ci sono davvero più dubbi. Un'interpretazione straordinaria, o forse dovremmo dire almeno quattro interpretazioni (il mite Carter, il malvagio Caino, il ragazzino Josh e perfino il padre di se stesso) alle quali vanno aggiunti i travestimenti femminili. Sexy la Davidovich, merito anche della sensuale voce di Simona Izzo. De Palma crea una bella tensione (la scena dell'obitorio non si scorda) e il film vola. Buono.

Frances Sternhagen HA RECITATO ANCHE IN...

Anthonyvm 2/03/18 01:08 - 2606 commenti

I gusti di Anthonyvm

Un film notevole, ma che alla fine della visione lascia un senso di incompiutezza. Saranno i colpi di scena scontati, sarà il fatto che la resa dei conti finale è piuttosto risibile nel suo effetto ralenti e nel suo improbabile concatenarsi di eventi. Dopo una prima parte davvero promettente e barocca (tra sogni nei sogni, ricordi e allucinazioni), il terzo atto delude le aspettative. Peccato, perché lo stile inconfondibile di De Palma c'è tutto e Lithgow è indubbiamente bravo. C'è di meglio. Esiste un director's cut: forse rende di più.

Minitina80 18/09/18 08:08 - 2512 commenti

I gusti di Minitina80

Difficile muoversi in una sceneggiatura tanto intricata che ruota attorno a uno psicopatico affetto da personalità multiple. Il montaggio destrutturato nemmeno aiuta e bisogna mantenere alta la concentrazione per cercare di avere una visione d’insieme plausibile. Alcuni particolari possono facilitare la comprensione, ma non è sempre facile coglierli, ragion per cui un’ulteriore visione permetterebbe di apprezzarlo meglio. Tante le citazioni, autoreferenziali e non, con cui De Palma si diverte a giocare.

Bullseye2 16/01/19 02:19 - 104 commenti

I gusti di Bullseye2

"Visionaria discesa nell'inferno della schizofrenia" (Sorrisi e canzoni)? Ma mi faccia il piacere! Il film di De Palma (irriconoscibile) è al massimo una visionaria discesa nel trash più spinto, nell'ilarità assoluta, nel ridicolo involontario: le pretese di serietà degenerano immediatamente in un mix folle di thriller (poco) erotico di serie Z, un film-tv poliziesco e le visioni deliranti di Ed Wood e Andolfi grazie a una sceneggiatura con più buchi di un Emmenthal dove la risata regna sovrana. Capolavoro del trash, come thriller non ci siamo.
MEMORABILE: Le citazioni (inopportune) a Argento; L'adulterio di fronte alla moglie di lui, morente; Le espressioni ridicole dei cadaveri.

Rocchiola 15/10/19 14:18 - 898 commenti

I gusti di Rocchiola

L’ultimo grande thriller depalmiano. Un film schizoide come il suo multiforme protagonista interpretato da uno strepitoso Lithgow finalmente promosso al ruolo principale. Il regista torna a scrivere un soggetto dai tempi di Omicidio a luci rosse saccheggiando a piene mai classici come Psyco a L’occhio che uccide e arrivando persino all’autocitazione di Vestito per uccidere. E poco importa se la sceneggiatura è altamente irrazionale: i fan del regista troveranno pane per i loro denti, in questo film bistrattato all’uscita ma degno di recupero.
MEMORABILE: Carter che dialoghi con i suoi doppi; La testata alla dottoressa Waldheim; L’auto che affonda nello stagno; La citazione finale da Tenebre.

Kinodrop 2/02/20 19:17 - 1825 commenti

I gusti di Kinodrop

Restituire in immagini le distorsioni di una personalità multipla non può che implicare il ricorso a una sovrapposizione convulsa e onirica di tratti realistici e rivisitazioni psicotiche. De Palma riesce a collocarci in mezzo ai molteplici deliranti fatti attraverso la fluidità delle riprese che sconfinano l'una nell'altra, rendendo palpabile il caos di una psiche frastagliata; ciò che può sembrare confuso è forse il segno caratteristico di questo thriller. Lithgow ha su di sé tutto il peso interpretativo, coadiuvato da un cast all'altezza.
MEMORABILE: Il padre di Carter e i suoi "esperimenti"; L'interrogatorio sotto ipnosi; Il finale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Cotola • 5/09/09 00:41
    Consigliere avanzato - 3663 interventi
    Il finale omaggia palesemente l'argentiano
    "Tenebre".
  • Musiche Ciavazzaro • 19/06/10 11:58
    Scrivano - 5621 interventi
    Pino Donaggio soundtrack:
    http://www.youtube.com/watch?v=RlMPH2lvxYk&feature=related
  • Homevideo Buiomega71 • 29/01/17 16:31
    Pianificazione e progetti - 22621 interventi
    Rieditato in dvd per Cult Media, disponibile dal 22/03/2017

    https://www.amazon.it/Doppia-Personalita/dp/B01N6V8LZO/ref=sr_1_387?s=dvd&ie=UTF8&qid=1485703451&sr=1-387
  • Curiosità Buiomega71 • 14/11/17 19:41
    Pianificazione e progetti - 22621 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (venerdì 16 febbraio 1996) di Doppia personalità:

  • Discussione Caesars • 11/07/19 08:36
    Scrivano - 12616 interventi
    Ma è mai circolato in Italia con il sottotitolo inglese, come indicato in scheda? A me risulta che il titolo italiano sia semplicemente "Doppia personalità".
  • Discussione Zender • 11/07/19 08:39
    Consigliere - 44422 interventi
    Mah forse no, può essere che l'avessi messo al tempo per riconoscerlo, vista la banalissima traduzione. L'ho tolto, comunque.
  • Homevideo Rocchiola • 15/10/19 14:28
    Call center Davinotti - 1201 interventi
    Finalmente tornato disponibile questo titolo depalmiano finito presto nel dimenticatoio ma meritevole di recupero. Il DVD della Cult Media mi sembra migliore della vecchia edizione Universal. Probabilmente è stato usato un master estero preso da qualche bluray come ad esempio quello americano della Shout Factory o da quello francese della Elephant. Che dire le immagini sono pulite e discretamente definite. L'audio italiano 2.0 è mediamente potente e chiaro e si preferisce un pochino alla traccia rielaborata in 5.1.