Dogora - Il mostro della grande palude

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Uchu daikaijû Dogora
Anno: 1964
Genere: fantastico (colore)
Numero commenti presenti: 6
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
PAPIRO DAVINOTTICO INSERITO IL GIORNO 23/11/06
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Dr.schock 24/07/08 16:13 - 83 commenti

I gusti di Dr.schock

Fantapoliziesco non riuscitissimo del papà di Godzilla: un'enorme medusa spaziale golosa di carbonio comincia a risucchiare tutto ciò che ha attinenza con il minerale, compresi i preziosi, alla faccia dei ladri di professione e delle forze dell'ordine. Ma gli scienziati giapponesi ne sanno una più del diavolo... Gli effetti (poco) speciali non aiutano, ma se si è ben predisposti ci si può divertire.

Il Gobbo 20/07/10 09:42 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Ibrido bizzarro che può far pensare ai nostri spy/super-colpistici (anche con somiglianze imprevedibili, come quella fra il capo della banda, quando ha gli occhiali scuri, e Daniele Vargas!). Ma anzichè un diabolico marchingegno c'è qui un mostro/non mostro, peraltro poco alla ribalta, e destinato fatalmente a sfigurare rispetto ai vari cosoni zoomorfi e incazzosi che sono la quidditas del genere. Aggiungiamoci dei protagonisti ficcanti come il tandem Diego-Amauri e il tutto cola a picco.

R.f.e. 21/07/10 18:26 - 817 commenti

I gusti di R.f.e.

Commistione di generi (yakuza eiga + kaiju eiga, un mix già cucinatoci dal buon Ishiro con risultati lievemente migliori nel precedente Uomini H) davvero fallimentare e poco coinvolgente. Dogora, la medusa spaziale ghiotta di carbonio - carbone, acciaio ma anche diamanti - ha la seria possibilità di essere il dai-kaiju più "dai" (grande) in assoluto mai apparso sugli schermi cinematografici. Bizzarro anche il doppiaggio, a cura della S.A.S., dove si sente persino il serioso Roberto Herlitzka!

Faggi 17/04/16 13:25 - 1511 commenti

I gusti di Faggi

Pellicola sperimentale e coraggiosa, folle e visionaria; notevole anche perché è una curiosa - anche se non inedita - commistione di generi (gangster e fantascienza) e non manca di umorismo (quindi ha anche toni da commedia). Il suo punto di forza è nel "mostro spaziale" (Dogora) e diventa grandiosa dal momento in cui esso si manifesta nella sua pienezza, in una fantasmagoria fotografica di luce e colori, con la sua potenza apocalittica che è una vera gioia per gli occhi.

Daniela 3/02/17 08:49 - 9837 commenti

I gusti di Daniela

Locandina italiana farlocca: Dogora non è il solito mostro godzilliforme ma una creatura ameboide proveniente dallo spazio che si nutre di carbonio allo stato puro e per questo rompe le uova nel paniere ad una banda specializzata nel furto di diamanti. Purtroppo, l'amebone tentacolare si vede pochissimo, essendo poco più di uno special guest in una trama quasi interamente incentrata sul lato criminal/poliziesco: il risultato è un film che spreca il promettente spunto alieno, risultando confuso e pure noioso, nonché costellato dalle solite bischerate assortite e personaggi di carta velina.
MEMORABILE: L'ispettore di polizia inetto che, dopo essersi fatto abbattere in maniera tanto ingenua, appena rinvenuto fa lo stupidello con l'assistente

Von Leppe 26/11/20 19:00 - 1061 commenti

I gusti di Von Leppe

Una banda di criminali è specializzata in furti di diamanti e subisce la concorrenza di un organismo spaziale che si nutre di carbonio. L'intreccio poliziesco rischia di annoiare togliendo molto spazio al lato fantascientifico, ma comunque funziona e riesce a divertire anche con qualche colpo di scena. Buoni gli effetti speciali: il mostro che risucchia il carbone e soprattutto la forma tentacolare sotto cui si palesa la quale, purtroppo, dura poco; l'essere infatti acquista varie forme durante il film, che si rivelano funzionali alla trama, soprattutto nel finale.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Poppo • 17/12/18 16:42
    Galoppino - 422 interventi
    Che c'entrano la palude e lo pseudo rettilone (Varan?) in locandina?
    Ultima modifica: 17/12/18 16:42 da Poppo
  • Discussione Zender • 17/12/18 17:48
    Consigliere - 43942 interventi
    Non è la prima volta che per le locandine italiane specialmente di mostri ci si inventan cose che non c'entran nulla...
  • Discussione Poppo • 17/12/18 20:37
    Galoppino - 422 interventi
    Credo che a titolista (a proposito chi dava i titoli?) e disegnatore abbiano dato da leggere la trama del precedente Varan the Unbelievable...
  • Discussione Von Leppe • 17/12/18 22:37
    Call center Davinotti - 964 interventi
    A me sembra Godzilla.
  • Discussione Poppo • 17/12/18 23:11
    Galoppino - 422 interventi
    Beh, Godzilla è il primo "rettilone" che esce dall'acqua... Dal mare mi pare di ricordare...

    Varan usciva da un lago tra i monti; probabilmente "la grande palude" del titolo italiano assurdo appioppato a questo film, il cui mostro protagonista è una medusa spaziale che si ciba di carbone e diamanti...

    Insomma tentavo di spiegarmi come si faccia a partire per la tangente fino a stravolgere immagini e titolo!

    Altra ipotesi: il titolista si è ispirato alla locandina che a sua volta rilanciava il mito di Godzilla fregandosene bellamente del film presentato.
    Ultima modifica: 17/12/18 23:14 da Poppo
  • Discussione Zender • 18/12/18 08:38
    Consigliere - 43942 interventi
    Secondo me è l'ennesima testimonianza della scarsissima attenzione data dai nostri distributori a questi film. Sapevano che il pubblico si lasciava sedurre giusto dalla locandina o dal titolo, quel che si trovavano poi davanti era per gran parte degli spettatori assolutamente intercambiabile e si confondeva nei ricordi senza lasciare traccia.